Carrello vuoto
Papelitos
9 Dicembre

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Non vado al cinema, non faccio sport.

Riusciamo quasi a immaginarceli, i massimi organi della Uefa, accendersi un sigaro accompagnato da un buon Whisky d’annata e una sfumata di cioccolato fondente, alzare la cornetta e comunicare alle dirigenze di Atalanta e Villarreal che la partita – rinviata a causa della “tormenta” di neve – si giocherà l’indomani alle 16.30 (poi 19). Sullo sfondo, le note di una celeberrima canzone dei CCCP:

Non studio, non lavoro, non guardo la tv
Non vado al cinema, non faccio sport

Più o meno così devono immaginarseli i tifosi delle due squadre accorsi ieri sera a Bergamo, quelli dell’Uefa. Paradossalmente, va meglio a quelli colorati di giallo che non ai padroni di casa. Il motivo è semplice: i tifosi del Villarreal con tutta probabilità avevano già in mente di pernottare a Bergamo o nei dintorni. Lo spostamento al giorno successivo non è un gran problema, perché a livello lavorativo il 9 dicembre era per loro già giorno di ferie. Ma mettetevi nei panni dei tifosi dell’Atalanta: non è mica tanto scontato prendersi il pomeriggio di un giorno lavorativo come gli altri per andare a tifare la Dea. Motivo per il quale, dopo aver inizialmente ufficializzato l’orario della partita alle 16.30, l’Uefa venendo incontro alle richieste dei due club «a tutela dei tifosi» l’ha posticipata di un paio d’ore.

Che poi, detto tra di noi, ma davvero le condizioni del campo erano tanto proibitive da costringere tutto e tutti al rinvio della partita? Secondo i calciatori, come riportato da Pietro Guadagno sul Corriere dello Sport, sì. Lo stesso autore scrive che “la beffa è stata che una mezzoretta dopo le condizioni sono effettivamente migliorate: la neve è diventata più acquosa, senza più attaccarsi al terreno, cominciando a sciogliere quella che si era depositata”. Antonio Conte avrebbe qualcosa da ridire, noi pure. Lo stesso Patrice Evra, sempre di più il nostro bordocampista preferito, che alle 21.20, quando tutto sembrava pronto per andare in scena, si lasciava scappare un commento spassionato e imbarazzante in diretta streaming: «sono contento che inizia la partita, ma fatemi andare in bagno. La sto tenendo da ore». Accanto a lui El Principe Milito, che probabilmente quella partita l’avrebbe giocata – se fosse toccato a lui decidere.

Sarebbe stata una partita epica. Lo sarà comunque, ma come scritto da più parti – vedi Cucchi ad esempio – sarebbe bastato un pallone arancio scuro e un po’ di coraggio del signor Taylor, l’arbitro della sfida – che di gare gelide ne avrà arbitrate a iosa. I tifosi del Villarreal, felici della fitta nevicata, hanno potuto almeno ricevere dai propri giocatori gli applausi – curioso come la neve trasformi ogni cosa – per quell’atto di coraggio e amore incondizionato. Mentre nella curva atalantina venivano accesi due fumogeni rossi, lo speaker annunciava il rinvio della partita. Travolto dai fischi del pubblico, solo per un attimo il tifoso è stato al centro dello show.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Recensioni
Gezim Qadraku
8 Luglio

Forever Pure

La squadra più razzista del mondo.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
Calcio
Gianluca Palamidessi
3 Febbraio

Così parlò Xabi Alonso

A Xabi Alonso è sempre piaciuto l’atto pratico: l’eleganza era in lui connaturata.
Tifosi
Jacopo Benefico
29 Novembre

Brescia-Atalanta è storia, ma senza tifosi che derby è?

