Carrello vuoto
Altri Sport
20 Settembre

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Luca Pulsoni

72 articoli
Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.

È nata una stella. Forse due, perché oltre a Francesco Bagnaia anche Enea Bastianini si è preso la scena. A casa nostra, nella splendida Misano Adriatico, circuito che porta il nome di Marco Simoncelli. L’Italia che vince, talento motoristico in sella ad un’altra Italia di qualità che si chiama Ducati. Rossa quella di Bagnaia, blu con tinte verde fluo quella di Bastianini (che guida una vecchia Desmosedici del 2019). C’è gloria per tutti.

Pecco ha conquistato il suo secondo successo in MotoGP concedendo il bis di Aragon di settimana scorsa. Condotta magistrale per il torinese, che scatta bene dalla pole, gestisce le gomme e resiste al ritorno di Fabio Quartararo, ancora leader del mondiale a +48 sullo stesso Bagnaia. Ma sul podio di Misano c’è anche Bastianini. A sorpresa, perché la prestazione del riminese (cresciuto tra i rettilinei e le staccate di Misano) è magistrale: il rookie della Ducati Avintia parte dalla dodicesima casella, rimonta infilando Marquez e Miller e chiude sul terzo gradino del podio.

È un tricolore vivo quello che sventola sotto il cielo del Marco Simoncelli. Bagnaia, che a quattro gare dal termine può ancora inseguire il sogno mondiale, si è scrollato di dosso la ruggine della fase centrale del campionato con una doppietta che ne certifica il talento e consolida i gradi di prima guida Ducati.



Ad Aragon ha sgomitato con quel cagnaccio di Marquez mentre a Misano ha gestito da campione. Pecco è un pilota completo in grado di interpretare diversi spartiti, centauro di lotta e di fuga. Con il bolide di Borgo Panigale il feeling è invidiabile, eccetto i problemi di usura delle gomme che ne hanno limitato il rendimento nell’arco del campionato. Pecco doveva soltanto sbloccarsi e i primi due successi in MotoGP lo iscrivono tra i big della classe regina di qui agli anni a venire.

Del resto Bagnaia ha saputo battere tutti i rivali più forti: Marquez, Quartararo, il compagno di squadra Miller ma anche Morbidelli e il rookie terribile Jorge Martin. Il trionfo davanti al pubblico romagnolo (polverizzati i 25 mila biglietti disponibili alla faccia del flop di Monza in F1) arriva nel primo dei due gran premi di congedo di Valentino Rossi dai tifosi italiani. Vien da sé allora una domanda: è Pecco l’erede del Dottore? L’investitura è arrivata dallo stesso Valentino:

“L’Italia in MotoGP è in una buona situazione, anche senza di me e questo è positivo – ha detto dopo la gara di Misano e il saluto del suo popolo giallo – Pecco si batterà per il mondiale il prossimo anno e lo sta facendo anche in questo. Poi nel 2022 della partita sarà anche Morbidelli”.

La pista sembra confermare le sensazioni del paddock: Bagnaia è pronto a raccogliere lo scettro di Vale e dare l’assalto a un mondiale che all’Italia manca da dodici anni.



Ma Pecco non è solo. Morbidelli, vicecampione del mondo in carica, è tornato in pista a Misano a tre mesi dall’operazione al ginocchio che lo ha costretto a saltare gran parte della stagione. Per lui è arrivata la meritata promozione nel team ufficiale di Yamaha, con il rientrante Andrea Dovizioso spedito nel team satellite Petronas. Morbido (18esimo) ha pagato lo scotto dell’inattività così come Dovi (21esimo e ultimo) ma l’orizzonte è già puntato alla prossima stagione.

L’Italia c’è, dunque. Valentino non ha fatto terra bruciata intorno a sé, anzi. La VR46 Academy ha lanciato Bagnaia e Morbidelli e si coccola Marini e Bezzecchi. I due potrebbero ritrovarsi in sella alla Ducati del VR46 Team, al debutto in MotoGP dalla prossima stagione. Il progetto di Valentino ha ridato slancio a un movimento che pareva soffocato dal peso del nove volte campione del mondo. Il Dottore lascia in eredità un nutrito gruppo di giovani talentuosi che sognano di emulare le gesta del 46.

A proposito. A Misano la festa è totale: in Moto3 ha trionfato il promettente Dennis Foggia davanti a Niccolò Antonelli e Andrea Migno. 70 anni in tre. C’è vita oltre Valentino. Il Dottore può prendersi una meritata vacanza. E godersi lo spettacolo. Con l’Italia su una motocicletta, quello non manca mai.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Interviste
Gianluca Losito
15 Marzo

Clemente Russo, una vita sul ring

Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.
Papelitos
Federico Brasile
11 Ottobre

Chissenefrega della maglia verde dell’Italia

La nuova maglia verde dell'Italia in un Paese conservatore che non ha più nulla da conservare.
Storie
Pierfilippo Saviotti
10 Febbraio

Tifosi

Facciamo un viaggio alla scoperta dello spirito che ha animato le origini del nostro calcio, al riparo dalla compostezza e dal conformismo dell’attuale Serie A.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Altro
Lorenzo Innocenti
5 Ottobre

Cosa è andato storto?

