Carrello vuoto
Italia
6 Ottobre

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Alberto Fabbri

74 articoli
Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.

I guardiani della “cultura alta”, iperuranio distante anni luce dai bassi istinti e dalle passioni grette che animano la plebe, non lo ammetteranno mai, eppure il pallone rappresenta uno dei soggetti prediletti dagli artisti del Novecento italiano. Infatti passando in rassegna tele, sculture, pellicole e fotografie, il calcio non può che essere collocato idealmente tra più temi più veraci dell’arte dell’ultimo secolo, insieme all’eros, la guerra, il progresso tecnologico e la disperazione dell’uomo moderno. Una sensibilità che non rappresenta un’esclusiva dei nostri conterranei, anzi vanta prestigiosi esempi oltre confine, e smentisce la tesi quantomeno riduttiva, che vede nei 90′ una semplice distrazione per le masse.

 

 

Ai primi del 900’, in Italia il football rappresenta uno dei passatempi più esotici e modernisti, un’innovativa importazione che ovviamente accende la miccia della creatività futurista. Il rapporto tra calcio e arte sulla Penisola è battezzato dalla dinamica scomposizione del footballer di Boccioni, una delle opere del primo corso del Futurismo, deflagrazione avanguardista ed ultra-sperimentale. Questo esordio nostrano arriva quasi vent’anni in ritardo rispetto all’inglese Sunderland vs Aston Villa. A Corner Kick di Hemy, primo dipinto raffigurante una partita ufficiale, ma soprattutto testimonianza del superamento del simbolismo caro ai Preraffaeliti da parte dei soggetti del gusto borghese. La seconda rivoluzione industriale si è ormai imposta definitamente ed i suoi effetti si ripercuoteranno sull’economia, i rapporti sociali e perfino l’arte.

 

 

“Dinamismo di un footballer” di Umberto Boccioni (olio su tela, 1913)

 

 

Rimanendo Oltremanica, nel 1930 Any Wintry Afternoon in England ne offre una rappresentazione fortemente critica, in cui una partita di pallone si svolge sotto al grigiore di un cielo offuscato dalle esalazioni delle industrie e delle locomotive. Nel nostro Paese, tradite le speranze riposte da FTM nella guerra-igiene, di cui il calcio rappresenta una vivida metafora, anche la seconda generazione di Futuristi celebra questo fenomeno sociale ormai entrato nel costume degli Italiani, come testimoniano negli anni Venti i disegni di Depero e Thayaht. Quando il Regno d’Italia riemerge dal fango delle trincee, è il Fascismo a sfruttare la narrazione sportiva come collante dell’identità nazionale, insieme agli antichi fasti di Roma, il Risorgimento e Vittorio Veneto.

 

Nello sport il MinCulPop dedica crescente interesse alla trinità calcio-pugilato-ciclismo, raccontando i successi degli atleti nostrani, insigniti delle virtù degli eroi moderni. Così, dopo il secondo successo degli Azzurri in Coppa Rimet, Aurelio Quaglino scolpisce un calciatore in bronzo dal portamento erculeo, contestualizzando il classicismo delle statue greche e romane nel gusto del regime.

 

A proposito di totalitarismi, il calcio è completamente ignorato dai canoni dell’arte nazista, mentre è protagonista della propaganda della rivoluzione sovietica. Nel contesto dell’ascesa di Stalin al potere, il calciatore è celebrato come foriero dei valori del leninismo, atleta che avrebbe condotto il Cremlino e tutto il popolo verso nuove mete spirituali.

 

 

Tornando al nostro Paese, tra gli Anni Trenta e la fine del secondo conflitto mondiale il tema del pallone è sovente reinterpretato in prospettiva cubista, futurista e realista; questo sincretismo di stili ed influenze è incarnato da Carlo Carrà, fervido genio ed appassionato calciofilo. Invece nel 1946 la neonata Repubblica sogna di fare 13 sulla schedina del Totocalcio, gioco che entrerà nella tradizione popolare fino alla fine del secolo, prontamente celebrato da Ottorino Mancioli tramite tempera e china. L’Italia degli Anni Sessanta è rappresentata dall’attento occhio neorealista, che nel campo delle arti spazia dal pennello alla cinepresa. Nella pittura, il massimo esponente di tale corrente è Renato Guttuso che dipinge “I tre calciatori”, ormai assoluti protagonisti delle domeniche degli Italiani, scandite dalle gracchianti voci della fortunatissima trasmissione radiofonica “Tutto il calcio minuto per minuto”.

