Carrello vuoto
Ritratti
30 Marzo

L’impareggiabile Carlton Myers

Giovanni Poggi

6 articoli
L'uomo record della pallacanestro italiana.

26 gennaio 1995, sesta giornata di ritorno del campionato di basket di Serie A2: al PalaFlaminio di Rimini i padroni di casa battono Udine per 147 a 99. Ad impressionare sul tabellone però, non sono né il roboante punteggio a favore dei romagnoli, né l’abissale divario finale tra le 2 squadre, bensì i clamorosi 87 punti realizzati da Carlton Myers, un record che lo consegna alla storia del basket italiano.

 

Sarebbe riduttivo riassumere la carriera dell’allora numero 10 biancorosso in una statistica che, seppur incredibile e molto probabilmente irripetibile, non renderebbe pienamente merito al talento, alla classe ed al carisma di uno dei più grandi cestisti italiani di sempre. Dopo più di venticinque anni da quella sera, nel basket tricolore nessun giocatore è riuscito ad avvicinarsi nemmeno timidamente a quella cifra, che all’epoca segnava la definitiva consacrazione verso un percorso straordinario, costellato da diversi primati individuali.

 

Britannico di nascita, Carlton viene avviato agli spartiti dal padre musicista, ma al suono del flauto preferisce l’inconfondibile rimbombo del pallone sul parquet. In palleggio da Londra alla Riviera Romagnola, si trasferisce definitivamente a Rimini con la madre, all’età di 9 anni. Sotto l’arco di Augusto si consolida il suo amore per la palla a spicchi, grazie alle lezioni impartite da Claudio Papini e dal Professor Rinaldi: nel 1988 Carlton è già pronto per il debutto in Serie A2, a soli diciassette anni.

 

 

Già beniamino dei tifosi, agli esordi con la canotta di Rimini.

 

Nelle sue prime quattro stagioni nella Rimini targata Marr, il bilancio è impressionante: doppia promozione dalla B1 alla Serie A, titolo Juniores e prima convocazione in Nazionale. Addirittura gli Azzurri pensano di impiegarlo nel torneo di qualificazione ai Giochi Olimpici di Barcellona, ma poi coach Gamba desiste: è chiaro che il talento non manca, ma il carattere è ancora acerbo. Ad ogni modo, in quell’estate sarà lui il protagonista del mercato del basket nostrano, oggetto dei desideri di Pesaro, Virtus Bologna e Milano.

 

Ad arrivare prima nella corsa a tre è la Scavolini, che si aggiudica il cartellino di Myers con la formula della comproprietà biennale. Nelle Marche Carlton esordisce in massima serie e conferma tutto il talento mostrato negli anni precedenti a Rimini; diviene il trascinatore dei biancorossi in campionato e in Europa, ma perde anche la prima finale scudetto della sua carriera. Il tricolore 93/94 è cucito sulla canotta della Virtus Bologna, avversario che affronterà più volte lungo la strada del trionfo, raccogliendo più dolori che gioie.

 

Al termine del biennio pesarese, nonostante la sua media realizzativa superi i venti punti, statistica che gli vale il titolo di MVP dell’ultimo campionato, il cartellino non viene riscattato. Nel frattempo, proprio in quell’estate si parla di un suo approdo in NBA, tanto che gli giunge l’invito per un provino da parte dei New York Knicks. Alle sirene della Grande Mela però, Carlton non risponde nemmeno.

 

“Perchè non sono andato nella NBA? Alla fine della stagione 93/94 ricevetti un fax dei New York Knicks che mi invitavano ad un try out. Non andai: anzi, non risposi proprio. Volevo stare a casa, concentrato su quello che stavo facendo: non mi interessava proprio”.

 

Così ecco l’occasione per il ritorno a Rimini, che nel frattempo è caduta di nuovo in A2. Ora il bùrdel è maturato, desideroso di dimostrare le stigmate del fuoriclasse ed il carisma che lo caratterizzeranno per il resto della carriera. Tuttavia, la sua volontà di primeggiare e di vincere a tutti costi, perfino catalizzando su di sé l’intero peso dell’attacco, non bastano ai romagnoli per ritrovare la massima serie; a fine stagione è tempo per un nuovo arrivederci.

