Carrello vuoto
Papelitos
15 Agosto

È questo il calcio che volete?

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.

A sentire i commenti post-partita sembra che sia tutto “normale”: il panzer bavarese di Flick alla conquista dell’Europa; il crollo del Barcellona, che già aveva mostrato pesanti scricchiolii nelle Champions precedenti (3-0 dalla Juventus, 3-0 dalla Roma, 4-0 dal Liverpool) e che esaspera un trend a dir poco negativo; l’analisi di Piquè, che per primo si mette in discussione per il bene del Barca, obbligato a valutare un profondissimo ripensamento. Saremo allora noi che siamo strani, ma quello a cui abbiamo assistito ieri sera ci è sembrato il punto di non ritorno del calcio post-Covid. Un calcio estivo, in presenza di estate e in assenza di calcio.

 

 

Riteniamo sia difficile – se non inutile – parlare di calcio giocato come se questo fosse realmente calcio. Solo nei primi 30′ di gioco, il punteggio era di 4-1 per il Bayern: i bavaresi potevano segnarne altri, il Barcellona pure. Questo è il paradosso. La partita è finita 8-2, ma sarebbe tranquillamente potuta terminare 12-4 (il Bayern Monaco ha tirato 26 volte verso la porta avversaria, per dire).

 

 

Che la formazione tedesca sia stata nettamente superiore non elude la realtà dei fatti: nei fatti, questo calcio è una finzione. A cominciare dal clima pre-partita, condito di dichiarazioni e grandi attese, puntualmente deluse dal campo. C’è una distanza enorme, sempre più inquietante e distopica, tra il calcio raccontato e quello giocato: nelle conferenze stampa, nelle analisi degli allenatori, nei commenti degli opinionisti. La realtà non tiene il passo della narrazione, che anzi rimane imperterrita quella di sempre, come se nulla fosse cambiato (giustamente, chi vende il prodotto non può pensare di svalutarlo, malgrado il triste ed evidente stato delle cose).

 

La solita delusione di Messi, in una partita – a sentire i media – come le altre (Photo by Manu Fernandez/Pool via Getty Images)

 

 

E così, mentre la “storia” è stata scritta – 8-2 è un risultato che segnerà gli annali, sia per il Barcellona sia per la competizione –, il calcio ha perso un altro lembo della sua purezza. Poco ci rimane da dire, perché poco questo calcio ha da offrire. Vi ricordate Caressa al Club, affermare entusiasta che

“questo calcio a me me piace; so’ sincero ao, mi diverto di più!”.

Tanti gol, difese inesistenti – Ter Stegen ieri sera sembrava quasi aver perso la ragione – e imbarazzanti; zone di centrocampo spezzate in due neanche fosse la partita del giovedì sera con gli amici del calciotto. Occasioni da una parte e dall’altra. Lingue a penzoloni dopo il primo tempo, infortuni a ripetizione. Ma a quanto pare ormai l’importante, nel football, è lo spettacolo. Il divertimento prima di tutto.

 

 

In tutto ciò, nessuno può né supportare né insultare i giocatori in campo, perché il calcio, in fondo, senza tifosi, è molto meglio: si sentono i rumori del campo, ci si può immergere nel rettangolo verde, si possono apprezzare dialoghi di un certo livello e, con un po’ di immaginazione, credere che tutto questo sia normale; credere che tutto questo sia persino gradevole. Un giorno non lontano, magari, ci diranno anche che 2+2 fa 5, cinque come il numero minimo di gol perché una partita sia “divertente”.

 

 

Forse allora i matti siamo noi. Perché se questo è veramente pallone, se davvero oggi dobbiamo parlare solo del Bayern favorito per la Champions o della rivoluzione blaugrana (su cui comunque torneremo), beh in tal caso facciamo un grosso in bocca al lupo ai nuovi giornalisti sportivi. Ci troverete sull’Aventino, aspettando che i tifosi tornino negli stadi e che passi questo caldo d’agosto il quale, forse, sta dando a tutti un po’ troppo alla testa.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Editoriali
Andrea Antonioli
3 Maggio

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.
storie
Marco Gambaudo
26 Novembre

Stella Rossa v Bayern 1991, scontro di mondi

Una doppia semifinale che riassume la grande Stella Rossa di Belgrado, con pregi e difetti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Estero
Graziano Missud
26 Aprile

