Carrello vuoto
Papelitos
26 Maggio

Rugby senza mischia, l’ultima follia da Covid-19

Lorenzo Ottone

18 articoli
Abolita la mischia, la palla ovale avrebbe ancora senso?

Crescendo in provincia, se non eri iscritto a qualche società sportiva, le opzioni di aggregazione sociale erano due e due soltanto: il campetto da calcio o quello da basket. Niente di più. Anche la pista da hockey, circondata da più palloni che mazze, si era presto arresa alla colonizzazione dei Supertele. Per qualche ragione tanto inspiegabile quanto improvvisa – come in quella manciata di secondi che intercorrono tra il chiudere gli occhi e trovarsi attaccati alle labbra di una ragazza – un giorno io ed i miei amici decidemmo che quel pomeriggio si sarebbe giocato a rugby. Sul terreno del campetto da calcio, ça va sans dire.

 

 

Condonando i palloni più da football americano che da rugby – pace all’anima di William Ellis –, la traversa della porta sostituiva la barra trasversale ed una buona dose di immaginazione estendeva i pali verso l’alto. Senza troppa nobiltà di spirito o velleità di terzo tempo, la partita era stata organizzata con l’eccitante prospettiva della mischia; soprattutto perché c’erano dei conti da regolare tra due gruppi di amici. Qualche spallata volò, i drop non furono mai calciati a dovere e mi piace pensare che quel ragazzo della mia squadra che di lì a qualche anno avrebbe iniziato a tirare di boxe, trovò ispirazione in quel pomeriggio.

 

 

In un paese come l’Italia in cui il rugby, nonostante diverse piazze storiche e blasonate, non è mai riuscito – o, si spera, non ancora – ad imporsi a livello nazionale, lo sport vive, purtroppo, di stereotipi ma anche di simboli. Uno su tutti: la mischia. È notizia di questi giorni quella secondo cui la World Rugby – la federazione mondiale a capo del pallone ovale – starebbe contemplando l’idea di abolire la mischia per far fronte all’emergenza Coronavirus.

 

allenamento rugby ofa tu'ungafasi
Ofa Tu’ungafasi, star della nazionale All Blacks, risponde al divieto di allenamenti causa Covid-19 a modo suo, trascinando il proprio SUV per simulare una mischia (foto Phil Walter/Getty Images)

 

 

In uno studio sul rapporto tra sport e Covid-19 commissionato dalla World Rugby al suo blasonato staff medico, oltre ad alcune proposte come la sostituzione del pallone ogni 20 minuti, l’abolizione degli sputi sul terreno di gioco e l’indossare una divisa pulita all’intervallo (tutti spunti per cui mia mamma mi avrebbe volentieri iscritto ad una squadra di rugby), risalta la proposta shock riguardante la mischia, oltraggio alla più pura tradizione rugbistica.

 

 

La mischia non è il rugby, il rugby non consiste soltanto nella mischia. Ma quest’ultima ne costituisce un elemento fondamentale, anche a livello d’immaginario collettivo. Si pensi soltanto al fatto che in un gioco calcio-centrico quale il Subbuteo uno degli accessori più iconici ed ambiti tanto dai bambini quanto dai collezionisti sia ‘the scrummer’, la mischia appunto. Un marchingegno brillante nella sua semplicità analogica d’altri tempi che diventa simbolo della magia del Subbuteo.

 

 

O ancora, si pensi alla partita di rugby ne ‘Asterix e i Britanni’. Le sfumature preziose, quasi ambrate, della zucca reinventata pallone dalle vulcaniche menti di Goscinny e Uderzo, illuminano la mischia che diventa ghiotta occasione di baruffa per i Galli. Va da sé che il rugby è tutt’altro che violenza gratuita, attento a prendere distanza dalle simulazioni latine del calcio diventato ostaggio dei mediterranei e dall’esaltata cafonaggine del football a stelle e strisce.

