Carrello vuoto
Calcio
29 Ottobre

Antonio Conte e le lamentele preventive

Lorenzo Santucci

44 articoli
È troppo presto per iniziare a cercare alibi, e come strategia rischia di essere inefficace.

La conditio sine qua non per la quale Antonio Conte si è imbarcato nell’avventura nerazzurra prevedeva la seppur minima possibilità (“anche solo un 1%”) di poter spodestare la regina che lui stesso aveva portato sul trono; tuttavia, non era certo questo l’obiettivo principale nel breve termine. Lo scopo della prima stagione era al contrario la ricostruzione di una grande squadra, ecco perché le lamentele post Parma sull’inadeguatezza della rosa sono risultate un po’ fuori luogo. D’altronde se, a sentire lo stesso Conte, non è lecito paragonarsi ai campioni d’Italia, perché già tutte queste recriminazioni?

“A me basta sapere di avere l’1 per cento di possibilità di vincere, e per quell’1 per cento lotto”.

L’ingaggio di un simile allenatore d’altronde prevedeva una società padrona sul mercato, e così è stato. Lukaku, Barella, Sensi, Lazaro e Biraghi, ai quali vanno aggiunti Godin e Sanchez, arrivati sì a zero ma con un notevole peso sul monte ingaggi: sulla carta sette calciatori fondamentali nel nuovo corso nerazzurro, uniti dal comune denominatore di essere giunti a Malpensa per volontà del tecnico salentino (così come quelli che, invece, le valigie le hanno preparate per lasciare Milano).

 

Il progetto è stato pensato su Antonio Conte quasi come fosse un manager inglese, ciascun giocatore è stato vivisezionato attentamente e giudicato idoneo o meno al progetto. Quindi perdonate la franchezza ma le lamentele – per non definirle piagnistei – dopo gli ultimi e unici due stop in campionato stonano un po’ nello spartito generale.

 

Conte
La grinta di Antonio Conte, in versione urlo di Munch, nel pareggio casalingo con il Parma (Foto di Emilio Andreoli/Getty Images)

 

Non abbiamo nulla da insegnare a Conte in termini di mentalità, ci mancherebbe, ma se la priorità stagionale era aumentare la tenuta psicologica della squadra piuttosto che alzare trofei, questo non sembra il modo più giusto. Anche perché, ammettendo pure che sia una strategia per mettere pressione alla società, nei precedenti di Juventus e Chelsea un simile atteggiamento non ha portato i frutti sperati al tecnico salentino, tutt’altro (se ricordate circolava forte la voce che Conte avesse abbandonato la Juve, corsi e ricorsi storici, per i mancati acquisti di Cuadrado, oggi bianconero, e Sanchez, ormai a sua disposizione, per non parlare del rapporto critico con Abramovich a Londra).

“Noi dobbiamo essere bravi a cercare di costruire qualcosa di importante in breve tempo. L’Inter per due anni di seguito ha preso la Champions League all’ultima giornata: nessuno è un mago, ma noi lavoreremo tanto per coltivare la speranza con Juventus e Napoli. Un gap che esiste, ma non dev’essere un alibi per farci arrendere alla prima difficoltà”

Può anche darsi che nel tecnico l’animale famelico di vittorie porti la pancia a parlare prima della testa (è lui il primo ad ammettere di non poter sostenere ontologicamente la sconfitta), ma si dovrebbe allora ipotizzare un’eccessiva emotività e una scarsa lungimiranza comunicativa. Certo, il vittimismo ha buone ragioni e si fonda su un’Inter realmente competitiva con solo tredici dei giocatori in squadra, ma tutti – compreso l’allenatore, come evidente dalle sue prime dichiarazioni – erano consci della rifondazione in atto: seppure ad altissimi livelli, pur sempre una rifondazione per cui non sarebbe bastato un solo anno.

 

 

Ecco perché anche le parole seguite alla sconfitta con la Juventus, e la sottolineatura di dover portare sempre la macchina sopra i giri del motore per poter vincere, rischiano di sottrarre tranquillità all’ambiente nel medio-lungo termine se non addirittura di concedere alibi agli stessi calciatori (è fisiologico che una squadra rallenti durante la stagione, e secondo il sillogismo contiano in quei momenti l’Inter sarebbe giustificata a perdere punti se non addirittura impossibilitata a vincere).

