Carrello vuoto
Italia
14 Marzo

Il modello AlbinoLeffe tra futuro e distopia

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Luci e ombre della società bergamasca.

Nel nostro immaginario, l’AlbinoLeffe è quella squadra che occupava con discrezione – cioè senza tifosi, o quasi, al suo seguito – l’Atleti Azzurri d’Italia di Bergamo, vecchia casa della ben più nota e seguita Atalanta. Unione di Albinese (comune di 18.000 anime) e Leffe (4.000), la società che milita oggi in Serie C è nata nel 1998 ed è una delle più giovani del nostro calcio.

 

 

Di recente, i media e i giornali nazionali hanno ricominciato a parlare di questa squadra con una certa insistenza, e non per ragioni strettamente legate al campo. Tra la fondazione dell’Academy – che promette un gran bene –, il restyling dello stadio e del centro sportivo ma anche – dulcis in fundo – l’inaugurazione del primo tifoso robot della storia, l’AlbinoLeffe è attualmente un laboratorio del calcio post-moderno, avanguardia del football che sarà.

 

 

 


Alla ricerca dell’identità


 

L’AlbinoLeffe, legata da sempre alla provincia bergamasca, ruota attorno a tre poli fondamentali: Bergamo, Gorgonzola (dove la squadra si trova attualmente) e Zanica (sede del passato e del futuro bluceleste). Già solo da questo dato è facile capire come l’AlbinoLeffe non abbia una propria e radicata identità (territoriale e storica). Ecco perché da almeno 13 anni la società è al lavoro per crearne una che faccia sentire i tifosi parte di qualcosa. In questo senso, l’esperienza dell’AlbinoLeffe ricorda da vicino quella del Sassuolo, che non a caso ha un suo stadio di proprietà, e del Chievo Verona. E però una differenza c’è: come scriveva La Repubblica anni fa,

«il club adotta una politica simile a quella dei baschi dell’ Athletic Bilbao: ingaggia quasi solo giocatori bergamaschi o delle valli della provincia».

 

Questa, per stessa ammissione del Presidente Andreoletti, è stata all’inizio “una strategia di sopravvivenza per contenere i costi”, pronta però a un cambio di rotta appena le condizioni fossero mutate.

 

ruopolo
Francesco Ruopolo, bomber del club bergamasco con 41 reti in 3 anni di AlbinoLeffe (foto di Dino Panato/Getty Images)

 

 

Così, nel processo di crescita e creazione di un’identità, interessante è anche il legame con la Catalogna. Dopo aver acquistato nel 2008 i primi 51 mila metri quadrati nell’area di Zanica, dove nasce il centro sportivo del club, la società bluceleste decide di affidare il progetto per lo stadio e l’area sportiva circostante allo studio catalano Batlle i Roig Arquitectura, che detiene la proprietà intellettuale dell’opera. È infatti proprio al progetto del Barcellona, con la realizzazione del nuovo centro sportivo blaugrana e del nuovo Estadio Johan Cruijff, che l’AlbinoLeffe si è direttamente ispirata.

 

 

L’identità, certo, non si crea dal nulla, né basta un progetto avveniristico e accattivante per averne una, ma le fondamenta, intanto, sono state poste. Con la costruzione del nuovo stadio, composto di un’unica tribuna laterale divisa in due piani, per un totale di 1.792 posti, l’AlbinoLeffe ha compiuto un passo che riguarda pochissime realtà calcistiche dalla Serie A in giù: la creazione di uno stadio di proprietà. Ma non è questo l’aspetto più interessante del progetto AlbinoLeffe, che attorno allo stadio ha costruito il centro sportivo e l’Academy, inaugurata di recente e vero punto di forza della giovane società bergamasca.

 

 

 


Come si crea un’identità: l’Academy


 

In un calcio sempre più economicamente scriteriato, la chiave – tra costi e risultati sportivi – sta nel settore giovanile. Sempre più società puntano sulla creazione di un’academy che, partendo dal basso, possa creare le fondamenta per un futuro solido. Poche, però, compiono realmente il grande passo. L’AlbinoLeffe quel passo l’ha fatto, consapevole della forza dei propri vicini dell’Atalanta, eccellenza italiana (e non) a livello giovanile.

