Carrello vuoto
Papelitos
16 Luglio

Il calcio è un gioco semplice

Vincere senza impressionare.

La Francia vince il suo secondo mondiale, e lo fa battendo la vera rivelazione della competizione. Nonostante non abbia mai conquistato gli occhi o riempito il palato, questa consacrazione finale non può dirsi di certo immeritata, essendo figlia delle vittorie su Argentina, Uruguay, Belgio e Croazia. Probabilmente alcune delle migliori squadre della competizione, insieme al Brasile.

 

Proprio il portiere del Belgio, Courtois, aveva ammonito i francesi, accusandoli di aver avuto, durante la semifinale, un atteggiamento oltremodo difensivo. Di seguito era arrivata la risposta del leader tecnico della Francia, Antoine Griezmann:

 

“Non mi interessa come, voglio la seconda stella sulla maglia”.

 

Il gol vittoria di Umtiti contro il Belgio in semifinale (foto Shaun Botterill/Getty Images)

 

Dopo aver perso un europeo in casa per colpa dell’inesperienza di un gruppo ancora troppo giovane per capire quanto il calcio può essere semplice, la Francia è maturata. Ed è proprio questa la chiave del successo francese, la semplicità con la quale hanno sconfitto ogni avversario, sfruttando appieno l’enorme potenziale di alcuni dei migliori giocatori del pianeta, due su tutti Mbappé e lo stesso Griezmann. Difesa solida, palla in avanti e si ottiene il massimo.

 

Metafora di questo atteggiamento è stata l’inutilità di Giroud, il numero 9 dei campioni del mondo che ha chiuso la competizione con 0 gol e 1 assist. Il suo ruolo nello scacchiere di Dechamps è stato semplicemente quello di riempire un settore di campo già perfetto con due soli elementi (Antoine e Kylian) e fare qualche sponda per i compagni, su palla lunga: riassunto della ricerca della massima utilità nel proprio gioco. Pogba può permettersi di perdere continuamente palloni, Lloris può rischiare di diventare il nuovo Karius, senza però rinunciare ad alzare la coppa; e persino Kanté si concede avere una giornata storta proprio durante la finale dei Mondiali.

 

Antoine Griezmann, probabilmente il migliore dei suoi

 

La Croazia invece, è una squadra imperfetta e oltremodo generosa. In questo caso il proprio numero 9 di riferimento (anche se veste la 17) è Mandzukic, che in finale soffre, combatte, aiuta i compagni, ma inaugura la propria partita con un gol nella porta sbagliata. Modrić e Brozović sono tra i giocatori con più chilometri percorsi durante tutta la competizione. Eppure, basta una palla filtrante verso Mbappé, che parte uno contro uno contro Vida, a vanificare la fatica di quel centrocampo così talentuoso ma allo stesso tempo così tenace; emblema dell’ultimo canto del cigno di questa generazione di grandi giocatori che hanno dovuto combattere per anni contro lo stereotipo degli slavi forti ma discontinui.

 

Una generazione che ha il volto di Lovren, il quale, nonostante le proprie limitate capacità, ha appena giocato le due finali più importanti tra tutte le competizioni calcistiche. Che ha lo sguardo maliconico di Rakitić, sempre in continuo stato di allerta come se da un momento all’altro tutto potesse andare male, nonostante i propri meriti. Che ha il ghigno di Perišić, talento sbocciato quando ormai la carta d’identità impone di vincere subito. Ma soprattutto una generazione che si è retta sulle gambe di Luka Modrić, un fenomeno per il quale potrebbe arrivare la definitiva consacrazione personale, con la vittoria del pallone d’oro. Insomma una generazione che, nonostante tutto, può dire di aver sfatato il mito secondo cui la storia la scrivono soltanto i vincitori.

 

La Croazia festeggia comunque il proprio grande cammino

 

Il risultato finale è 4-2 e nel mezzo c’è stata una partita combattuta e in bilico quasi fino all’ultimo, fatta eccezione per quei dieci minuti, tra il 59’ e il 69’ nei quali il calcio è stato semplice. Lo sa bene Mbappé, ma soprattutto lo sa bene Griezmann. Forse lo sa meglio di tutti, ed è per questo che ad oggi è il più serio candidato, insieme al sopraccitato Modrić, per la vittoria del pallone d’oro. Quest’ultimo ha dalla sua un recente palmares fatto di tre Champions League consecutive vinte col Real Madrid, un’altra squadra che è arrivata sul tetto del mondo con una ritrovata semplicità, potendo semplicemente esibire i migliori giocatori al mondo.

 

Gary Lineker disse: “22 uomini rincorrono un pallone per 90 minuti e alla fine vince la Germania”. Chissà che adesso non sia cambiato tutto, dopo anni di continue e insulse analisi tattiche e copie scadenti del Guardiolismo, che hanno avvelenato anche nazionali con un passato glorioso. Oggi ventidue uomini hanno rincorso un pallone per 90 minuti e alla fine, semplicemente, i più forti hanno vinto.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Dicembre 2021

Calciatori, state attenti: meno partite significa meno soldi

Salute contro denaro, chi la spunterà?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Interviste
Eduardo Accorroni
14 Novembre 2021

Conta vincere, conta il risultato

Intervista a Stefano Cusin, allenatore del Sud Sudan.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Estero
Gianluca Palamidessi
6 Novembre 2021

Il segreto di Christophe Galtier

L'allenatore campione di Francia con il Lille sta facendo miracoli anche a Nizza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Estero
Alberto Maresca
16 Luglio 2021

