Carrello vuoto
Tifosi
1 Giugno

Il Casuals in Italia è solo questione di estetica?

Un fenomeno più mediatico che (sotto)culturale.

La prima cosa che l’occhio umano nota di fronte ad uno sconosciuto è il suo aspetto. Osserva attentamente chi ha davanti partendo esclusivamente dal fattore estetico. È proprio questo che, per lo più, ci spinge o meno a voler fare nuove conoscenze. Albert Mehrabian, psicologo di origine armena, attualmente professore a UCLA, nel suo libro “Nonverbal Communication”, porta avanti uno studio in cui afferma che le nostre parole, se rivolte ad un estraneo, attirano l’attenzione dell’altro solo per il 7%.

 

 

Cosa influisce nei confronti dell’interlocutore per il restante 93%? La comunicazione paraverbale – impostazione della voce, lessico e modalità in cui ci esprimiamo – ha efficacia per il 38%; troviamo in cima alla classifica il linguaggio del corpo con il 55%. Lo studio in questione non ha, ovviamente, valenza universale. È infatti possibile applicarlo unicamente su fattori sentimentali che si innescano in chi osserva. I numeri non sono tutto, ma alcune percentuali fanno riflettere.

 

 

Il linguaggio del corpo ha al suo interno diverse sottocategorie, la più riconoscibile delle quali è l’abbigliamento. L’abbigliamento ha sempre avuto, nel corso della storia umana, grande valenza aggregativa. È un modo per distinguersi dagli altri, per ritagliarsi il proprio spazio nel mondo, ma anche e soprattutto per mostrare all’esterno, almeno simbolicamente, il gruppo, la tribù, di cui facciamo parte. Basti pensare al drammatico esempio storico degli “anni di piombo”, o anche alle parole di Giorgio Gaber nella celebre canzone Destra-Sinistra:

 

“Le scarpette da ginnastica o da tennis
Hanno ancora un gusto un po’ di destra
Ma portarle tutte sporche e un po’ slacciate
È da scemi più che di sinistra.
Ma cos’è la destra, cos’è la sinistra…
I blue-jeans che sono un segno di sinistra
Con la giacca vanno verso destra”.

 

Al di là della cocente ironia di Gaber è da notare l’accostamento tra vestiario e credo politico. Negli anni ’80 la militanza politica perde il fascino del decennio precedente: la fine degli “anni di piombo” porta molti ragazzi, cresciuti col fervore per un ideale, a svuotare le sezioni politiche e a riempire le curve degli stadi d’Italia. Iniziano a diffondersi le prime sottoculture giovanili. I Paninari, i Mods e, piano piano, i Casuals.

 

casuals italia lazio
I primi tifosi ad aver importato il Casuals in Italia, come già si evince dal proprio simbolo, sono gli Irriducibili della Lazio (foto di Paolo Bruno/Getty Images)

 

 

Come noto, il Casuals ha origini inglesi. Qui ci interessa solo un fatto: con il passare degli anni, la meticolosità dei casuals nella scelta dell’abbigliamento trasforma la copertura in vera e propria divisa. L’intento originario delle tifoserie Casuals, quello cioè di sfuggire agli occhi dalla polizia, diventa già dagli anni Novanta causa primaria del proprio riconoscimento fuori dallo stadio.

 

 

Un altro ossimoro investe però il fenomeno Casuals: quello riguardante il tennis. Uno degli sport più nobili al mondo, senza veri e propri “supporters”, in cui anzi è il silenzio a dominare la scena, rappresenta la fonte d’ispirazione primaria della cultura Casuals. Come? Attraverso i suoi marchi. Le marche indossate dai tennisti sono le stesse che il sabato colorano gli stadi del Regno Unito: la maglia Fila di Björn Borg o gli indumenti Sergio Tacchini, con il suo tipico color “bianco, bianchissimo” à la McEnroe, vanno per la maggiore.

 

 

Ma non vanno dimenticate Lacoste e Fred Perry, simbolo dello sportswear tennistico di lusso. Tutti vogliono essere avanguardia e ciò non fa altro che evolvere lo stile Casuals. Esistono però tendenze comuni a tutti: il trench, le felpe con la zip dal gusto un po’ retrò che devono essere obbligatoriamente chiuse fin sotto il collo, il cappellino da baseball con la visiera rigorosamente piegata così da far vedere il meno possibile gli occhi e le giacche a vento.

 

Tra i brand che oggi hanno preso possesso della scena Casuals ci sono: C.P. Company, Burberry, Adidas, Ellesse (altra marca tennistica), Lyle&Scott e Stone Island. Quest’ultima in particolare deve molto della sua notorietà, oltre ai suoi materiali ricercati e al suo inconfondibile badge sul braccio sinistro, al film “Green Street Hooligans”.