 

La finale degli Allievi Nazionali tra AlbinoLeffe e Parma, nel 2013 (foto di Gabriele Maltinti/Getty Images)

 

 

La decisione di posizionare l’Academy a ridosso dello stadio – cosa che, per citare un caso recentissimo, non può dire ad esempio la Lazio di Lotito – non è casuale. Avere l’Academy nei pressi dello stadio significa consolidare l’identità dei giovani talenti che un giorno vestiranno la maglia bluceleste. Una struttura di tutto rispetto, con 4 campi da gioco di dimensioni regolamentari, una palazzina di tre piani dedicata alla società, con spogliatoi per la prima squadra e per i settori giovanili, più altri locali dedicati al magazzino e alle varie attrezzature del club.

 

Comprensibili, in questo senso, sono le parole del Presidente dell’AlbinoLeffe Gianfranco Andreoletti:

 

«Tanti anni fa i soci dell’AlbinoLeffe hanno deciso di salvare per una questione di responsabilità una realtà sportiva che dava la possibilità ai giovani di fare sport in un contesto professionistico, che significa sacrificio, qualità di lavoro e organizzazione.

 

Dopo aver sviluppato la nostra attività in alcuni centri della provincia, a Zanica abbiamo trovato un luogo adatto per sviluppare il nostro progetto in termini di infrastrutture e campi da gioco adeguati al livello. Le recenti vicissitudini (Gewiss Stadium, ndr) ci hanno portato anche alla costruzione di uno stadio di proprietà il quale, assieme a un edificio al servizio del centro sportivo, andrà a comporre questo nuovo distretto».

 

Emiliano Mondonico ha allenato l’AlbinoLeffe dal 2006 al 2007 e dal 2009 al 2011 (foto di Dino Panato/Getty Images)

 

 


Football without fan robot is nothing


 

Sotto il progresso, però, si cela sempre il lato sinistro dell’innovazione. Alludiamo a Pierino, il robot tifoso dell’AlbinoLeffe. Pur essendo un aspetto marginale del progetto bluceleste, è curioso che la società, in un momento storico nel quale si fa fatica a pagare gli stipendi ai dipendenti del club, abbia investito risorse economiche nella realizzazione di un “tifoso” automa.

 

 

Il nome del robot deriva da Pierino Bugatti, storico sbandieratore dell’AlbinoLeffe. Insomma, in assenza di tifosi in carne ed ossa, la società bergamasca ha pensato di costruirne uno artificiale. La nota del club in seguito al suo esordio – 23 febbraio scorso – è tanto tenera quanto inquietante:

 

«Un nuovo supporter, ideato per andare a colmare simbolicamente quel vuoto lasciato dalla forzata assenza dei tifosi seriani dovuta alla pandemia da Covid-19. Frutto della sinergia tra F.M. Automazione – sponsor istituzionale del club – e la società Indeva di Brembilla (Bergamo), un robot “collaborativo”, così si definisce tecnicamente, quindi un “cobot”, ha sventolato per tutta la durata del match un bandierone con i colori dell’Uc AlbinoLeffe.»

 

albinoleffe tifosi
La Vecchia Guardia dell’AlbinoLeffe (foto twitter/UCAlbinoLeffe)

 

 

Prima il miele poi la pillola, verrebbe da dire. Prima cioè si giustifica l’ideazione, creare un robot con l’obiettivo di colmare, simbolicamente si badi bene, il vuoto dei tifosi in carne ed ossa – detto per inciso, l’area di Zanica è stata una delle più colpite dalla pandemia. Poi, si va a sottolineare l’avanguardia della cosa. Ma non è tutto. Continua infatti la nota del club:

 

«La volontà è quella di rispettare il ruolo dei tifosi rendendo omaggio alla passione che ognuno di loro nutre verso la propria squadra del cuore, nella speranza di riabbracciarli al più presto allo stadio.»

