Carrello vuoto
Calcio
15 Aprile

Britannia d’altri tempi

Alla scoperta del Burnley FC, un club che ha fatto dell'identità il suo punto di forza.

Premier League. Già nominare il celebre campionato inglese mette i brividi. Sfide stellari, acerrime rivalità condite da decenni e decenni di storia, stadi antichi costruiti nell’800. Non è esagerato definire l’Inghilterra la patria del calcio, non solo di quello storico e passato ma anche del calcio dei giorni nostri. Manchester United, City, Chelsea, Arsenal, Liverpool, sono solo alcuni dei team leggendari che militano nella Premier, con buona pace della Serie A diventata ormai da anni monopolio bianconero. In premier però, non ci sono solo squadre milionarie che fanno campagne acquisti da capogiro. In Inghilterra ci sono anche squadre che hanno fatto dell’identità e della tradizione il proprio punto di forza. Una di queste è il Burnley, neo promosso in Premier quest’anno. Un team di una cittadina con circa 80mila abitanti che annovera sugli spalti una delle tifoserie più “calde” e temute di tutta quanta la Gran Bretagna. Uno scherzo? E invece no. Ad oggi il Burnley è 12 nella classifica della Premier, merito soprattutto della sua tenuta casalinga, capace di fermare squadre come Liverpool e addirittura la capolista Chelsea (32 dei 36 punti totali dei claret and blue sono arrivati nelle mura amiche). Lo stadio del Burnley si chiama Turf Moor, ed è uno degli impianti più antichi di Inghilterra con circa 30mila posti a sedere. In campo, giocatori semisconosciuti alle cronache aldilà di rare eccezioni. Ad indossare la prestigiosa fascia di capitano è invece il celebre Joey Barton, famoso per le numerose squalifiche avvenute dopo litigi in campo, risse e tanto altro. Tra gli episodi più celebri che lo riguardano ricordiamo tutti il montante allo stomaco del povero Aguero o il cazzotto dritto sulla guancia di Gervinho. Non proprio un chierichetto diciamo.

gervbr
Barton contro Gervinho (Newcastle v Arsenal, 2011)

Le controversie legate al Burnley non finiscono qui però: proprio in riferimento al “calore” della tifoseria è obbligatorio citare la Suicide Squad, uno dei gruppi ultras più violenti di tutta quanta l’Europa. Ad oggi la Suicide Squad è ufficialmente sciolta, tuttavia gli inquirenti sanno benissimo che alcuni dei loro membri continuano a controllare gli spalti del Burnley, spesso provocando incidenti con le tifoserie avversarie. Andrew Porter è il fondatore della Suicide ed è tutt’ora rinchiuso in un carcere di massima sicurezza; la sua autobiografia (scritta in galera) ha venduto migliaia di copie e all’interno vengono raccontati tutti quanti gli scontri che la Suicide Squad ha affrontato durante la sua “attività”. Porter si è vantato di essersi scontrato con praticamente tutte quante le tifoserie esistenti ed è diventato una sorta di personaggio cult della controcultura calcistica inglese. Una tifoseria alquanto stravagante dunque, non abituata di certo a vincere ma che affascina sicuramente tanti giovani. E’ diventato virale il filmato in cui i tifosi del Burnley festeggiavano la vittoria sull’Everton a bordo di un cavallo, tutto all’interno di un affollatissimo pub naturalmente, tanto per non farsi mancare nulla in quanto a stravaganza.

51JSSV0H9AL
Il libro confessione di Andrew Porter

Gli abitanti di Burnley sono quasi tutti tifosi della squadra cittadina, lo stadio è sempre pieno e anche in trasferta la squadra può vantare un consistente numero di supporters che la seguono. Un popolo compatto, orgoglioso della propria storia e fieramente identitario (non a caso a Burnley, nella contea del Lancashire, il leave nel referendum per la Brexit ha ottenuto il 67% dei suffragi). Una delle stelle della squadra è sicuramente Andre Gray, prolifico attaccante che può giocare anche da esterno d’attacco. Un ragazzo nero cresciuto nei sobborghi di Wolverhampton. “Il calcio mi ha salvato dalle gang, dalla droga e dalla strada” – ha detto in un’intervista – una storia che si inserisce perfettamente in quello che il Burnley cerca di rappresentare. Questa squadra incarna infatti la gente comune, il tifo della working class; il Burnley però è anche grinta, voglia di riscatto, è fregarsene se gli altri club hanno presidenti ultramilionari in grado di spendere fior di quattrini per il mercato, è identità e soprattutto amore per la gente che ogni giorno va allo stadio. Un amore sia nelle sconfitte sia nelle vittorie, ripagato con gli applausi per chi in ogni partita dà sangue e sudore per quella maglia. Un vero e proprio intruso nel calcio contemporaneo, baluardo di un modello in via d’estinzione, in un mondo di stelle strapagate, proprietà straniere e sponsor milionari. Anche perché in Inghilterra non può esserci ogni anno il miracolo Leicester: se non vogliamo parlare unicamente di top player e allenatori-ideologi, o guardare oltremanica con lo sguardo provinciale di chi sostiene solo “gli Italiani”, ricordiamoci da dove viene il calcio inglese, con la speranza che squadre come il Burnley FC non finiscano ancora nel tritacarne del progresso.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Arigone
28 Maggio 2022

El fútbol vuelve a casa

Il calcio è argentino, non inglese.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Tifo
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Podcast
La Redazione
15 Maggio 2021

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Storie
Massimiliano Vino
27 Marzo 2021

L’impero britannico si è forgiato nello sport

444 milioni di sudditi uniti da football, rugby e cricket.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio 2021

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Recensioni
Emanuele Meschini
30 Dicembre 2020

La solitudine di Paul Gascoigne

Il documentario su Gazza è differente, come lui.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Ritratti
Emanuele Meschini
23 Novembre 2020

James Maddison, un 10 (extra)ordinario

Radici, talento e musica del centrocampista inglese.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Tifo
Alessandro Imperiali
12 Ottobre 2020

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre 2020

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Gianluca Palamidessi
30 Settembre 2020

Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo

La più grande magia del mago Jorge Mendes.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Calcio
Lorenzo Ottone
26 Agosto 2020

Harry Maguire, ultimo baluardo di Britannia

Una scazzottata in stile british gli è costata tantissimo.
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto 2020

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Calcio
Antonio Torrisi
14 Luglio 2020

La supremazia della Premier è un falso storico

Non è tutto inglese quel che luccica, anzi.
Storie
Andrea Meccia
22 Giugno 2020

L’altra faccia di Argentina v Inghilterra 1986

22/06/1986: oltre la mano di Dio, il gol del secolo e le Falkland/Malvinas.