Carrello vuoto
Calcio
24 Agosto

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Andrea Antonioli

79 articoli
Affrontare la modernità con la forza della tradizione.

“Non spenderemo 100 milioni di euro per Marco Verratti. Né 25 all’anno per Alexis Sanchez. Se vogliamo vincere la Champions League dobbiamo rafforzarci e certamente spendere parecchio, ma non fare sciocchezze”.

Così Uli Hoeness, allora presidente del Bayern Monaco, parlava esattamente tre anni fa. Pur riconoscendo la necessità di un «processo di ringiovanimento generale» e di «investimenti importanti», egli era sicuro di una cosa: i bavaresi, per tornare a vincere in Europa, non avrebbero dovuto seguire il modello plutocratico degli altri top club.

“Chi spende così tanto non potrà permettersi nemmeno un tozzo di pane. Perché il successo, in campo sportivo, non si può programmare come viene immaginato dai grandi investitori. Solo una squadra vince la Champions League. Quando gli investitori arriveranno a dire: «abbiamo sborsato così tanti soldi ma non abbiamo vinto nulla», allora arriverà il momento del Bayern.

– Uli Hoeness, incalzato anni fa dai cronisti sulle spese folli proprio del PSG

Sì perché oggi salgono un po’ tutti sul carro del vincitore, come è ovvio che sia, parlando di modello Bayern; eppure negli ultimi anni, quando i risultati sperati non arrivavano e il progresso della globalizzazione finanziaria sembrava marginalizzare la squadra di Monaco, la pressione sulla dirigenza era molta. Un cambio di passo era richiesto a gran voce e, proprio per assecondare i tempi, l’ultima campagna acquisti del Bayern Monaco era stata la più esosa mai vista in Baviera.

Noi stessi scrivevamo poco più di un anno fa come il Bayern non potesse restare conservatore, evidenziando la necessità di un incrocio fra tradizione e modernità che però si basasse sull’essenza biancorossa: quel “Mia san mia” (Noi siamo noi), motto orgoglioso della società e dottrina scolpita nel marmo. La comunità del Bayern Monaco; prima degli egoismi, del mercato, degli allenatori e dei top player. Comunque la scorsa stagione, per tuffarsi nel sempre più competitivo scenario internazionale, erano arrivati Lucas Hernandez (per 80 milioni), Benjamin Pavard (per 35) e Philippe Coutinho (prestito oneroso a 8.5 milioni più altri 120 per l’eventuale riscatto).

Questi tre sotto la guida di Hans-Dieter Flick, allenatore scelto in casa proprio per garantire lo spogliatoio, ieri sono rimasti in panchina con il solo Coutinho subentrato nelle fasi finali: in compenso Flick ha recuperato calciatori come Boateng e il fondamentale Thomas Muller, operando sempre in vista del generale e mai del particolare. Ecco la grande differenza con il Paris Saint Germain, un insieme di figurine ben riuscito, ma pur sempre una squadra priva di carattere e di una vera e propria anima.

Neymar e Mbappé, le due maggiori delusioni della finale, nel riscaldamento: il primo ha fallito la sua grande occasione di rappresentare il leader tecnico della squadra, il secondo non è ancora nel podio dei calciatori più forti al mondo (Photo by David Ramos/Getty Images)

Il divario tra le due formazioni è emerso ieri nel secondo tempo, quando urgevano calciatori di personalità e Neymar e Mbappé, dall’alto dei loro 400 e rotti milioni, non sono stati in grado di farsi vedere né sentire (Neymar ci ha a tratti provato non riuscendoci, Mbappé nemmeno quello). Dopo il vantaggio di Coman al contrario il Bayern ha controllato gioco e palla, dettando i tempi con un calciatore di un livello tecnico superiore, Thiago Alcantara, e indirizzando la partita con coesione e coscienza di squadra. L’abitudine a certe partite, ma ancor prima l’abitudine a giocarle insieme quelle partite, ha fatto tutta la differenza del mondo – chi si chiede ad esempio perché giochi ancora Thomas Muller, salito in cattedra non a caso nella seconda frazione di gioco, trova nella partita di ieri sera una pronta risposta.

