Carrello vuoto
Altri Sport
12 Settembre

Cambio di passi

Giacomo Amorati

10 articoli
La FIBA sulla scia dell'NBA rompe con la propria tradizione.

La regola dei passi in partenza rimaneva una delle ultime barriere “culturali” che dividevano NBA e basket europeo/FIBA. Rimossa questa differenza, a partire dal 1° di ottobre per tutte le competizioni sotto la giurisdizione FIBA – ovvero campionati Europei, Mondiali, Giochi Olimpici, Campionati Nazionali e coppe varie – si vedrà un’uniformità di regolamento e di sviluppo del gioco. Le reazioni sono state molteplici e variegate, come le motivazioni che hanno portato a questa decisione. Per meglio comprendere di cosa si tratta è opportuno considerare gli attuali regolamenti delle due Federazioni. Per la FIBA (Federazione Internazionale di Basket) fino a questo momento la regola recitava: “Il piede perno (ossia il primo appoggio da quando viene fermato il palleggio) deve essere determinato nel momento in cui il giocatore raccoglie il palleggio, mettendo la mano sotto il pallone o trattenendolo su una o entrambe le mani”. Essa veniva interpretata dagli arbitri come un divieto assoluto di muovere alcun passo con il piede perno prima di aver effettuato un palleggio con la palla.

fiba ref
Arbitri FIBA a rapporto

Fino ad ora questa interpretazione era un dogma intoccabile all’interno del basket europeo, una delle differenze più marcate e quasi ostentate nel paragone coi cugini statunitensi, tanto che spesso ad inizio stagione si era soliti assistere a scene pietose in cui giocatori di scuola USA perdevano moltissimi palloni ancora prima che l’azione iniziasse proprio per colpa di quest’infrazione.
Infatti, la regola NBA recita che: “Un giocatore può fare due passi legali dopo la raccolta del pallone, che avviene quando prende la sfera con due mani o ne mette una sotto la stessa”. Una norma così concepita, che fa storcere il naso a chiunque sostenga un’applicazione più ferrea delle regole come nel basket europeo, permette tuttavia una notevole libertà di manovra prima di palleggiare e così favorisce lo spettacolo, poiché avvantaggia gli atleti fisicamente più dotati, in grado di esprimere una grande esplosività in poco spazio e quindi compiere movimenti più ampi, a discapito della finezza tecnica o del posizionamento tattico.

Lebron James non è mai stato rispettoso del regolamento stretto
Lebron James non è mai stato rispettoso del regolamento stretto

Questa difformità non è un male fintanto che i due emisferi cestistici si incontrano solo durante Olimpiadi e Mondiali, ove comunque è applicato il regolamento FIBA. E qui, infatti, cominciano le divergenze: come fanno i giocatori NBA ad adattarsi ad un regolamento che a loro non è mai stato applicato? Semplicemente, c’è sempre stato da parte del collegio arbitrale un maggiore lassismo nel giudicare le partenze in palleggio dei team Americani, rispecchiando il metro di giudizio applicato nei tornei di oltreoceano, in cui sono clamorose le infrazioni di passi in partenza che sistematicamente non vengo sanzionate, tantoché ormai neanche gli stessi giocatori o allenatori si lamentano più, consci della necessità di questo “male” in cambio dello spettacolo offerto da un gioco più dinamico. In Europa invece, la regola è sempre stata applicata alla lettera e condizionava il flusso del gioco, favorendo la tecnica e costringendo gli attori in campo ad avere una maggiore attenzione alla tattica ed agli spazi, per potersi sempre far trovare disponibili al passaggio.

Con questo cambiamento la FIBA intende sterzare verso la velocità e il dinamismo, anche se molte voci sostengono che abbia adottato questa posizione normativa anche in virtù del peso istituzionale/politico della potentissima NBA, così come accadde quando si volle spostare la linea da 3 punti da 6,25 m a 6,75m: le malelingue infatti attribuirono questo cambiamento alle batoste subite dal team USA ad Atene 2004 ed ai Mondiali 2002 e 2006.
Questa innovazione non solo avrà delle conseguenze sullo stile del gioco, ma contribuirà a diminuire le responsabilità in capo al collegio arbitrale, limitando le discussioni su una delle infrazioni più controverse da accertare.
Preso atto di questo cambiamento, bisognerà aspettare l’inizio della stagione per capire l’effettiva implementazione della regola ed i suoi effetti: con buona pace dei puristi europei, una – si spera – iniezione di spettacolo, qualche polemica in meno e (forse) una nuova era per il basket.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Basket
Filippo Chili
20 Ottobre 2021

La NBA non è (più) un campionato per playmaker

Basket americano ed europeo, tanto diversi quanto complementari.
Ritratti
Francesca Lezzi
28 Agosto 2021

Tim Duncan, The Big Fundamental

Quando la normalità è extra-ordinaria.
Basket
Filippo Chili
31 Maggio 2021

L’incredibile impresa del Partizan de Fuenlabrada

Una vicenda immortale (e surreale).
Interviste
Leonardo Aresi
2 Dicembre 2020

“Lo sport di domani”. A tu per tu con Flavio Tranquillo

The Voice torna in libreria. Stavolta per affermare un principio fondamentale: lo sport è cultura.
Basket
Giulio Armeni
26 Settembre 2020

