Quando corre Nuvolari, quando passa Nuvolari,
la gente arriva in mucchio e si stende sui prati

 

Quando corre Nuvolari sono i brividi a fior di pelle.

Quando passa Nuvolari è un lampo tra le stelle.

Il rombo di un motore: sono due o quattro ruote?

che importa

è Nuvolari

è un’Alfa rossa: vincerà.

Smise di aver paura delle cose

e della paura stessa

Arriva stravolto, Nuvolari

Un nome che – cent’anni dopo

a nominarlo mette i brividi

 

 

Quando corre Nuvolari, quando passa Nuvolari,
la gente aspetta il suo arrivo per ore e ore
e finalmente quando sente il rumore
salta in piedi e lo saluta con la mano,
gli grida parole d’amore,
e lo guarda scomparire

Nuvolari è il mostro di se stesso

Nelle bocche di chi lo vuol veder passare

Ha quattro mani, cinque gambe e una testa grande così

Percorre le curve su due ruote e

le raddrizza addomesticando la sbandata

Non rispetta gli ordini di scuderia

Non scende a patti con nessuno

Nuvolari non si sottomette perché

a sottomettersi sono le pecore al cane

non i leoni

 

 

Nuvolari ha un talismano contro i mali
Il suo sguardo è di un falco per i figli,
i suoi muscoli sono muscoli eccezionali!

Gli uccelli nell’aria perdono l’ali quando passa Nuvolari!
Quando corre Nuvolari mette paura?
perch
é il motore è feroce mentre taglia ruggendo la pianura

 

Nuvolari è un fascio di nervi

Scende dalla vettura dopo Mille Miglia

Ed è fresco come un canarino

Sopravvive ai suoi rottami

Nessun guasto lo frena

Nuvolari non crede alla fortuna che viene dal gioco

Crede in quella che sanno farsi gl’uomini

 

Gli alberi della strada
strisciano sulla piana,
sui muri cocci di bottiglia
si sciolgono come poltiglia,
tutta la polvere
è spazzata via!

 

È un fulmine che taglia la Terra in due

L’Universo ai lati del tracciato

– In mezzo –

chi ha in disprezzo la vita

l’affida nelle mani della folla

La folla ha il genio

A riconoscere un Campione

Non lo vede co’ gl’occhi

Ma lo patisce col cuore

 

 

Nuvolari è bruno di colore, Nuvolari ha la maschera tagliente
Nuvolari ha la bocca sempre chiusa, di morire non gli importa niente?
Corre se piove, corre dentro al sole
Tre più tre per lui fa sempre sette
Con l
’ALFA ROSSA fa quello che vuole
dentro al fuoco di cento saette!

 

Con l’ALFA ROSSA FA QUEL CHE VUOLE!

Non è Varzi, non è Campari

Vince Nuvolari!

Vince l’Alfa!

 È quella macchina

a mandarlo tra le stelle!

Un quadrifoglio VERDE

La vernice ROSSA

Una scintilla in fondo al mare

Una virgola nel cielo

Il sogno non si spegne

VIVA L’ALFA!

______________________________

.

.

Il testo in neretto è

di Lucio Dalla e Roberto Roversi,

tratto dal brano “Nuvolari”,

dall’album “Automobili”, del 1976.

In copertina l’opera del 1913 di Luigi Russolo

“Dinamismo di un automobile”