Carrello vuoto
Papelitos
24 Marzo

Bellerin contro il “razzismo” dell’Occidente

La Redazione

60 articoli
Una presa di posizione che sta facendo discutere.

Stanno facendo discutere le dichiarazioni di Hector Bellerin, terzino dell’Arsenal in prestito al Betis, rilasciate al canale YouTube “La Media Inglesa”. Questi ha infatti condannato il doppiopesismo dell’Occidente sulla questione russo-ucraina, esprimendosi in maniera chiara: «È un po’ difficile da accettare che siamo più interessati a questa guerra che ad altre. Non so se è perché (gli ucraini) sono più simili a noi o se a causa di un conflitto che può riguardarci più direttamente, dal punto di vista economico o da quello dei rifugiati. Ma non si parla più della guerra in Palestina, né di quella in Yemen, in Iraq… Anche il fatto che la Russia non sia stata ammessa ai Mondiali è qualcosa che succede da anni in altre parti del mondo». E ancora:

«È razzista aver chiuso un occhio su altri conflitti e ora avere questa posizione. Riflette anche una mancanza di empatia per le tante vite perse in molte altre guerre, mentre noi diamo la priorità a quelle che ci sono vicine».

Hector Bellerin

Parole dicevamo che stanno facendo discutere, soprattutto in Inghilterra, “vera” patria calcistica del difensore spagnolo. Un’Inghilterra che in Europa ha assunto la posizione più dura nei confronti della Russia (oltre ovviamente ai Paesi ex sovietici), e in cui la linea Johnson prevede un atlantismo radicale e una nettissima opposizione a Cina prima e Russia ora. In tal senso la presa di posizione di Bellerin non è stata certo l’unica a far notare certe incongruenze – per le stesse motivazioni Aykut Demir, calciatore turco, si era rifiutato di indossare la maglietta “no war”, e altre critiche al doppiopesismo occidentale erano arrivate dai Balcani o dal Medio Oriente.

Eppure è la prima che arriva da un giocatore rappresentativo del grande calcio europeo, nato in Spagna ma cresciuto calcisticamente nello scintillante mondo della Premier League inglese (fin dal 2012). Per questo è soprattutto in Inghilterra, ben più che nella sua patria natale, che il suo intervento sta sollevando polemiche ed aspre critiche. Un’Inghilterra che colora lo stemma della Premier di giallo e blu, e che nello sport si vanta di essere civile, impegnata, inclusiva; di sostenere la consapevolezza politica e sociale degli atleti, basta che poi sia la stessa promossa dai vertici sportivi, dagli sponsor e dalle televisioni. Come a dire: pensa come vuoi, ma pensa come noi.

In questo clima in cui gli sportivi sono usati come marionette – utili burattini di una propaganda più che di una politica, da sfruttare fino a quando ripetono il copione già scritto da altri o in caso contrario da ridicolizzare (come capitato agli sportivi critici sul vaccino, sulle “guerre giuste” o su qualsiasi altra cosa) – che ci siano degli Hector Bellerin è solo un bene. Con cui non essere d’accordo magari, criticabili nelle argomentazioni per mille motivi. Ma lo sport e l’Occidente, almeno in teoria, sono anche questo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Ritratti
Alessandro Di Nardo
17 Maggio 2022

Artem Dzyuba contro tutti

Non si tratta con il centravanti russo.
Altro
Valerio Santori
9 Maggio 2022

Caro Jurgen, ma non è che stai a rosica’?

Viva il Liverpool e i rosiconi, ma quelli sinceri!
Papelitos
La Redazione
20 Aprile 2022

Wimbledon bandirà gli atleti russi, secondo il NYT

Una discriminazione esagerata e immotivata.
Papelitos
Valerio Santori
16 Aprile 2022

Da quando Bielsa è andato via, a Leeds c’è aria di festa

Per i giocatori, ancor prima che per i tifosi.
Estero
Vito Alberto Amendolara
11 Aprile 2022

Manchester City-Liverpool, e tutto il mondo fuori

Da qui passano i destini del calcio attuale (non solo inglese).
Interviste
Alberto Fabbri
9 Aprile 2022

Stenio Solinas: la corrida, il calcio, la vita

La giovinezza è uno stato dell'anima, e dello sport.
Cultura
Diego Mariottini
2 Aprile 2022

Entrenamos en suelo argentino!

Lo sport argentino nel conflitto delle Malvinas.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Marzo 2022

Gerrard contro Saka, il football non è il curling

Stevie G contro la spettacolarizzazione del calcio.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Marzo 2022

Ora tremano anche i tennisti russi

Il maccartismo all'attacco di Medvedev e compagni.
Altro
Eduardo Accorroni
17 Marzo 2022

Alireza Firouzja, il futuro degli scacchi tra Iran e Francia

Il nuovo talento mondiale degli scacchi sta creando un caso diplomatico tra i due Paesi.
Estero
Lorenzo Serafinelli
10 Marzo 2022

Facile condannare la Stella Rossa

Perché il club è legato alla Russia?
Estero
Edoardo Franzosi
7 Marzo 2022

Il ventennio blu di Roman Abramovich

Qualche ricostruzione, ora che si è concluso nel modo peggiore.
Papelitos
La Redazione
6 Marzo 2022

Nikita Mazepin, licenziato perché russo

Il neo-maccartismo continua spedito.
Papelitos
Federico Brasile
3 Marzo 2022

Non (s)cadiamo nella russofobia

Almeno nello sport, distinguiamo tra cose e persone.
Editoriali
Andrea Antonioli
1 Marzo 2022

Figli e figliastri, da sempre

Ma davvero vi stupite dell'esclusione russa?
Estero
Luca Pulsoni
26 Febbraio 2022

Lo sport si è svegliato, forse

O meglio è stato obbligato a farlo.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
15 Febbraio 2022

Peronismo, futbol e rivoluzione

Per una nuova Argentina fondata sullo sport.
Cultura
Massimiliano Vino
9 Settembre 2021

Libia, lo sport delle masse

L'utopia sportiva di Muammar Gheddafi.
Editoriali
Andrea Antonioli
24 Giugno 2021

Che stanchezza il calcio arcobaleno

Kneeling, rainbows and conformism.
Papelitos
Federico Brasile
30 Marzo 2021

Perché boicottare quando si può sensibilizzare?

Le nobili battaglie degli sportivi impegnati.
Editoriali
Valerio Santori
24 Marzo 2021

Lo sport è politica, non propaganda

Gli atleti impegnati non sono tutti uguali.
Altro
Alessandro Imperiali
6 Dicembre 2020

Vladimir Putin, lo sport per la Russia

Patriottismo e soft power declinati in ambito sportivo.