Calcio
21 Giugno 2023

L'Arabia Saudita sta divorando il calciomercato

Qual è la strategia del Principe saudita Bin Salman?

L’acquisto shock di Cristiano Ronaldo (all’Al-Nassr) sembrava essere, almeno sulle prime, il classico capriccio dei ricconi orientali – un tempo i soldi venivano dagli States, poi dalla Cina, oggi provengono soprattutto da Qatar e Arabia Saudita – per portare agli occhi della propria gente il fenomeno da baraccone (con tutto il rispetto per CR7, naturalmente). Poi però qualcosa si è mosso. La governance saudita, come avevamo anticipato in un articolo uscito a gennaio sulle nostre colonne, ha confermato la propria volontà di ospitare i Mondiali del 2030, in linea con la cosiddetta ‘Vision 2030’ che il governo illuminato del Principe saudita Bin Salman ha programmato da tempo per il (ri)lancio del Paese a livello internazionale.



Insomma, qualcosa di simile a quanto fatto dal Qatar (dal 2017, anno dell’arrivo di Neymar Junior al Paris Saint-Germain), che non a caso ha trionfalmente ospitato proprio i Mondiali di calcio nel 2022. Qual è la sostanziale differenza tra quel progetto e questo? Che qui il calciomercato non è sito in Europa, ma radicato in Arabia Saudita. Al-Nassr (che oltre a Ronaldo ha acquistato Zyiech), Al-Hilal (a un passo da Koulibaly, ha già acquistato Ruben Neves per 55 milioni), Al-Ittihad (che ha preso Benzema e Kanté): non semplici satelliti, né strumenti di soft-power (come è stato il PSG ad esempio) per la potenza mediorientale, ma squadre di cui sentiremo a lungo parlare da qui al 2030 (perlomeno).

C’è persino chi – come Massimo Marianella e Luca Marchetti a Sky Sport – ha dichiarato la volontà di questi club (tutti peraltro sotto lo stesso proprietario, il PIF: fondo saudita per gli investimenti pubblici che ha già acquistato Newcastle e Sheffield) e del campionato arabo in generale di emulare e persino superare la concorrenza del più ricco (e bel?) campionato al mondo: la Premier League. Non a caso, forse, molti degli acquisti sopracitati vengono dalla Terra d’Albione. Per approfondire il tema, comunque, spinti da timore e curiosità insieme, abbiamo chiesto ad Alessio Postiglione, co-autore di ‘Calcio, politica e potere‘ (2023), una lettura complessiva (ed interpretativa) sul tema.

Ringraziamo Alessio Postiglione per l’audio. Montaggio video a cura della redazione di Contrasti

Gruppo MAGOG

La Redazione

77 articoli
In Arabia tutto ha un prezzo, ma proprio tutto
Altro
La Redazione
13 Gennaio 2024

In Arabia tutto ha un prezzo, ma proprio tutto

Vuoi guadagnare 3000€ al mese per giocare a calcio? In Arabia Saudita puoi, manda il tuo curriculum!
Grande Tragico Torino
Podcast
La Redazione
03 Dicembre 2023

Grande Tragico Torino

Un podcast con Massimo Fini.
In Europa non si dribbla più
Calcio
La Redazione
22 Ottobre 2023

In Europa non si dribbla più

E in Spagna se ne parla con una certa insistenza.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

La squadra di Ceausescu
Calcio
Matteo Picconi
25 Dicembre 2022

La squadra di Ceausescu

Il Viitorul Scornicesti per capire il regime rumeno.
Primo Carnera, l’eroe buono d’Italia
Ritratti
Maurizio Fierro
26 Ottobre 2023

Primo Carnera, l’eroe buono d’Italia

Alla scoperta dell'uomo più forte del mondo.
Nereo Rocco, il Paròn degli italiani
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Febbraio 2024

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Bellerin: il mondiale itinerante è un insulto ai tifosi
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Febbraio 2024

Bellerin: il mondiale itinerante è un insulto ai tifosi

Il difensore spagnolo ha parlato ancora una volta senza filtri.
Raf Vallone fino alla fine dei giorni
Ritratti
Michele Larosa
17 Febbraio 2024

Raf Vallone fino alla fine dei giorni

Le innumerevoli vite di un uomo straordinario.