Carrello vuoto
Calcio
15 Aprile

Britannia d’altri tempi

Gianmarco Monaco

1 articoli
Alla scoperta del Burnley FC, un club che ha fatto dell'identità il suo punto di forza.

Premier League. Già nominare il celebre campionato inglese mette i brividi. Sfide stellari, acerrime rivalità condite da decenni e decenni di storia, stadi antichi costruiti nell’800. Non è esagerato definire l’Inghilterra la patria del calcio, non solo di quello storico e passato ma anche del calcio dei giorni nostri. Manchester United, City, Chelsea, Arsenal, Liverpool, sono solo alcuni dei team leggendari che militano nella Premier, con buona pace della Serie A diventata ormai da anni monopolio bianconero. In premier però, non ci sono solo squadre milionarie che fanno campagne acquisti da capogiro. In Inghilterra ci sono anche squadre che hanno fatto dell’identità e della tradizione il proprio punto di forza. Una di queste è il Burnley, neo promosso in Premier quest’anno. Un team di una cittadina con circa 80mila abitanti che annovera sugli spalti una delle tifoserie più “calde” e temute di tutta quanta la Gran Bretagna. Uno scherzo? E invece no. Ad oggi il Burnley è 12 nella classifica della Premier, merito soprattutto della sua tenuta casalinga, capace di fermare squadre come Liverpool e addirittura la capolista Chelsea (32 dei 36 punti totali dei claret and blue sono arrivati nelle mura amiche). Lo stadio del Burnley si chiama Turf Moor, ed è uno degli impianti più antichi di Inghilterra con circa 30mila posti a sedere. In campo, giocatori semisconosciuti alle cronache aldilà di rare eccezioni. Ad indossare la prestigiosa fascia di capitano è invece il celebre Joey Barton, famoso per le numerose squalifiche avvenute dopo litigi in campo, risse e tanto altro. Tra gli episodi più celebri che lo riguardano ricordiamo tutti il montante allo stomaco del povero Aguero o il cazzotto dritto sulla guancia di Gervinho. Non proprio un chierichetto diciamo.

gervbr
Barton contro Gervinho (Newcastle v Arsenal, 2011)

Le controversie legate al Burnley non finiscono qui però: proprio in riferimento al “calore” della tifoseria è obbligatorio citare la Suicide Squad, uno dei gruppi ultras più violenti di tutta quanta l’Europa. Ad oggi la Suicide Squad è ufficialmente sciolta, tuttavia gli inquirenti sanno benissimo che alcuni dei loro membri continuano a controllare gli spalti del Burnley, spesso provocando incidenti con le tifoserie avversarie. Andrew Porter è il fondatore della Suicide ed è tutt’ora rinchiuso in un carcere di massima sicurezza; la sua autobiografia (scritta in galera) ha venduto migliaia di copie e all’interno vengono raccontati tutti quanti gli scontri che la Suicide Squad ha affrontato durante la sua “attività”. Porter si è vantato di essersi scontrato con praticamente tutte quante le tifoserie esistenti ed è diventato una sorta di personaggio cult della controcultura calcistica inglese. Una tifoseria alquanto stravagante dunque, non abituata di certo a vincere ma che affascina sicuramente tanti giovani. E’ diventato virale il filmato in cui i tifosi del Burnley festeggiavano la vittoria sull’Everton a bordo di un cavallo, tutto all’interno di un affollatissimo pub naturalmente, tanto per non farsi mancare nulla in quanto a stravaganza.

51JSSV0H9AL
Il libro confessione di Andrew Porter

Gli abitanti di Burnley sono quasi tutti tifosi della squadra cittadina, lo stadio è sempre pieno e anche in trasferta la squadra può vantare un consistente numero di supporters che la seguono. Un popolo compatto, orgoglioso della propria storia e fieramente identitario (non a caso a Burnley, nella contea del Lancashire, il leave nel referendum per la Brexit ha ottenuto il 67% dei suffragi). Una delle stelle della squadra è sicuramente Andre Gray, prolifico attaccante che può giocare anche da esterno d’attacco. Un ragazzo nero cresciuto nei sobborghi di Wolverhampton. “Il calcio mi ha salvato dalle gang, dalla droga e dalla strada” – ha detto in un’intervista – una storia che si inserisce perfettamente in quello che il Burnley cerca di rappresentare. Questa squadra incarna infatti la gente comune, il tifo della working class; il Burnley però è anche grinta, voglia di riscatto, è fregarsene se gli altri club hanno presidenti ultramilionari in grado di spendere fior di quattrini per il mercato, è identità e soprattutto amore per la gente che ogni giorno va allo stadio. Un amore sia nelle sconfitte sia nelle vittorie, ripagato con gli applausi per chi in ogni partita dà sangue e sudore per quella maglia. Un vero e proprio intruso nel calcio contemporaneo, baluardo di un modello in via d’estinzione, in un mondo di stelle strapagate, proprietà straniere e sponsor milionari. Anche perché in Inghilterra non può esserci ogni anno il miracolo Leicester: se non vogliamo parlare unicamente di top player e allenatori-ideologi, o guardare oltremanica con lo sguardo provinciale di chi sostiene solo “gli Italiani”, ricordiamoci da dove viene il calcio inglese, con la speranza che squadre come il Burnley FC non finiscano ancora nel tritacarne del progresso.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Vito Alberto Amendolara
13 Maggio

Wonderwall

Al termine di una Premier League entusiasmante, la spunta il Manchester City.
Calcio
Lorenzo Solombrino
5 Settembre

Bielsa e la rinascita del Leeds United

La chiave del successo è la semplicità.
Calcio
Rudy Galetti
10 Marzo

Vardy 33, l’anno della rinascita

L'attaccante del Leicester, attualmente capocannoniere della Premier, ha riscoperto le sue radici.
Tifosi
Riccardo Santilli
19 Aprile

Good music, good drugs, goodbye hooligans!

