Altro
28 Settembre 2022

Una faccia da Cahiers du Cinéma

Elegia per Bruno Bolchi, morto oggi a 82 anni.

Bruno Bolchi, ti nomino

e il tempo ribolle

l’ombra di un calcio lontano

non cancella i tuoi passi

ora spenti

le tante panchine

dove il tuo corpaccione

d’orso tenace –

abituato al salto di serie

tra segni della croce

puzza di cherosene

gassose e vino rosso –

si posava.

.

Bruno Bolchi, ti nomino

e la tua faccia

da Cahiers du Cinéma

m’appare

bianconero Cesena

le figu Panini

il subbuglio in area

la resistenza dei centrali

Helenio Herrera y “soliti ignoti”

squadre e ricordi a fisarmonica.

.

Bruno Bolchi, ti nomino

e il molosso salta il recinto

l’attaccante s’aggroviglia

la virilità si fa istante

piovono cartellini rossi

e nessuno ha tatuaggi.

.

Bruno Bolchi, ti nomino

e vedo un bimbo senza paura

sorride d’un fiato

non sa nulla di costruzioni dal basso

basta essere scaltri

sotto porta.

.

Bruno Bolchi, ti nomino

e le aree brutalizzate

diventano pale d’altare

le urla son canti

e i pensieri difensivi

mura di città piccole e antiche

opposte ai fischi trapattoniani.

.

Bruno Bolchi, ti nomino

e lesto sopraggiunge l’imbrunire

un istante da barbiere

taglia la Primavera

cancella il selciato

dimentica l’ultimo uomo

che non c’è sui campi levigati.

.

Bruno Bolchi, ti nomino

e si scolpiscono i lanci da fermo

le inzuccate disperate

i palloni in tribuna

l’astio come fionda

e l’agguato sulla palla

per Chi suona la campana?

che domande, per l’attaccante.

.

Bruno Bolchi, ti nomino

e le memorie del sottosuolo

la barba di Fëdor 

non sono più lontane

torna Brera, torna Maciste

e l’Ambrosiana,

Jair dribbla, Corso balla

Suárez chiaro di luna

l’estro delle seconde linee

pare Montale.

.

Bruno Bolchi, ti nomino

e da palo a palo

Angelillo e Mario Riva

giocano al Musichiere

ascoltando i finali alla radiolina.

Bruno Bolchi, ti nomino

e s’apre la disputa

Håland o John Charles?

Romanzo popolare o highlights?

Uno stopper sorride.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Marco Ciriello

2 articoli
Io sono il biliardino, e sono qui da sempre
Cultura
Marco Ciriello
24 Giugno 2022

Io sono il biliardino, e sono qui da sempre

Il segreto di Diego Sermonti, portiere degli Azul.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Facile condannare la Stella Rossa
Estero
Lorenzo Serafinelli
10 Marzo 2022

Facile condannare la Stella Rossa

Perché il club è legato alla Russia?
Vladimiro Caminiti, con la testa e con il cuore
Cultura
Andrea Carbotti
26 Novembre 2022

Vladimiro Caminiti, con la testa e con il cuore

Un artigiano (colto) del giornalismo sportivo.
Diego Armando Maradona, il falso messia
Calcio
Leonardo Arigone
25 Novembre 2022

Diego Armando Maradona, il falso messia

Fuori dalla vocazione, fuori dalla Legge, fuori dal potere.
La musica e l’anima di Rafael Leao
Ritratti
Thomas Novello
24 Novembre 2022

La musica e l’anima di Rafael Leao

Il retroterra di un calciatore straordinario.
Le radici italiane (e profonde) del Brasile
Calcio
Augusto Leite - Giovanni Guido
24 Novembre 2022

Le radici italiane (e profonde) del Brasile

Da Feola a Scolari e Tite: il Brasile che parla tricolore.