Papelitos
03 Ottobre 2021

La nuova dimensione del Barcellona

Da grandissima a piccola squadra.

L’ennesima sconfitta, l’ennesima umiliazione, l’ennesima beffa. Il Barcellona perde 2 a 0 contro l’Atletico Madrid al Wanda Metropolitano, ma non è tanto il risultato a far notizia (il Barça perde e non fa notizia, eccola la notizia), quanto il secondo gol dei Colchoneros, siglato dal grande (e rimpianto) ex Luis Suarez. Dopo aver congiunto le due mani quasi a chiedere scusa ai suoi ex tifosi, tornando verso il centro del campo il Pistolero mima una telefonata, la stessa con cui l’attuale (ma ancora per quanto?) allenatore dei blaugrana Ronald Koeman lo aveva scaricato la scorsa estate, ritenendolo un giocatore finito.

Inutile ricordare come è finita: il Pistolero è stato più che decisivo per la conquista della Liga da parte della banda Simeone, mentre il Barcellona con l’olandese in panchina, vittoria della Copa del Rey a parte, ha solo collezionato figuracce, sia in campionato che in Champions. Lo stesso Koeman (in tribuna perché squalificato) al gol dello “scaricato” uruguayano non ha potuto fare altro che mettersi la mano sul volto dalla disperazione. Comprensibile, alla luce del terrificante avvio di stagione del Barcellona. I blaugrana, che rischiano l’eliminazione al primo turno della Coppa dalle grandi orecchie (sei gol subiti e zero segnati nelle prime due partite), sembrano essere già tagliati fuori dalla corsa al titolo.

suarez atletico madrid barcellona
L’immagine della serata

Ormai in Spagna non si fa altro che parlare dell’esonero del mister olandese, con Xavi e Pirlo (sul serio?) favoriti per la sostituzione. Certamente Rambo ha le sue gravi colpe, in primis un modulo, il 3-5-2, che mal si amalgama con i giocatori in campo ed è pesantemente criticato da tifosi e giornalisti vicini all’ambiente catalano. Tuttavia è impossibile non notare le evidenti carenze di molti dei calciatori blaugrana, specie dei nuovi acquisti: Eric Garcìa e Sergino Dest sono giocatori che faticherebbero a trovare posto in una squadra di metà classifica, Depay è troppo discontinuo per essere il leader offensivo della squadra, Aguero passerà più tempo in infermeria che in campo, Luuk De Jong come sostituto di Suàrez è uno scherzo di cattivo gusto, Braithwaite è Braithwaite.

Questo Atlético ha un obiettivo e questo Barça no. Koeman è stato criticato per aver giocato con tre difensori e due laterali per coprirsi, ieri invece ha schierato una squadra con quattro dietro. Lo hanno accusato di non mettere i giovani e lui li ha messi. […] Un Barça senza gol deve proteggersi di più, ma ogni volta che Koeman lo propone, lo distruggono. Lo spogliatoio ha un buon clima secondo Piqué, ma l’allenatore è stato costantemente messo in discussione e questa settimana il club ha cercato dei sostituti.

Santi Nolla, Mundo Deportivo

Se i nuovi piangono, i veterani di certo non ridono: Piqué ormai pensa solo a fare l’imprenditore, Busquets purtroppo sta invecchiando, Jordi Alba e Ter Stegen sono quelli che più ci provano, ma anche loro sono ormai discontinui nel rendimento. Per chiudere il cerchio, non si può non citare sul banco degli imputati la disastrosa gestione societaria, con il suo miliardo e più di debiti (e il Covid non può essere usato come scusa, visto che il bilancio era già disastrato in precedenza), frutto di spese folli per giocatori che non hanno minimamente reso secondo le aspettative (più di 300 milioni per i flop Coutinho, Dembelè e Griezmann), e che hanno portato come conseguenza finale l’addio di Lionel Messi (non più tesserabile per le nuove regole sugli stipendi della Liga): la certificazione della nuova dimensione del Barcellona, da grandissima a piccola squadra.

Una speranza per evitare un futuro ancor più nefasto può essere forse la Cantera: i giovani cresciuti nella storica Masia (Pedri, Ansu Fati, Puig, per non citare che i migliori prospetti) sono già adesso l’anima del Barcellona e storicamente il Barça è sempre rinato puntando su di loro. Anche perché cacciare Koeman, come ha riportato AS negli scorsi giorni, costerebbe al club altri 13 milioni di euro.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Emanuele Iorio

17 articoli
Il tifo in Indonesia come commedia e come tragedia
Tifo
Emanuele Iorio
04 Novembre 2022

Il tifo in Indonesia come commedia e come tragedia

L'analisi ad un mese dagli scontri di Malang.
Quel ramo del calcio di Como
Italia
Emanuele Iorio
17 Settembre 2022

Quel ramo del calcio di Como

Cos'ha in mente la presidenza più ricca d'Italia?
Sesso, droga e Stefan Effenberg
Ritratti
Emanuele Iorio
02 Agosto 2022

Sesso, droga e Stefan Effenberg

Duro in campo, durissimo nella vita.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il Cholismo forgiato dal fuoco dell’Etna
Calcio
Leonardo Catarinelli
18 Aprile 2020

Il Cholismo forgiato dal fuoco dell’Etna

Il Catania degli argentini guidati da Diego Pablo Simeone.
Diego Padre Simeone
Papelitos
Federico Brasile
16 Marzo 2022

Diego Padre Simeone

Guai a dare per morto il Cholo.
Frank Rijkaard, l’olandese sparito
Calcio
Mattia Curmà
07 Gennaio 2020

Frank Rijkaard, l’olandese sparito

La parabola misteriosa dell'allenatore che ha rimesso Barcelona sulla mappa del calcio.
L’Atletico Madrid non muore mai
Calcio
Gianluca Losito
23 Maggio 2021

L’Atletico Madrid non muore mai

Gli uomini di Simeone hanno vinto l'undicesimo titolo.
Hasta el Cholo siempre
Editoriali
Andrea Antonioli
03 Maggio 2017

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.