Carrello vuoto
Tennis
28 Gennaio

Nadal è Nadal, Berrettini è Berrettini

Andrea Antonioli

79 articoli
Almeno per ora, ed è naturale che sia così.

Quando su queste colonne abbiamo scritto, qualche giorno fa, che Berrettini non è un fenomeno, un eletto del tennis e nemmeno un “talento in senso stretto” ci siamo presi insulti e reprimende. Succede spesso quando si prova a valutare lucidamente i limiti di un simbolo sportivo nazionale, un italiano che unisce il Paese nel tifo e nel sostegno collettivo. Il punto è che quella non era una critica, bensì un elogio: Berrettini arriva in finali e semifinali slam, al numero 7 al mondo (ora 6) nonostante delle lacune tecniche tanto gravi quanto innegabili per un top ten. 

Non è un caso che vada in enorme difficoltà appena si alza il livello, che abbia perso 17 incontri su 18 con i migliori sei giocatori al mondo.

Contro Nadal, che ne ha evidenziato tutti i punti deboli a partire dal tallone d’achille del rovescio, Matteo Berrettini è stato letteralmente annichilito per due set. Per chi mastica un minimo di tennis e aveva visto il Rafa degli ultimi giorni, era chiaro che lo spagnolo partisse così: aggressivo, vicino al campo, con l’intenzione di travolgere “l’inesperto” avversario e portare in campo tutto il peso del proprio carattere e della propria presenza. Il tutto accompagnato dalla classe dello spagnolo nel saper gestire i momenti di una partita 3 su 5, costretto ad accorciare i tempi e ben consapevole dell’unico piano di battaglia possibile: un inizio arrembante causa precaria condizione fisica e l’accumulazione di un imprescindibile vantaggio (ricordiamo che, fino a settembre, il maiorchino doveva ancora appoggiarsi a delle stampelle per camminare).

Poi come preventivabile, dopo un’ora e mezza di lezione di tennis, Nadal cala mentre Berrettini rimane lì con la testa. Un paio di game fanno la differenza, Matteo si aggiudica il terzo set e prolunga il match il quarto, con un copione che sembrava ricalcare quello vissuto da Rafa già con Shapovalov (da due set a zero sopra alla rimonta). Lo spagnolo crolla fisicamente e già dalla metà del terzo set inizia a sbagliare: soffre sui suoi turni di servizio ma soprattutto non risponde più in quelli dell’avversario, perdendo 22 punti consecutivi nei game di risposta a cavallo tra terzo e quarto parziale.

A questo punto, di nuovo, è chiara la strategia dello spagnolo: lasciar andare i giochi di servizio avversario, ridurre al minimo la fatica e giocarsi tutto sui punti decisivi. La tecnica della zampata insomma, la strategia dei grandi campioni, come quando Cristiano Ronaldo sa di non poter più correre e pressare ma aspetta quel singolo cross per buttarla dentro. Così fa Nadal che sul 4-3, dopo aver perso cinque game di risposta a zero e complice la tensione dell’italiano, piazza il break chirurgico che lo porta a servire per il match sul 5-3 e a chiudere la partita.



Berrettini, dicevamo, esce a testa altissima da questi Australian Open, ma se ci permettete lo fa un po’ meno la “critica” tennistica italiana: da chi pronosticava una sua vittoria a chi lo presentava “finalmente pronto”, da coloro che lo incoronavano già al livello dei migliori ai telecronisti di Sky Sport, che a fine partita ne hanno evidenziato «i progressi rispetto alla prima sfida con Nadal allo US Open del 2019» – quali, aver vinto un set (e poi perso la partita) con un Rafa al 50% dopo essere stato brutalizzato per 90 minuti? – diciamo che il racconto dei fatti è stato molto di parte, ai limiti del fazioso.

Anche perché Matteo Berrettini, lo ripetiamo ancora una volta, è un atleta e un ragazzo eccezionale. Uno che sta già scrivendo la storia del suo sport con risultati impressionanti e oltre ogni aspettativa. Eppure è un tennista con delle carenze innegabili per i più importanti palcoscenici mondiali, carenze tecniche che contro i più forti diventano anche psicologiche: non è un caso che Matteo in queste occasioni sia spesso contratto, non riesca a sentire la palla e a giocare a braccio sciolto. È invece una precisa conseguenza della tattica dei suoi avversari che lo mettono spalle al muro, nudo di fronte ai propri limiti, e ne minano in testa le certezze accumulate, in campo la fluidità di gioco.

Funziona così nel tennis: c’è l’avversario, non è mai solo una questione del singolo.

Quello stesso avversario che se si chiama Federer o Nadal ti investe, come successo a Berrettini, e che contribuisce a farti giocare male, o almeno non come vorresti. Su questo si può lavorare anche caratterialmente (al di là del piano tecnico, Matteo avrebbe potuto vincere il quarto set anche solo avendo più coraggio e fiducia): il romano classe ’96 è giovane, ha una grande carriera davanti e soprattutto ha i mezzi, l’intelligenza e l’ambizione per crescere sempre di più.

Tuttavia, tornando al campo, purtroppo Berrettini deve ancora mangiare ancora tanta pastasciutta – per utilizzare un’orrida espressione divenuta ormai patrimonio nazionale – prima di potersi confrontare ad armi simil-pari con i primi tennisti del mondo. Lo sa lui, persona umile e consapevole, lo sa il suo coach, lo sanno i suoi avversari ma facciamo finta di non saperlo noi; o almeno non lo diciamo, quasi che fosse lesa maestà o, ripetiamo, una critica ai suoi danni. È invece l’esatto contrario. Perciò Berrettini merita ancora di più i nostri elogi, perché ci sta dando una lezione di sport e insieme di vita. L’unica cosa, non abbandoniamoci ad una retorica faziosa e partigiana: questa non aiuta né Matteo né, più in generale, lo stato del nostro giornalismo. Pardon, opinionismo.


Foto copertina Twitter


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Andrea Antonioli
25 Gennaio 2022

La forza di Berrettini sta nella testa

Per sfatare qualche falso mito.