Carrello vuoto
Ritratti
26 Luglio

Il fu Aljaksandr Hleb

Una carriera sbagliata: così si può riassumere la parabola calcistica di Aljaksandr Hleb.

Aljaksandr Paulavic Hleb, uno dei due o tre più grandi what if calcistici degli ultimi quindici anni, è un bielorusso, classe 1981. I primi calci ad un pallone li tira tra le giovanili della Dinamo Minsk, unica compagine della “Russia bianca” ammessa a disputare la prima divisione sovietica e, per inciso, amore primordiale del padre. Neanche maggiorenne firma il suo primo contratto da professionista con il Bate Borisov, non prima di essersi tolto lo sfizio di guidare la neonata nazionale con la bandiera rosso-verde alle semifinali dei Giochi Mondiali della Gioventù del 1998, tenutisi a Mosca.

Che ci fosse qualcosa di strano in questo smilzo dalla corsa un po’ dinoccolata, lo si poteva già dedurre dall’aver scelto lo Stoccarda come prima esperienza nel calcio europeo. Scelta che lascia tutti un po’ basiti, più o meno come rimangono quelli che lo vedono giocare o come chi s’interroga tutt’oggi sulla sua originale parabola. Le prime due stagioni in terra teutonica le vive quasi da fantasma: Felix Magath lo considera il giusto e, il più delle volte, è confinato a giocare nella squadra B, che annovera tra i tanti anche Kevin Kuranyi.

Le difficoltà vanno però al di là del rettangolo verde e sono parte integrante della quotidianità di Hleb, alla scoperta (insieme al fratello minore, anch’egli calciatore) di luoghi e stili di vita inimmaginabili nella fredda e pragmatica (ex) Unione Sovietica. In seguito racconterà delle giornaliere visite al Mc Donald e della fatica a raccapezzarsi in un posto che, più che nuovo, assumeva addirittura la forma di un altro pianeta.

Una volta adeguatosi all’ecosistema tedesco, Aljaksandr veste di diritto la numero 10 e regala altissimi momenti di calcio, contribuendo a portare lo Stoccarda fino al secondo posto in Bundesliga e a ben figurare in Europa. La vetrina che però dà vero lustro al nostro è l’Europeo under-21 del 2004. Hleb è leader tecnico di una rappresentativa mediocre che porta sino alle semifinali, dopo aver sconfitto l’Italia, poi campione, guidata in campo da Gilardino e De Rossi ed in panchina da Claudio Gentile.

Un giovane Hleb a contatto con un giovane Leo Messi (fonte bundesliga.com)

Ad un deviante non può non associarsi un altro deviante: ineluttabile, dunque, che venga acquistato dall’Arsenal. L’idea di Wenger è di utilizzarlo come sostituto di Pires o Ljungberg. L’inizio non è per niente scintillante, ma il buon Arsene, perdutamente innamorato dei talenti limpidi come Aljaksandr, lo aspetta, lo consiglia, si comporta da buon padre di famiglia, e la sua fiducia viene presto ripagata. Hleb mostra tutto ciò che aveva fatto intravedere: tecnica sopraffina, signorile propensione palla al piede, naturale eleganza nei movimenti, una visione di gioco cristallina votata all’assistenza e all’altruismo.

È atipicamente generoso, trova soddisfazione nel soddisfare gli altri. Forse, solo una forma diversa di egoismo, di sicuro la più nobile. Nei dribbling, anche in quelli più edulcorati, non dà mai l’impressione di voler deridere l’avversario; li esegue con l’efebica innocenza di un tredicenne che ridicolizza gli amici del quartiere. Gioca a cinque o sei tocchi: stoppa, avanza o indietreggia, piroetta e passa la palla al compagno meglio piazzato. È in campo nella finale di Coppa dei Campioni del 2006 persa contro il Barcellona di Ronaldinho e Eto’o. Triste epilogo per la più bella squadra britannica degli ultimi vent’anni.

L’approccio scanzonato di Hleb all’Arsenal

Se non puoi sconfiggere il tuo nemico, sei costretto a diventare suo amico: così il passaggio al Barcellona. La Catalunya, però, si rivelerà tremendamente deludente. Aljaksandr si isola, o viene isolato (punti di vista). Nel mezzo sopravvengono guai fisici che rincarano la dose di tristezza che l’accompagna. Formalmente vince la Champions, di fatto guarda la finale dalla tribuna. Su Guardiola si è limitato a dire:

“Ho solo detto che non è il migliore. E lo penso ancora. È un buon allenatore, il palmares conta relativamente; un buon allenatore e niente di più”.

