Carrello vuoto
Andrea Antonioli
22 Marzo 2021

Il Manifesto di Max

Andrea Antonioli

79 articoli
Massimiliano Allegri ci riconcilia con il calcio.

Già a vederlo entrare in studio così scanzonato, con quel sorriso marpione e la speranza di “non dire troppe cazzate”, ci eravamo sciolti. Poi Massimiliano Allegri ha iniziato la sua lectio magistralis di pratica applicata al pallone, dimostrazione classicista di ingegno eclettico tutto italiano, di conservatorismo anarchico, di elogio delle differenze. Contro tutti i dogmi, i pensieri unici e le ideologie alla moda – d’altronde «il calcio è come un vestito grigio, non passa mai di moda».

Allegri si è presentato agli studi del Club di Sky Sport come leader di un vero e proprio movimento, capo di un partito metapolitico e metasportivo che è maggioranza silenziosa – viva Dio – di questo meraviglioso Paese. Lo ha fatto anche scherzandoci su, ammettendo di essere indicato come “contraltare ai giochisti” ma esponendo subito la sua filosofia di praxis rivoluzionaria: rivoluzionaria perché, soprattutto di questi tempi, rimettere le cose al proprio posto è diventata la più profonda delle rivoluzioni.

Lontano dalle lavagne tattiche, dalle insinuazioni, dai nerd, dai dogmi, dal “mio calcio”; dai discorsi infiniti sui moduli e sul ruolo dell’allenatore: «io non so come si fa l’allenatore – ha ammesso Max – è una cosa che non si spiega, non c’è scritto sui libri». L’ABC ristabilito, la consapevolezza per cui sono i giocatori a rendere bravo un allenatore, non il contrario. A fare da sfondo al tutto Fabio Capello, Paolo di Canio ma anche Caressa, Bergomi e compagnia in un Club che ci faceva sentire a casa, finalmente protetti dal  “progresso” pallonaro. Perché negli ultimi anni tutto è stato travolto, stravolto e capovolto, ma per citare una frase di Max in chiusura:

“I giocatori vincono le partite, io non ho mai visto un allenatore fare gol. L’allenatore più bravo è quello che fa perdere meno partite”.

Ossigeno, aria fresca e pura a scacciare via quella viziata dei nuovi salotti sportivi. Così il tecnico livornese ha parlato di crisi del calcio italiano, di necessità di rimboccarsi le maniche fin dai settori giovanili: lavorare sulla tecnica di base, tecnica individuale e tecnica in velocità. Perché il calcio resta questo, l’emozione che proviamo quando assistiamo alla giocata, all’epifania del talento: i giocatori, non i tecnici! L’atto, non l’azione. Ci voleva Allegri per ristabilire il buon senso contro il senso comune, l’umanismo contro la scienza.

“Io mi emoziono con i giocatori, vi giuro mi vengono i brividi (…) Mi manca godere delle gesta dei miei giocatori”.

Insomma, Allegri è stato capace di riconciliarci con il pallone e con noi stessi. Il suo è un sistema pratico basato su un pilastro, una parola chiave che paradossalmente è in continuo divenire: equilibrio. Equilibrio come contrario di dogma e dogmatismo, come capacità eclettica di leggere le situazioni, di capire i diversi contesti che richiedono diversi soluzioni, di comprendere che nella stessa partita ci possono essere dieci partite e nella stessa stagione mille momenti. L’arte dell’adattamento, l’intelligenza senza pregiudizi che non crea problemi ma cerca soluzioni.

A Roma, e non solo, si sogna Allegri (Paolo Bruno/Getty Images)

Tutto viene investito dall’equilibrio, dalla costruzione da dietro – che «in alcuni momenti si deve fare e in altri non si può fare» – alla tattica e al rapporto con gli attori protagonisti, i giocatori. Perché, a costo di ripeterci, «i calciatori non sono lo strumento per dimostrare che gli allenatori son bravi», ma al contrario sono i soggetti che possono rendere bravo un allenatore. Mettere al centro il giocatore e lavorarci, ecco il punto. Per questo il tecnico deve mettersi al servizio della squadra e far perdere meno partite possibili. Così si torna ai fondamenti del calcio che non sono superati ma restano sempre lì, fermi, al di là delle mode:

“Il difensore deve difendere, il portiere parare, l’attaccante deve far gol” (Massimilano Allegri).