Il dio del Basket non è il dio dei numeri

Se l'ansia da prestazione si nutre delle statistiche.
Papelitos
Leonardo Aresi
9 Settembre 2020

In NBA si sta smarrendo la cultura del gioco

Dan Peterson denuncia una tendenza sempre più marcata nel mondo professionistico della palla a spicchi d'oltreoceano.
Papelitos
Federico Brasile
17 Agosto 2020

Gli Stati (dis)Uniti nello sport

Black lives matter divide anche nel basket e nel calcio.
Basket
Matteo Viotto
31 Luglio 2020

NBA, l’ultimo classico di Walt Disney

Stanotte riparte lo spettacolo, nel cuore della fantasia.
Basket
Matteo Viotto
11 Giugno 2020

The Flu Game oltre Michael Jordan

Le sfumature oscurate dall'onnipotenza sportiva del 23.
Recensioni
Giacomo Orlandini
19 Maggio 2020

The Last Dance, confessioni dall’Olimpo del basket

Un'intensa ed inedita prospettiva sull'ultimo ballo dei Chicago Bulls di Michael Jordan e coach Phil Jackson.
Basket
Giovanni Poggi
25 Febbraio 2020

Tex Winter

Cervello rivoluzionario della pallacanestro.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Gennaio 2020

Quando il calcio oscura la morte, lo sport muore

Kobe Bryant è morto e la stampa sportiva italiana si vergogni.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Gennaio 2020

Mamba forever

L'amico che non hai mai incontrato.
Basket
Simone Galeotti
3 Gennaio 2020

In memoriam di David Stern

Un ricordo dello storico commissioner NBA, scomparso il 1 gennaio appena trascorso a 77 anni in seguito a un malore.
Basket
Simone Galeotti
7 Marzo 2019

L’estate di Philly

On the parquets of Philadelphia.
Ritratti
Giacomo Amorati
15 Novembre 2018

Dirk Nowitzki dalle tribù germaniche

Con il sangue di Arminio nelle vene.
Basket
Luca Pulsoni
5 Novembre 2018

Brutti, sporchi e cattivi

L’era dei Bad Boys di Detroit e quelle regole speciali per fermare Michael Jordan.
Basket
Simone Spada
21 Giugno 2018

Basket italiano, la rinascita passa dalla Nazionale

Chiuso il campionato con la vittoria dell'Olimpia Milano, i tifosi italiani hanno potuto applaudire le affermazioni di Niccolò Melli e Gigi Datome in Turchia. Ora tocca alla Nazionale Italiana confermare le buone premesse di una stagione positiva.
Altro
Matteo Latini
7 Giugno 2018

Dražen Petrović, 25 anni senza

Il Mozart dei canestri: una valanga di classe e di punti si è fermata molto presto, il 7 giugno 1993.
Altro
Simone Spada
5 Giugno 2018

La caduta delle due sorelle

Reggio Emilia e Dinamo Sassari fuori dai play-off per lo scudetto per la prima volta dalla promozione in A. Prima i sardi, poi gli emiliani hanno cambiato forma e perso la spinta che li aveva portati in cima alla classifica.
Basket
Matteo Latini
31 Maggio 2018

Danilovič, una tripla, e Bologna è Basket City

A vent'anni dal tiro che decise un derby lungo un anno intero. Una città in fiamme, l'età dell'oro del basket italiano.
Altro
Andrea Cassini
5 Aprile 2018

Le imbattibili Flying Queens

Questa è l'indimenticabile storia della squadra di basket più vincente di sempre.
Basket
Simone Galeotti
6 Marzo 2018

Il senso di Kaunas per il basket

C'è un luogo dove la canotta verde dello Zalgiris Kaunas è una bandiera, un vero vessillo d'identità.
Altro
La Redazione
15 Febbraio 2018

Verso l’All Star Game

Nuove regole per cercare di mettere più sport nello spettacolo, anche per la composizione delle squadre.
Altro
Simone Galeotti
13 Febbraio 2018

L’oro di Spalato

Tre Coppe dei Campioni consecutive vinte prima della guerra che spezzò una Nazione, per cambiare per sempre la pallacanestro Jugoslava.
Ritratti
Giovanni Poggi
5 Gennaio 2018

Vincenzo Esposito

L'esaltante carriera di un grintoso talento della pallacanestro.
Ritratti
Lorenzo Balma
29 Dicembre 2017

Larry Bird

L'umiltà non si predica, si pratica.
Ritratti
Giovanni Poggi
7 Dicembre 2017

Gianmarco Pozzecco

Personaggio unico e inimitabile del basket italiano. Semplicemente un genio, semplicemente "Poz".
Altri Sport
Giacomo Amorati
30 Agosto 2017

Sfida continentale

La nostra guida agli Europei di Basket 2017.