Carrello vuoto
Storie
20 Marzo

One love, Bob Marley e il calcio

Giuseppe Gerardi

9 articoli
Bob Marley non è stato solo un grande artista. L'amore per il calcio ha guidato le sue note musicali.

Il 27 giugno del 1980 l’Italia intera si ferma: arriva Uprising Tour, l’evento musicale dell’anno. Allo stadio San Siro si esibisce uno degli artisti più influenti dell’epoca, capace di entrare, attraverso i versi delle sue canzoni, nel cuore di intere popolazioni: a prescindere dalla nazionalità, a prescindere dalle diverse culture, dal colore della pelle, dalle convinzioni politiche. Un uomo capace di far convivere in serenità un’enorme Torre di Babele grazie all’unico mezzo che consente l’unione fra genti diverse: la musica. A San Siro arriva Robert Nesta Marley, meglio conosciuto come Bob Marley.

 

Per l’evento si registra il tutto esaurito, gli spettatori sono all’incirca centomila e, prima di lui, si esibiscono due giovani cantanti italiani in cerca di successo: Roberto Ciotti e Pino Daniele. Il fatto che abbia scelto proprio San Siro come sede dell’evento potrebbe non essere una casualità. Bob Marley sceglie un luogo in cui si gioca a pallone. Perché? Forse perché – per chi non lo sapesse – Bob è stato un grande appassionato di calcio e dove, se non nella scala del calcio, poteva tenere il suo concerto? Due sono le cose che Bob ha amato nella sua (purtroppo) breve vita: la musica e, appunto, il football.

una delle più grandi emozioni della mia vita!....
Le due passioni trovarono a San Siro una conciliazione

Nelle strade di Rhoden Hall, il villaggio giamaicano ai piedi della collina Nine Miles dove è nato nel 1945, il piccolo Bob inizia a giocare a pallone insieme ai suoi amici. La sua è stata un’infanzia difficile, come quella della maggior parte dei bambini giamaicani. Le difficoltà economiche, l’essere rimasto orfano di padre in adolescenza e lo stesso rapporto con il padre (praticamente nullo) segnarono in modo netto la vita di Bob.

«Non ho avuto padre. Mai conosciuto…Mio padre era come quelle storie che si leggono, storie di schiavi: l’uomo bianco che prende la donna nera e la mette incinta»

Alla già complicata situazione legata al luogo di nascita, si aggiunse un’ulteriore difficoltà: le stesse origini di Marley. Era mulatto, nato da padre inglese bianco, Norval Sinclair Marley, e madre giamaicana nera, Cedella Booker. Ciò portò Bob ad essere vittima di violenze – sia verbali che fisiche – da parte dei suoi coetanei (e non solo) che lo portarono a chiudersi in se stesso. Agli inizi degli anni sessanta la madre decise di trasferirsi in città, stanca della monotonia e della disperata situazione del villaggio. La metropoli che accolse Cedella e l’adolescente Bob non fu una qualsiasi, ma Kingston, uno dei centri abitati col più alto tasso di povertà e criminalità del mondo.

 

Il quartiere che li ospitò fu il peggiore possibile: Trench Town. Un posto che ricorda – idealmente, ma non troppo – una sorta di giungla dalla quale è difficile (se non impossibile) venire fuori. Le strade strette, gli occhi della gente che seguono i tuoi passi, i colpi di pistola: tutto ciò è rimasto scolpito nella mente di Bob. Trench Town è ricorrente nei suoi testi, è un ricordo pesante come il masso di Sisifo: proprio come il macigno sembra vicino alla vetta e poi rotola giù travolgendo Sisifo, così Trench Town svanisce per pochi istanti per poi tornare e martoriare la mente di tristi ricordi.

