Calcio
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.

Aaron Ramsdale è un personaggio unico nel panorama calcistico internazionale, un teppista in servizio temporaneo attivo sui campi di calcio. Imprevedibile, sfacciato, provocatore e rissoso rappresenta alla perfezione il prototipo di calciatore odiato senza remore dalla tifoseria rivale ed amato, all’inverosimile, dalla propria. Cresciuto a Stoke-on-Trent, dove spesso alle minacce dalle tribune seguono ‘cordiali’ faccia a faccia fuori dallo stadio, Ramsdale galleggia, anche grazie al suo discutibile savoir faire, in uno stato di apparente grazia sportiva da settimane.

Rambo sembra esaltarsi quando attorno a lui, durante i 90’ di gioco, negli stadi più caldi d’Inghilterra si materializza quel clima di corrida che gli pare congeniale. Appena possibile sfida con noncuranza la tifoseria avversaria con gesti, balletti improvvisati, rispondendo in primissima persona agli sfottò dei supporters avversari. Un personaggio che sembra uscito dalle sapienti mani del disegnatore Alan Moore, catapultato in una realtà che non gli appartiene, nella quale si limita a godersi al meglio le sue possibilità, i celebri 15 minuti di fama.

La strabiliante parata del portiere classe ’98 sulla punizione di James Maddison, diventata virale nel giro di pochi minuti e già definita dagli addetti ai lavori “save of the season”, è la ciliegina sulla torta di questa prima parte di stagione.

Il nuovo numero 1 dell’Arsenal, oltre ad aver fatto strabuzzare gli occhi ai tifosi d’oltremanica, ha guadagnato i preziosi attestati di stima di David Seaman – autentica istituzione nel variegato universo red and white – e di Peter Schmeichel, incurante della presenza del figlio Kasper all’interno del rettangolo di gioco nella sfida contro le Foxes. Incalzato a riguardo nella conferenza stampa post partita (per la cronaca 0-2 il risultato finale) Aaron si è limitato ad un quanto mai serafico: «Oggi è stata la mia giornata. Una di quelle partite nelle quali riesco a respingere ogni cosa». Semplice, no?

I miti esistono ancora, ma come raccontarli? Iscriviti a GEM Sport!


La serie positiva di 10 risultati utili consecutivi conquistati dall’Arsenal di Mikel Arteta, dopo la pesante sconfitta arrivata lo scorso 28 agosto con il Manchester City, porta indiscutibilmente la firma di Rambo. Con Ramsdale in porta, infatti, i Gunners hanno subito solamente 4 gol, mantenendo per ben 5 occasioni la porta inviolata, e riuscendo a non perdere nemmeno una sfida. Il campionato è ancora lungo, però gli attestati di stima e gli alti ostacoli scavalcati cominciano a essere troppi per risultare casuali.

Aaron, premiato tra l’altro come “Arsenal’s Player of the month” del mese di ottobre, è indubbiamente una delle chiavi di volta del nuovo corso dell’allenatore originario di San Sebastian. La squadra, stravolgendo i principi imposti dalla ventennale gestione Arsene Wenger, ritornando alle origini dell’arcinoto “Boring Arsenal” tanto caro a Nick Hornby, ha fatto allora della solidità difensiva un marchio di fabbrica.

Semplicemente amiamo difendere. Per me, Gabriel, Tomiyasu, Ben White, Nuno, Kieran non c’è nulla di meglio”.

Aaron Ramsdale

In fondo, banalmente, per un difensore dovrebbe essere la normalità esaltarsi più per un tackle scivolato nella propria trequarti difensiva che per una sovrapposizione nella metà campo avversaria. Non raccontatelo però ai teorici del calcio di oggi. «Voglio tornare a vestire la maglia della nazionale. Sogno di essere uno dei protagonisti della prossima World Cup». Citando il nostro direttore editoriale, in un calcio da cui si pretendono scienza e controllo, Aaron Ramsdale rappresenta l’epica e l’imprevedibilità. Non ci rimane che raccontarne le gesta, salvaguardandone la figura dalla deriva odierna dello sport più popolare del mondo.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

L’India non è più solo cricket
Calcio
Eduardo Accorroni
28 Giugno 2022

L’India non è più solo cricket

Il calcio vuole diventare protagonista, come il Paese.
Yoshida: Holly, Benji, il Giappone e la famiglia
Interviste
Eduardo Accorroni
22 Maggio 2022

Yoshida: Holly, Benji, il Giappone e la famiglia

Intervista al difensore blucerchiato.
Brehme: all’Inter i miei anni più belli
Interviste
Eduardo Accorroni
28 Marzo 2022

Brehme: all’Inter i miei anni più belli

Intervista al campione del mondo tedesco, ex nerazzurro scudettato.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Concilio et Labore
Calcio
Luca Giorgi
02 Ottobre 2017

Concilio et Labore

Manchester è tornata più forte che mai.
All’ombra del Big Ben
Interviste
Leonardo Aresi
10 Marzo 2018

All’ombra del Big Ben

Intervista a Roberto Gotta, cantore del calcio inglese e giornalista per Fox Sports.
Sunderland ‘Til I Die
Calcio
Gianluca Losito
26 Aprile 2020

Sunderland ‘Til I Die

La docu-serie sul Sunderland mette a nudo i demoni del calcio.
Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo
Calcio
Gianluca Palamidessi
30 Settembre 2020

Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo

La più grande magia del mago Jorge Mendes.
Britannia d’altri tempi
Calcio
Gianmarco Monaco
15 Aprile 2017

Britannia d’altri tempi

Alla scoperta del Burnley FC, un club che ha fatto dell'identità il suo punto di forza.