 

 

Nel frattempo Aligi Sassu, pittore e scultore meneghino di sangue sardo, omaggia il cannoniere che cucirà l’unico scudetto sulla maglia della sua città adottiva, Cagliari. Il sentimento campanilistico ha caratterizzato anche i calciatori raffigurati da due dei massimi artisti del ‘900, ovvero Dalì e Picasso. Agli albori della carriera, il genio surrealista ritrae un amico con indosso la maglia della selezione catalana di futbòl, invece il padre del Cubismo dipinge un giocatore in divisa viola, colore sociale del club della natia Malaga.

 

 

Luigi Meroni con un autoritratto in maglia granata nella sua mansarda torinese.

 

 

I Sessanta sono anche gli anni della “beat generation”, dei giovani che si lanciano alla conquista del futuro, volenterosi di affrancarsi dagli stringenti legacci imposti loro dalla “società degli adulti”. Sui campi da gioco, incarnazione di questo spirito è Gigi Meroni, farfalla granata prematuramente strappata alla vita. Oltre ai precoci capolavori sul rettangolo verde, tra i diversi dipinti realizzati nel suo studio-appartamento, il 7 ci lascia due hombres assopiti sulla soglia di un saloon, probabilmente affascinato dai primi ed impareggiabili Spaghetti Western. Alla fine del decennio la moviola si impadronisce dei dibattiti post-partita e le serigrafie di Corrado Cagli riproducono su carta i fotogrammi delle azioni incriminate, inesauribili fonti di polemiche e recriminazioni perfino (e ahinoi maggiormente) negli odierni tempi di VAR.

 

Quando la deflagrazione della Pop Art raggiunge il nostro Paese , palloni e calciatori sono le stelle del firmamento dell’immaginario collettivo, tanto quanto attori e cantanti. Tra stelle di Hollywood e prodotti di massa, Andy Warhol celebra Pelè, primo fuoriclasse che sembra in grado di prescindere dal resto della squadra. Questa concezione individualistica prenderà sempre più piede nella società, e quindi nello sport, finendo nell’originare il cesarismo degli atleti odierni, perfette icone della società dell’immagine.

 

Gli anni 80 vedono il principio del processo di mercificazione del calcio, ormai prodotto di punta dell’offerta propugnata dai mass media. A riscoprire l’anima più autentica ed ancestrale del pallone ci aiutano le fotografie di Guido Guidi, Toni Thorimbert e Letizia Battaglia, che ritraggono nelle periferie urbane il legame tra la sfera ed i bambini, estremi depositari dell’essenza di questo sport. Allo scoccare dell’ultimo decennio del XX secolo, i pastelli di Ettore Fico esaltano i colori della Curva Maratona del Comunale di Torino, celebrazione dell’apice della parabola tracciata degli ultras, ormai ospiti sgraditi del carrozzone calcistico.

 

 

Attualmente, la denuncia dei conflitti come la guerra nella ex Jugoslavia, l’integrazione delle minoranze e la salvaguardia dell’ambiente rappresentano alcuni dei temi più significativi indagati attraverso il connubio tra calcio ed arte; un rapporto che continua a procedere lungo un cammino ormai secolare, di cui abbiano trattato alcuni dei passi salienti, nel contesto italiano ed internazionale. Allora auguriamoci che il lettore si senta meno solo ed incompreso, quando in futuro sarà di nuovo canzonato mentre segue l’ennesima partita, sentendosi ripetere che si tratta solo di undici uomini in mutande che inseguono una palla. Nella sua “Estetica” Hegel definisce l’arte come domenica della vita, e che cosa si gioca(va) proprio in quel giorno?

