Carrello vuoto
Papelitos
1 Luglio

La Spagna gioca al ritmo di Sergio Busquets

Marco Armocida

26 articoli
Un giocatore insostituibile.

Il ricordo di Spagna Croazia è vivido, vicino. È vicino l’errore clamoroso di Unai Simon, così come i suoi miracoli nella seconda parte di gara. È vicina la straordinaria rimonta della Croazia, così come l’immensa qualità di Pedri. È vicina l’incostante prestazione di Morata, campion futuro in grado, come Penelope, di fare e disfare tele all’interno della stessa partita. Ma soprattutto è vicina la prestazione di Sergio Busquets, sesto giocatore con più presenze nella storia della nazionale spagnola e quarto di sempre al Barcellona.

Busquets, assente nelle prime due (non a caso brutte) partite della Spagna, ha fin dai primi minuti imposto il suo ritmo alla gara. Ha governato il cerchio di centrocampo, gestendo i movimenti dei compagni come un direttore dirige la sua orchestra. Come un pastore guida e indirizza il suo gregge. Ha corso quando era giusto, disperdendo energie con la premura di un avaro che gestisce le sue finanze. È riuscito nell’impresa eccezionale di farsi trovare sempre libero e non ha mai dato l’impressione di essere in affanno. Ha dominato in lungo e in largo, toccando il pallone il numero di volte che l’azione richiedeva. Ha fatto correre a vuoto i suoi avversari, anime erranti e perlopiù inermi. Più di ogni altra cosa, forse, ha dimostrato una straordinaria e brillante malleabilità. Ha assecondato con intelligenza le caratteristiche degli ottimi compagni di reparto, lasciando a Pedri la libertà di agire tra le linee e occupando le zone di campo lasciate sguarnite dall’encomiabile generosità di Koke.

Leader silenzioso, fuoriclasse assoluto

Busquets è unico, un hapax del calcio moderno. È magro, slanciato, lento. La sua corsa non è elegante, ma dinoccolata. Ha l’aspetto di un uomo qualunque, ha pochi muscoli e probabilmente non ha la forza per calciare da fuori area. Non dispone della classe dei numeri 10 ed è il trionfo delle azioni razionali sugli atti istintivi. Non scalda i cuori e non incide quasi mai negli ultimi 25 metri. Eppure, non possiamo fare a meno di adorarlo. Lo facciamo perché a un giocatore come lui non ci si abitua mai. Il suo modo di giocare è esoterico, anacronistico. Il suo portamento è solenne, ieratico. La sua calma è disarmante, la sua tecnica abbacinante.

Chi gioca contro di lui deve accettare di essere una semplice comparsa. Quando riceve palla, Busquets è padrone assoluto del proprio destino e sembra sapere in anticipo l’esito delle sue gesta. La sua posizione del corpo è sempre perfetta e il pallone, anche quando sembra scoperto, è in realtà soggetto a un controllo costante. Busquets scherza con i suoi avversari, spesso irretiti in trappole da lui abilmente orchestrate. È un funambolo del pallone, costantemente in bilico tra il possesso (certo) e la perdita (che non avviene mai) della sfera. È un mago insensibile delle tre carte, di quelli che alla fine ti fregano sempre. È un paziente tessitore di gioco che lavora palloni come un artigiano fa con le sue materie prime. È, forse più semplicemente, uno dei migliori centrocampisti del ventunesimo secolo. Uno degli ultimi esemplari della specie (ormai in via d’estinzione) dei giocatori pensanti, dei metronomi euclidei. Uno che, non a caso, è stato compagno di reparto per anni dei fenomeni Xavi e Iniesta.

“Busquets è super intelligente, capisce tutto. Per sopravvivere dieci anni al Barcellona devi essere molto forte, altrimenti ti rubano il posto. Lui pensa per gli altri, non gioca mai per se stesso e il centrocampista deve essere così”.

Pep Guardiola alla Bobo TV

Busquets ha dato dunque certezze a una Spagna che, priva degli straordinari talenti degli ultimi anni, era come smarrita. Oggi la squadra di Luis Enrique sembra un’altra rispetto a quella di inizio europeo. Contro la Croazia è stata ottima per 70 minuti, producendo un calcio vivace e organizzato. La reazione ai supplementari, poi, dimostra come il gruppo sia unito e compatto. A sorridere alle furie rosse è anche il tabellone, che riserva una Svizzera galvanizzata, ma pur sempre inferiore. La Spagna di Sergio Busquets non è la favorita numero uno per la vittoria finale, ma ha ancora una parte da recitare. Del resto, tra le squadre rimaste, forse nessuna può schierare un uomo a centrocampo della classe di Sergio Busquets. Anzi, ne siamo certi: proprio nessuna. 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Estero
Diego Mariottini
26 Giugno 2022

Danimarca 1992, gli “intrusi” capaci di volare alto

Dalle vacanze al tetto d'Europa.
Italia
Lorenzo Fabiano
23 Marzo 2022

Totonero 1980, una classica storia all’italiana

Alla vigilia dell'Europeo casalingo del 1980, il calcio si scopriva corrotto.
Estero
Eduardo Accorroni
16 Dicembre 2021