 

Non che l’AlbinoLeffe abbia mai avuto chissà quale tifoseria, ma stupisce – a maggior ragione – che la volontà di creare un tifoso robot sia dovuta al rispetto del ruolo dei tifosi. Dall’inizio della pandemia ad oggi ne abbiamo viste parecchie: dalle coreografie digitali ai tifosi su led, dalla sonorizzazione tv del finto pubblico alle sagome cartonate dei tifosi in tribuna – un’idea che si avvicina ai cimiteri messicani, ma con meno folclore. Ora, infine, il tifoso robot, a testimoniare una nuova fase del calcio, in linea con la nuova normalità paventata dalle autorità mondiali.

 

 

Il progetto del presidente Andreoletti è senza dubbio un unicum nel panorama italiano. In un momento storico difficile, in cui più che investire si pensa a risparmiare, quello dell’AlbinoLeffe è un piano da applaudire e sposare. Del robot, certo, si poteva tranquillamente fare a meno, ma l’importanza della piazza e della tifoseria dell’AlbinoLeffe non hanno che da guadagnarci. In attesa di vedere una curva di robot a sostegno di ragazzi cresciuti a pane e pallone, comunque, l’AlbinoLeffe ha iniziato a fare sul serio.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Antonio Aloi
7 Ottobre

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Tifo
Valerio Santori
9 Aprile

Il posto dei tifosi è all’inferno

Quello spot Nike in cui rappresentavano il Male.
Tifo
Alberto Fabbri
20 Dicembre

A Natale regala un DASPO

Alle diffide sotto l'albero preferiamo il carbone della Befana.
storie
Diego Mariottini
7 Giugno

Il rogo del Ballarin, una tragedia dimenticata

Il più grande dramma in uno stadio italiano, in un periodo molto delicato.
Tifo
Jacopo Benefico
21 Marzo

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Papelitos
Lorenzo Ottone
14 Maggio

Non ci ribelliamo perché non andiamo (più) in Curva

Il lockdown, in realtà, non ci è pesato affatto.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Settembre

Aldrovandi vive nel ricordo

Lo stadio come luogo di coerenza sentimentale.
storie
Lorenzo Santucci
12 Giugno

Boleyn Ground

Il mito di Bobby Moore, le vicende di uno storico quartiere di Londra. Lo stadio che non tornerà più.
Estero
Vito Alberto Amendolara
3 Aprile

Boca Juniors significa La Bombonera

Il 3 Aprile del 1905 nasceva il Boca Juniors, una squadra inscindibile dal suo stadio.
Italia
Michelangelo Freda
2 Maggio

C’erano un coreano, un calabrese e la Sambenedettese

Una vicenda che farebbe ridere se non facesse piangere.
Tifo
Andrea Angelucci
20 Aprile

Il calcio è di tutti

Azionariato popolare e Finanziamento collettivo. L'utopia esiste.
Tifo
Alberto Fabbri
28 Ottobre

Ultras d’Italia, ep. II

Il decennio della diffusione in tutta la Penisola.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Agosto

No allo stadio teatro!

Diffidate da chi rinnega il valore emotivo degli spalti.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
maestri
La Redazione
28 Giugno

Lo spirito sportivo

Maestri, Episodio IX: George Orwell.
Italia
Francesco Andreose
12 Marzo

Non sparate sulla nostalgia

Il popolo escluso dagli addetti ai lavori.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Marzo

In Serie C tutto tace

Proclami elettorali e propaganda twitteriana. Ma le riforme nel campionato di Serie C dove sono?
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Tifo
Alberto Fabbri
14 Maggio

L’ora dell’azionariato popolare

L'ultima speranza per salvare e moralizzare lo sport italiano.
Interviste
Domenico Rocca
30 Luglio

Il calcio dai tifosi e per i tifosi

Intervista a Supporters in Campo, il progetto italiano che promuove la partecipazione attiva dei tifosi.
storie
Raffaele Arabia
20 Maggio