L’estate del 2009 potrebbe segnare la svolta: il presidente Moratti (un altro di quelli che si innamorano facilmente) vorrebbe inserire Hleb nella trattativa che dovrebbe far vestire Ibrahimovic di blaugrana. Aljaksandr, voglioso di fuggire dal Camp Nou ma riottoso ed egocentrico come pochi, non vuole essere la moneta di scambio di nessuno.

Decide così di tornare in prestito allo Stoccarda, laddove tutto era veramente iniziato, per rilanciarsi. In aeroporto però riceve una telefonata da Mourinho, che gli assicura le stesse condizioni del contratto coi catalani: Hleb ci ripensa e vola in Germania con l’intento di ringraziare tutti e declinare gentilmente l’offerta, per poi virare su Milano. Così tuttavia non è andata.

“All’aeroporto c’erano il presidente, l’allenatore, i tifosi che mi erano venuti ad accogliere. Non ho potuto dire di no, e ho messo la firma sul più grande errore della mia carriera”.

L’ultimo grande palcoscenico di Hleb, da subentrato in semifinale di Champions League contro il Chelsea nel 2009 (al 93esimo, lanciato verso la porta, non riuscirà a trafiggere Petr Cech)

Il resto è storia recente. Un vagabondare continuo. Un turbinio di trasferimenti che lo porterà a svernare un po’ in Inghilterra, un po’ in Germania, a mangiare kebab in Turchia. Il tutto intervallato da fugaci ritorni nel Bate Borisov, perché quando fai fatica a collocarti nel mondo, l’unico luogo che ti può aiutare è casa tua. La storia di Aljaksandr Hleb è una di quelle storie sbagliate, citando De Andrè; piene zeppe di errori, di decisioni errate, di infatuazioni fermatesi sul più bello, di amori mai nati e poi perduti.

Antipatico, pigro, banale neanche per un secondo. Sincero nel mostrarsi al mondo, nessuna sovrastruttura lo ha mai accompagnato. Uno che se ne fregava di piacere agli altri, che non faceva nulla per compiacere nessuno. La parabola di Aljaksandr Hleb ci mostra chiaramente le difficoltà nel chiedere ad un uomo (e ad un calciatore) quanto di più complicato possa esistere, ovvero vincere il conflitto con la propria natura, domarla, reprimerla.

Chi o cosa sarebbe stato Hleb se avesse sconfitto se stesso è un qualcosa che nessuno può sapere. Resta semplicemente una fantasia ubicata nella mente di coloro che, tra vent’anni, si ricorderanno di questo biondino venuto dall’Est con le orecchie un po’ a sventola e i piedi da primo ballerino del Bolshoi.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Calcio
Angelo Massimo Tuttobene
18 Novembre

God bless the Rovers

Il sogno inglese del Blackburn.
Ritratti
Niccolò Maria de Vincenti
31 Gennaio

Guti non bastava

Controracconto di un amore perduto.
Calcio
Eduardo Accorroni
21 Agosto

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Marzo

Il campionato più brutto di sempre

Possono la lotta scudetto e la lotta retrocessione finire a Febbraio?
Recensioni
La Redazione
10 Maggio

Bergkamp racconta la propria arte

Calcio
Antonio Torrisi
14 Luglio

La supremazia della Premier è un falso storico

Non è tutto inglese quel che luccica, anzi.
Storie
Leonardo Aresi
7 Novembre

Dal campo alla trincea

“When football was football and footballers were men“. Come i calciatori del Regno Unito nel primo conflitto mondiale abbandonarono i campi da gioco per arruolarsi nell'esercito di Sua Maestà.
Ritratti
Andrea Crisanti
3 Gennaio

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Calcio
Roberto Gotta
8 Aprile

I Magpies vogliono la testa di Mike Ashley

Cronistoria del tormentato rapporto tra i tifosi del Newcastle United e il loro presidente.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
15 Febbraio

Robbie Keane, il fiore d’Irlanda

Il fallimento con la maglia dell'Inter ha privato il nostro calcio di un giocatore entusiasmante.
Storie
Alberto Fabbri
12 Aprile

Che fine ha fatto l’Arsenal?