 

 

Un sunto delle sue incredibili doti realizzative

 

La chiamata della Fortitudo Bologna cambia la vita e la carriera di Carlton, che scrive un glorioso capitolo nella storia della F scudata, divenendo in poco tempo idolo del pubblico biancoblu: “Oh mamma mamma mamma, sai perché mi batte il corazon.. ho visto Carlton Myers!”. Incontenibile ed inarrestabile, a Bologna Myers è un esplosione di talento, atletismo e determinazione. Un giocatore che sembra avanguardia rispetto agli altri, precursore di un basket che si evolve verso il nuovo millennio.

 

Allenare Carlton è allenare l’uomo nuovo, l’uomo del futuro, l’uomo che è nero ma anche bianco, l’uomo della razza primigenia che mosse i suoi passi da un unico ceppo e che un giorno riunirà tutti i colori e tutti i cuori nell’uomo nuovo, nell’uomo giusto”. Valerio Bianchini, coach Fortitudo Bologna 1996-1998

 

Carlton si consacra a Basket City, nonostante il suo palmares fatichi a riempirsi nei primi anni in biancoblu. Dopo le sconfitte in finale con Milano nel ’96 e con Treviso l’anno successivo, finalmente arriva il trionfo in Coppa Italia nel ’98; nell’immaginario dei tifosi il primo trofeo della storia della Effe è riassunto nell’immagine del numero 10 festante a fine gara sul tavolo a bordo campo. La prima coccarda sarà però una gioia effimera, cancellata pochi mesi dopo dal tiro da 4 di Sasha Danilovic, tanto nemico sul parquet quanto amico nella vita, con cui sarà protagonista di memorabili battaglie.

 

 

L’istantanea che celebra il primo trofeo per la Fortitudo e per Myers.

 

La batosta della terza finale consecutiva persa non destabilizza Carlton che, l’estate successiva, vola agli Europei di Francia, dove vince una storica medaglia d’oro da capitano degli Azzurri. Eppure il meglio deve ancora venire, perché è nel 2000 che Myers tocca il punto più alto della sua carriera: il 30 maggio diventa per la prima volta campione d’Italia con la Fortitudo, quindi è scelto come primo portabandiera di colore per le Olimpiadi di Sidney. Una nomina che incarna l’idea di un paese senza più pregiudizi ed aperto all’integrazione, promossa in prima persona dal Presidente del Coni Petrucci, a cui però non sono risparmiate critiche.

 

“Fui io a sceglierlo come portabandiera per le Olimpiadi di Sidney 2000, nonostante forse non fosse il principale atleta italiano di quella spedizione. Mi attirai qualche critica, ma avevo visto in lui un grande carisma, cosa che riconobbero anche quei tanti atleti che alle Olimpiadi gli chiedevano gli autografi” Gianni Petrucci, 30 marzo 2011, il giorno del ritiro di Carlton Myers

 

Rientrato dalla spedizione olimpica, Carlton delizia il pubblico del Paladozza ancora un’altra stagione, segnando a raffica; il suo tiro in sospensione, galleggiando in aria, diventerà iconico ed impossibile da dimenticare per gli appassionati biancoblu. L’ultima partita di Myers con la Effe è una gara 3 di finale scudetto, di nuovo contro la Virtus: alla sua uscita dal campo per cinque falli, anche i tifosi bianconeri si alzano in piedi ad applaudirlo, tributandogli un’ovazione da brividi.

 

Roma, Siena e Valladolid sono le tappe successive del suo percorso cestistico, prima del ritorno a Pesaro, dove centra la doppia promozione dalla B alla Serie A1, per la seconda volta in carriera. La stagione 2009/10 è l’ultima corsa e Carlton chiude proprio dove aveva iniziato, a Rimini, sua patria adottiva. Si ritira ufficialmente il giorno del suo quarantesimo compleanno, indicendo una conferenza stampa presso la Comunità di San Patrignano. Al centro di recupero per tossicodipendenti rimarrà particolarmente legato, prestando il volto per le diverse campagne e vestendo la canotta della squadra comunitaria per una partita del campionato di serie C 2011/12.

 

Myers riceve il tricolore dalla mani del Presidente della Repubblica Ciampi.

 

Myers è stato considerato un giocatore totale, tanto reattivo ed aggressivo in difesa, quanto feroce ed elegante nell’attaccare il ferro col suo enorme talento. Per alcuni coach allenarlo è stata una vera sfida, a causa dell’enorme impatto tecnico ed emotivo che aveva sui compagni di squadra, eppure nessuno di loro si sarebbe mai privato di un leader così. Infatti sin dagli inizi della sua carriera, Carlton è stato il giocatore a cui affidare tutte le responsabilità, come si fa con i più grandi: l’uomo dell’ultimo tiro, nel bene e nel male.

