Carrello vuoto
Interviste
13 Febbraio

A Napoli Bruscolotti è storia

Mattia Di Lorenzo

13 articoli
Una carriera legata al Napoli e cinque stagioni da capitano, poi la fascia ceduta a Maradona per raggiungere la gloria. La nostra intervista a Beppe Bruscolotti.

Con l’azzurro che risplende all’ombra del Vesuvio vinse e fu felice, con quello della Nazionale invece non si incontrò mai, sbarrato da un ostracismo assurdo e reiterato di tecnici che, pur vincenti, lo snobbarono al punto di negargli la gioia di una convocazione che avrebbe meritato a pieni voti. Nell’arco della sua lunga carriera fu un vero e proprio incubo per gli attaccanti avversari, che ne soffrirono stazza e temperamento guerriero: a sentire Corrado Ferlaino «come marcatore puro tra i primi cinque d’Italia.» Per i compagni di squadra invece rappresentò sempre un punto di riferimento rassicurante ed incrollabile, in campo e nello spogliatoio. Per i tifosi, molto più di un beniamino. Per Napoli e per il Napoli, a giusta ragione, un pezzo di storia vivente.

 

Beppe Bruscolotti, ribattezzato Pale e’ fierro, ha indissolubilmente legato il suo nome alla leggenda degli azzurri del primo scudetto. Quello conquistato con le prodezze di Diego ma anche grazie al suo gesto, con il quale, da vero Capitano “coraggioso”, cedette la fascia al più grande di tutti: aveva avvertito infatti che quello sarebbe potuto essere l’anno buono e che la svolta, in grado di coronare il sogno, sarebbe passata anche da una accresciuta responsabilizzazione del campione del gruppo. Gli abbiamo rivolto qualche domanda sul passato e sul presente.

Bruscolotti lei per anni è stato annoverato tra i più grandi difensori italiani ed europei. Si diceva fosse in grado di fare reparto da solo, eppure i commissari tecnici della nostra nazionale non l’hanno mai convocata neppure per una amichevole. Le pesa non aver mai indossato l’azzurro dell’Italia?

Per molti anni su di me c’è stato un giudizio univoco che mi ha considerato tra i migliori terzini destri della serie A. Del resto io ero ben consapevole dell’impegno che mettevo nel mio lavoro e della qualità delle mie prestazioni. Lo confesso: non aver avuto neppure una volta la soddisfazione di indossare la maglia della Nazionale mi ha dato un notevole dispiacere. Senza presunzione, credo di poter dire che avrei meritato quantomeno di essere inserito nel gruppo azzurro. Magari quello che poi ha conquistato il Mondiale spagnolo dell’82, dove però mi fu preferito Bergomi, che pure aveva solo 18 anni.

L’azzurro del Napoli invece le ha sempre arriso e lei ha ricambiato con riconoscenza, compiendo anche scelte di grande umiltà contrassegnate dalla passione per la squadra e la città. Una di queste fu l’aver ceduto a Maradona la fascia di capitano: un atto d’amore tutt’altro che scontato, in cui dimostrò di sapere che talvolta, per raggiungere la gloria, bisogna fare un passo indietro.

 

Dice bene. È proprio così. Leggevo negli occhi di Diego la gioia di giocare nel Napoli, il suo attaccamento alla maglia, il trasporto per la città, il desiderio insopprimibile di regalare alla nostra gente, che ci sosteneva in modo commovente, quello che fino ad allora era sempre sfuggito. Capii che dargli la fascia lo avrebbe ulteriormente responsabilizzato, spronato, e reso più irresistibile di quanto non già non fosse. Gli strappai la promessa di portare il titolo a Napoli: Diego si esaltò e ovviamente la mantenne. Conquistammo lo scudetto.

 

Bruscolotti e Maradona
Giuseppe Bruscolotti e Diego Armando Maradona in abiti civili

 

Con Maradona è rimasto in buoni rapporti?

Siamo grandi amici e non potrebbe essere altrimenti. Per me è stato il più grande di tutti e con lui ho scritto non solo una gloriosa pagina di sport, ma un capitolo importante, lo dico convinto di non esagerare, della storia di Napoli. Peccato che la lontananza non ci consenta di vederci spesso. Quando però capita di rivederci è sempre una festa.