7 Maggio 2006, addio ad Highbury: quel giorno è morto l'Arsenal.
Calcio
Lorenzo Solombrino
5 Marzo

Lo Sheffield United sta tornando

Sheffield è la città del football, e quest'anno lo United vuole tornare dove gli impone la storia.
Storie
Alberto Fabbri
2 Giugno

Goodbye, my Grand Old Lady

Il mito di Goodison Park, a pochi mesi dalla sua fine.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Papelitos
La Redazione
26 Novembre

Il fine settimana di calcio

Dopo cinque giorni di ricatti, il fine settimana diventa una terra selvaggia in cui il singolo può finalmente rifugiarsi. Insomma per Junger era il bosco, per noi il calcio del sabato e della domenica
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
13 Maggio

Wonderwall

Al termine di una Premier League entusiasmante, la spunta il Manchester City.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.
Calcio
Gianluca Palamidessi
13 Maggio

Stella cadente

Finirà mai l'epopea di Arsène Wenger?
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Matteo Coral
10 Febbraio

Newcastle Upon Tyne: andata e ritorno

Dal quinto posto in Premier al primo in Championship, con tappa all'inferno.
Calcio
Lorenzo Santucci
16 Gennaio

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
Tifosi
Alessandro Imperiali
8 Gennaio

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
28 Febbraio

Il silenzio di Arshavin

L’amor perduto di Leningrado.
Papelitos
Lorenzo Santucci
22 Gennaio

Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?

Un problema comune, ma evidente in Premier League.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Calcio
Gianmarco Monaco
15 Aprile

Britannia d’altri tempi

Alla scoperta del Burnley FC, un club che ha fatto dell'identità il suo punto di forza.
Calcio
Eduardo Accorroni
20 Novembre

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
19 Marzo

Le lacrime di Robinho

Il chicco di grano che non diede frutto.
Calcio
Emanuele Iorio
21 Novembre

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Dicembre

John Lydon, come on you Gunners

Frontman dei Sex Pistols, malato di Arsenal e nemico del calcio moderno.
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Calcio
Luigi Fattore
24 Ottobre

È solo il tempo di Hazard

Dopo nove giornate di Premier il Chelsea di Sarri è ancora imbattuto e a tratti incanta. Merito anche della libertà di azione di cui dispone il suo fuoriclasse.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Calcio
Lorenzo Solombrino
23 Marzo

La crisi del West Ham United

I tifosi degli Hammers sono stanchi dopo anni di illusioni e prese in giro.
Calcio
Remo Gandolfi
4 Aprile

Bere Eddie Howe e ubriacarsi del Bournemouth

Il figlio più amato di Bournemouth sta scrivendo un romanzo calcistico.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
12 Maggio

Robin contro Van Persie

Una carriera contraddittoria ma circolare, divisa tra estetica e ambizione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.
Calcio
Gianluca Palamidessi
13 Aprile

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Calcio
Remo Gandolfi
20 Ottobre

Manchester United v Liverpool. Crisi e gloria di una sfida eterna

Oggi come ieri. Alla crisi dei Red Devils risponde l'epoca d'oro dei Reds.
Calcio
Luca Giorgi
2 Ottobre

Concilio et Labore

Manchester è tornata più forte che mai.
Calcio
Remo Gandolfi
21 Marzo

Paul Vaessen

Cade davvero solo chi arriva in cima.
Recensioni
Gezim Qadraku
22 Aprile

Febbre a 90°

Il film che spiega cosa significa essere un tifoso di calcio.
Cultura
Enrico Leo
7 Aprile

Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)

Arctic Monkeys, Chris Waddle, Sheffield. Tra musica, dribbling ed emozioni.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Il tifoso del Manchester City sta morendo

Persone che diventano cose.
Calcio
Remo Gandolfi
6 Marzo

Lo Sheffield United è troppo bello per essere vero

Una squadra di tifosi e vecchi amici sta scrivendo la storia della Premier League.
Editoriali
Andrea Antonioli
6 Novembre

Quale autodeterminazione dei popoli nel calcio

Il caso Pep Guardiola. L'ideologo del tiki-taka alle prese con l'identità calcistica inglese.