 

Trench Town è l’Eterno Ritorno nietzschiano. Non è possibile liberarsene. «Trench Town non è in Giamaica, Trench Town è ovunque, perché è il luogo da cui vengono tutti i diseredati, tutti i disperati, perché Trench Town è il ghetto, è qualsiasi ghetto di qualsiasi città…E se sei nato a Trench Town, non avrai la benché minima possibilità di farcela». Su questo, come sappiamo, per fortuna si sbagliava.

bob marley
Il compagno di avventure più fedele

Intorno ai diciassette anni in Bob avviene un profondo cambiamento spirituale: si allontana dalla religione alla quale era stato educato, il Cristianesimo, perché incuriosito dal Rastafarianesimo, dottrina che ha in Jah il suo Dio. Bob Marley dedica anima e corpo al nuovo credo e inizia a seguirne le tradizioni: per prima cosa fa crescere i dreadlocks, i caratteristici capelli dei rastafariani, simbolo di purezza; fuma marijuana perché libera la mente, elimina i cattivi pensieri e – soprattutto per lui, che sta per intraprendere la carriera d’artista – è fonte di ispirazione.

 

Proprio in questo periodo si apre alla musica. Quella di Bob Marley va nella profondità dell’animo. È il Reggae, la colonna sonora dell’esistenza umana. Negli anni sessanta, insieme ai suoi amici Peter Tosh e O’Riley Livingston, Bob fonda i The Wailers, il gruppo reggae più famoso della storia. Nel frattempo l’altra sua passione non è svanita. Anzi, è più presente che mai. Marley non perde mai occasione per giocare a calcio. Prende a calci qualsiasi cosa gli capiti davanti, gioca in qualsiasi luogo, anche se il suo preferito è il campetto vicino casa dove è spesso immortalato in fotografie e video con un pallone fra i piedi.

 

 

La sua passione per il calcio contagia anche gli altri membri della band: nascono vere e proprie sfide durante le pause dei tour, oppure negli stessi studi di registrazione. Insomma, un amore incondizionato verso questo sport. Non tifava una squadra in particolare, gli piaceva il calcio in quanto sport da praticare in prima persona, forse per non pensare ai problemi che la vita gli aveva riservato in passato, quando ancora non era famoso, oppure per staccare dallo stress accumulato nei lunghi viaggi intorno al mondo. D’altronde, come disse egli stesso, “Football is freedom“; come dargli torto.

“Se non fossi diventato un cantante sarei stato un calciatore…o un rivoluzionario. Il calcio significa libertà, creatività. Significa dare libero corso alla propria ispirazione”

In verità, una squadra che lo faceva emozionare c’era: era il Santos di un certo Edson Antares do Nascimiento, altrimenti noto come Pelé. E chi se non lui poteva essere l’idolo “fútbolistico” di Bob Marley? Apprezzava la fantasia del fuoriclasse brasiliano perché, in qualche modo, si rivedeva in lui. Dare libero sfogo alle proprie emozioni, lo facevano entrambi: uno col pallone, l’altro con la musica. Il calcio ebbe un ruolo centrale anche nella diagnosi della sua malattia. Nel 1977, dopo una partita, Bob sentì un dolore all’alluce del piede destro e, sfilata la scarpa, si accorse che c’era qualcosa che non andava: l’unghia era nera e dolorante. Un pestone, che sarà mai.

 

Ma in un’altra partita il male fu ancora più intenso e l’unghia finì per staccarsi. Si sbagliava: non era un semplice pestone, ma un melanoma, un tumore maligno della pelle. Insieme alla famiglia consultò molti medici che diedero pareri diversi: chi consigliò di amputare solo il letto dell’unghia, chi l’alluce, chi – addirittura – l’intera gamba. Nel film documentario Marley diretto da Kevin MacDonald – pellicola che ripercorre l’intera vita del cantante giamaicano attraverso le parole di chi l’ha conosciuto -, alcuni parenti di Bob dicono che rifiutò di amputare l’alluce perché altrimenti non avrebbe più potuto giocare a calcio. E questo era impensabile. Bob decise di amputare solo il letto dell’unghia e, a dire il vero, sembrò riprendersi. Ricominciò con i tour che segnarono un’epoca: Babylonia by bus e Uprising Tour. Arrivarono concerti a cui assistettero migliaia di persone. Tutto il mondo era impazzito per Bob Marley.