El Coloso de Santa Úrsula

Storia e leggende dello Stadio Azteca.
storie
Sebastiano Caputo
6 Novembre

Confessioni di un allenatore mancato

A passeggio con Massimo Fini nella bella e grigia Milano alla ricerca del calcio nazional-popolare detestato dagli str*** in tribuna d'onore.
Tifo
Alberto Fabbri
3 Luglio

Il Virtual audio e il trionfo del grottesco

I cori registrati non potranno mai sostituire il calore di una curva.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Italia
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Tifo
Domenico Rocca
15 Settembre

Supertifo, il peso del tempo

Parabola della prima storica rivista dedicata al tifo organizzato.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
storie
Simone Galeotti
3 Dicembre

I giardini di Marzo o della Lazialità

La Lazio e i laziali visti da una lente esterna.
Tifo
Alberto Fabbri
18 Agosto

In curva non sventola bandiera bianca

Malgrado il periodo più buio di sempre, i tifosi non si arrendono.
Italia
Michelangelo Freda
16 Gennaio

La Serie C morirà di promesse

La politica del calcio sembra quella parlamentare.
Tifo
Domenico Rocca
17 Giugno

Caccia alle streghe

Nel modello che punta agli stadi-teatro, gli ultras rappresentano una minaccia e un ostacolo da eliminare nella loro interezza.
Interviste
Federico Cenci
12 Maggio

Silvio Baldini, il calcio è identità non soldi

Pochi ori, tanti allori.
Tifo
Alberto Fabbri
8 Marzo

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Estero
Alberto Maresca
12 Giugno

Tifare Sevilla tra sangue e sangria

I Biris Norte tra Federico García Lorca e Francisco Franco.
Tifo
Alberto Fabbri
2 Marzo

I tifosi sono cattivi e Dietmar Hopp è un santo

Questa la versione che passa a reti unificate, e invoca addirittura il protocollo razzismo.
Podcast
La Redazione
2 Ottobre

San Siro non si tocca

Ne abbiamo parlato con Riccardo Aceti, ingegnere al Politecnico di Milano.
Interviste
Alberto Fabbri
1 Ottobre

Noi resistiamo: non c’è calcio senza tifo

Intervista ad Andrea Rigano, autore di #WeStand.
Tifo
Michelangelo Freda
6 Maggio

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Italia
Michele Di Virgilio
24 Gennaio

Nel nome del VAR

C'è ancora posto per l'uomo (e per il pallone) nell'età della tecnica?
Estero
Vito Alberto Amendolara
1 Novembre

Lo sport tradizionale è roba per vecchi

Il disinteresse dei più giovani rischia di stravolgere il sistema.
Italia
Gianluca Palamidessi
15 Luglio

Il Monza è lo specchio di Berlusconi e Galliani

E infatti la Serie A non è più una chimera.
Italia
Michelangelo Freda
4 Novembre

La Serie C è un campo di battaglia

Con molti più vinti che vincitori.
Tifo
Alberto Fabbri
19 Novembre

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Papelitos
Alberto Maresca
7 Novembre

Spaccanapoli

Non solo l'ammutinamento dei calciatori ma anche lo sciopero della curva: la situazione a Napoli sta esplodendo.
Italia
Gianni Agostinelli
7 Agosto

I figli devono tifare la nostra squadra?

Se il sostegno ad una squadra non è solo una tradizione familiare, ma una scelta del singolo.
Italia
Gianluca Palamidessi
22 Febbraio

La Serie A punta sugli stranieri e teme i giovani

Il nostro calcio è in ripresa, ma è lungi dall'essere sano.
Papelitos
Vittorio Ray
6 Giugno

Sarri ai Lakers

Sarri alla Juventus sarebbe l'ennesima storia del XXI secolo: l'individuo che schiaccia la narrazione collettiva.
storie
Pierfilippo Saviotti
4 Gennaio

Triestina, da tutto un popolo amati

Quasi controvoglia, e solo per esaudire un desiderio della prole, si trascinò allo stadio: è così che scattò il colpo di fulmine. Saba fu immediatamente invaso dalla passione del tifo triestino, trascinato da «un manipolo sparuto che si riscaldava di se stesso»
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.