L'Italia del rugby da tempo ha smesso di crescere. Dove nascono i problemi e quali sono i punti da cui ripartire.
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Altro
Leonardo Aresi
17 Marzo

Luna Rossa ci ha fatto sognare

La sconfitta in Coppa America non scalfisce la portata dell'impresa.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
7 Settembre

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Calcio
Nicola Caineri Zenati
17 Marzo

Di Biagio e la ricostruzione dell’Italia

Ripartire da zero (o quasi).
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Calcio
Lorenzo Santucci
7 Novembre

(D)all’altezza di Ventura

Un allenatore allo sbaraglio.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Giugno

Porgere la mano al tifoso. Ma accade in Francia

Il biglietto, in trasferta, avrà un prezzo unico, per tutte le partite di Ligue 1 e Ligue 2.
Altro
Cristian Lovisetto
26 Febbraio

Sei Nazioni 2019, terzo atto

Come è andata la terza giornata di gioco tra i titani europei della palla ovale.
Storie
Francesco Polizzotto
17 Giugno

Derby d’Europa

Italia contro Germania, cronache della sfida più importante del calcio europeo.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Calcio
Matteo Mancin
19 Dicembre

Gianni Brera

Ritratto di Gioannfucarlo.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Recensioni
Alberto Fabbri
26 Novembre

ILVA Football Club

Ai piedi degli altiforni il pallone è un inno alla vita.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Ritratti
Cristian Lovisetto
15 Marzo

Sergio Parisse

Venerabile gigante.
Altro
Giacomo Proia
26 Luglio

Il gioco delle bocce grida: viva l’Italia!

Ma il mondo non gli concede il prestigio che meriterebbe.
Calcio
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

L’altro Claudio Lotito

Elogio del patron laziale.
Storie
Luca Giorgi
10 Dicembre

Il Calcio nel Fascismo

Nel regime fascista il calcio si è affermato, anche involontariamente, come sport nazionale.
Altro
Giacomo Cunial
8 Agosto

Valentino, artista eterno

Valentino Rossi non si è ritirato e non si ritirerà mai, semplicemente perché non ci si può ritirare da sé stessi.
Papelitos
Federico Brasile
27 Marzo

Cronache Nazionali dall’Italia profonda

La Nazionale vista da un bar della provincia italiana.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Tifosi
Alberto Fabbri
14 Maggio

L’ora dell’azionariato popolare

L'ultima speranza per salvare e moralizzare lo sport italiano.
Storie
Diego D'Avanzo
7 Agosto

Leandro Arpinati: il dissidente creatore dello sport fascista

Anarchico, poi gerarca e ideatore dello sport in camicia nera. Infine fiero dissidente.
Storie
Leonardo Catarinelli
18 Aprile

Il Cholismo forgiato dal fuoco dell’Etna

Il Catania degli argentini guidati da Diego Pablo Simeone.
Calcio
Gennaro Malgieri
14 Novembre

Crisi di identità

L'apocalisse dell'Italia calcistica si inscrive in un più generale fallimento culturale, sociale e programmatico.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Storie
Nicola Ventura
3 Luglio

Cuori neri

Le origini del football americano in Italia e gli intrecci con il neofascismo romano.
Calcio
Raffaele Scarpellini
8 Aprile

Mundialgate, le ombre dell’Italia ’82

Fu vera gloria?
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Ritratti
Luca Cameroni
10 Novembre

La ballata di Tony Cairoli

Vincere tutto rimanendo sé stessi.
Storie
Massimiliano Vino
14 Ottobre

Lo sport in Libia per capire il Fascismo

Calcio, ciclismo e motori per forgiare l'uomo nuovo fascista.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Calcio
Diego Mariottini
15 Agosto

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Calcio
Luca Giorgi
27 Marzo

Età di passaggio

A che punto è il lavoro di Ventura?
Altri Sport
Raffaele Arabia
28 Marzo

Viñales non fa prigionieri

Tutte le emozioni dell'inizio della stagione di MotoGP.
Altri Sport
Raffaele Arabia
25 Marzo

Si scaldano i motori

La stagione di Motomondiale si preannuncia accattivante.
Altro
Matteo Fontana
22 Gennaio

Ritorno al futuro

Come la tecnologia cambiò il basket. Ed ora può fare lo stesso con il calcio.