Carrello vuoto
Tennis
21 Giugno

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.

Laver, Emerson, Connors, McEnroe. Becker, Lendl, Sampras. Hewitt, Roddick, Nadal e Murray. Basterebbe dare una rapida scorsa all’albo d’oro del Queen’s Club Championships per coglierne istintivamente il peso storico. Non bastasse, il richiamo a Her Majesty – nello specifico la Regina Vittoria – sottolinea la solennità dell’ultracentenario torneo londinese: ospitato in uno dei club tennistici più prestigiosi al mondo e antipasto preferito per i sudditi del Regno, e non solo, ai Championships più nobili del tennis.

Ecco, da ieri in quella collezione di campioni è stato iscritto anche il nome di Matteo Berrettini. Primo italiano a farlo, unico insieme a un certo Boris Becker a centrare l’obiettivo alla prima partecipazione. Una vittoria sognata e agognata, la prima in un torneo classe 500 del circuito; una vittoria che avrebbe meritato una degna risonanza mediatica, e che invece è stata presto oscurata dal filotto nel girone degli Azzurri di Mancini, a campi invertiti, contro i sudditi britannici gallesi.

Non se la deve essere presa Matteo, animo buono e mente razionale. Il Romano è ormai stabilmente il numero 1 italiano da un paio di stagioni, ma i suoi meriti sembrano sparire dai radar dei media, le sue conquiste trafiletti un po’ noiosi da quotidiani nazionali. Più interessanti le follie di Fabio, la precocità di Jannik, il rovescio senza tempo di Lorenzo. Tutti a modo loro più accattivanti, più “meritevoli” di un ragazzo romano di bell’aspetto, numero 9 del mondo e di grande solidità tennistica.



Lo notiamo osservandolo che Berrettini non è baciato dal talento cristallino. Il suo è un tennis costruito con anni di meticolosa ripetizione e impegno indefesso. Non ha la predisposizione di Sinner, il talento di Musetti o la classe di Fognini. Le sue vittorie sono arrivate quasi sotto traccia a forza di bordate di dritto, servizio portentoso e mentalità da giocatore vero (quando deve vincere, ovvero molto spesso, Matteo tendenzialmente vince). Non ci sono ricami nel suo tennis, ma non ci sono nemmeno i vuoti e i colpi di testa: in questo 2021 di straordinaria regolarità, delle sole 6 sconfitte subite ben 4 sono arrivate con giocatori oltre la sesta posizione mondiale, tra cui la finale al Master 1000 di Madrid per mano di Zverev.

I due titoli stagionali, conquistati su terra ed erba, testimoniano poi l’altra grande qualità del romano. Una duttilità che stupisce e scomoda paragoni ingombranti (e molto remoti) nella storia tennistica del nostro paese. Non a caso Berrettini è già al secondo trionfo su erba, unico italiano a raggiungere questo traguardo, ma è soprattutto il solo azzurro ad aver conquistato almeno gli ottavi di finale in tutti i tornei del Grande Slam. Uno spirito di adattabilità invidiabile e pericoloso per qualsiasi avversario, come testimoniato recentemente dalla rabbiosa esultanza di Novak Đjokovic ai quarti di finale del Roland Garros.

Quando è assistito da un’integrità fisica essenziale per il suo gioco, le martellate da fondo campo di Berrettini riescono a elevarsi a velocità di crociera sicura per lui, deleteria per chi dall’altra parte della rete prova a infrangere con le stesse armi la sua straordinaria regolarità. Un tennis di governo e fiducia che non ha bisogno dei riflettori per esaltarsi, e proprio lontano dalla ribalta il romano si sta costruendo una carriera fatta di vittorie e soddisfazioni – oltre ad una classifica che inizia a dare le prime avvisaglie di eccellenza. Costantemente nella top ten dal 28 ottobre 2019, Matteo punta dritto l’ottava posizione mondiale con un Roger Federer a portata di sorpasso: simbolicamente, un ulteriore tassello nella scalata dell’allievo di Santopadre.



A 25 anni Berrettini è un tennista maturo: mostra un sorriso latino e si complimenta con il povero Cameron Norrie – grande stagione per il britannico, ma terza finale persa quest’anno. Nessun colpo di testa, come detto, ma tutta la semplicità di chi non ha la storia, e le caratteristiche, da “caso mediatico”. Anche le dichiarazioni sono sempre composte, e non offrono materia di dibattito come le tormentate ed oscure parole di Sinner post sconfitta o quelle più imprevedibili e intriganti di Musetti.

«Pensare al mio nome e a quello del Queen’s accostati è incredibile. Ho realizzato un sogno che avevo da bambino»

Quello che stupisce di più a dire il vero sono gli obiettivi, chiari e nitidi davanti agli occhi, dietro i quali Matteo non si nasconde più: «Mentirei se non dicessi che voglio spingermi avanti a Wimbledon». Cosa vuol dire avanti non è dato saperlo e neanche è richiesto, ma in un torneo privo di Nadal, con un Federer a mezzo servizio e molti altri (da Thiem a Zverev) mentalmente inaffidabili, lo scopo non sembra così irraggiungibile.

Se il Queen’s è sempre stata l’anticamera del Santuario, averlo conquistato autorizza a sognare in grande. E pazienza se solo nominare il torneo più prestigioso al mondo annebbia la vista, e se un conoscitore dell’erba londinese come Andy Murray affermi che a Berrettini “manca ancora qualcosa”. Il numero uno italiano, paradossalmente lontano dalle luci della ribalta, giocherà i Championships accompagnato dalla sua concretezza e dalla sua volontà. Perché il futuro sarà anche di Sinner e Musetti, ma se c’è una certezza è che il presente del tennis italiano si chiama Matteo Berrettini. Sarebbe bello se ne accorgessero tutti.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Giugno 2022

L’erba di Matteo è sempre più verde

Berrettini al rientro trionfa a Stoccarda.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Papelitos
La Redazione
20 Aprile 2022

Wimbledon bandirà gli atleti russi, secondo il NYT

Una discriminazione esagerata e immotivata.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre 2021

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.