Reazionario, troglodita. Eretico!, come lo ha definito scherzosamente Fabio Capello: «Massimiliano sei un eretico, torni indietro negli anni, il calcio italiano, il catenaccio…». Cose superate, ferri vecchi da accantonare e mettere in soffitta: per questo abbiamo sinceramente goduto a sentire che “vince chi difende meglio”. Un aforisma inattuale sbattuto in faccia a tutti i teorici del “bel gioco” (?) in cui non si considerano mai le variabili e gli imprevisti, ovvero l’essenza del pallone.

Max è insomma l’Italiano perfetto, lo scrivevamo e riscrivevamo tempo addietro quando ancora la nostra era una battaglia di avanguardia/retroguardia, prima di diventare un’onda travolgente e una reazione autenticamente popolare. Ma non è neanche solo un discorso sportivo, è un qualcosa di ancestrale e allo stesso tempo culturale: l’ironia, il cazzeggio creativo, le battute sulla futura sposa mollata il giorno prima del matrimonio.

E noi tutti lì, dalla sua parte e senza mai prenderci troppo sul serio. Perché questo siamo, il grande popolo che riempie le sale ai film di Checco Zalone ridendo per le battute più sessiste e scorrette, puttanieri ma “sempre in buona fede” come diceva Leo Longanesi, tifosi del Montalbano fedifrago che ci fa emozionare quando finalmente lascia Livia per correre dietro alla nuova, bella e giovane fiamma. Siamo fatti così, inutile mentire; perché poi tutto è espressione del genius loci, compreso il calcio che varia a seconda dei contesti. I dogmi, la pesantezza e le verità per tutte le stagioni le lasciamo volentieri ad altri.

“Nel calcio, come nella vita, ci sono le categorie”.

Insomma, Allegri è la miglior risposta possibile al linguaggio elitario dei nuovi specialisti, laureati in statistica avanzata ma prestati al pallone. È la risacca inevitabile al progresso calcistico degli ultimi anni, la semplicità al potere, la naturalezza dei fondamentali. È il rappresentante di un popolo intero che ne ha pieni i coglioni degli expected goals e delle heat maps. Ma soprattutto è la gioia per le cose di una volta, che “non sono tutte da buttare”. Quelle che da ragazzi ci hanno fatto conoscere il pallone, nostro vero, e indimenticabile, primo amore.


Immagine copertina Sky Sport


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Estero
Valerio Santori
17 Marzo 2022

Immaturi

La Juventus non può fare la grande squadra.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Novembre 2021

La Juventus è tornata squadra

Il ritiro ha fatto bene ai bianconeri.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Editoriali
Valerio Santori
15 Luglio 2021

Gli Expected goals sono una cagata pazzesca

Il calcio dei Big Data ci inorridisce.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Italia
Paolo Pollo
1 Marzo 2021

Quanto ci mancano i Toscani

Allegri, Spalletti, Sarri, Mazzarri: non conoscevamo la noia.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio 2021

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Dicembre 2020

Il giochismo in Italia non paga

Meglio adattarsi e rifiutare i dogmi.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Ottobre 2020

Più segnano, più ci annoiamo

Un paradosso che svuota la propaganda dello spettacolo.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto 2020

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Papelitos
Paolo Pollo
2 Luglio 2020

Luca Marchegiani, l’uomo della porta accanto

L'estremo difensore delle buone maniere.
Calcio
Lorenzo Fabiano
19 Giugno 2020

Le rivoluzioni non si fanno a Torino

I bianconeri sono voce di palazzo, non urla di piazza.
Storie
Gianluigi Sottile
16 Maggio 2020

Con Barzagli saluta il carattere italiano

L'importanza di preservare la nostra sacra arte difensiva.
Papelitos
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2019

È il vostro calcio ad incitare alla pirateria

Il patetico spot contro la pirateria tradisce l'ipocrisia di un sistema che ha dimenticato i tifosi, e se ne ricorda solo quando c'è da spennarli.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Aprile 2019

Andreazzoli e i pochi ma buoni

La sala stampa deserta per le parole di Andreazzoli denota mancanza di professionaità, maleducazione, superficialità: scegliete voi cosa mettere prima.
Papelitos
Leonardo Aresi
14 Marzo 2019

Esports alle Olimpiadi? No, pietà!