 

I tifosi del Leeds ad Huddersfield, 2020. Il Casuals, in Inghilterra, è ancora vivissimo (foto George Wood/Getty Images)

 

 

L’elemento fondamentale è però la scarpa. Si può indossare la giacca Stone Island più costosa e bella che esista, avere il cappello che meglio protegge da sguardi indiscreti, ma senza una scarpa che possa rendere loro onore, allora, in questo universo sottoculturale, si è destinati a perdere credibilità. La scarpa, se avesse voce, racconterebbe le nostre storie più intime. Lo capiscono per primi gli antichi romani che chiamano le proprie tragedie cothurnatae, nome dei calzari indossati dagli attori in quei tempi.

 

 

Ma torniamo in Italia. Nel Belpaese, le tifoserie che per prime accolgono il Casuals nelle proprie curve sono Fiorentina, Piacenza, Inter, Roma, Napoli e, soprattutto, Hellas Verona e Lazio. Queste ultime due, insieme col vestiario, importano il tifo di stampo britannico. Meno caos, più volume e uniformità nella voce di curva; cori più lenti, niente tamburi. Il Casuals inizia a diffondersi in Italia, ma senza mettere le radici. Una particolarità ne distingue però almeno lo stile.

 

 

A differenza delle altre nazioni, dove i modelli di scarpe variano continuamente, in Italia spopola la cultura della scarpa totalmente bianca. Un paio di sneakers particolarmente fortunate sono le Stan Smith, intramontabili calzature Adidas: anche queste trovano la loro origine sui campi da tennis, e sono le prime scarpe realizzate, per questo sport, completamente in pelle. Vengono disegnate per Robert Haillet e mantengono il nome del tennista francese fino al 1971, anno del suo ritiro. Nel 1973 casualmente Stanley Roger Smith e Adolf Dassler, il fondatore del brand tedesco, si incontrano in un locale parigino. Da quel momento, grazie ad una contraccambiata simpatia, inizierà la leggenda della scarpa simbolo per eccellenza.

 

casuals scarpa
Casuals fuori dal Griffin Park di Brentford (foto Michael Regan/Getty Images)

 

 

Ancora oggi, a testimonianza della loro importanza nella cultura Casuals, ci sono numerosi stendardi in ogni categoria con scritto “Only white shoes”. Probabilmente, buona parte dell’aumento del loro blasone in questo ambiente si deve alla cinematografia: Football Factory e Green Street Hooligans per primi nell’ambito sportivo, senza dimenticare il Vincent “Vinz” Cassell protagonista di “Le Haine” (L’Odio), vestito in ogni scena dalle care e vecchie Stan Smith.

 

 

Oggi, con l’avvento dei social e le misure sempre più restrittive nei confronti dei tifosi, l’apparenza ha sostituito la sostanza. Non è così difficile vedere un ragazzo vestito con una giacca Stone Island, dei jeans e delle Stan Smith, senza che ciò lo identifichi necessariamente con un Casuals. Come classificare il Casuals in Italia? Sottocultura o fenomeno mediatico? Senza dubbio la seconda. Il web e Instagram in particolare sono popolati di foto al tag #casuals. Questo, però, anziché giocare a favore del fenomeno, ne ha spento la fiammella anzitempo. Che il Casuals in Italia abbia attecchito è fuori di dubbio. Che il fenomeno sia resistito alle repressioni del tempo, questo è molto più in dubbio. Il fenomeno Casuals in Italia è entrato solo lateralmente, senza mai diventare cultura di massa, come accaduto invece in Inghilterra.

 

 

Casuals sono le azioni che si compiono, non solo i vestiti che si portano. Ad essere sinceri, che si sia perso l’aspetto violento, è, agli occhi di chi scrive, solo un bene. Dei primi veri Casuals inglesi resta poco, dei nuovi Casuals italiani non resta quasi nulla. Il fattore estetico, nato come simbolo del fenomeno Casuals, ne ha ormai inghiottito l’essenza stessa.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Ritratti
Jacopo Benefico
28 Marzo

Enzo Jannacci, l’arcimilanista

La storia rossonera di un artista a tutto tondo, capace di rappresentare una milanesità ormai perduta.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Altro
Lorenzo Innocenti
5 Ottobre

Cosa è andato storto?

