Papelitos
04 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.

Dio è morto, diceva Nietzsche, e senza dubbio con Lui i caroselli di (mis)credenti adoratori del sangue santo – 2€ al litro – di San Gennaro. Negli uomini però, soprattutto in quelli più influenti, non è morta l’illusione dissetante dell’immortalità. Ecco cosa accomuna in definitiva Supermario Balotelli, Silvio (menomale che c’è) Berlusconi e Jeff Bezos. No, non vogliamo dubitare – neanche per un istante! – del sincero sentimento d’amore che lega il patron del Monza all’adorabile (si fa per dire) Marta Fascina (deputata di Forza Italia nonché grandissima tifosa rossonera, come testimoniato dal nickname su Instagram: @mf9milan). Però parliamone, di questo nemico invisibile contro cui il Cavaliere, Supermario e il proprietario di Amazon lottano insieme, appassionatamente, da che il loro nome si è diffuso tra le genti: il TEMPO.

Crono, che ogni cosa inghiotte, ha spinto Bezos ad investire (qualcosa in più della paghetta di mamma) sull’immortalità. Il tempo, che Silvio Berlusconi ha preso per i fondelli, si è preso il volto del Cavaliere – museo delle cere vivente. «Galliani non scopa più. Io fino a poco tempo fa lo facevo sei volte al giorno, ma adesso…», diceva il Berlusca nel 2019 davanti ai suoi tifosi al Centro Sportivo Monzello quando intorno al Monza c’era un hype ormai tramontato. Eppure l’ultimissimo Berlusconi, tre anni dopo – nel mezzo una pandemia che ha accelerato tutto –, è lì a far festini con la sua bella, lanciando qualche occhiata maliziosa e rimuovendo l’inevitabile.

Balotelli, che ha giocato due volte per due squadre diverse con Berlusconi presidente (Milan e Monza), è un calciatore finito almeno dai tempi del Brescia – quando in Italia il tema Supermario era tornato, a ragione, ad invadere la curiosità dei calciofili. Eppure, tre anni dopo, Balotelli continua a parlare di sé alla stampa (italiana ed estera) come se niente fosse. Peggio, come se il niente che calcisticamente rappresenta da almeno cinque stagioni a questa parte fosse in realtà un illusione: Balotelli, he’s a striker, he’s good at darts!

Qualche giorno fa, in un’intervista a The Athletic, Supermario si è legittimamente paragonato a Lionel Messi e Cristiano Ronaldo: «Sono sicuro al 100% che la mia qualità sia sullo stesso piano di giocatori come loro, ma ho perso qualche opportunità. Sai, può succedere…». La sparata è così grande che è difficile commentarla. Limitiamoci ad osservare, da lontano, un processo patologico . . .


Per continuare a leggere iscriviti alla nostra newsletter al link di seguito. Ogni domenica mattina ti arriverà una mail con contenuti esclusivi e gratuiti, la selezione dei migliori articoli della settimana e uno spazio di contatto diretto con la redazione >>> http://eepurl.com/gSqOx1


Gruppo MAGOG

Bellerin: il mondiale itinerante è un insulto ai tifosi
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Febbraio 2024

Bellerin: il mondiale itinerante è un insulto ai tifosi

Il difensore spagnolo ha parlato ancora una volta senza filtri.
Un calcio senza tifosi non può esistere
Ultra
Gianluca Palamidessi
13 Febbraio 2024

Un calcio senza tifosi non può esistere

Perché è importante che lo sport non dimentichi la sua dimensione religiosa.
In Olanda esistono tifosi ‘normali’?
Tifo
Gianluca Palamidessi
31 Gennaio 2024

In Olanda esistono tifosi ‘normali’?

Un reportage su So Foot rivela: nei Paesi Bassi oggi la situazione hooligan è come in Inghilterra negli anni Ottanta.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Il mediano che diventò domatore di leoni
Papelitos
Paolo Pollo
05 Luglio 2021

Il mediano che diventò domatore di leoni

Breve elogio di Lele Oriali.
Ronaldo, una storia semplice
Calcio
Diego Mariottini
22 Settembre 2020

Ronaldo, una storia semplice

44 anni di un uomo nato per giocare a pallone.
Intanto Spalletti ha allontanato il grottesco
Calcio
Jacopo Gozzi
21 Novembre 2023

Intanto Spalletti ha allontanato il grottesco

L'Italia è alla fase finale di Euro 2024.
L’ultima Jugoslavia
Calcio
Alberto Fabbri
27 Gennaio 2017

L’ultima Jugoslavia

La rincorsa è breve, il tiro di piatto destro è ben angolato ma Goycochea parte prima, si distende alla sua sinistra e respinge a due mani: la Jugoslavia è eliminata dai Mondiali di calcio, per l’ultima volta.