Ultra
27 Ottobre 2023

In Palestina neanche il calcio è libero

Un viaggio nel pallone tra i dannati della terra.

I ricchi hanno Dio e la polizia.

poveri hanno i poeti e le stelle.

Poesia palestinese tratta da “Dafatir filastiniyya”, Quaderni Palestinesi, di Mu’in Bsisu

L’ultima notizia relativa al calcio in Palestina, dopo l’avvio dell’operazione militare “Alluvione al-Aqsa”, da parte di Hamas a Gaza dello scorso 7 ottobre, riguarda l’italiano e monzese Alberto Giacomini. È un allenatore di calcio che da anni si occupa, per conto della FIFA, di formare tecnici nei Paesi più poveri al mondo, tenendo corsi e lezioni ad aspiranti allenatori locali; Palestina e Libano tra le sue mete, ma anche un’altra cinquantina di Stati, in cui a molti bambini viene consegnato prima un fucile per sparare che un pallone da calciare.

In un’intervista rilasciata a ‘Il Giorno’, Giacomini racconta di essere arrivato a Ramallah – capitale de facto dello Stato palestinese – il giorno prima dell’inizio dell’operazione militare organizzata da Hamas ed annunciata dal capo della sua ala militare, Mohammed Deif. Il centro sportivo “Joseph Blatter academy” questa volta Giacomini lo ha appena intravisto e, dopo poche ore dal suo arrivo, è stato vivamente esortato dai vertici FIFA a fuggire in Giordania e prendere il primo volo per l’Italia, abbandonando a malincuore 100 bambini e 50 allenatori palestinesi. Piccoli e grandi che sognano di poter continuare a praticare ed insegnare sport in pace, come i loro vicini israeliani.

Ma in Palestina fare calcio, fare sport, non è una passeggiata…


Nell’immagine di copertina un giovane palestinese con la bandiera nazionale tra le macerie del ‘Palestine Stadium’ (lo Stadio di Gaza), appena bombardato dall’aviazione israeliana. Come riporta questo articolo, la FIFA si è impegnata per la ricostruzione dell’impianto (già lo aveva fatto dopo i bombardamenti del 2006).


Contrasti ULTRA

Dopo sette anni lanciamo la nostra sfida. E chiediamo il vostro sostegno per farlo. Contrasti ULTRA, il piano di abbonamenti della rivista, è lo sbocco naturale di un progetto che vuole svincolarsi dalle logiche dei trend topic e del clickbaiting, delle pubblicità invasive e degli investitori invadenti. Un progetto che vuole costruirsi un futuro solido e indipendente.

L'abbonamento darà accesso ai migliori articoli del sito e ad una newsletter settimanale di lotta, di visione e di governo. Il vostro sostegno, in questo grande passo, sarà decisivo: per continuare a rifiutare i compromessi, e percorrere fino alla fine questa strada - lunga, tortuosa, solitaria - che ci siamo scelti. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo. Grazie.

Abbonati

Gruppo MAGOG

Marco Gambaudo

14 articoli
La telecronaca da Martellini a Caressa
Calcio
Marco Gambaudo
07 Agosto 2023

La telecronaca da Martellini a Caressa

L'arte di raccontare una partita è cambiata profondamente, così come il calcio.
A Genova gli sfottò sono una cosa seria
Papelitos
Marco Gambaudo
22 Maggio 2023

A Genova gli sfottò sono una cosa seria

Il funerale (con corteo funebre) dei genoani per la Sampdoria.
San Lorenzo de Almagro, un amore infinito
Tifo
Marco Gambaudo
01 Aprile 2023

San Lorenzo de Almagro, un amore infinito

Una squadra, un quartiere, un’identità. 115 anni di storia.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il Giro e le sue storture
Altro
La Redazione
07 Maggio 2018

Il Giro e le sue storture

Tra noia, fughe e volate ad alta velocità, il Giro d'Italia convalida la sanguinosa occupazione israeliana nelle terre palestinesi.
Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo
Calcio
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Il Cile in rivolta si unisce nel calcio
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
08 Novembre 2019

Il Cile in rivolta si unisce nel calcio

La finale di Copa Libertadores cambia sede: ma nel momento in cui il Cile si è fermato, il calcio è un elemento ricorrente negli scontri in strada.
Elogio della guerra
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre 2017

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
Musica, lotta e mito nell’Iran profondo
Altri Sport
Gianluca Losito
08 Settembre 2020

Musica, lotta e mito nell’Iran profondo

Per comprendere intimamente la Nazione iraniana bisogna conoscere la sua tradizione combattente.