L'Italia del rugby da tempo ha smesso di crescere. Dove nascono i problemi e quali sono i punti da cui ripartire.
Calcio
Alberto Maresca
12 Giugno

Tifare Sevilla tra sangue e sangria

I Biris Norte tra Federico García Lorca e Francisco Franco.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Agosto

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio

Fred Perry non è solo un marchio

Fred Perry è stato il più grande tennista britannico ma ancor prima un uomo venuto dalla periferia, allergico all'etichetta.
Papelitos
Jacopo Benefico
22 Agosto

Se il calcio è mero spettacolo, noi tifosi siamo dei guardoni

Il nuovo pallone ha avuto la meglio sulla nostra umanità.
Tifosi
Alberto Fabbri
2 Marzo

I tifosi sono cattivi e Dietmar Hopp è un santo

Questa la versione che passa a reti unificate, e invoca addirittura il protocollo razzismo.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Papelitos
Alberto Maresca
7 Novembre

Spaccanapoli

Non solo l'ammutinamento dei calciatori ma anche lo sciopero della curva: la situazione a Napoli sta esplodendo.
Calcio
Lorenzo Solombrino
21 Aprile

Wigan vs City, il mondo sottosopra

La mirabolante avventura che ha portato i latics del Wigan a vincere l'FA Cup contro l'armata del City.
Cultura
Alberto Fabbri
23 Gennaio

La strage dello Stadio Olimpico

23 gennaio 1994, la Mafia alza il tiro contro lo Stato.
Storie
Simone Galeotti
8 Dicembre

Il Subbuteo ci ricorda che il calcio non è solo un gioco

Prima della Playstation, c'è stato il Subbuteo.
Calcio
Remo Gandolfi
6 Marzo

Lo Sheffield United è troppo bello per essere vero

Una squadra di tifosi e vecchi amici sta scrivendo la storia della Premier League.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Calcio
Gianluca Palamidessi
22 Febbraio

La Serie A punta sugli stranieri e teme i giovani

Il nostro calcio è in ripresa, ma è lungi dall'essere sano.
Altro
Giacomo Proia
26 Luglio

Il gioco delle bocce grida: viva l’Italia!

Ma il mondo non gli concede il prestigio che meriterebbe.
Calcio
Luca Pulsoni
23 Aprile

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Altri Sport
Giacomo Amorati
16 Settembre

Cala il sipario

Italia della palla a spicchi al giro di boa.
Papelitos
Lorenzo Santucci
6 Settembre

È il vostro calcio ad incitare alla pirateria

Il patetico spot contro la pirateria tradisce l'ipocrisia di un sistema che ha dimenticato i tifosi, e se ne ricorda solo quando c'è da spennarli.
Calcio
Luca Pulsoni
25 Novembre

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Storie
Alberto Fabbri
10 Ottobre

Bologna 110 e oltre

Ricordi, incubi e speranze di una città e della sua squadra.
Calcio
Michele Di Virgilio
24 Gennaio

Nel nome del VAR

C'è ancora posto per l'uomo (e per il pallone) nell'età della tecnica?
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
Interviste
Gianluca Losito
15 Marzo

Clemente Russo, una vita sul ring

Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.
Calcio
Luca Giorgi
10 Novembre

Semplicemente Alex

Un ricordo dell'uomo Alessandro Del Piero, ancor prima che del calciatore.
Interviste
Giuseppe Cappiello
12 Marzo

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Altro
Leonardo Aresi
12 Febbraio

Disavventure italiane

L'Italrugby continua a navigare in acque agitate nel mare del Sei Nazioni, in attesa che il nuovo comandante aggiusti la rotta.
Papelitos
Marco Gambaudo
2 Maggio

Gli stadi nel post-umano

Dopo la carne non carne, arriva lo stadio non stadio!
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre

I tifosi non hanno diritto di parola

Dal “Vangelo” secondo Kolarov.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
11 Novembre

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato

Era proprio necessaria la pausa delle Nazionali?
Altro
Cristian Lovisetto
3 Febbraio

6 Nazioni 2019, primo atto

Cosa c'è da sapere sulla prima giornata del più antico torneo internazionale di rugby.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Storie
Antonio Aloi
13 Aprile

L’epica della scuola pugilistica italiana

La Nobile Arte scorre nelle vene del Bel Paese.
Podcast
La Redazione
4 Agosto

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Papelitos
Federico Brasile
23 Aprile

Siete voi che avete bisogno di soldi

Non la gente che ha bisogno di calcio.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Tifosi
Massimiliano Vino
18 Maggio

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Storie
Simone Galeotti
3 Dicembre

I giardini di Marzo o della Lazialità

La Lazio e i laziali visti da una lente esterna.
Tifosi
Alberto Fabbri
12 Dicembre

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Altro
Cristian Lovisetto
26 Febbraio

Sei Nazioni 2019, terzo atto

Come è andata la terza giornata di gioco tra i titani europei della palla ovale.
Calcio
Lorenzo Solombrino
5 Settembre

Bielsa e la rinascita del Leeds United

La chiave del successo è la semplicità.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Papelitos
Federico Brasile
27 Marzo

Cronache Nazionali dall’Italia profonda

La Nazionale vista da un bar della provincia italiana.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.