Tutti contro la Coppa d’Africa

Tranne gli africani, che però contano meno di zero.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Interviste
Eduardo Accorroni
14 Novembre 2021

Conta vincere, conta il risultato

Intervista a Stefano Cusin, allenatore del Sud Sudan.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Italia
Edoardo Franzosi
17 Settembre 2021

Gianluca Vialli e il tempo della gratitudine

Il cancro, la fede, il calcio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Estero
Paolo Cammarano
6 Luglio 2021

La Spagna che non tifa Spagna

La Roja non unisce tutto il Paese.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
29 Giugno 2021

Francia, perdere e morire

Fuori dagli Europei e sull'orlo del collasso, il paese fa i conti con se stesso.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Giugno 2021

La sofferenza aiuta a crescere

La vittoria mette a tacere inutili polemiche, almeno per ora.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Giugno 2021

La virtù dei vinti

E la paura dei vincitori.
Estero
Emanuele Meschini
22 Giugno 2021

Repubblica Ceca, calma e libertà

Una nazionale sospesa nel tempo.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno 2021

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Giugno 2021

Il calcio ha bisogno del TSO

L'Uefa ha costretto la Danimarca a giocare contro la Finlandia.
Estero
Paolo Cammarano
9 Giugno 2021

La guerra (delle radio) più assurda di sempre

Un potere che in Spagna superava quello dei club.
Podcast
La Redazione
8 Giugno 2021

Essere scozzesi

Essere scozzesi è una merda, ed è anche meraviglioso.
Estero
Valerio Santori
2 Giugno 2021

Guardiola non vuole più essere Guardiola

La dura vita del profeta, fuori dalla patria.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio 2021

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Estero
Gianluca Losito
23 Maggio 2021

L’Atletico Madrid non muore mai

Gli uomini di Simeone hanno vinto l'undicesimo titolo.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Interviste
Michelangelo Freda
30 Aprile 2021

Piero Chiambretti: l’unico e la sua proprietà

Intervista al più grande sperimentatore nazionalpopolare della tv.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Marzo 2021

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.
Calcio
Antonio Aloi
17 Febbraio 2021

Non esiste solo la costruzione dal basso

La palla lunga, se codificata, può essere un'alternativa.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Storie
Luca D'Alessandro
9 Agosto 2020

L’Islanda è rinata con il calcio

Strappare i giovani al nichilismo e votarli al pallone.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio 2020

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Ritratti
Vincenzo Di Maso
13 Maggio 2020

La dittatura del colonnello Lobanovsky

Un uomo geniale che non potrebbe convivere con il calcio odierno.
Storie
Remo Gandolfi
17 Aprile 2020

Marcelo Bielsa e Bilbao si sono tanto amati

Dalla stima alla rottura, un amore argentino nei Paesi Baschi.
Tifo
Mattia Curmà
30 Marzo 2020

Cosa significa essere del Betis

Tifare blanquiverde è da sempre un'esperienza totalizzante.
Calcio
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2020

Il Getafe di Bordalás o lo amate o lo odiate

Chi è il prossimo avversario dell'Inter in Europa League.
Papelitos
Mattia Curmà
17 Gennaio 2020

Da Valverde a Valverde

La settimana dei Valverde: Federico ed Ernesto, tra gloria e fallimento.
Tifo
Jacopo Benefico
15 Novembre 2019

Oviedo vs Gijòn, le Asturie in lotta

Real Oviedo v Sporting Gijòn.
Ritratti
Enrico Leo
14 Novembre 2019

Fernando Amorebieta, lo zagueiro

La storia incompiuta di Fernando Amorebieta: nome da principe castillano, attitudine violenta e dirompente degna del suo sangue basco.
Calcio
Mattia Curmà
19 Luglio 2019

Spagna, la cantera d’Europa

Dalla strada al tetto del Mondo.
Papelitos
Federico Brasile
13 Giugno 2019

Per non vivere di solo entusiasmo

Il primo anno dell'Italia di Mancini non poteva essere migliore, ma il lavoro da fare è ancora tanto.
Papelitos
Federico Brasile
27 Marzo 2019

Cronache Nazionali dall’Italia profonda

La Nazionale vista da un bar della provincia italiana.
Calcio
Gianluca Palamidessi
19 Dicembre 2018

Il bel calcio. Storia di un’incomprensione

Giocare per vincere è anti-estetico?
Ritratti
Davide Bernardini
25 Giugno 2018

Óscar Freire

Il ritratto di uno squalo, un predatore da volata: annusa, attende, attacca. Sbrana.
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Giugno 2018

Da spettatori (divertiti) del Mondiale

Il bilancio dopo due giorni di Russia 2018.
Storie
Maurizio Fierro
17 Aprile 2018

Spagna 82

Campioni del mondo.
Calcio
Lorenzo Santucci
11 Ottobre 2017

Il calcio è politica

Calcio e politica hanno sempre vissuto insieme.