Danke Philipp

Lahm è un tedesco atipico. Eppure, nessuno è stato più tedesco di lui.
Estero
Lorenzo Solombrino
10 Dicembre

Malaga, sedotto e indebitato

Quando finisce l'amore, rimangono solo i debiti.
Estero
Michelangelo Freda
27 Settembre

Il Qarabag è la speranza del Nagorno

Alla scoperta del calcio nel Nagorno Karabakh.
Italia
Andrea Antonioli
25 Aprile

La Roma non è pronta

Il suicidio di una provinciale.
Estero
Valerio Santori
2 Giugno

Guardiola non vuole più essere Guardiola

La dura vita del profeta, fuori dalla patria.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Estero
Alberto Fabbri
12 Marzo

Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora

Ad Anfield ci siamo dimenticati di tutto il resto.
pallonate
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Febbraio

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Estero
Vito Alberto Amendolara
27 Dicembre

Roberto Firmino: l’attaccante invisibile

Celebrazione di Roberto Firmino, l'attaccante invisibile della squadra più forte al mondo.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Italia
Gianluigi Sottile
1 Ottobre

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Estero
Andrea Fantucchio
15 Febbraio

Goodbye Manchester city

Chi c'è dietro alla maxi squalifica inflitta ai Cityzens.
Italia
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Papelitos
Emanuele Iorio
3 Ottobre

La nuova dimensione del Barcellona

Da grandissima a piccola squadra.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
storie
Simone Galeotti
21 Novembre

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Editoriali
Andrea Antonioli
6 Novembre

Quale autodeterminazione dei popoli nel calcio

Il caso Pep Guardiola. L'ideologo del tiki-taka alle prese con l'identità calcistica inglese.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Italia
Giacomo Manini
12 Dicembre

La fine dei ruoli

Il calcio posizionale è una filosofia che ha cambiato e cambierà per sempre il gioco: l'ultima deriva è la scomparsa dei ruoli.
Estero
Gennaro Malgieri
24 Febbraio

Un re nella polvere

Un finale non degno di un'epopea sportiva senza precedenti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Antonio Grimaldi
13 Dicembre

La caduta degli dei

La storia di Roberto Di Matteo, dalla Champions all'anonimato.
Estero
Vito Alberto Amendolara
28 Agosto

Neymar è diventato un pagliaccio

Ma è ancora in tempo per salvarsi.
Estero
Antonio Aloi
27 Agosto

Manuel Neuer ha rivoluzionato il ruolo di portiere

Come costruire le vittorie dalle fondamenta.
pallonate
Pippo Russo
23 Gennaio

La dimensione ortogonale del fuorigioco

Caressa sale in cattedra, improvvisandosi professore di matematica, geometria e anche filosofia (già che ci siamo).
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Estero
Gianluigi Sottile
10 Aprile

Sadio Mané come modello di integrazione

Conservare Dio e le radici. Ignorare i media. Vincere.
storie
Rudy Galetti
22 Aprile

Il miracolo di Brian Clough

La straordinaria epopea del Nottingham Forest.
Papelitos
Umberto De Marchi
5 Luglio

Buffon e la schiavitù dei record

La triste parabola di un ossessionato Gianluigi Buffon.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
12 Aprile

Diventa ciò che sei

O di come la Juventus è tornata grande.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
21 Marzo

Sostiene Cagnucci: il calcio è del popolo (ma tutto)

Il direttore de Il Romanista si scaglia contro i prezzi del Camp Nou: gli diamo ragione, ma non su tutto.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
18 Aprile

Eupalla ha detto Tottenham

La partita di ieri è difficilmente spiegabile perché, ancor prima, è stata irrazionale: alla fine hanno prevalso la forza del Tottenham e la fragilità del City.
Italia
Matteo Donadoni
20 Settembre

La caduta della Dea

È difficile rimproverare qualcosa all'Atalanta, ma il tracollo di Zagabria deve almeno farci interrogare.
Estero
Gianluca Losito
7 Novembre

Mario Götze in fuga da se stesso

Una carriera tra aspettative e ricerca di se stesso.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
5 Settembre

Messi male

L'amaro (non) finale di una storia che avrebbe meritato ben altro esito.