Carrello vuoto
Papelitos
2 Aprile

Andreazzoli e i pochi ma buoni

Lorenzo Santucci

44 articoli
La sala stampa deserta per le parole di Andreazzoli denota mancanza di professionaità, maleducazione, superficialità: scegliete voi cosa mettere prima.

Che poi non si capisce nemmeno perché meravigliarsene più di tanto, di tale indifferenza verso il non attraente. Una persona che non attrae non può piacere, viene snobbata. Può risultare simpatica, così come lo è stata la provocatoria battuta di Andreazzoli, rivolta più a se stesso che al pubblico che lo attendeva in sala stampa.

“È già passato Allegri? Ah ecco perché non c’è più nessuno… Pochi ma buoni, eh!”.

Piuttosto si dovrebbe dire pochi e professionali. Il giornalismo ha trasformato la maggior parte dei suoi caratteri negli ultimi decenni, salvo uno (in teoria): quello di informare, che poi è la sua funzione primaria. Ebbene quei tanti giornalisti che si sono alzati da tavola ancor prima che la cena fosse terminata, oltre ad essere maleducati, sono anche lavoratori svogliati. Perché raccontare la cronaca risulta noioso, meglio lo scoop. Meglio celebrare l’ennesima promessa del calcio italiano, più interessante sapere se la squadra, quella blasonata (qualunque essa sia), sia pronta o meno per la grande sfida che l’attende da qui a due settimane, o interrogare il mister su come stia quel giocatore che da più di un mese non si vede e non si sente rispetto ad un’analisi seria della partita.

 

Posti vuoti ne abbiamo?

 

Insomma, meglio la cornice che il quadro. L’essenza è diventata fuffa mentre il contorno, che pure è importante nella vita, è ciò che manda avanti la carretta. Il giornalismo sportivo si sta rovesciando: la narrazione della realtà, costruita con il sudore delle parole, con la gavetta, con il rispetto, sta piano piano per essere gerarchicamente superata dall’inutile e becera notizia che fa audience. Quello che dice l’Andreazzoli di turno, alla fine, non interessa a nessuno. O a pochi.

 

E pace per quei tifosi che avrebbero avuto piacere nell’ascoltare il mister in conferenza stampa, loro pur essendo in A fanno un campionato di Serie B – in una la lotta per la salvezza che viene puntualmente snobbata ma che da qualche anno, nel nostro campionato, è diventata più avvincente di quella per il vertice. “Ci vuole rispetto”, li ha rimproverati Allegri due giorni dopo e questo verrà scritto, ci possiamo giurare, perché l’ha detto l’allenatore della squadra importante.

 

Ci è voluto Allegri per bacchettarli

 

Qualcuno dei presenti è rimasto e si è giustificato sostenendo che questa fosse una polemica sterile, perché lo vuole la prassi e non soltanto nei confronti di una squadra di bassa classifica. E qui la situazione peggiora ancora: il ridicolo si tocca nel momento in cui non si vuole vedere in faccia la realtà, e la si prova a giustificare con una abitudine alla maleducazione sempre più “accettata”.

 

Le prime file vuote ricordano l’ora dell’interrogazione a scuola, ma in sala stampa si doveva trattare di un incontro tra professionisti. E giustamente di questo si è trattato: di professionisti seri che si sono scambiati quattro chiacchiere. “Pochi, ma buoni”. Ed allora siamo noi a chiedere scusa ad Andreazzoli, con la promessa che la prossima volta noi, giornalisti, non faremo sega.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Estero
Valerio Santori
17 Marzo 2022

Immaturi

La Juventus non può fare la grande squadra.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Altro
La Redazione
10 Gennaio 2022

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre 2021

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Luglio 2021

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno 2021

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Federico Brasile
16 Maggio 2021

Rocco Commisso fa l’assist ai giornalisti

Altro che “Rocco Benito” o dittatore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Editoriali
Andrea Antonioli
22 Marzo 2021

Il Manifesto di Max

Massimiliano Allegri ci riconcilia con il calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Italia
Paolo Pollo
1 Marzo 2021

Quanto ci mancano i Toscani

Allegri, Spalletti, Sarri, Mazzarri: non conoscevamo la noia.
Motori
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Un direttore operaio, anarchico e conservatore

Chiacchierata d'altri tempi (e in libertà) con Italo Cucci.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio 2021

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Papelitos
Luigi Fattore
22 Dicembre 2020

I 3/5/10 motivi per cui… ma basta!

Un modello di “informazione” devastante.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Dicembre 2020

Il giochismo in Italia non paga

Meglio adattarsi e rifiutare i dogmi.
Calcio
Francesco Sani
1 Dicembre 2020

100 anni di Empoli

Non si vive un secolo, a buoni livelli, per caso.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Ottobre 2020

Ci mancava solo lo storytelling

Il buffismo ha dato il colpo di grazia al racconto sportivo.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre 2020

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.