 

“Myers è stato il Michael Jordan ita­liano, formidabile in attacco e al tiro, ma altrettanto forte come difensore” Bosha Tanjevic, coach della Nazionale italiana 1997-2001

 

Una volta Haywoode Workman, suo compagno di squadra ai tempi di Pesaro, rispondendo ad una domanda sul sistema di gioco della Scavolini, ha risposto: «It’s pretty simple. It’s about giving the ball to Carlton so that he decides what to do with it at the right time», ovvero: È piuttosto semplice. Si tratta di dare la palla a Carlton in modo che possa decidere cosa farci al momento giusto. Un vincente in tutto e per tutto, concludiamo noi, e un campione che ha lasciato un segno ineguagliabile nella storia della palla a spicchi tricolore.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Basket
Filippo Chili
20 Ottobre 2021

La NBA non è (più) un campionato per playmaker

Basket americano ed europeo, tanto diversi quanto complementari.
Ritratti
Francesca Lezzi
28 Agosto 2021

Tim Duncan, The Big Fundamental

Quando la normalità è extra-ordinaria.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Basket
Filippo Chili
18 Giugno 2021

Virtus Bologna, lo scudetto del gruppo

L'eredità di Djordjevic è un tricolore conquistato grazie alla fede nello spirito di spogliatoio.
Ritratti
Diego Mariottini
4 Maggio 2021

Bob Morse aveva l’Italia dentro

Il biologo (e professore) più vincente della pallacanestro italiana.
Basket
Diego Mariottini
29 Marzo 2021

Prima che il Banco Roma sballasse

29 marzo 1984, il grande trionfo europeo prima del declino.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Basket
Leonardo Aresi
12 Dicembre 2020

La Virtus Roma è affondata miseramente

La fine annunciata di una squadra abbandonata da tutti.
Basket
Giulio Armeni
26 Settembre 2020

Il dio del Basket non è il dio dei numeri

Se l'ansia da prestazione si nutre delle statistiche.
Papelitos
Leonardo Aresi
9 Settembre 2020

In NBA si sta smarrendo la cultura del gioco

Dan Peterson denuncia una tendenza sempre più marcata nel mondo professionistico della palla a spicchi d'oltreoceano.
Basket
Diego Pierluigi
27 Agosto 2020

Il basket italiano tira a campare

Anche stavolta, la pallacanestro si riforma l'anno prossimo.
Basket
Matteo Viotto
31 Luglio 2020

NBA, l’ultimo classico di Walt Disney

Stanotte riparte lo spettacolo, nel cuore della fantasia.
Storie
Roberto Gotta
4 Marzo 2020

La tragedia di Hank Gathers

Morire sul parquet.
Ritratti
Giovanni Poggi
18 Gennaio 2020

Dino Meneghin

Un'epopea lunga quasi trent'anni.
Ritratti
Giovanni Poggi
9 Gennaio 2020

Dan Peterson

La favolosa palla a spicchi del Nano Ghiacciato.
Basket
Simone Galeotti
3 Gennaio 2020

In memoriam di David Stern

Un ricordo dello storico commissioner NBA, scomparso il 1 gennaio appena trascorso a 77 anni in seguito a un malore.
Basket
Alberto Fabbri
25 Dicembre 2019

L’eterno ritorno del derby di Bologna

La poltrona per due del basket italiano.
Basket
Simone Galeotti
25 Ottobre 2019

La Bosnia e il Basket. Il massacro di Srebrenica

Dove ogni cosa è appesa a un filo.
Altri Sport
Alberto Fabbri
4 Ottobre 2019

Bentornata Fortitudo

Il ritorno in A della Fortitudo non poteva passare inosservato
Recensioni
Alberto Fabbri
20 Settembre 2019

Time Out

La triste fine della Mensa Sana Siena e la crisi dello sport professionistico italiano.
Basket
Matteo Fontana
9 Aprile 2019

Sono tornate le V nere

L’accesso della Virtus Bologna alle Final Four di Champions sancisce il ritorno della magia bianconera.
Basket
Matteo Fontana
2 Aprile 2019

