Altri Sport
29 Ottobre 2022

Budget cap, tra FIA e Red Bull finisce a tarallucci e vino

E forse è anche giusto così.

Alla fine è stata di 1,86 milioni di dollari la violazione del budget nel 2021 da parte di Oracle Red Bull Racing, per la quale il team ottiene una multa di 7 milioni di dollari e una riduzione del 10% sul monte ore dello sviluppo aerodinamico della monoposto, da dividere tra ore di galleria del vento o ore di simulazione CFD. Naturalmente una “multina”, pari a un divieto di sosta per un comune mortale, quella che si vede comminata il colosso austriaco.

Possibile che quell’ultimo giro di Abu Dhabi, quel trionfo di Max Verstappen firmato Red Bull, così esaltante dal un punto di vista della sceneggiatura da sembrare una finzione cinematografica, potesse essere cancellato dal tavolino della FIA? No (fortunatamente). E nemmeno il risultato di quest’anno, costruttori e piloti, subirà variazioni dopo questa vicenda della revisione dei bilanci da parte della Federazione Internazionale.

Financial regulations e budget cap sono temi che annoiano più del Gran Premio d’Azerbaigian ma, ahinoi, anche qui è dove si giocano i campionati e dove si accende la tensione dei #tifosi nerdizzati, altrochè sorpassi o guida al limite. Non colpa dei tifosi, naturalmente, ma di chi le regole le fa, ne fa troppe, le fa male. In questo senso Liberty Media e FIA stanno dando negli ultimi tempi il peggio, e la credibilità dello sport più tecnologico e adrenalinico del mondo ne sta facendo le spese. Basti pensare alla paranoica penalizzazione al GP delle Americhe, poi per fortuna annullata ma per i motivi sbagliati, dell’eroico Fernando Alonso.

Dunque, la regola che definisce il budget cap per i team di F1 è entrata in vigore nel 2021 e già al primo anno poteva innescare una serie di conseguenze gravi, oltre a condizionare dei risultati sportivi non indifferenti, come la vittoria del campionato di Max Verstappen.

La domanda giusta, come sottolinea giustamente Giorgio Terruzzi al Corriere della Sera, l’ha fatta Chris Horner minacciando querele per diffamazione: «come fanno Ferrari e Mercedes a conoscere i nostri conti se il file è segreto?». Qualcuno della FIA deve aver parlato, spifferato qualche dato o qualche indiscrezione sulla certificazione dei conti. Cui prodest, verrebbe da chiedersi. Continua Terruzzi «per giorni i protagonisti del caso, i mezzi di comunicazione, gli appassionati, hanno trattato il sospetto come fatto assodato […]. Ha ragione Horner. Talmente certi delle informazioni ottenute da rischiare di essere sbugiardati da un verdetto assolutorio, per poi mettere in dubbio la trasparenza della procedura».



Mattia Binotto a inizio stagione, in Australia, si era permesso una battuta sul team austriaco e sulla sua capacità di mantenersi all’interno del budget – visti gli sviluppi sulla vettura che già godeva di un telaio alleggerito. Il budget cap dovrebbe godere di un livello di serietà molto maggiore, regole chiare e verifiche facili/immediate. Qui invece abbiamo avuto regole confuse e controlli a buoi già in fuga dalla stalla. C’è un problema generale di credibilità.

“In Formula 1, il più pulito c’ha la rogna” dice il leggendario Arturo Merzario, sentenziando la sua interpretazione della vicenda Red Bull-budget cap. Nel frattempo, Max Verstappen ha vinto il suo secondo titolo iridato. Certo, sforare il budget significa *statisticamente* mezzo secondo al giro, ma altrettanto realisticamente i campionati si vincono in pista, o sul campo per dirla in termini calcistici. E su questo, su Max soprattutto, non abbiamo dubbi.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Giacomo Cunial

47 articoli
La Ferrari 499P per Le Mans è un sogno
Altri Sport
Giacomo Cunial
04 Novembre 2022

La Ferrari 499P per Le Mans è un sogno

Una macchina fedele alla linea, bellissima, rossa per vocazione: il ritorno del mito.
Meglio 100 anni di Mattarella che 35 di Vettel
Altri Sport
Giacomo Cunial
13 Settembre 2022

Meglio 100 anni di Mattarella che 35 di Vettel

Ci mancava solo la polemica contro le Frecce Tricolori.
È John Elkann il problema della Ferrari
Editoriali
Giacomo Cunial
29 Agosto 2022

È John Elkann il problema della Ferrari

Ridateci Montezemolo e gli uomini di pista.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

La retorica Ferrari produce solo tifosi
Motori
Giacomo Cunial
04 Agosto 2022

La retorica Ferrari produce solo tifosi

La pista, la piazza e la narrazione.
Se Verstappen non sbaglia una curva
Motori
Giacomo Cunial
20 Giugno 2022

Se Verstappen non sbaglia una curva

E se Ferrari non sfrutta al meglio la macchina.
Tutto fuorchè una favola
Calcio
Gezim Qadraku
03 Dicembre 2016

Tutto fuorchè una favola

Quattro squadre in due continenti, disponibilità di capitale immensa, totale mancanza di rispetto nei confronti dei valori di questo sport. Ecco come la Red Bull è entrata nel mondo del pallone.
Per la Ferrari è finito il tempo dei regali
Motori
Luca Pulsoni
30 Maggio 2022

Per la Ferrari è finito il tempo dei regali

A Monaco tanta isteria e un altro assist alla Red Bull.
Il Gp di Miami fra trash e metaverso
Motori
Giacomo Cunial
12 Maggio 2022

Il Gp di Miami fra trash e metaverso

In Florida la rappresentazione della F1 targata Liberty Media.