 

Va comunque ammesso che il rugby, volendo, come già accade in Rugby League – la versione a 13 giocatori dello sport – può esistere senza mischia, come Londra potrebbe proseguire la sua vita sfrenata anche senza il Big Ben. La palla ovale, si domanda chi scrive, avrebbe però ancora un senso?

 

 

Sicuramente non farebbe bene ad uno sport che negli ultimi vent’anni ha già accelerato a dismisura la sua matrice commerciale per colmare il gap tra la tradizione amatoriale e la globalizzazione del settore. Le storiche casacche di cotone sporcate solamente dal fango sono recentemente diventate dei patchwork di sponsor, tanto da far quasi dimenticare l’eccezione rappresentata dall’estroso kit multicolore degli Harlequins, gli arlecchini di Twickenham.

 

 

In tempi incerti e di trasformazione forse permanente della nostra società necessitiamo più che mai di simboli laici a cui aggrapparci per non dimenticare la nostra identità. La compatta calca della mischia, come quella al bancone di un bar, servono più che mai a tenerci vivi, a ricordarci che siam fatti di carne, di sudore, di continuo contatto fisico. Una dimensione che stiamo perdendo, e di cui anche lo sport sembra poter fare a meno.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Storie
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno 2022

Il Che Guevara sportivo

Se la dimensione sportiva segna la vita del guerrigliero più famoso.
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Altro
Leonardo Aresi
4 Aprile 2021

La sovranità degli All Blacks è sacra

La tradizione e le radici non sono in vendita.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo 2021

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Papelitos
Valerio Santori
23 Febbraio 2021

Il miglior vaccino contro il Covid è stato il calcio

Sembra una provocazione, ma riflettiamoci.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altro
Lorenzo Innocenti
21 Dicembre 2020

Il rugby in Italia parla veneto

Il nord-est è la patria dell'ovale nostrana.
Altro
Raffaele Scarpellini
13 Dicembre 2020

Classismo e razzismo del rugby argentino

La palla ovale come specchio delle diseguaglianze sociali.
Altro
Vito Alberto Amendolara
3 Dicembre 2020

Basta retorica buonista sul rugby italiano

Siamo stanchi delle “sconfitte onorevoli”.
Papelitos
Lorenzo Ottone
16 Novembre 2020

Federica Pellegrini e la spettacolarizzazione del dolore

Se gli atleti diventano attori di teatro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
11 Novembre 2020

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato

Era proprio necessaria la pausa delle Nazionali?
Calcio
Antonio Aloi
7 Ottobre 2020

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Papelitos
Luca Pulsoni
11 Settembre 2020

Il malato immaginario

Il caso De Laurentiis conferma l'ipocrisia del nostro sistema.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Jacopo Benefico
22 Agosto 2020

Se il calcio è mero spettacolo, noi tifosi siamo dei guardoni

Il nuovo pallone ha avuto la meglio sulla nostra umanità.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Altro
Lorenzo Innocenti
12 Giugno 2020

Il Terzo Tempo del rugby è un rito sacro

Origini, miti e segreti di una splendida consuetudine.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Editoriali
Federico Brasile
29 Maggio 2020

Un campionato da sfigati, guardoni e addetti ai lavori

Pronti a ripartire, nel menefreghismo di milioni di tifosi.
Papelitos
Paolo Pollo
7 Maggio 2020

Ripensiamo il linguaggio del calcio

Anche nella narrazione, a forza di tirarla la corda si è spezzata.
Altro
Alessandro Imperiali
7 Maggio 2020

La Haka è un rito tramandato o svenduto?