Non fu solo la Thatcher ad allontanare i tifosi più caldi dagli stadi.
Calcio
Diego Mariottini
30 Luglio

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Tifosi
Alessandro Imperiali
12 Ottobre

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.
Calcio
Luca Pulsoni
30 Giugno

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Ritratti
Luca Giorgi
9 Maggio

Joey Barton, non essere cattivo

Joey Barton non è solo quello che vi aspettate.
Calcio
Emanuele Meschini
7 Luglio

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Calcio
Matteo Coral
10 Febbraio

Newcastle Upon Tyne: andata e ritorno

Dal quinto posto in Premier al primo in Championship, con tappa all'inferno.
Calcio
Lorenzo Solombrino
21 Aprile

Wigan vs City, il mondo sottosopra

La mirabolante avventura che ha portato i latics del Wigan a vincere l'FA Cup contro l'armata del City.
Storie
Maurizio Fierro
16 Maggio

Martelli contro Leoni

Una delle rivalità più note del football, iniziata quando portuali e operai se le suonarono di santa ragione.
Calcio
Antonio Torrisi
14 Luglio

La supremazia della Premier è un falso storico

Non è tutto inglese quel che luccica, anzi.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Agosto

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?
Papelitos
La Redazione
26 Novembre

Il fine settimana di calcio

Dopo cinque giorni di ricatti, il fine settimana diventa una terra selvaggia in cui il singolo può finalmente rifugiarsi. Insomma per Junger era il bosco, per noi il calcio del sabato e della domenica
Editoriali
Andrea Antonioli
6 Novembre

Quale autodeterminazione dei popoli nel calcio

Il caso Pep Guardiola. L'ideologo del tiki-taka alle prese con l'identità calcistica inglese.
Cultura
Enrico Leo
7 Aprile

Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)

Arctic Monkeys, Chris Waddle, Sheffield. Tra musica, dribbling ed emozioni.
Podcast
La Redazione
15 Maggio

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Editoriali
Giovanni Tarantino
24 Luglio

Gli Inglesi se ne fregano del fascio

In Inghilterra simboli e formule del mondo latino non causano dibattiti ideologici, ma sono lo spunto per immergersi nel fascino della tradizione.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Tifosi
Alessandro Imperiali
1 Giugno

Il Casuals in Italia è solo questione di estetica?

Un fenomeno più mediatico che (sotto)culturale.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Calcio
Emanuele Iorio
21 Novembre

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Tifosi
Alessandro Imperiali
15 Dicembre

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Altro
Cristian Lovisetto
26 Febbraio

Sei Nazioni 2019, terzo atto

Come è andata la terza giornata di gioco tra i titani europei della palla ovale.
Calcio
Luca Giorgi
2 Ottobre

Concilio et Labore

Manchester è tornata più forte che mai.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
7 Agosto

Il miracolo di Gordon Banks, ep. I

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte I.
Calcio
Gennaro Malgieri
24 Febbraio

Un re nella polvere

Un finale non degno di un'epopea sportiva senza precedenti.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
20 Luglio

Casuals, ep. I: Liverpool e le origini

La cultura Scouse tra moda, violenza e nichilismo.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Calcio
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Calcio
Remo Gandolfi
19 Dicembre

Duncan Ferguson

Ritratto del folle Big Dunc, scozzese di sangue, Toffees per necessità.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
15 Febbraio

Robbie Keane, il fiore d’Irlanda

Il fallimento con la maglia dell'Inter ha privato il nostro calcio di un giocatore entusiasmante.
Papelitos
Matteo D'Argenio
19 Marzo

Perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League

Il Leicester è l'ultima squadra inglese sopravvissuta in Champions League ed è anche la nostra unica speranza di veder trionfare il vero calcio inglese, quello delle vecchie abitudini, di una classe operaia ormai stuprata da soldi e idealisti del pallone.
Storie
Leonardo Aresi
7 Novembre

Dal campo alla trincea

“When football was football and footballers were men“. Come i calciatori del Regno Unito nel primo conflitto mondiale abbandonarono i campi da gioco per arruolarsi nell'esercito di Sua Maestà.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Il tifoso del Manchester City sta morendo

Persone che diventano cose.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Storie
Massimiliano Vino
27 Marzo

L’impero britannico si è forgiato nello sport

444 milioni di sudditi uniti da football, rugby e cricket.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Eduardo Accorroni
20 Novembre

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
26 Marzo

Cosa ci rimane del 6 Nazioni

Sono state settimane di rugby appassionanti. E' ora di tirare le somme.
Calcio
Roberto Gotta
8 Aprile

I Magpies vogliono la testa di Mike Ashley

Cronistoria del tormentato rapporto tra i tifosi del Newcastle United e il loro presidente.
Recensioni
Gianluca Losito
26 Aprile

Sunderland ‘Til I Die

La docu-serie sul Sunderland mette a nudo i demoni del calcio.
Calcio
Lorenzo Solombrino
23 Marzo

La crisi del West Ham United

I tifosi degli Hammers sono stanchi dopo anni di illusioni e prese in giro.
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Altro
La Redazione
28 Giugno

Lo spirito sportivo

Maestri, Episodio IX: George Orwell.