Papelitos
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.

Sul Foglio sportivo di oggi, Alessandro Bonan si chiede “a quale dei seguenti valori deve riferirsi la voce ingaggio di certi allenatori? Al tanto, al poco, al giusto, o all’esagerato?”. La domanda non è peregrina, soprattutto se la si pensa in riferimento alle recenti dichiarazioni (insieme nuove e antiche) di Antonio Conte – che dopo la sconfitta 1-0 con il modesto Burnley si era sfogato in conferenza stampa minacciando di lasciare il Tottenham.

Rispetto a quello sfogo, cosa dire delle più fresche dichiarazioni di Conte a stampa, club e tifosi rilasciate ieri? “Se vi aspettate da me che quando perdo io sia felice e venga ai microfoni a ridere, beh, io non sono questo tipo di persona. Mi scuso per aver mostrato la mia delusione, forse avrei fatto meglio a mantenere le mie riflessioni all’interno del gruppo” ha aggiunto Conte, che poi ha concluso: “Ripeto che intendo aiutare il club sotto ogni aspetto. Loro mi mostrano grande considerazione ogni giorno e per questo sono grato al club perché mi rendo conto che la stima e la fiducia verso di me sono alte”.

Intanto, mentre l’ex allenatore dell’Inter si confessa in pubblica piazza retrocedendo dalle iniziali e radicali posizioni di pochi giorni fa, in Inghilterra i tabloid si sono scagliati contro di lui. Jason Burt sul Telegraph scrive che la petulanza di Conte «non giova né al Tottenham, né alla reputazione del tecnico». Di fatto perché si sente «un allenatore d’élite, ma nessuno capisce quale tipo di lavoro pensava di fare prendendo in mano gli Spurs in un campionato molto competitivo come la Premier League. Dipenderà ora dai proprietari della squadra quanto sia tollerabile questa pesantezza caratteriale, perché sembra portare più problemi di quel che vale».

Così Matt Dickinson, sul Times, rincara la dose scrivendo che Conte è difficile da gestire «perché troppo irrazionale, estremo ed emotivo, a tratti perfino incoerente».

Alle 13.30 Conte affronterà Marcelo Bielsa, 15esimo col suo Leeds (peggior difesa del campionato). Se le difficoltà di quest’ultimo possono sorprendere (non noi), quelle del primo – soprattutto a livello dialettico – non ci sorprendono affatto. Ne parlavamo già qui, quando Conte allenava l’Inter.

Gruppo MAGOG

Abbiamo ucciso pure Craven Cottage
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Marzo 2024

Abbiamo ucciso pure Craven Cottage

Il calcio moderno ha colpito ancora.
Il Cholismo non muore mai
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Marzo 2024

Il Cholismo non muore mai

L'Inter, però, poteva fare molto meglio.
Che fine ha fatto l’Organo consultivo dei tifosi nelle società?
Tifo
Gianluca Palamidessi
11 Marzo 2024

Che fine ha fatto l’Organo consultivo dei tifosi nelle società?

Una notizia di cui non sta parlando nessuno.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

A beautiful mind (and club)
Calcio
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Il calcio è di chi lo paga
Calcio
Lorenzo Santucci
16 Gennaio 2019

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
Robin contro Van Persie
Ritratti
Lorenzo Solombrino
12 Maggio 2020

Robin contro Van Persie

Una carriera contraddittoria ma circolare, divisa tra estetica e ambizione.
L’Inter può vincere lo scudetto? Pro e contro
Papelitos
Federico Brasile
10 Febbraio 2020

L’Inter può vincere lo scudetto? Pro e contro

Riflessioni dopo un derby extra ordinario.
L’ultimo Liverpool campione d’Inghilterra
Calcio
Roberto Tortora
18 Marzo 2020

L’ultimo Liverpool campione d’Inghilterra

Trent'anni di attesa, ma serve ancora qualche mese.