Carrello vuoto
Papelitos
19 Settembre

A riveder le stelle

Lorenzo Santucci

44 articoli
L'Inter è tornata in Champions League.

Ci trasporta Vecino. Ci fa ancora credere, Vecino. Un’Inter di sola inerzia e tanta tanta volontà riprende una partita finita sotto tutti i punti di vista. Dopo sette anni il Meazza riascolta quell’inno che ti fa sentire grande. E che la rende sempre e nuovamente grande. Il Tottenham, vittima del suicidio tattico di Pochettino che toglie Kane e inserisce un difensore in più, si è dimostrato più forte qualitativamente e mentalmente. Gli Spurs, però, escono dalla Scala senza neanche un punto, dopo aver trovato davanti a sé un Handanovic stratosferico, impeccabile e salvagente di un’Inter che dopo il fortunatissimo gol di Eriksen aveva perso completamente la bussola.

 

MILAN, ITALY – SEPTEMBER 18: Mauro Emanuel Icardi (L) of FC Internazionale celebrates his goal with his team-mate Radja Nainggolan during the Group B match of the UEFA Champions League between FC Internazionale and Tottenham Hotspur at San Siro Stadium on September 18, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

 

Per l’ennesima volta in questa stagione l’Inter va sotto. E su questo, senz’altro, Spalletti dovrà lavorare. A differenza di quanto dimostrato nei confini nazionali, però, l’Inter sbanda ma non crolla. Come ha ripetuto durante l’intera partita un senz’altro esagerato Lele Adanidegno compagno, per così dire, del più degno Trevisani, l’importante è rimanere dentro il match. E l’Inter ci è rimasta. Il numero nove nerazzurro non tocca una palla ma quando la tocca si inventa il gol della stagione.

 

Nella partita che era necessario vincere per evitare nuove tragedie sportive, lui, Mauro Icardi, non si vede mai, poi compare ed è decisivo. Un lampo che apre uno squarcio nel cielo, diventato poi limpido sull’ennesima capocciata di Vecinouruguagio dal sorriso splendente e dall’attitudine al sacrificio, uno che al proprio contratto ha aggiunto una postilla: se l’occasione non conta, non segno. Qualche minuto prima qualcuno aveva storto la bocca quando Luciano Spalletti aveva fatto uscire uno stremato ma mai domo Nainggolan, lasciando in campo proprio lui, Vecino, che durante la partita ha corso esattamente quanto ha sbagliato: tanto. Ma che alla fine ha vinto anche sui propri errori.

 

Il gol del vantaggio di Eriksen (Foto: Claudio Villa – Inter/Inter via Getty Images)

 

Un plauso va a chi guida la panchina. Spalletti ha guidato alla vittoria una squadra totalmente inesperta e mancante, specie sotto il profilo mentale. Ha dato spazio fino in fondo a Politano, togliendo un nome pesante come Perisic, forse per scuotere la squadra, forse semplicemente per rimuovere lo stanco croato dal terreno di gioco. Spalletti ha indottrinato a dovere una difesa inventata, con tre esordienti in Champions su quattro (sì, uno è il portiere). Perdonate, un lungo applauso va fatto anche alla difesa. Skriniar terzino su Son faceva presagire il peggio e l’arbitraggio ha fatto di tutto per mettere in difficoltà lo sloveno. Miranda gli fa da padre e De Vrij da fido compagno. E l’Inter subisce pochissimo.

 

Soprattutto, al di là di ogni analisi, si è visto il destino passare sopra le luci di San Siro. Perché questa è l’Inter in Europa. L’Inter torna in Coppa Campioni dopo sei anni e lo fa alla sua maniera. Mai banale, mai arrendevole. Se si ha un uruguaiano in campo, lottare diventa più facile, certo. Se in panchina si azzeccano le mosse, ancora meglio. E se dopo Milito, un altro principe argentino è pronto a prendersi le stelle, il sogno è già realtà. Bentornata Inter.


Foto di copertina: Claudio Villa – Inter/Inter via Getty Images


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Luglio 2021

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Ritratti
Antonio Torrisi
3 Aprile 2021

La vita di Maxi Lopez è una serie tv

Con l'evoluzione umana del protagonista.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo 2021

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo 2021

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.