Veniamo ad oggi. Benitez e Ancelotti, due tecnici pluridecorati e dalla conclamata caratura internazionale, a Napoli hanno vissuto esperienze travagliate e tutto sommato deludenti. Come se lo spiega: errore di approccio o piuttosto è la piazza, o magari la compagine societaria, a tradire una incompatibilità con allenatori del loro calibro?

Farei una differenza. Con Benitez la bacheca si è arricchita di qualche coppa, il che fa sempre bene. Ma soprattutto è arrivato un parco giocatori di grande talento. Poi nel calcio spesso sono gli episodi, più o meno fortunati, a cambiare il corso delle cose e Benitez non è stato accompagnato dalla buonasorte: penso ad esempio alla eliminazione dalla Champions nonostante un ruolino di marcia impressionante nella fase a gironi. Ancelotti invece mi ha un tantino deluso. Era lui il tecnico ed era a lui che toccava di compiere scelte strategiche, che però non ho visto.

 

Anzi, a dirla tutta, ho registrato una ostinazione su alcuni aspetti, per esempio quella di non prendere e quindi di puntare su un centrale di centrocampo di grande spessore, che al Napoli sarebbe tornato utile come il pane. Ancora oggi non me ne capacito. Ripeto, scelte o se preferisce non scelte, che hanno cozzato col suo profilo internazionale. Da questo punto di vista solleverei il Presidente De Laurentis e il gruppo dirigente da responsabilità di sorta. E anche la piazza non ha colpe. Uno come Ancelotti, abituato a contesti di livello altissimo, non può farsi condizionare dalle pressioni che per una realtà come Napoli sono la regola.

 

Oggi c’è Gattuso. Secondo lei sta facendo bene? E soprattutto con lui il Napoli può gettare le basi per il futuro?

Gattuso non mi dispiace, è un passionale. È vero, non ha il blasone né di Ancelotti, né di Benitez. Ma si è lanciato a capofitto in una avventura irta di ostacoli, con una squadra demotivata, spenta, fiaccata da un morale a pezzi. Una situazione tutt’altro che ottimale e che, prima della vittoria con la Juve, lo ha subito proiettato in una posizione di rischio esonero, visto anche il malumore dei tifosi che cominciava a montare. Sarà il tempo a dirci se può essere lui il punto fermo su cui edificare il futuro, adesso però bisogna dargli fiducia.

 

Qualcuno può vedere in questa foto un messaggio subliminale di ciò che servirebbe con continuità al Napoli (Foto di SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

 

Ancora una domanda amarcord. Qual è stato l’attaccante più più le ha dato filo da torcere?

Posso dire con orgoglio di aver marcato e spesso fermato i più grandi della mia epoca, non soltanto di casa nostra. Alcuni erano davvero molto ostici, penso a Gigi Riva, a Bettega, a Paolo Rossi, ad un portento come Rummenigge. Ma mi lasci dire che anche loro, quando sapevano di dovermi incontrare, non facevano salti di gioia.

Cosa c’è invece nel futuro di Bruscolotti?

Voglio vivere una vita serena senza perdere la voglia e il piacere di muovermi e fare attività fisica. Di una cosa sono però certo: in me non solo non si spegnerà mai, ma non si affievolirà neppure, la passione per il calcio e per il Napoli.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Diego Mariottini
2 Aprile 2022

Entrenamos en suelo argentino!

Lo sport argentino nel conflitto delle Malvinas.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
20 Gennaio 2022

Mario Kempes: dalla strada alle stelle

La nostra intervista a un mito vivente del fútbol.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Italia
Federico Brasile
19 Novembre 2021

Balotelli, Joao Pedro… chi offre di più?

La Nazionale è una cosa seria.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Ottobre 2021

Carlos Bilardo e il fantasma di Maradona

Il mitico ct dell'Argentina campione del mondo non sa ancora che Diego è morto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Edoardo Franzosi
17 Settembre 2021

Gianluca Vialli e il tempo della gratitudine

Il cancro, la fede, il calcio.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
4 Agosto 2021

Fernando Signorini, all’ombra di Maradona

Due chiacchiere con lo storico preparatore di Diego.
Interviste
Leonardo Aresi
30 Luglio 2021

Conversazione con Jorge Burruchaga

A tu per tu con il campione argentino.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Luglio 2021

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Papelitos
Paolo Pollo
5 Luglio 2021

