Carrello vuoto
Papelitos
28 Dicembre

Il calcio naturale di Patrick Cutrone

L'Inter sbatte nella terza sconfitta consecutiva, in un derby deciso dal miglior fiore rossonero

Com’è facile, com’è naturale giocare a calcio. È l’insegnamento di Patrick Cutrone: poche sovrastrutture, neanche 20 anni e una fame che San Siro in una piovosa notte di derby non basta. Entra per Kalinic messo KO da Skryniar: a fianco ha Chalanoglu, che subentra come lui dalla pancina e si sveglia solo dopo un po’, ma è Suso – la piccola anima artistica rossonera – a inventare l’unico pallone buono per lui. Ed è gol. Partita di emozioni e basta, molto confusa e anche per questo sanguigna. Se di tattica si vuol parlare si è vista solo quella poca della metà nerazzurra: Spalletti ha disegnato una squadra che ha comunque un’idea per ogni fase, anche se ha dovuto scontare le serate no di Perisic e di Icardi, convitato di pietra. Il Milan dal canto suo è palesemente privo di identità: un Biglia inesistente, poco ordine in attacco, tutti aggrappati all’occasione del momento – ad attenderla, ovviamente, mica a crearla.

Dopo 24’ l’Inter passa in vantaggio con un gol annullato assurdamente per VAR. L’assurdo non sta nell’aver annullato il gol, quanto nell’aver invocato l’assistente virtuale. L’infrazione era palese e sarebbe stata sufficiente la personalità di fischiarla/segnalarla: il buon Ranocchia oltre a essere di là della linea di offside era anche d’ostacolo al portiere, il negletto Antonio “1 milione di stipendio” Donnarumma. Schernito e sbeffeggiato, si trova titolare per sbaglio causa infortunio nel riscaldamento del designato Storari e salva la partita con una grande parata e qualche altro intervento in sicurezza. L’inter lo aiuta, e non poco.

 

Una bella gatta da pelare. Foto di Claudio Villa - Inter/Inter via Getty Images
Una bella gatta da pelare. Foto di Claudio Villa – Inter/Inter via Getty Images

 

Se capitan Bonucci, forse ancora stordito dalla reprimenda di don Fabio, non è stato così solido come lo si vorrebbe da tempo, nessuno del Milan ha dato parvenza di compattezza: Kessie su tutti ha sparpagliato a vanvera i baleni della sua forza, e Bonaventura gli va un po’ a ruota ma almeno gode di consapevolezza tattica. Dall’altra sponda Gagliardini ha fatto il suo con serena personalità, ma è stato Cancelo il vero mattatore. Senza il gol del giovane Patrick sarebbe stato probabilmente il migliore in campo, con Vecino a dare struttura alla metà destra interista. João Pedro Cavaco Cancelo (come fa a non avere ancora un soprannome?) era l’uomo in più degli Spalletti-boys, almeno per i primi 60’, toccando un altissimo numero di palloni facilmente superiore a quelli di Biglia, il “regista” (?) avversario.

È alla fine del primo tempo supplementare che si decide la partita: si sprecherebbe tutta la retorica dell’eletto del settore giovanile che a costo zero salva le partite (e i derby) in faccia ai 250 milioni cotti al vapore sul mercato, se non fosse la verità. Il suo volto è trasfigurato di concentrazione: ammicca alla rete, non alle telecamere. La strada è lunga, i movimenti sono istintivi e originali, a tratti inzagheschi: da sgrezzare ma già estrosi e risolutivi. I cronisti gli soffiano sul collo la predestinazione ma Cutrone se ne divincola come da una marcatura: il suo gioco reclama libertà, normalità, naturalezza. Un tempo le pagelle calcistiche lo avrebbero promosso alla voce “senso del gol”: il suo calcio spontaneo e sincero sbanca la Scala del Calcio con il nono segno stagionale, capocannoniere della squadra. Ora Spalletti dovrà ricucire le smagliature che hanno portato alla terza sconfitta consecutiva per non perdere definitivamente il treno delle prestazioni necessarie per stare in alto, mentre Gattuso si trova – con una vittoria tanto cercata quanto patita – ad aspettare la Fiorentina in campionato e la Lazio in Coppa Italia. Con la stessa mancanza di certezze di prima ma con un derby in saccoccia: se non stravolge la stagione, di certo alleggerisce il cuore.

 

In copertina, foto di Emilio Andreoli/Getty Images

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Italia
Valerio Santori
12 Maggio 2022

Non si vince per caso

Se non ci credete, chiedete a Marotta.
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio 2021

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Papelitos
Federico Brasile
29 Novembre 2020

Dove sono finiti quelli di Rangnick?

Il Milan comanda senza aver ceduto all'esterofilia.
Calcio
Diego Mariottini
23 Novembre 2020

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Papelitos
Paolo Pollo
10 Novembre 2020

Marco Silvestri e la sottile arte della provocazione

Come il portiere del Verona ha fregato sua maestà Zlatan.
Ritratti
Diego Mariottini
31 Ottobre 2020

Van Basten l’impenetrabile

Compie oggi 56 anni un uomo che non si è mai concesso.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre 2020

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Calcio
Antonio Aloi
7 Ottobre 2020

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.