Davide Moretti: nel nome del padre

L'America della palla a spicchi ha perso la testa per un giovane italiano.
Basket
Matteo Fontana
11 Marzo 2019

In memoriam di Alberto Bucci

Se n'è andato un grande maestro di pallacanestro.
Basket
Simone Galeotti
7 Marzo 2019

L’estate di Philly

On the parquets of Philadelphia.
Basket
Matteo Fontana
22 Gennaio 2019

Ritorno al futuro

Come la tecnologia cambiò il basket. Ed ora può fare lo stesso con il calcio.
Basket
Maurizio Fierro
21 Novembre 2018

La leggenda dei Rens

Vivere e giocare ad Harlem.
Ritratti
Giacomo Amorati
15 Novembre 2018

Dirk Nowitzki dalle tribù germaniche

Con il sangue di Arminio nelle vene.
Basket
Luca Pulsoni
5 Novembre 2018

Brutti, sporchi e cattivi

L’era dei Bad Boys di Detroit e quelle regole speciali per fermare Michael Jordan.
Ritratti
Simone Galeotti
23 Ottobre 2018

Nikos Galīs

Il prescelto.
Ritratti
Luca Pulsoni
25 Settembre 2018

Dejan Bodiroga

L'ultimo romantico della palla a spicchi.
Altro
Matteo Latini
4 Luglio 2018

I canestri d’oro di Parigi

Sedici anni dopo l'impresa del 1983, l'Europeo di Parigi torna a splendere d'azzurro.
Basket
Simone Spada
21 Giugno 2018

Basket italiano, la rinascita passa dalla Nazionale

Chiuso il campionato con la vittoria dell'Olimpia Milano, i tifosi italiani hanno potuto applaudire le affermazioni di Niccolò Melli e Gigi Datome in Turchia. Ora tocca alla Nazionale Italiana confermare le buone premesse di una stagione positiva.
Altro
Andrea Cassini
5 Aprile 2018

Le imbattibili Flying Queens

Questa è l'indimenticabile storia della squadra di basket più vincente di sempre.
Altro
Simone Galeotti
13 Febbraio 2018

L’oro di Spalato

Tre Coppe dei Campioni consecutive vinte prima della guerra che spezzò una Nazione, per cambiare per sempre la pallacanestro Jugoslava.
Altro
Andrea Cassini
3 Febbraio 2018

King Gaskins

Oltre il basket e oltre i celebri Celtics: quando i re, in città, erano i Boston Six.
Ritratti
Lorenzo Balma
29 Dicembre 2017

Larry Bird

L'umiltà non si predica, si pratica.
Critica
Pippo Russo
16 Dicembre 2017

Gaia Piccardi e la teoria del digerire con l’intelletto

Balzano agli onori di Pallonate anche basket e ciclismo!
Ritratti
Younes Ettali
16 Novembre 2017

Pete Maravich

Salvato da un colpo di pistola.
Altri Sport
Simone Galeotti
26 Ottobre 2017

The Mystic Celt

La storia del culto biancoverde.
Altro
Alberto Girardello
5 Ottobre 2017

Metamorfosi dell’addio

Lasciare lo sport praticato non ha più lo stesso significato: a cambiare è l'atto stesso dell'andarsene.
Altri Sport
Giacomo Amorati
16 Settembre 2017

Cala il sipario

Italia della palla a spicchi al giro di boa.
Storie
Maurizio Fierro
9 Settembre 2017

Scacco matto

Quando pallacanestro e scacchi significarono Guerra Fredda.
Altri Sport
Giacomo Amorati
30 Agosto 2017

Sfida continentale

La nostra guida agli Europei di Basket 2017.
Altri Sport
Andrea Petricca
22 Maggio 2017

Favola Fenerbahçe

Il califfato di Istanbul ha conquistato il tetto d'Europa.
Altri Sport
Alberto Fabbri
14 Aprile 2017

Il derby di Bologna

Fortitudo contro Virtus: 104 scontri per una rivalità infinita
Altri Sport
Andrea Petricca
6 Aprile 2017

Una stella incanta l’Europa

L'ascesa di Luka Dončić: un campione in divenire di cui si parlerà molto.
Basket
Francesco Albizzati
15 Febbraio 2017

Nient’altro che l’Olimpia. Il punto sul basket italiano

Uno sguardo alla situazione della pallacanestro di casa nostra, fra campionato, Eurolega e nazionale