Contro-storia del derby più sentito del Nord Italia.
Critica
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
27 Dicembre

Roberto Firmino: l’attaccante invisibile

Celebrazione di Roberto Firmino, l'attaccante invisibile della squadra più forte al mondo.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Tifosi
Alberto Fabbri
6 Maggio

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Calcio
Antonio Torrisi
17 Giugno

La Coppa Italia è antidemocratica

Un torneo che ci rappresenta: da rifondare, ma sempre domani.
Tifosi
Alberto Fabbri
6 Agosto

No allo stadio teatro!

Diffidate da chi rinnega il valore emotivo degli spalti.
Editoriali
Andrea Antonioli
3 Maggio

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Maggio

Il caso Mkhitaryan e il silenzio della UEFA

Il lato corrotto del politicamente corretto.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Calcio
Alberto Maresca
12 Giugno

Tifare Sevilla tra sangue e sangria

I Biris Norte tra Federico García Lorca e Francisco Franco.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

La superiorità del Gioco

Ajax-Tottenham: la nostra definitiva resa di fronte all'imponderabilità del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Il tifoso del Manchester City sta morendo

Persone che diventano cose.
Calcio
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Calcio
Alberto Fabbri
6 Ottobre

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Papelitos
Lorenzo Santucci
19 Settembre

A riveder le stelle

L'Inter è tornata in Champions League.
Altro
La Redazione
28 Giugno

Lo spirito sportivo

Maestri, Episodio IX: George Orwell.
Interviste
Alberto Fabbri
1 Ottobre

Noi resistiamo: non c’è calcio senza tifo

Intervista ad Andrea Rigano, autore di #WeStand.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Storie
Domenico Rocca
19 Gennaio

L’ultima scommessa

Se pensiamo al fenomeno calcio-scommesse abbiamo in mente, nella migliore delle ipotesi, solamente confusione e vaghi ricordi.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Febbraio

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.
Calcio
Giuseppe Cappiello
20 Settembre

Il calcio a Bari è un Ideale

Il pallone dal basso che non si arrende al business.
Tifosi
Alberto Fabbri
16 Settembre

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Critica
Pippo Russo
24 Novembre

Consoliamoci col Mondiale del 2020

Alla Gazzetta dello Sport titolisti e direttore fanno a gara a chi ha meno idee. E poi c'è sempre lui, il Vate Fabio Caressa.
Tifosi
Alberto Fabbri
10 Giugno

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Calcio
Andrea Antonioli
25 Aprile

La Roma non è pronta

Il suicidio di una provinciale.
Calcio
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Tifosi
Alberto Fabbri
28 Ottobre

Ultras d’Italia, ep. II

Il decennio della diffusione in tutta la Penisola.
Papelitos
La Redazione
27 Febbraio

Il muro giallo contro il calcio spezzatino

La protesta intelligente dei tifosi del Borussia Dortmund contro il “calcio moderno”.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre

I tifosi non hanno diritto di parola

Dal “Vangelo” secondo Kolarov.
Calcio
Federico Brasile
18 Marzo

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Jacopo Benefico
22 Agosto

Se il calcio è mero spettacolo, noi tifosi siamo dei guardoni

Il nuovo pallone ha avuto la meglio sulla nostra umanità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.
Storie
Diego Mariottini
15 Dicembre

La sentenza Bosman è stata un autogol

Una riforma che ha stravolto il calcio europeo.
Calcio
Gennaro Malgieri
22 Novembre

In campo per la rivoluzione

La campagna contro la città, il popolo contro le èlites. Un giro per l'Europa passando in rassegna le sorprese (e le speranze) all'attacco dei centri del potere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Tifosi
Andrea Angelucci
20 Aprile

Il calcio è di tutti

Azionariato popolare e Finanziamento collettivo. L'utopia esiste.
Tifosi
Alessandro Imperiali
24 Novembre

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Tifosi
Alessandro Imperiali
1 Giugno

Il Casuals in Italia è solo questione di estetica?

Un fenomeno più mediatico che (sotto)culturale.