Papelitos
09 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.

Riusciamo quasi a immaginarceli, i massimi organi della Uefa, accendersi un sigaro accompagnato da un buon Whisky d’annata e una sfumata di cioccolato fondente, alzare la cornetta e comunicare alle dirigenze di Atalanta e Villarreal che la partita – rinviata a causa della “tormenta” di neve – si giocherà l’indomani alle 16.30 (poi 19). Sullo sfondo, le note di una celeberrima canzone dei CCCP:

Non studio, non lavoro, non guardo la tv
Non vado al cinema, non faccio sport

Più o meno così devono immaginarseli i tifosi delle due squadre accorsi ieri sera a Bergamo, quelli dell’Uefa. Paradossalmente, va meglio a quelli colorati di giallo che non ai padroni di casa. Il motivo è semplice: i tifosi del Villarreal con tutta probabilità avevano già in mente di pernottare a Bergamo o nei dintorni. Lo spostamento al giorno successivo non è un gran problema, perché a livello lavorativo il 9 dicembre era per loro già giorno di ferie. Ma mettetevi nei panni dei tifosi dell’Atalanta: non è mica tanto scontato prendersi il pomeriggio di un giorno lavorativo come gli altri per andare a tifare la Dea. Motivo per il quale, dopo aver inizialmente ufficializzato l’orario della partita alle 16.30, l’Uefa venendo incontro alle richieste dei due club «a tutela dei tifosi» l’ha posticipata di un paio d’ore.

Che poi, detto tra di noi, ma davvero le condizioni del campo erano tanto proibitive da costringere tutto e tutti al rinvio della partita? Secondo i calciatori, come riportato da Pietro Guadagno sul Corriere dello Sport, sì. Lo stesso autore scrive che “la beffa è stata che una mezzoretta dopo le condizioni sono effettivamente migliorate: la neve è diventata più acquosa, senza più attaccarsi al terreno, cominciando a sciogliere quella che si era depositata”. Antonio Conte avrebbe qualcosa da ridire, noi pure. Lo stesso Patrice Evra, sempre di più il nostro bordocampista preferito, che alle 21.20, quando tutto sembrava pronto per andare in scena, si lasciava scappare un commento spassionato e imbarazzante in diretta streaming: «sono contento che inizia la partita, ma fatemi andare in bagno. La sto tenendo da ore». Accanto a lui El Principe Milito, che probabilmente quella partita l’avrebbe giocata – se fosse toccato a lui decidere.

Sarebbe stata una partita epica. Lo sarà comunque, ma come scritto da più parti – vedi Cucchi ad esempio – sarebbe bastato un pallone arancio scuro e un po’ di coraggio del signor Taylor, l’arbitro della sfida – che di gare gelide ne avrà arbitrate a iosa. I tifosi del Villarreal, felici della fitta nevicata, hanno potuto almeno ricevere dai propri giocatori gli applausi – curioso come la neve trasformi ogni cosa – per quell’atto di coraggio e amore incondizionato. Mentre nella curva atalantina venivano accesi due fumogeni rossi, lo speaker annunciava il rinvio della partita. Travolto dai fischi del pubblico, solo per un attimo il tifoso è stato al centro dello show.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Prima delle nazionali ci sono le Nazioni
Critica
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2022

Prima delle nazionali ci sono le Nazioni

Il Mondiale vive di (antichissime) leggi proprie.
Anche i tifosi in Qatar sono finti
Tifo
Gianluca Palamidessi
13 Novembre 2022

Anche i tifosi in Qatar sono finti

Dalla derisione dei diritti umani a quella della fede calcistica.
Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)
Tifo
Gianluca Palamidessi
02 Novembre 2022

Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)

Condannare è un obbligo, comprendere lo è altrettanto.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Noi resistiamo: non c’è calcio senza tifo
Interviste
Alberto Fabbri
01 Ottobre 2020

Noi resistiamo: non c’è calcio senza tifo

Intervista ad Andrea Rigano, autore di #WeStand.
In curva non sventola bandiera bianca
Tifo
Alberto Fabbri
18 Agosto 2020

In curva non sventola bandiera bianca

Malgrado il periodo più buio di sempre, i tifosi non si arrendono.
L’ultima scommessa
Calcio
Domenico Rocca
19 Gennaio 2018

L’ultima scommessa

Se pensiamo al fenomeno calcio-scommesse abbiamo in mente, nella migliore delle ipotesi, solamente confusione e vaghi ricordi.
L’Old Firm non muore mai
Tifo
Lorenzo Serafinelli
20 Settembre 2022

L’Old Firm non muore mai

La morte della Regina ha riacceso lo scontro di mondi.
Stella Rossa v Bayern 1991, scontro di mondi
Calcio
Marco Gambaudo
26 Novembre 2019

Stella Rossa v Bayern 1991, scontro di mondi

Una doppia semifinale che riassume la grande Stella Rossa di Belgrado, con pregi e difetti.