Dall’altra parte nel Paris Saint Germain la costruzione offensiva era affidata al solo Di Maria, inspiegabilmente sostituito dal timido scolaretto Tuchel: el Fideo, capace di trascinare l’Argentina in finale ai mondiali nel 2014 (ben più di Messi) e abituato a condire il talento con una personalità stra-ordinaria, è stata l’unica nota positiva dal centrocampo in avanti dei francesi. Schermato dall’ottimo Marquinhos – il pensiero va qui necessariamente a Walter Sabatini – Di Maria ha giganteggiato in mezzo ai già citati ed impalpabili, caratterialmente e quindi tecnicamente, Neymar e Mbappé.

Molte cose sarebbero da dire, ma ci preme chiudere con un dato: come riporta Calciomercato.com, l’undici titolare di ieri sera è costato al Bayern Monaco 95 milioni, tra calciatori cresciuti nelle giovanili anima della squadra (Muller, Alaba, Kimmich) e investimenti mirati; al contrario il PSG schierava una formazione dal valore di 633,5 milioni di euro. Quasi 7 volte in più. Se ci aggiungiamo che gli acquisti più onerosi dei bavaresi scaldavano la panchina, e che la partita è stata decisa da un giocatore lasciato partire a parametro zero proprio dal Paris Saint-Germain (Kingsley Coman) l’equazione è completa. Con un allenatore fatto in casa, scelte strategiche, salde radici e molto lavoro, il Bayern è di nuovo la migliore squadra d’Europa. Il segreto, citando Hoeness, non stava nello spendere 100 milioni. Non per Verratti certo, ma magari nemmeno per Messi o Ronaldo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Tifo
Emanuele Meschini
2 Novembre 2021

Avete mai giocato a PES con Andy Warhol?

Chi non salta, una mostra artistica tra calcio, cultura e identità.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
12 Agosto 2021

Non prendiamocela con Messi e Lukaku

Guardare il dito e non la luna.
Estero
Valerio Santori
2 Giugno 2021

Guardiola non vuole più essere Guardiola

La dura vita del profeta, fuori dalla patria.
Estero
Marco Armocida
23 Maggio 2021

Il Lille è un sogno, non una chimera

Come strappare la Ligue 1 al Paris Saint Germain.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Papelitos
Federico Brasile
14 Aprile 2021

Neymar svela la nostra incoerenza

Quando l'estetica travolge l'etica.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo 2021

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo 2021

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Tifo
Emanuele Meschini
13 Febbraio 2021

L’Hajduk Spalato è uno stile di vita

Una squadra che non si “appartiene”, ma si vive.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio 2021

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Papelitos
Federico Brasile
29 Novembre 2020

Dove sono finiti quelli di Rangnick?

Il Milan comanda senza aver ceduto all'esterofilia.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Gianluca Losito
7 Novembre 2020

Mario Götze in fuga da se stesso

Una carriera tra aspettative e ricerca di se stesso.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Altri Sport
Antonio Torrisi
14 Settembre 2020

Non abbiamo scelto di nascere cristiani né ferraristi

La Ferrari (oggi più che mai) è un atto di fede.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Calcio
Antonio Aloi
27 Agosto 2020

Manuel Neuer ha rivoluzionato il ruolo di portiere

Come costruire le vittorie dalle fondamenta.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto 2020

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.
Tennis
Gianluca Palamidessi
15 Agosto 2020

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto 2020

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2020

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto 2020

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Altro
Giacomo Proia
26 Luglio 2020

Il gioco delle bocce grida: viva l’Italia!

Ma il mondo non gli concede il prestigio che meriterebbe.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio 2020

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Editoriali
La Redazione
2 Luglio 2020

Il Silenzio di Piazza del Campo

Oggi si sarebbe dovuto correre il Palio di Siena.