bob marley
Bob Marley in seguito all’operazione

Nel giugno 1980, a tre anni di distanza dalla diagnosi del cancro, Bob Marley si esibì in due concerti a New York. Una mattina, mentre faceva jogging a Central Park, fu sorpreso da un collasso e cadde a terra privo di sensi. Effettuati gli accertamenti del caso, arrivò la notizia che nessuno avrebbe voluto sentire: il cancro era tornato. Come il masso di Sisifo. Come Trentch Town. Ed era ad uno stadio avanzato: metastasi a polmoni e cervello. Ricominciò a curarsi ed ebbe la forza di reagire anche questa volta tanto che, nel settembre dello stesso anno, si esibì allo Stanley Theater di Pittsburgh: fu il suo ultimo concerto.

 

La malattia, col passare del tempo, lo rese più debole. I suoi dreadlocks si indebolirono ed iniziarono a cadere. Bob prese la dolorosa decisione di tagliarli. Lo fece in una sorta di rituale sacro: li tagliava e, contemporaneamente, leggeva le pagine della Bibbia bagnate dalle sue lacrime: la fine era vicina. L’11 maggio 1981, al Cedar of Lebanon Hospital di Miami, dove era stato ricoverato d’urgenza per l’aggravarsi delle sue condizioni durante l’ultimo viaggio verso la Giamaica, Bob Marley morì. Aveva solo trentasei anni. Poco prima di morire desiderò parlare con i suoi figli e, con le poche forze rimastegli in corpo, pronunciò le sue ultime parole a Ziggy

I soldi non possono comprare la vita”.

Bob ricevette i funerali di Stato e la cerimonia di sepoltura si svolse seguendo un rito misto fra ortodossia etiopica e Rastafari. Venne sepolto nel suo luogo natale, Nine Mile, insieme ad alcuni oggetti a lui cari che ne hanno segnato l’intera esistenza: una chitarra, una pianta di marijuana, un anello, una Bibbia e, immancabile, il suo pallone da calcio.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Tifosi
Emanuele Iorio
28 Dicembre

Bob Marley e l’Ajax

Una storia d'amore nata per caso.
Calcio
Daniele Berardi
29 Settembre

Il calcio ai tempi della Play Station

Come la console più famosa del mondo ha cambiato il nostro modo di pensare (e di intendere) il gioco.
Ritratti
Jacopo Benefico
28 Marzo

Enzo Jannacci, l’arcimilanista

La storia rossonera di un artista a tutto tondo, capace di rappresentare una milanesità ormai perduta.
Calcio
Annibale Gagliani
28 Aprile

Mandzukic, il cervo bianco

Vivere lottando.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Calcio
Eduardo Accorroni
9 Agosto

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Storie
Ugo D'Elia
25 Giugno

Carmelo Bene, il calcio come fenomeno estetico

Carmelo Bene del calcio amava soprattutto l'estetica, intesa nel senso etimologico e greco del termine.
Storie
Maurizio Fierro
28 Giugno

Un calcio alla crisi

Nel 1937, tra venti di guerra che imperversano, ad Amsterdam si disputa una partita alquanto particolare.
Cultura
Carolina Germini
25 Agosto

Rino Gaetano, il figlio unico dello sport

A mano a mano con il suo universo sportivo.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Interviste
Giuseppe Gerardi
15 Marzo

Riccardo Cucchi, la voce degli Italiani

Una carriera passata a raccontare la religione laica di un popolo. Intervista a Riccardo Cucchi.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
19 Aprile

L’educazione dello sport

Abbiamo intervistato la professoressa Maria Luisa Iavarone sul ruolo che lo sport può recitare come fenomeno sociale, creando comunità dal basso e sottraendo i giovanissimi alla strada.
Calcio
Simone Galeotti
6 Dicembre

Umbro is the name

Storia del marchio sportivo più inglese di sempre.
Calcio
Alberto Fabbri
25 Giugno

