Italia
01 Settembre 2022

Barella, Dybala e Milinkovic-Savic ci fanno innamorare del calcio

Tre giocate che ci hanno rimesso al mondo.

Il nostro gusto per il giuoco del pallone non può ridursi alle esultanze scatenate per un insperato +3 al fantacalcio né all’onanismo di chi sta ore ed ore a discutere sulle heatmap, sugli xGoal puntualmente sbugiardati dalla realtà – dura come la pietra. Deve esserci, per quelli come noi, uno spazio di esaltazione – anche illusorio, ben venga in un’epoca ridotta all’immagine – in cui coccolarsi come d’inverno con una cioccolata calda: lo spazio dell’inventiva, dell’arte creatrice del Fútbol che stupisce proprio perché i sensi non riescono a concepirla. Una tattica si può prevedere, la scelta di un allenatore pure: ma la giocata che viene dal nulla, quel gol che fa crollare una curva, l’assist che fa borbottare la voce dello stadio («ohhhh»), tutto questo non è prevedibile, al contrario è inconcepibile. E proprio per questo è emozionante, è l’essenza più pura del gioco.

Tutto questo noioso ma necessario preambolo per dire che oggi ci fermiamo un momento a contemplare tre giocate che ci hanno fatto tornare bambini – innamorati del pallone. In ordine di tempo: Barella, Dybala, Sergej Milinkovic-Savic. Barella questo gol ce lo ha nelle corde, ma all’Inter ha imparato l’arte zen della disciplina, il controllo che viene dalla crescita, dalla maturità di chi diventa uomo. Guardate la sua esultanza e capirete che il caffè stamattina era quello di sempre, mica stiamo sbarellando. Il gol di Barella ha un coefficiente di difficoltà elevatissimo e la sua coordinazione è roba da far vedere nelle scuole calcio. Il pallone che Cahlanoglu gli piazza sul destro è morbido, ma arriva dall’alto. Barella piega il corpo rimanendo fermo col piede sinistro, ben piantato al terreno. Poi, quando colpisce il pallone alza la gamba ferma al suolo come chi ha visto passare una serpe sotto di sé, di scatto. È un gol meraviglioso, il più bello della giornata.


Il gol di Dybala in Roma-Monza è non a caso il primo gol della Joya con la maglia della Roma. Non a caso, diciamo, perché i giocatori forti come Paulino non si limitano mai a segnare tanto per, vogliono l’applauso al termine della giocata. Giocano, in un certo senso, non per loro stessi ma per i tifosi, per gli appassionati del gioco. Sono i calciatori che fanno innamorare dello sport, che sorridono dopo una rete. E in effetti l’esultanza di Dybala, prima della celebre mask, è ingenua come quella di un bimbo al pratone: sorride come un ragazzino, Dybala, dopo aver segnato, vorrebbe sfogare la sua gioia scavalcando i cartelloni pubblicitari e correre tra le braccia della gente. Poi però si ricorda che quella gente è lì anche per vedere la mask con il lupetto sul cuore.

Il primo gol di Dybala in Roma-Monza è un gol difficilissimo, più di quanto si possa pensare in un primo momento: Dybala prima capisce che Abraham può fare quella sponda (e scappa alle spalle dei difensori), poi stoppa il pallone alla grande e tocca ripetutamente la sfera, quasi accarezzandola col mancino, senza mai perderne il controllo. Il campo dell’Olimpico, da due mesi a questa parte, fa rimpiangere le erbacce del Flaminio: il coefficiente di difficoltà di quella corsa palla al piede è aumentata da questo fattore. Il tiro a rete, poi, è dominio tecnico puro: un mancino potente e precisissimo che non tocca neanche terra, ma gonfia la rete con una traiettoria terra-aria. In questo gol c’è tutto: cattiveria, grinta, tecnica, classe, in una parola Dybala.

Chiudiamo con il gesto tecnico di giornata: il colpo di tacco di Sergej Milinkovic-Savic contro la Sampdoria. Quello che colpisce di questa giocata non è tanto la bellezza – luminosa come l’ultimo sole primaverile – ma l’armonia della sua efficacia. Milinkovic fa quel tacco volante perché, banalmente, in quel momento è l’unica cosa che può fare per mandare in porta il compagno di squadra – con cui c’è un’affinità elettiva particolare. Immobile parte poco prima, sa che Sergej può inventarsi la giocata della settimana – contro la Salernitana a Salerno, lo scorso anno, avevamo visto un assist molto simile. Certo, rivedendo l’azione si rimane stupiti quasi più di chi l’ha vista in diretta: è l’azione perfetta, dal difensore (Romagnoli) all’attaccante (Immobile) in due passaggi, l’ultimo dei quali è un colpo di tacco volante, senza neanche guardare, di quello che è senza dubbio il miglior centrocampista in Serie A, probabilmente uno tra i migliori in Europa in questo momento. Grazie di averci fatto emozionare.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La partita del secolo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Dicembre 2022

La partita del secolo

Argentina-Francia è stata una metafora dell'esistenza.
La colpa degli argentini? Essere bianchi!
Critica
Gianluca Palamidessi
11 Dicembre 2022

La colpa degli argentini? Essere bianchi!

La domanda è: quando, il Washington Post, parlerà dello stesso problema per la Croazia?
È tornato il calcio degli stregoni
Critica
Gianluca Palamidessi
10 Dicembre 2022

È tornato il calcio degli stregoni

I Mondiali come essenza del calcio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il calcio non funziona con gli #allegriout
Papelitos
Giovanni Casci
14 Novembre 2022

Il calcio non funziona con gli #allegriout

Basta con gli hashtag e le cassanate.
La Salernitana è una lezione di sport (e di vita)
Papelitos
Marco Armocida
25 Aprile 2022

La Salernitana è una lezione di sport (e di vita)

Comunque dovesse andare a finire, è già epica.
La Serie A decresce, ma è felice
Italia
Federico Brasile
14 Marzo 2022

La Serie A decresce, ma è felice

Una lotta al vertice mai così avvincente.
La strage dello Stadio Olimpico
Cultura
Alberto Fabbri
23 Gennaio 2022

La strage dello Stadio Olimpico

23 gennaio 1994, la Mafia alza il tiro contro lo Stato.
I campionati non si vincono con il gioco
Papelitos
Federico Brasile
12 Aprile 2022

I campionati non si vincono con il gioco

E ne stiamo avendo l'ennesima dimostrazione.