Viaggio calcistico nel Messico mitologico

Siamo stati a Città del Messico tra calcio, vita e morte.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
29 Giugno 2021

Francia, perdere e morire

Fuori dagli Europei e sull'orlo del collasso, il paese fa i conti con se stesso.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Estero
Edoardo Biancardi
12 Maggio 2021

Quel pomeriggio al Maksimir

13 maggio 1990.
Italia
Raffaele Scarpellini
8 Aprile 2021

Mundialgate, le ombre dell’Italia ’82

Fu vera gloria?
Tifo
Emanuele Meschini
13 Febbraio 2021

L’Hajduk Spalato è uno stile di vita

Una squadra che non si “appartiene”, ma si vive.
Storie
Pablo Malevic
20 Gennaio 2021

Garrincha viveva per il dribbling

Abbasso la scienza, viva la fantasia!
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Ritratti
Luca Pulsoni
5 Dicembre 2020

Jay Jay Okocha ha dilatato spazio e tempo

La magia del 10 africano più forte di sempre.
Tifo
Jacopo Benefico
19 Novembre 2020

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.
Storie
Massimiliano Vino
10 Settembre 2020

Argentina ’78 segnata dalla loggia P2

Quando la massoneria scese letteralmente in campo.
Storie
Roberto Puglisi
7 Luglio 2020

Schillaci era un ragazzo come noi

Gli occhi ridenti di Totò, le sere d'estate e i profumi dei gelsomini.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Tifo
Michelangelo Freda
30 Maggio 2020

Il Bastia come orgoglio della Corsica

Una squadra che, insieme ai suoi tifosi, si identifica totalmente con il proprio territorio.
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio 2020

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.
Tifo
Michelangelo Freda
6 Maggio 2020

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Recensioni
Alberto Fabbri
22 Marzo 2020

Il ricordo di un’estate italiana

Dopo il Mondiale delle Notti Magiche l'Italia ed il calcio non sarebbero stati più gli stessi.
Ritratti
Matteo Mancin
8 Marzo 2020

Bruno Pizzul, un’icona nazionale

Uno dei più grandi artigiani della parola sportiva.
Recensioni
Gianluca Palamidessi
25 Novembre 2019

Qatar 2022, l’isola che (non) c’è

Inchiesta dal libro di Gianluca Mazzini.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
24 Ottobre 2019

Di Maria, ultimo tango a Parigi

La corsa contro il tempo di Ángel Di Maria.
Calcio
Matteo Donadoni
20 Settembre 2019

La caduta della Dea

È difficile rimproverare qualcosa all'Atalanta, ma il tracollo di Zagabria deve almeno farci interrogare.
Altro
Lorenzo Innocenti
30 Agosto 2019

Geopolitica di Francia-Italia: il rugby come metafora della guerra

Il rugby è molto più di un semplice sport.
Tennis
Andrea Antonioli
15 Luglio 2019

Solo Dio è con Djokovic

Il tennis come la vita è crudele, e a Wimbledon Novak Djokovic ha negato il lieto fine a Roger Federer.
Papelitos
Federico Brasile
12 Luglio 2019

L’Algeria nella (dis)integrazione francese

Un morto, diversi feriti, vetrine sfasciate, scontri con la polizia e 74 fermi: ecco il bilancio del modello di integrazione francese.
Calcio
Michelangelo Freda
22 Giugno 2019

Platini, la pedina del Qatar

La vicenda Platini-Qatar viene da lontano, e coinvolge molti altri attori in un sistema marcio fin nel midollo.
Storie
Maurizio Fierro
25 Maggio 2019

Boxe e danza nella Parigi degli “anni folli”

Quando l'uomo lottatore e la donna danzante diventarono sineddoche di una differente visione estetica.
Ritratti
Cristian Lovisetto
15 Marzo 2019

Sergio Parisse

Venerabile gigante.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
14 Febbraio 2019

Il miracolo di Gordon Banks, ep. 2

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte II.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio 2019

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Altro
Cristian Lovisetto
3 Febbraio 2019

6 Nazioni 2019, primo atto

Cosa c'è da sapere sulla prima giornata del più antico torneo internazionale di rugby.
Calcio
Alberto Maresca
5 Dicembre 2018

Ali Adnan e l’Iraq

Storia di un figlio d'Oriente.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre 2018

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Ritratti
Remo Gandolfi
22 Settembre 2018

Jorge Alberto Gonzalez

El Magico.
Calcio
Alberto Maresca
17 Settembre 2018

Perù

Il periodo aureo de Los Incas. E la successiva caduta nelle tenebre.
Calcio
Giovanni Pigozzo
11 Settembre 2018

2000: Odissea a Calais

L'inspiegabile semplicità dell'eroismo.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
7 Agosto 2018

Il miracolo di Gordon Banks, ep. I

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte I.
Calcio
Annibale Gagliani
10 Luglio 2018

Il marchese di Bayonne

Se la Francia è arrivata fin qui, il merito è anche e soprattutto del 4 basque.
Storie
Andrea Catalano
10 Luglio 2018

La mistica del rigore. Francia-Germania 82

Tutto iniziò nella "Notte di Siviglia".
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Luglio 2018

Nazionali senza Nazioni

Come la globalizzazione calcistica ha privato il Mondiale della sua essenza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Giugno 2018

Dove finisce il club e inizia la Nazione

La morte della nazionale.