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
27 Aprile

Il soccer made in USA, un problema culturale

Il gioco del calcio, in America, non è per tutti.
Storie
Pierfilippo Saviotti
4 Gennaio

Triestina, da tutto un popolo amati

Quasi controvoglia, e solo per esaudire un desiderio della prole, si trascinò allo stadio: è così che scattò il colpo di fulmine. Saba fu immediatamente invaso dalla passione del tifo triestino, trascinato da «un manipolo sparuto che si riscaldava di se stesso»
Calcio
Luca Giannelli
24 Aprile

Gli slavi e il senso del calcio

Estrosi, litigiosi, naturalmente perdenti.
Papelitos
Alberto Fabbri
8 Ottobre

Prime sentenze

All'ottava giornata la Serie A si è già espressa.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

La superiorità del Gioco

Ajax-Tottenham: la nostra definitiva resa di fronte all'imponderabilità del calcio.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Storie
Maurizio Fierro
14 Giugno

Il Cagliari alla conquista degli States

Il torneo USA e l'estate d'oltreoceano alla testa di Manlio Scopigno.
Calcio
Alberto Maresca
8 Novembre

Narcofùtbol

Il realismo magico colombiano tra storia e mito.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Interviste
Jacopo Falanga
16 Giugno

Il Senso del gioco

Intervista in libertà a Francesco D'Arrigo, docente a Coverciano ed ex allenatore, sulle prospettive (e gli errori) del movimento calcistico italiano.
Cultura
Lorenzo Ottone
3 Luglio

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Calcio
Enrico Leo
31 Ottobre

Marco Van Basten e Johnny Marr, gemelli diversi

Un destino comune, scandito dalla nascita.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Febbraio

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.
Calcio
Alberto Maresca
26 Febbraio

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Niccolò Giusti
17 Dicembre

Il risveglio nel pallone

«Il calcio, come la letteratura, se ben praticato è forza di popolo. I dittatori passano. Passeranno sempre. Ma un gol di Garrincha è un momento eterno. Non lo dimentica nessuno».
Calcio
Marco Armocida
8 Agosto

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Storie
Stefano Peradotto
18 Febbraio

Vienna capitale del pallone

Itinerario sentimentale alla scoperta dell'età aurea del calcio austriaco.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

Vivere autenticamente, o chiamarsi Les Herbiers

PSG-Les Herbiers, ricchi contro poveri.
Calcio
Gezim Qadraku
3 Dicembre

Tutto fuorchè una favola

Quattro squadre in due continenti, disponibilità di capitale immensa, totale mancanza di rispetto nei confronti dei valori di questo sport. Ecco come la Red Bull è entrata nel mondo del pallone.
Recensioni
Francesco Valerio Tommasi
15 Marzo

Cosa accade quando un teologo s’interroga sul calcio?

Perché bisogna leggere la Filosofia del calcio di Bernhard Welte.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Editoriali
Luca Giannelli
5 Luglio

Calcio Italia: un sistema senza speranza?

Conflitti di interessi, rapporti tra calcio, politica e giornalismo, strapotere dei procuratori e dei giocatori: il mondo del calcio (e non solo) in Italia è al collasso.
Storie
Matteo Paniccia
14 Marzo

La Master League di PES come lezione di vita

Il 15 Marzo del 2001 usciva Pro Evolution Soccer per Play Station, segnando la storia dei videogiochi.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
21 Marzo

Sostiene Cagnucci: il calcio è del popolo (ma tutto)

Il direttore de Il Romanista si scaglia contro i prezzi del Camp Nou: gli diamo ragione, ma non su tutto.
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.
Storie
Gianluca Palamidessi
24 Gennaio

Dare calci al Caffè Borghetti e fregarsene della partita

Cos'è un sapore antico?
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
Recensioni
Luigi Fattore
3 Luglio

Storia d’Italia ai tempi del pallone

Un album dei ricordi, tra le parole di Darwin Pastorin e le illustrazioni di Andrea Bozzo, che recupera il lettore a una dimensione pallonara sconosciuta al mondo di oggi.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.