Critica
22 Agosto 2023

Non è normale che sia normale

Un'estate da dimenticare, ammesso che sia possibile.

Che difficoltà scrivere certi articoli: procede incessante la raffica di notizie tragicomiche senza che la penna riesca a seguirle. I Sauditi a fare spesa in un’Europa ridotta a discount del calcio, Gravina e i diritti Tv, Gravina e Mancini, Gravina Mancini e Spalletti, Gravina Mancini Spalletti e De Laurentiis. Senza parlare delle telenovele melense di mercato: siamo stanchi, capo. Occorre sperare che la lunga estate calda del calcio – nostrano e non solo – finisca presto: e sì che per un italiano invocare la fine della bella stagione è grave, ma tant’è.

Perché un’estate così non si era mai vista: indecenze amministrative e societarie, trattative degne dell’ultimo Maurizio Mosca e dell’iconico pendolino e giocatori che decidono, nel fiore degli anni, di abdicare al successo agonistico in favore di stipendi gargantueschi.

È evidente come il mondiale qatariota – complici le conseguenze economiche della pandemia – abbia ridefinito per sempre i caratteri di un calcio destinato a diventare altro da ciò a cui siamo abituati, un sistema più simile ad Hollywood che non ad uno sport. Ad ogni modo, se dovesse diventare puro intrattenimento, con i giocatori trasformati in multinazionali per conto proprio, occorre badare alla deriva impersonale ed economicistica che sta imboccando e che lo renderà altro dall’agonismo e dalla competizione che ne dovrebbero costituire le cifre essenziali.

Certo, non sono fenomeni nuovi né il commercio che gli sportivi costruiscono sulla propria immagine (si pensi al marchio Air Jordan), né il divismo (si pensi ad Adriano Panatta): tuttavia, se la volontà di massimizzare i profitti legati alla propria notorietà e alle doti tecniche è sacrosanta, ben altro e più grave fenomeno è l’esodo di giocatori che nel pieno della carriera – Manè, Milinkovic-Savic, Fabinho, Kessie etc. – decidono di svernare anzitempo in luoghi in cui il calcio fa discutere a malapena per qualche banalissima esultanza.



Non è del calcio questa dimensione, e non è normale che sia normale. È altrettanto vero, però, che non abbiamo un’idea nobile e virtuosa da perseguire e contrapporre: la situazione del calcio italiano è disastrosa da qualsiasi punto di vista. L’inconsistenza di un calciomercato mai così misero – non per nulla animato dai mal di pancia di un Lukaku qualsiasi, mentre in Premier possono permettersi 70 milioni per Tonali – tradisce la decrescita infelice del nostro campionato maggiore. Per non parlare della situazione in quelli minori.

La scorsa stagione si era conclusa con l’inutile e ridicola epopea giudiziaria della Juventus e un campionato, a suo modo, falsato (lasciateci abbandonare ad un luogo comune: solo in Italia!); altro giro altra corsa e la Serie B – in cui pare ormai normale che le società falliscano a cadenza annuale – riparte escludendo la Reggina in favore del Lecco, in un andirivieni di dirigenti, faccendieri e azzeccagarbugli che tra tribunali e consigli sportivi smaniano alla ricerca di cavilli fumosi e soluzioni improbabili.

Dal 2000 in poi, in Italia, sono falliti quasi 200 club professionistici. Duecento. 9 all’anno. Ma anche questo ormai ci sembra ‘normale’.

A conclusione dell’agosto più grigio degli ultimi anni sono poi arrivate le dimissioni del CT Mancini, tragedia all’italiana in quattro atti (Mancini, Gravina, Spalletti, De Laurentiis) che si potrebbe trasmettere in mondovisione, se solo Gabriele Gravina – il più nudo dei re nudi – riuscisse a trovare un accordo per i diritti dei nostri campionati, per cui comprensibilmente nessuna piattaforma è disposta a sborsare un miliardo di euro e che si discuteranno in una data casuale e però simbolica come l’11 settembre.



Il calcio – quello italiano soprattutto – è ormai un vuoto a perdere in cui a perderci rimangono puntualmente appassionati e tifosi, gli unici a restare col cerino in mano dal basso della loro irrilevanza economica; il calcio del futuro, invece, forte di una sempre crescente popolarità da social, vaneggia e volteggia su se stesso, forse progredisce ma certo non cresce, con i media che addirittura ne tessono le lodi.

In questa Babilonia, a noi commentatori sia concesso quantomeno di indossare l’occhiale indiscreto dello scetticismo, animarci dello spirito nobile del dubbio per evidenziare le patologie di uno sport che rischia di non essere più tale. Senza scadere nel passatismo o in nostalgie innecessarie, tentiamo la via della resilienza (sic!) e dell’atarassia (meglio), consapevoli che non è normale che sia normale e che a questa lunga estate – finisse presto! – seguirà senz’altro un autunno caldo in egual misura: il problema, purtroppo, non è certo stagionale.

Gruppo MAGOG

Matteo Zega

20 articoli
De Ludo Globi
Cultura
Matteo Zega
24 Febbraio 2024

De Ludo Globi

Roberto Baggio e la perfezione (spirituale) della sfera.
La Rai, lo sport e le voci d’Italia
Cultura
Matteo Zega
03 Gennaio 2024

La Rai, lo sport e le voci d’Italia

Settant’anni di passioni sportive nelle immagini di Mamma Rai.
E venne l’era dei paninari
Ultra
Matteo Zega
19 Dicembre 2023

E venne l’era dei paninari

Fenomenologia di una sottocultura.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

La Juventus non doveva omologarsi
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Con Vlahovic la Juventus è andata all-in
Italia
Guglielmo Russo Walti
29 Gennaio 2022

Con Vlahovic la Juventus è andata all-in

Arrivabene ha mentito a tutti.
Il goal più bello è stato un passaggio
Recensioni
Simone Morichini
24 Dicembre 2017

Il goal più bello è stato un passaggio

Il libro del filosofo francese Jean-Claude Michéa ripercorre le fasi del calcio: da sport delle élite a sport popolare, per diventare infine uno strumento nelle mani del capitalismo finanziario e globale.
Da spettatori (divertiti) del Mondiale
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Giugno 2018

Da spettatori (divertiti) del Mondiale

Il bilancio dopo due giorni di Russia 2018.
Dottore chiami un dottore
Calcio
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.