Critica
05 Dicembre 2022

Chi ama il calcio ama il Brasile

Che maglia indossavate quando da piccoli giocavate a pallone?

Ratzinger diceva che la crisi della religione in occidente era iniziata con l’esplosione del ’68. Von Balthasar, suo collega e amico, ne vedeva invece i prodromi già in epoca tardo-medievale: quando, cioè, la teologia aveva sacrificato il bello a favore del buono. Ma non può esserci religione senza l’armonia di entrambi. E se è vero che «il tifo è l’unica religione che non ha atei», l’analogia col calcio viene qui piuttosto facile.


Anche il calcio è entrato in crisi, così almeno dicono Agnelli, Florentino Perez & co. I giovani, dati alla mano, non solo non guardano più il calcio (non come fino a vent’anni fa perlomeno) ma associano il calcio alla figura del calciatore superstar: di volta in volta si “tifa” Mbappe, Haaland, eventualmente Neymar, Messi, Cristiano Ronaldo. Poniamo per un attimo che i dati Nielsen vadano presi alla lettera: sarebbe difficile biasimare i mocciosi nerd di Ultimate Team. Il calcio ha infatti rischiato (soprattutto in epoca pandemica) di morire di noia, perché ha sacrificato il bello delle giocate individuali al buono dei tatticismi esasperati – dove per buono intendiamo “morale”, quindi l’elezione del bene collettivo per la squadra sull’estro dei singoli.

Il Brasile però – e il Mondiale in generale – sembrano ribaltare questa legge valida da qualche anno in ambito di club, almeno cioè da quando Guardiola e il guardiolismo hanno totalizzato e inghiottito il dibattito calcistico. Questo Brasile, estetica allo stato puro, ci ricorda perché il calcio non può perdere il bello della giocata individuale senza smarrire la propria essenza più profonda. Perché quando eravamo piccoli giocavamo con la casacca verdeoro, imitavamo l’elastico di Ronaldinho e sognavamo, sotto la pioggia e sotto il sole, di scambiare un pallone con Robinho, Kakà, Ronaldo il Fenomeno. Ammiravamo gli spot Joga Bonito con lo sguardo ebete dei bimbi in preda ad una gioia inspiegabile, provando poi a replicarne i dettagli nel salotto di casa.

Come ci ha rivelato Eilenberger “giocare a pallone è l’archetipo delle esperienze piacevoli. L’esperienza di giocare a calcio, alla quale sono personalmente molto grato, è infatti piena di gioia”.


Il Brasile in una parola è il calcio, con buona pace delle altre squadre. E lo è proprio in virtù di questa esasperazione bambinesca del gesto tecnico, della giocata anche inutile (ne parlavamo qui celebrando la giravolta insensata di Antony in quel di Old Trafford) e fine a se stessa – inutile si fa per dire, per capirci: l’inutilità del calcio è la cosa più utile che ci sia, specie in tempi mesti come i nostri. Carmelo Bene lo ha detto benissimo in un vecchio video da noi recentemente ripreso: «il Brasile è un’orchestra di solisti».

«Straordinario è il Brasile, ma non in quanto Nazionale. Lo chiamerei Brasile, e basta. Una squadra di grandissimi solisti. Nell’orchestra i grandi solisti, dicono i direttori, non sanno suonare insieme. Invece questi grandi solisti brasiliani sono capaci di costituire organico, di giocare insieme».

Ecco perché poi, tragicamente, potrebbe sciogliersi senza motivo da qui alla fine del mondiale. Il Brasile è troppo forte, ma è anche troppo bello per mantenere l’attenzione propria dei popoli grigi (dove l’assenza di bellezza costringe alla disciplina). Certo, ieri c’era la Corea del Sud – onore alle armi, tra parentesi – e certo non l’Uruguay (maledetto Portogallo!): ma rimane nei nostri occhi una partita estatica, entusiasmante nel senso etimologico del termine, quindi del divino che è presente in noi. E in loro, oggi come ieri, da sempre: il Brasile è il calcio, e il calcio ha bisogno del Brasile. La nostra è una dichiarazione d’amore e i sentimenti non si spiegano. Chi è che non vorrebbe essere felice per sempre?

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La partita del secolo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Dicembre 2022

La partita del secolo

Argentina-Francia è stata una metafora dell'esistenza.
La colpa degli argentini? Essere bianchi!
Critica
Gianluca Palamidessi
11 Dicembre 2022

La colpa degli argentini? Essere bianchi!

La domanda è: quando, il Washington Post, parlerà dello stesso problema per la Croazia?
È tornato il calcio degli stregoni
Critica
Gianluca Palamidessi
10 Dicembre 2022

È tornato il calcio degli stregoni

I Mondiali come essenza del calcio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Vincere da Giappone
Papelitos
Andrea Antonioli
02 Dicembre 2022

Vincere da Giappone

Vincere, morire, risorgere.
La retrocessione del Cruzeiro non è solo un dramma sportivo
Calcio
Alberto Maresca
17 Dicembre 2019

La retrocessione del Cruzeiro non è solo un dramma sportivo

Per la prima volta nella sua storia, A Raposa è finita nei bassifondi della classifica brasiliana.
L’Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
01 Aprile 2022

L’Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!

La battaglia liberale, democratica e moralista dell'occidente prosegue a vele spiegate.
Francia 98
Calcio
Maurizio Fierro
22 Maggio 2018

Francia 98

Le Monde est à nous.
Le lacrime di Robinho
Ritratti
Gianluca Palamidessi
19 Marzo 2018

Le lacrime di Robinho

Il chicco di grano che non diede frutto.