Tradizione di popolo, miniera d'oro del marketing All Blacks.
Papelitos
Marco Gambaudo
2 Maggio 2020

Gli stadi nel post-umano

Dopo la carne non carne, arriva lo stadio non stadio!
Calcio
La Redazione
30 Aprile 2020

Salvate il calcio migliore, quello dei dilettanti

Che a pagare non siano i più piccoli, mossi dalla più grande passione.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Papelitos
Federico Brasile
23 Aprile 2020

Siete voi che avete bisogno di soldi

Non la gente che ha bisogno di calcio.
Papelitos
Federico Brasile
29 Marzo 2020

La Juventus fa da esempio

I giocatori bianconeri hanno deciso di tagliarsi lo stipendio.
Tifo
Matteo Paniccia
28 Marzo 2020

Ultras vuol dire Comunità

Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.
Editoriali
La Redazione
9 Marzo 2020

Devolviamo i montepremi delle leghe di Fantacalcio agli ospedali

La nostra generazione è chiamata ad impegnarsi, e per la prima volta può davvero fare la differenza.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
5 Marzo 2020

Il Coronavirus e la miseria del calcio italiano

È arrivato il momento di azzerare la governance del calcio nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
25 Febbraio 2020

Il Coronavirus colpisce i tifosi

Ma giocare a porte chiuse è l'unica soluzione per non interrompere il campionato.
Altro
Lorenzo Innocenti
28 Ottobre 2019

Inghilterra-All Blacks, la caduta degli dei

Dopo la disfatta del Mondiale 2015 il rugby inglese si è ricompattato, passando quattro anni a preparare la partita perfetta: All Blacks neutralizzati.
Altro
Lorenzo Innocenti
5 Ottobre 2019

Cosa è andato storto?

L'Italia del rugby da tempo ha smesso di crescere. Dove nascono i problemi e quali sono i punti da cui ripartire.
Altro
Lorenzo Innocenti
30 Agosto 2019

Geopolitica di Francia-Italia: il rugby come metafora della guerra

Il rugby è molto più di un semplice sport.
Ritratti
Cristian Lovisetto
15 Marzo 2019

Sergio Parisse

Venerabile gigante.
Altro
Cristian Lovisetto
26 Febbraio 2019

Sei Nazioni 2019, terzo atto

Come è andata la terza giornata di gioco tra i titani europei della palla ovale.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio 2019

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Altro
Cristian Lovisetto
3 Febbraio 2019

6 Nazioni 2019, primo atto

Cosa c'è da sapere sulla prima giornata del più antico torneo internazionale di rugby.
Interviste
Davide Bernardini
5 Febbraio 2018

Di giornalismo, pedali e divorzi

Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.
Altro
Cristian Lovisetto
22 Novembre 2017

Il morso dei Pumas

L'Italia dell'ovale torna con i piedi per terra dopo la vittoria contro le Fiji.
Altro
Cristian Lovisetto
1 Novembre 2017

Il cielo sopra Murrayfield

Rovinare la festa agli scozzesi.
Altro
Graziano Berti
24 Ottobre 2017

Rugby, Francia e territorio

Genesi e apogeo del rugby francese. Il perché di uno sport, il perché di un popolo.
Altro
Cristian Lovisetto
27 Giugno 2017

La legge del più forte

Cosa è successo lo scorso Sabato ad Auckland.
Altro
Cristian Lovisetto
21 Giugno 2017

Il rosso e il nero

I British and Irish Lions alle prese con il tour 2017.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
11 Maggio 2017

La parabola di Re Carlos

Alla corte di Carlos Spencer. Lì dove il rugby è più bello.
Altro
Filippo Masetti
12 Marzo 2017

I Tre Leoni sono indomabili

La Scozia cade sotto i colpi dell'esercito di Eddie Jones. Il tanto ardito assalto allo strapotere inglese si è sciolto come neve al sole.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
1 Marzo 2017

Fiji, l’ovale che unisce

Le isole Fiji, paradiso naturale per turisti e surfisti. Un Paese divorato da tensioni interne, golpe di Stato e divisioni sociali. Dove l'unico vero collante tra chi decide di restare è una palla ovale, quella da rugby.
Altri Sport
Filippo Masetti
26 Febbraio 2017

I cardi tornano a pungere

La Scozia dopo tanti anni di oblio si è ripresa la scena del Six Nations.