Carrello vuoto
Tennis
23 Agosto

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Lorenzo Ottone

18 articoli
Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?

Non mi sono mai piaciuti i videogiochi di calcio. Anzi, ad essi ho sempre preferito il Subbuteo. Per una ragione: i vari FIFA e PES peccano di credibilità. Ora non fraintendetemi, la verosimiglianza fisiognomica dei calciatori virtuali o la riproduzione delle loro divise sono impeccabili, nemmeno lontanamente comparabili alle pennellate frettolose e sbilenche – dettate dalla prospettiva dell’incremento dei guadagni al fronte del numero di squadre dipinte – delle casalinghe del Kent sulle miniature del gioco di Peter Adolph.

 

 

Ciò non esclude, però, che i videogiochi calcistici pecchino di verosimiglianza, imbrigliati nei loro codici di programmazione, nella loro proiezione univoca e corretta del calcio secondo la FIFA. Per questo motivo la rappresentazione dello sport nei videogiochi, che tanto ricorda il calcio ai tempi del Coronavirus, non ha mai fatto breccia nel cuore di chi scrive.

 

Anzi, porta alla mente cosa Francesco De Gregori cantava nella sua ‘Bufalo Bill‘: “Tra bufali e locomotiva la differenza salta agli occhi. La locomotiva ha la strada segnata, il bufalo può scartare e cadere.”

 

Ecco, se l’imperfetto ma fantasioso Subbuteo è il bufalo, scagliato in punta di indice sulla sua base semisferica ad inseguire il pallone ad essa sproporzionato; il videogioco, nonché il calcio al tempo del Covid-19, è la locomotiva di ‘Bufalo Bill’. Così sterile, asettico e moderno da risultare noioso, il gioco del pallone dunque è l’antitesi di cosa dovrebbe essere: estro, passione, sudore. Pardon, il sudore c’è ma solo perché si è follemente deciso di far terminare coppe e campionati in piena estate.

 

 

Questi tre tratti trovano sublimazione tanto sugli spalti che sul terreno di gioco, nell’interazione tra calciatori e tifosi. Nell’alchimia che innesca rimonte, che carica un portiere a parare un rigore, che porta certe curve ad essere definite il dodicesimo uomo in campo, nell’estasi condivisa al momento in cui si solleva un trofeo. Si, perché anche in assenza di tifosi a gremire gli spalti, nel calcio post-Covid-19 si sollevano ancora i trofei e guai ad astenersi dai consueti saltelli sul posto, fuochi d’artificio e luci stroboscopiche.

 

 

LEGGI ANCHE

Non ci ribelliamo perché

non andiamo (più) in curva

 

 

Se le celebrazioni dello scudetto bianconero non hanno scosso troppo i gamer più accaniti, non possono certo lasciare indifferenti coloro che sono abituati a vivere il calcio dagli spalti. Ronaldo e compagni saltellanti sul posto come compiti figurini Konami programmati a dovere, con tanto di arbitrario numero di bandiere di nazioni straniere legate sulle spalle a mo’ di mantello, coppa al cielo e coriandolata di circostanza da fare invidia ad un concerto di Jovanotti o dei Coldplay – altri contemporanei esempi di imposizione di una moralità unica e globale – sono lo specchio dell’ennesima assurdità del calcio-lockdown.

 

 

Un calcio modellato dall’alto sull’esempio dei videogiochi, per essere venduto ad un pubblico già iniziato allo sport virtuale. Se i tifosi si possono distinguere in due macro-categorie, gli amanti sanguigni del folklore campanilistico da una parte, gli ossessionati tutto tattica, performance, videogames, e calciomercato dall’altra, il tifoso del futuro appartiene senza dubbio al secondo gruppo sociale.

 

 

FESTEGGIAMENTI COVID SERIE A
Esiste qualcosa di più triste di De Ligt che si porta la mano all’orecchio? (foto di Filippo Alfero – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

 

 

Niente più scale di Wembley tra pacche sulle spalle, niente più strattoni estatici sulla tribuna traboccante, niente più sciarpe donate dai tifosi al collo dei loro beniamini. Troppa calca, troppo folklore, troppa umanità. Via, un cartellone con gli sponsor di turno stampati in bella vista e posto a centrocampo davanti ad un palchetto posticcio da basamento delle statuette per torte nuziali può bastare. Magari ci fossero sempre le frustrazioni di Antonio Conte a dare un sussulto alle premiazioni delle coppe in tempo di Covid

 

 

Complice il Coronavirus, il calcio – dalla Danimarca all’Inghilterra – ha già provveduto a sostituire i tifosi in carne ed ossa con indistinguibili e piatte masse in 2-D, come in un videogioco. Nella dimensione liquida del calcio contemporaneo, le cerimonie di premiazione – già da anni conformate e codificate – non saranno più distinguibili tra di loro. Dalla Serie A alla Champions League, dalla F.A. Cup alla Coppa del Mondo, ci troveremo davanti a scenari generici e asettici, come se uno stadio valesse l’altro, come se un pubblico (assente o presente che sia) valesse l’altro.

 

 

Vecchio di più di 50 anni il Subbuteo, per assurdo, prevedeva tra i suoi accessori tifosi tridimensionali e personalizzabili attraverso colori e pennelli. Nel caso peggiore, la fantasia proiettava cori, gradoni gremiti, giungle di sciarpe e lanci di rotoli di carta igienica. Non mi si chieda dunque perché ne preferisca l’ingenua fantasia allo sterile conformismo dei videogiochi, nonché di un trofeo alzato per prassi da giocatori dagli occhi annacquati davanti seggiolini vuoti. Un gesto che a confronto i mimi della partita di tennis-happening artistico di Blow Up sembrano sfidarsi per un credibile e tesissimo match point sul centrale di Wimbledon. Magari ci fossero dei bug come nei videogiochi nel calcio che si sta delineando: vorrebbe dire che siamo ancora nella realtà!

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Calcio
Simone Meloni
8 Aprile 2022

Il Subbuteo in Italia è storia, disciplina e tradizione

Avete mai sognato di diventare i campioni del mondo del calcio da tavolo?
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2022

L’Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!

La battaglia liberale, democratica e moralista dell'occidente prosegue a vele spiegate.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Editoriali
Andrea Antonioli
1 Marzo 2022

Figli e figliastri, da sempre

Ma davvero vi stupite dell'esclusione russa?
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Ritratti
Diego Mariottini
31 Ottobre 2021

Florian Albert, l’imperatore

Dio sarà con te, e così l'Ungheria.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Ottobre 2021

Evil Beckham

L'Europa si è svegliata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.