Calcio
10 Agosto 2022

I capitani abbandonano la nave

Anche quando non affonda.

Le qualità di un buon capitano sono tante, dalla fedeltà alla maglia sino alla capacità di tenere unito il gruppo. Scegliere un buon leader non è facile e probabilmente sarà anche per questo, oltre che per le scelte di mercato delle società, che la metà delle squadre di serie A si appresta a cambiare capitano in vista della prossima stagione e la rivoluzione non sembra essere ancora terminata. Neopromosse e squadre di alta classifica, la rivoluzione ha colpito senza alcune distinzione.

Milan, Napoli, Juventus, Sassuolo, Udinese, Torino, Salernitana, Empoli, Lecce e Monza sono le squadre che hanno cambiato e quasi tutte hanno perso il capitano, ceduto oppure lasciato andare via a parametro zero verso altri lidi.

Amato e odiato dai suoi stessi tifosi, Alessio Romagnoli ha lasciato il Milan a scadenza contratto per andare a Roma ed indossare la maglia bianc celeste, da sempre sua squadra del cuore. Ai campioni d’Italia il suo posto è stato preso da Davide Calabria, un prodotto del vivaio rossonero che ha scalato le gerarchie in silenzio e con il lavoro. In un sol colpo tutti contenti: società, giocatori e tifosi, con due ragazzi nati e cresciuti nelle squadre di cui indossano la maglia.

Paradossale la situazione del Napoli che in una sola sessione di mercato ha perso tutti i suoi capitani. Per primo Lorenzo Insigne, capitano con la valigia destinazione Toronto sin dal mese di gennaio: nessun accordo per il rinnovo e volo di sola andata verso la MLS. In questa sessione di mercato invece sono andati via prima il suo vice, Kalidou Koulibaly, passato al Chelsea, e poi Dries Mertens al momento ancora in cerca di una nuova squadra. Nuovo capitano Giovanni Di Lorenzo, eletto tale non per meriti di anzianità ma perché, parole di mister Luciano Spalletti, votato dallo spogliatoio.

Proprio come Milan e Napoli, anche la Juventus ha salutato il suo capitano a scadenza contratto. Giorgio Chiellini è volato negli Stati Uniti lasciando il posto a Leonardo Bonucci che ha ottenuto i gradi sfruttando anche l’addio di Dybala e la fine della punizione decretata da Allegri, quando lasciò i bianconeri per indossare maglia e fascia di capitano del Milan. Ancora in cerca di squadra Andrea Belotti che ha lasciato il Torino dopo sette anni. Tante voci di mercato ma al momento nessuna certezza in merito al futuro del gallo. Il suo posto verrà preso da Sasa Lukic, anche lui promosso in virtù degli addii di Mandragora e Ansaldi.


Dopo diciassette anni lascia il Sassuolo e il calcio, invece, lo storico capitano neroverde Francesco Magnanelli. Gianmarco Ferrari sarà il suo sostituto. Via a zero anche Milan Djuric che abbandona la Salernitana (Franck Ribery indosserà la fascia) per firmare con il Verona. Empoli e Lecce invece hanno deciso di cedere i loro capitani: per quanto riguarda i toscani, Simone Romagnoli ha sposato il progetto del Parma in serie B lasciando la fascia a Filippo Baldinelli mentre Fabio Lucioni, capitano della promozione, è passato dai salentini al Frosinone. Solo Udinese e Monza hanno cambiato per motivi tecnico comportamentali e non per scelte di mercato. Il nuovo mister dei friulani, Andrea Sottil, ha messo la fascia sul braccio di Roberto Pereyra togliendola a Bram Nuytinck. Adriano Galliani invece per convincere Matteo Pessina a lasciare l’Atalanta gli ha promesso la fascia di capitano, sino a quel momento indossata da Mario Sampirisi.

Sembrano ben lontani i tempi di gente come Francesco Totti e Franco Baresi, ad oggi ancora primo e secondo nella classifica dei calciatori più presenti con la fascia al braccio. Il romanista è stato capitano per diciannove stagioni e 786 presenze mentre il milanista per quindici stagioni e 719 presenze. Le uniche eccezioni sembrano Samir Handanovic all’Inter, Lorenzo Pellegrini alla Roma alla Roma, Ciro Immobile alla Lazio e Fabio Quagliarella alla Sampdoria, tutti capitani di lungo corso o comunque già simboli dei propri colori (pensiamo proprio a Pellegrini, che ha raccolto il testimone di una tradizione di capitani romani e romanisti).

Il calcio d’altronde è cambiato, e con esso anche i calciatori.

Ne sono una dimostrazione i tantissimi giocatori andati via a scadenza, ma se un parametro zero non fa notizia quando si parla di un giocatore “normale”, per un capitano la storia è differente. E continua in un certo qual modo a stonare il fatto che il leader di un gruppo diventi una figura sempre più labile e sfumata, in un periodo in cui la fascia rischia di diventare più un onere che un onore, o comunque un simbolo ormai svuotato dal suo tradizionale valore. Così, lasciata ormai alle spalle l’epoca dei grandi capitani, bandiere e/o autentici riferimenti caratteriali, è proprio la figura del capitano forse a riassumere meglio il nuovo calcio. Con la sua logica (prima di tutto) economicista.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Marco Marino

6 articoli
La Liga è su Snapchat, i tifosi allo stadio
Calcio
Marco Marino
08 Novembre 2022

La Liga è su Snapchat, i tifosi allo stadio

Una nuova fruizione del prodotto calcio.
Il Salford City, tra cuore e denaro
Estero
Marco Marino
09 Maggio 2022

Il Salford City, tra cuore e denaro

A Manchester non ci sono solo City e United (forse).
Il calcio senza pazienza
Calcio
Marco Marino
22 Novembre 2021

Il calcio senza pazienza

Quando cambiare allenatore diventa il gioco preferito.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Perché non è il ‘solito’ Napoli
Papelitos
Gianluca Palamidessi
05 Ottobre 2022

Perché non è il ‘solito’ Napoli

Prima o poi la squadra di Spalletti crollerà: o forse no.
La Serie A se la vedono giusto nel metaverso
Papelitos
La Redazione
01 Maggio 2022

La Serie A se la vedono giusto nel metaverso

L'ennesima conquista del progresso.
Il Napoli di Spalletti è totalizzante
Calcio
Marco Armocida
06 Novembre 2022

Il Napoli di Spalletti è totalizzante

Una nuova bellezza: razionale, efficace, consapevole.
Non è da questi particolari che si giudica un giocatore
Italia
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2022

Non è da questi particolari che si giudica un giocatore

Dybala è (stato) un fuoriclasse?
Che vi siete persi
Interviste
Luigi Fattore
26 Giugno 2017

Che vi siete persi

Scrittore di gialli tradotti in tutto il mondo, autore di successo di opere teatrali, racconti sportivi e serie tv, ma prima di tutto tifoso del Napoli. Maurizio de Giovanni ce ne parla in questa lunga chiacchierata.