Impediamo ai nerds di mettere le mani sui Giochi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2019

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.
Calcio
Gianluca Palamidessi
19 Dicembre 2018

Il bel calcio. Storia di un’incomprensione

Giocare per vincere è anti-estetico?
Calcio
Luigi Fattore
29 Settembre 2018

Prove da anti-Juve

Siamo ancora a settembre, ma la supersfida dell'Allianz Stadium sembra già decisiva.
Calcio
Luigi Fattore
27 Settembre 2018

Quel centimetro in più

Il 'Principino' è stato fondamentale per il rilancio della juventinità, qualità indispensabile per ricostruire il ciclo vincente ancora in corso. Apologia di Marchisio, digià dimenticato.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Aprile 2018

Così parlò Max Allegri

Le dichiarazioni di Allegri nel post-partita accendono una speranza per l'essenza del calcio.
Critica
Pippo Russo
4 Aprile 2018

Ringraziate Sky per non farvi pagare ciò che non avete chiesto

Offerte da strapparsi i capelli e regali di Pasqua.
Critica
Pippo Russo
28 Febbraio 2018

Voi che sarete stati contemporanei di Daniele Adani

E ancora non ve ne rendete conto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio 2018

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Critica
Pippo Russo
2 Febbraio 2018

Ilaria D’Amico, la voce del padrone

Da Mario Sconcerti a Ilaria D'Amico: come il giornalismo sportivo non rappresenta più appassionati e tifosi.
Critica
Pippo Russo
13 Gennaio 2018

Scusi Caressa, chi ha fatto palo?

Dalla prosa poetica post-moderna di Tuttosport al solito Fabio Caressa nazionale.
Critica
Pippo Russo
10 Gennaio 2018

Il compagno Folagra ci indottrina via Sky Sport

La pausa invernale ha messo in crisi il giornalismo sportivo italiano.
Critica
Pippo Russo
22 Dicembre 2017

Andrea Della Valle e le pizza news

Non esistono fatti, ma solo interpretazioni (semi-cit).
Critica
Pippo Russo
19 Dicembre 2017

Daniele Adani, il Conte Mascetti del XXI Secolo

La supercazzola è un'arte, e il giornalismo sportivo italiano sembra padroneggiarla senza problemi.
Critica
Pippo Russo
13 Dicembre 2017

Tutti a scuola di giornalismo da Billy Costacurta

Lanciamo un SOS per la Gazzetta dello Sport. Con tutto che a Sky non se la passano poi così bene...
Critica
Pippo Russo
8 Dicembre 2017

L’Originale, ovvero: il banale patinato di Sky Sport

Alla corte di Bonan non si scherza (in fatto di risate).
Critica
Pippo Russo
6 Dicembre 2017

Actors studio a Castel Volturno

Benvenuti alla Fiera dell'Est dell'italica narrazione sportiva.
Critica
Pippo Russo
21 Novembre 2017

Fabio Caressa, il Re degli Ignoranti

Sky Sport continua a regalarci numeri da circo.
Critica
Pippo Russo
11 Novembre 2017

Gagliardini e Baselli, i meravigliosi

E' tornato Daniele Word Cloud Adani!
Storie
Gianluca Caboni
10 Giugno 2017

12 settembre 1970

Storie di uomini leggendari. L'ultimo saluto al Sant'Elia.
Calcio
Luigi Fattore
3 Giugno 2017

Il diritto e il dovere di vincere

Giocarsi la Storia in una notte.
Editoriali
Andrea Antonioli
13 Febbraio 2017

Moriremo di tattica

Il progressismo applicato al calcio sta trionfando, e causa angoscia esistenziale. Attenzione però anche al nostalgismo, più vivo che mai.