“Siamo stati bravi nelle partite precedenti a vincere, però non dimentichiamo che abbiamo sempre portato la macchina a 200 all’ora. Non l’abbiamo mai portata a 80, 100 in comodità, e noi sappiamo che per vincere la partita dobbiamo comunque andare a 200, e faremo questo”.

 

Non si può sempre vincere, purtroppo (Foto di Emilio Andreoli/Getty Images)

 

L’abisso tra le attuali prime e seconde del nostro campionato in effetti non è solo tecnico, e non è stato costruito in un’estate. Il primo scudetto dell’era Agnelli, con guarda caso Antonio Conte in panchina, è stato ottenuto con una squadra che si distingueva per la sua capacità di adattarsi. Se si guardano i valori di allora e li si confronta con quelli della rosa nerazzurra di oggi, non si troverà grande differenza e anzi, l’attuale Inter è probabilmente superiore alla Juventus dello scudetto 1/8 .

 

È vero, certamente il campionato era meno competitivo, ma il vittimismo del Conte contemporaneo varia troppo in base alle circostanze: gli permette di alzare i toni nel momento in cui la situazione è avversa, ed i pugni al cielo quando invece la “sorte” si dimostra favorevole. Anche le recriminazioni alla proprietà, sarebbero state più credibili in seguito a una delle tante vittorie (a Sassuolo ad esempio, in cui la squadra si era spenta fisicamente nell’ultima mezz’ora) e non dopo il mancato sorpasso con il Parma, perché ciò viene avvertito come la ricerca di un alibi.

 

L’Inter non era chiamata a vincere lo scudetto, non quest’anno, e lo sapevano tutti compresa la società, che ha profuso notevoli sforzi per poter tornare competitiva nel minor tempo possibile. L’obiettivo era invece trasformare quell’un per cento in qualcosa di più, senza scuse ma con testa bassa e pedalando. Perché tutto e subito, purtroppo, non sempre si può avere.

 

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo 2021

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Febbraio 2021

Suning naviga in cattive acque

Nel frattempo l'Inter non può concedersi distrazioni.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre 2020

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Papelitos
Lorenzo Santucci
10 Dicembre 2020

Eriksen è una questione di rispetto

Per l'uomo prima che per il calciatore, al di là dei risultati.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Dicembre 2020

Il giochismo in Italia non paga

Meglio adattarsi e rifiutare i dogmi.
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre 2020

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Storie
Domenico Rocca
25 Settembre 2020

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Tennis
Diego Mariottini
22 Settembre 2020

Ronaldo, una storia semplice

44 anni di un uomo nato per giocare a pallone.
Calcio
Gianluca Losito
18 Settembre 2020

Maglie da calcio e identità, il filo invisibile del pallone

Se anche la tradizione diventa una strategia di marketing.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
29 Agosto 2020

Gli allenatori sono i nuovi top player

I tecnici sono ormai delle vere e proprie superstar.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Luglio 2020

La dialettica di Antonio Conte è ormai superata

L'allenatore leccese è rimasto juventino dentro.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio 2020

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Papelitos
Jacopo Benefico
10 Luglio 2020

Dio ci scampi e liberi dalla nuova maglia dell’Inter

Il marketing sportivo nell'epoca del brutto.
Ritratti
Alberto Maresca
25 Marzo 2020

Felipe Melo, il mastino incompreso dal cuore d’oro

Controritratto del Comandante, rinato in Brasile e popolare come non mai.
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo 2020

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo 2020

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
15 Febbraio 2020

Robbie Keane, il fiore d’Irlanda

Il fallimento con la maglia dell'Inter ha privato il nostro calcio di un giocatore entusiasmante.
Papelitos
Federico Brasile
10 Febbraio 2020

L’Inter può vincere lo scudetto? Pro e contro

Riflessioni dopo un derby extra ordinario.
Storie
Massimiliano Vino
8 Gennaio 2020

Unione Sportiva Milanese, il cuore a scacchi di Milano

L'Unione Sportiva Milanese, terza squadra di milano, alle radici dell'Ambrosiana.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre 2019

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Calcio
Lorenzo Santucci
1 Giugno 2019

Lo strano caso del dottor Luciano e del mister Spalletti

L'addio di Spalletti è da imputare a Spalletti stesso.