Calcio
19 Febbraio 2023

Aston Villa vs Arsenal è stata la partita dell'anno

Bloody Football!

Probabilmente la poetica di Nicola Roggero – che a un certo punto ha citato Stevenson definendolo suo collega – ha fatto la sua parte, ma Aston Villa vs Arsenal è stata comunque la partita dell’anno. Se aprite la classifica della Premier League e la mettete a paragone con quella della Serie A, i Villains hanno quattro punti in meno del nostro piccolo rosso non tanto grasso Bologna. Ma di cosa stiamo parlando? Una squadra allenata da uno come Unai Emery e con in campo gente del calibro di Coutinho, Emiliano Martinez, Buendia, Douglas Luiz, in grado di inserire a partita in corso quel fenomeno di Leon Bailey – che ha spaccato la traversa sul 2-2 a 5’ dalla fine – nel nostro campionato arriverebbe tra le prime quattro in pantofole.

L’Arsenal di Arteta, dal canto suo, è una squadra giovanissima e per certi versi inesperta – come si è visto nelle ultime tre uscite di campionato, due pareggi e una dolorosissima sconfitta casalinga contro il City di Guardiola che ha riaperto il discorso primo posto (come da noi praticamente) – ma è anche una delizia: i Gunners giocano un calcio identitario, bellissimo da vedere e che sulla bellezza – termine quasi straniero al rude spirito british – sta costruendo una stagione da sogno. Ieri però l’Arsenal ha aggiunto qualcosa in più al suo repertorio balistico: la fame (quasi esistenziale) di andarsi a prendere la riva nello sconvolgimento della tempesta. Perché l’Aston Villa è stata tempesta.



Fin dal 5’, quando Johnny Cash col suo nome hollywoodiano e la sua andatura cavalleresca ha lanciato Watkins – “grande tifoso dell’Arsenal da bambino”, ci dice Nicola Roggero – nell’uno contro uno mortifero con Saliba, prima di concludere con un diagonale incrociato imparabile per Ramsdale. Iniziava così la difficilissima trasferta a Birmingham per l’Arsenal. E mentre sugli spalti dell’inimitabile Villa Park già si alzava la nube dello sconvolgimento per i Gunners, Bukayo Saka con una sberla mancina ignota ai mancini bucava Emiliano Martinez per l’1-1. Eravamo appena al 16’ e già ci sembrava di aver visto troppo.

Bloody Football!

Ma l’Aston Villa nel frattempo riprendeva a giocare, a spingere sudare pressare volere. Premier non è nient’altro che questo, ed è tutto: volontà di potenza. Andate a vedervi il 2-1 dei Villains firmato Coutinho: tre passaggi, quattro uomini coinvolti – con velo di Buendia visionario – e conclusione magistrale del brasiliano, che ha mandato al bar pure i nostri poveri occhi con un destro incrociato. Sembrava di nuovo la fine per l’Arsenal. Sentivamo di essere ritornati nel grigiore post-Invincibili.

Ma nella ripresa i Gunners hanno tirato fuori uno spirito antico – il quale, per essenza Gunners, non può mai fare a meno di passare da un’estetica brillante. E così la squadra di Arteta ha preso una traversa, ha tambureggiato spinto sudato pressato voluto il pareggio, infine ottenuto grazie ad uno splendido schema da calcio d’angolo rifinito e concluso in rete da un piazzato di rara precisione di Zinchenko, che ha tradito Emiliano Martinez a fil di palo.

L’ucraino ha poi iniziato a urlare fuck off! Fuck off! un po’ a caso, come se in quel momento il mondo intero e i suoi destini fossero rinchiusi dentro il Villa Park. Per chi vi sta raccontando questa partita e ha avuto la fortuna di assistervi, è stato proprio così.

Per i restanti 30’ di gioco è stato un continuo darsele, come se l’opzione del pareggio non fosse contemplata da entrambe le squadre – escludiamo quel pazzo furbacchione di Martinez, che ha iniziato a perdere tempo dal 65’ in avanti. L’Arsenal si è divorata un paio di gol – di cui uno clamoroso con Odegaard –, l’Aston Villa o meglio Leon Bailey con una giocata fuori dalla nostra logica calcistica è andato a due centimetri dal 3-2 (decisivo Ramsdale che ha toccato la fucilata del giamaicano sulla traversa), infine i Gunners al minuto 93 hanno trovato la rete del sorpasso: un destro da fuori area di Jorginho al termine di un’azione pazzesca per la pazienza qualitativa della sua trama.

Il tiro del centrocampista italiano, dopo tutti quei passaggi e dopo tutto quello che avevamo visto, è stato come il canto del gallo dopo una notte di combattimenti: liberatorio. Ha preso la traversa, ma poi la palla è carambolata sul cranio cocciuto di Martinez che per una volta è stato fottuto dal karman. La partita sarebbe finita qui. Ma non questa partita: perché sull’ultimo angolo dei Villains, con il Dibu in attacco, l’Arsenal ha trovato anche il modo con Martinelli di segnare il definitivo 2-4 (al 98’). “Gioco, partita e incontro”, ha detto Roggero degno cantore di una partita leggendaria. Come solo la Premier sa offrire.

Gruppo MAGOG

Allegri è morto, viva Allegri!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2024

Allegri è morto, viva Allegri!

Nelle sfuriate di Max c'è il sunto di due stagioni difficilissime.
Moriremo di moralismo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Maggio 2024

Moriremo di moralismo

Ma il giorno della fine, non ci salverà l'ipocrisia.
Real, mistero senza fine bello
Papelitos
Gianluca Palamidessi
09 Maggio 2024

Real, mistero senza fine bello

Una squadra che ha trasformato lo straordinario in fenomeno ordinario.

Ti potrebbe interessare

Martin Odegaard, dietro la classe il carattere
Ritratti
Emanuele Iorio
20 Maggio 2023

Martin Odegaard, dietro la classe il carattere

Perché abbiamo a che fare con un calciatore diverso dagli altri.
Declan Rice è nella testa
Calcio
Eduardo Accorroni
18 Luglio 2023

Declan Rice è nella testa

Un calciatore fisico, ma ancor prima cerebrale.
L’Arsenal è tornato ad essere culto
Calcio
Gianluca Palamidessi
09 Ottobre 2022

L’Arsenal è tornato ad essere culto

Arteta ha riportato i Gunners in testa alla Premier League.
Ali Dia, l’impostore
Ritratti
Raffaele Scarpellini
25 Gennaio 2024

Ali Dia, l’impostore

Il più grande truffatore della storia del calcio inglese.