 


In copertina “Bambina con il pallone” di Letizia Battaglia (Palermo, 1980)


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Matteo Mancin
14 Gennaio

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Italia
Giuseppe Cappiello
20 Settembre

Il calcio a Bari è un Ideale

Il pallone dal basso che non si arrende al business.
Motori
Antonio Torrisi
14 Settembre

Non abbiamo scelto di nascere cristiani né ferraristi

La Ferrari (oggi più che mai) è un atto di fede.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
storie
Luca Giorgi
10 Dicembre

Il Calcio nel Fascismo

Nel regime fascista il calcio si è affermato, anche involontariamente, come sport nazionale.
Tifo
Domenico Rocca
14 Aprile

Reggina v Messina, nemmeno il ponte potrebbe unirle

Il destino ed il tempo scandiscono la storia del derby dello stretto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Domenico Rocca
21 Gennaio

Il tifoso non è una cavia da laboratorio

Che cosa sono gli esperimenti sociali?
storie
Maurizio Fierro
8 Maggio

Italia 90

Il Mondiale dei grandi rimpianti.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Ritratti
Jacopo Benefico
28 Marzo

Enzo Jannacci, l’arcimilanista

La storia rossonera di un artista a tutto tondo, capace di rappresentare una milanesità ormai perduta.
Papelitos
Alberto Fabbri
25 Luglio

La polvere sotto al tappeto

Cosa sta succedendo al calcio italiano?
Interviste
Federico Corona
25 Novembre

Lo sguardo di Marco Bucciantini

Come unire nel profondo calcio e poetica.
Italia
Gianluca Palamidessi
14 Marzo

Il modello AlbinoLeffe tra futuro e distopia

Luci e ombre della società bergamasca.
Estero
Alberto Maresca
12 Giugno

Tifare Sevilla tra sangue e sangria

I Biris Norte tra Federico García Lorca e Francisco Franco.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Ritratti
Edoardo Salvati
12 Novembre

Julio Velasco

Allenatore, filosofo, leader, vate.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri
2 Marzo

I tifosi sono cattivi e Dietmar Hopp è un santo

Questa la versione che passa a reti unificate, e invoca addirittura il protocollo razzismo.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
Tifo
Alberto Fabbri
14 Maggio

L’ora dell’azionariato popolare

L'ultima speranza per salvare e moralizzare lo sport italiano.
Papelitos
Annibale Gagliani
13 Aprile

Miss Sarajevo

Il calcio porta speranze in una terra falcidiata dal genocidio. Memorie.
Papelitos
Beniamino Scermani
2 Settembre

Il calcio femminile contro le regole base dell’economia

Il professionismo femminile non può salvare il calcio italiano.
Italia
Michele Di Virgilio
24 Gennaio

Nel nome del VAR

C'è ancora posto per l'uomo (e per il pallone) nell'età della tecnica?
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
storie
Nicola Ventura
3 Luglio

Cuori neri

Le origini del football americano in Italia e gli intrecci con il neofascismo romano.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
storie
Mattia Di Lorenzo
10 Giugno

Nicolò Carosio e il razzismo inesistente

Un insulto razzista mai pronunciato può costare l'epurazione.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Italia
Alberto Maresca
5 Dicembre

Ali Adnan e l’Iraq

Storia di un figlio d'Oriente.
Italia
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Tifo
Andrea Angelucci
20 Aprile

Il calcio è di tutti

Azionariato popolare e Finanziamento collettivo. L'utopia esiste.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
11 Novembre

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato

Era proprio necessaria la pausa delle Nazionali?
storie
Domenico Rocca
25 Settembre

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Altro
Giacomo Proia
26 Luglio

Il gioco delle bocce grida: viva l’Italia!

Ma il mondo non gli concede il prestigio che meriterebbe.
Italia
Lorenzo Ottone
25 Maggio

Piero Gratton, il genio artistico del nostro calcio

La passione e la fede al servizio dell'estetica.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Settembre

Aldrovandi vive nel ricordo

Lo stadio come luogo di coerenza sentimentale.
Italia
Domenico Rocca
19 Dicembre

Il diritto di cronaca è messo a rischio dalla Lega Calcio

Orwell, di nuovo. Questa volta in Serie A, questa volta tocca al calcio italiano.
Motori
Giacomo Cunial
2 Febbraio

Enzo Ferrari senza filtri

Nel dialogo con Enzo Biagi, il Drake si raccontò in profondità.
storie
Emanuele Meschini
12 Novembre

Amatori Ponziana, la squadra che scelse Tito

La squadra di Trieste che giocò nel campionato jugoslavo.
Interviste
La Redazione
6 Novembre

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Italia
Lorenzo Santucci
3 Luglio

San Francesco

29 giugno 2000.
Tifo
Jacopo Benefico
21 Maggio

Perché Florentino Perez obbliga degli attori a tifare il Real?

La scomparsa degli Ultras Sur e i nuovi pupazzi del Bernabéu.