Il mediano che diventò domatore di leoni

Breve elogio di Lele Oriali.
Altro
La Redazione
28 Giugno 2021

I colletti bianchi

Maestri, Episodio II: Vladimir Dimitrijević.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Italia
Raffaele Scarpellini
23 Giugno 2021

Dal Pescara alla Nazionale

Immobile, Insigne e Verratti: da Zeman a Mancini.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
27 Aprile 2021

Achille Lauro, ‘O Comandante

Governa Napoli e poi muori.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile 2021

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.
Editoriali
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Tu vuò fà l’americano

De Laurentiis e il Napoli non si sono mai capiti.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Novembre 2020

Il VAR ha ucciso l’epica

Cosa ne sarebbe stato del mito con la tecnologia?
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
25 Novembre 2020

Nessuno tocchi Maradona

L'arte è arte perché amorale, al di là del bene e del male.
Calcio
Antonio Torrisi
11 Novembre 2020

Lorenzo Insigne è ancora incomprensibile

Se la realtà non sorregge la narrazione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
11 Novembre 2020

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato

Era proprio necessaria la pausa delle Nazionali?
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre 2020

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre 2020

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Papelitos
Luca Pulsoni
11 Settembre 2020

Il malato immaginario

Il caso De Laurentiis conferma l'ipocrisia del nostro sistema.
Tennis
Luca Pulsoni
25 Agosto 2020

Paolo Sorrentino, il Napoli e Maradona

Il legame con Partenope, la sua squadra e il più grande di tutti.
Storie
Luca D'Alessandro
9 Agosto 2020

L’Islanda è rinata con il calcio

Strappare i giovani al nichilismo e votarli al pallone.
Storie
Andrea Meccia
22 Giugno 2020

L’altra faccia di Argentina v Inghilterra 1986

22/06/1986: oltre la mano di Dio, il gol del secolo e le Falkland/Malvinas.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Storie
Mattia Di Lorenzo
10 Giugno 2020

Nicolò Carosio e il razzismo inesistente

Un insulto razzista mai pronunciato può costare l'epurazione.
Storie
Luca Pulsoni
24 Maggio 2020

Victor Hugo Morales, Maradona e l’aquilone cosmico

Quando la narrazione sportiva diventa letteratura.
Calcio
Diego Mariottini
27 Aprile 2020

L’Argentina è una Repubblica fondata sullo Sport

Quando lo sport diventa mito fondativo dell'identità nazionale.
Recensioni
Annibale Gagliani
2 Aprile 2020

Giovanissimi di Forgione è un inno alla vita

Nel nuovo romanzo dello scrittore partenopeo il calcio e Napoli giocano un ruolo fondamentale.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Marzo 2020

Luca Toni, tu sei per me il Numero Uno

L'italiano perfetto era pure un attaccante straordinario.
Storie
Luigi Fattore
19 Marzo 2020

Napoli centrale

Dalla pittura al cinema, dalla musica al calcio: negli anni '80 Napoli si ribella al Male.
Ritratti
Matteo Mancin
8 Marzo 2020

Bruno Pizzul, un’icona nazionale

Uno dei più grandi artigiani della parola sportiva.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
2 Marzo 2020

Patrizio Oliva, da Poggioreale all’oro olimpico

Uno dei più grandi rappresentanti del pugilato tricolore ci ha raccontato la sua storia, umana ancor prima che sportiva.
Storie
Diego Mariottini
20 Gennaio 2020

La tripletta di Anastasi e la parolaccia di Ameri

Un ricordo di Pietro Anastasi, nell'unico pomeriggio in cui Enrico Ameri cadde nel turpiloquio.
Calcio
Enrico Leo
22 Novembre 2019

La crisi del Milan viene da lontano

Il momento negativo del Milan rispecchia l'incapacità gestionale della sua dirigenza.
Papelitos
Alberto Maresca
7 Novembre 2019

Spaccanapoli

Non solo l'ammutinamento dei calciatori ma anche lo sciopero della curva: la situazione a Napoli sta esplodendo.
Recensioni
Luigi Fattore
28 Settembre 2019

Diego Maradona

Kapadia supera la difficile prova cui era chiamato, indagando la complessità del rapporto tra Maradona e la città di Napoli.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
7 Settembre 2019

Piuttosto che mollare, morire. Maradona torna ad allenare

El Pibe de Oro è il nuovo allenatore del Gimnasia.