Carrello vuoto
Papelitos
1 Gennaio

I razzisti siete voi

Andrea Antonioli

80 articoli
Il caso Cavani e il vero razzismo, quello della FA.

Il 2020 finisce come era iniziato. E credeteci noi non vorremmo essere ridotti a commentare notizie di (ormai) ordinaria imbecillità, di un’attualità così spicciola da risultare patetica, noiosa, volgare. Vorremmo andare ed essere oltre, lontano dalle connessioni, dai sermoni, dall’informazione quotidiana. Non avremmo alcuna voglia di sapere che Edinson Cavani è stato squalificato per tre turni dalla Football Association per frasi razziste: il tutto per aver risposto su Instagram “Gracias negrito” ai complimenti di un suo amico dopo la vittoria di ottobre contro il Southampton.

 

 

Non importa che fosse un tono scherzoso fra due ragazzi cresciuti insieme, né che in Sudamerica il termine negrito non abbia alcuna connotazione spregiativa o peggio razzista (anzi, ha una valenza affettuosa). No, dopo un processo di oltre due mesi la FA ha deciso per tre turni di squalifica, 110mila sterline di multa e ancora peggio un corso di “rieducazione”. Quest’ultimo aspetto è stato sottovalutato, nel comprensibile focus sulla punizione sportiva, ma è emblematico del momento storico a cui siamo arrivati in Occidente: qui siamo oltre Huxley, Orwell e Bradbury.

Dovremmo tutti (o quasi) non solo stigmatizzare ma temere una deriva di questo genere; ne dovremmo essere sinceramente e sinistramente inquietati.

Per cosa viene “condannato” esattamente Cavani? Tolta la ragione xenofoba-razzista, evidentemente inesistente, viene punito a scopo di sensibilizzazione, di (ri)educazione appunto. Tutti sono convinti della buona fede del Matador, anche la Football Association, eppure bisogna capire che certe parole non le si può usare, letteralmente, neanche per scherzo. Anche qui siamo oltre l’isteria e la demenza, il dogmatismo e l’ideologia: siamo in un mondo nuovo che, attraverso l’esercizio della forza e delle sue prerogative, intende rieducare anche gli innocenti.

 

 

Non è infatti la prima volta, e non sarà l’ultima, che la FA ricorre alle maniere forti per i suoi intenti didattici: pensiamo alla questione Bernardo Silva-Mendy, amici da una vita. Il portoghese aveva postato sui social un’immagine con un giovanissimo Mendy e il testimonial di una marca di cioccolatini, tale Conguitos, scrivendo: “Guess who” (Indovina chi). Mendy aveva apprezzato ma non così la rieducazione inglese, la cui mannaia si era abbattuta su Silva sotto forma della combo squalifica-multa. E pensare che tutto ciò aveva anche provocato le proteste del più anti-razzista a parole tra gli allenatori, Pep Guardiola.

 

Il capitolo precedente

 

 

Ma comunque, tornando al punto di partenza, veramente non vorremmo commentare certi episodi, e qualcuno coglierà la palla al balzo per suggerirci caldamente di non farlo. Eppure, quando notiamo che in privato tutti ricorrono al “buon senso” e in pubblico invece al “senso comune”, qualcosa ci scatta. Non vogliamo scadere nella retorica orwelliana del dire la verità come atto rivoluzionario nel tempo dell’inganno universale, semplicemente riteniamo necessario scrivere come Cavani paghi una rieducazione che sa di regime. Il regime dei buoni e dei giusti, ma pur sempre un regime.

 

 

Anche perché in Sudamerica “negrito” – vezzeggiativo di “ne*ro”, ma non usiamo il termine sennò facciamo la fine del quarto uomo rumeno (si può dire rumeno?) – è un’espressione che si usa da sempre come “tano” per gli italiani, “turco” per i mediorientali, “chino” per gli orientali e così via. Il totalitarismo sta allora proprio qui, nell’ottusità di chi neanche riconosce il modello degli altri, ma anzi strappa un termine a un’altra lingua/cultura per renderlo universalmente esecrabile e razzista. Tutto ciò trasuda un fondo di superiorità razziale che la FA pretende di avere nei confronti di altri popoli che, meno sviluppati e più “primitivi”, sono razzisti senza neanche rendersene conto. Perché di questo si tratta.

 

Cavani sconta quello che Massimo Fini, ricollegandosi a una tradizione che va da Pasolini a Flaiano passando per Giuseppe Berto, definisce sul Fatto Quotidiano dell’11 dicembre 2020 “il razzismo degli antirazzisti” (evoluzione naturale del concetto “il fascismo degli antifascisti”).

 

Fatto sta che l’uruguaiano è costretto adesso a una rieducazione dopo non aver fatto nulla di sbagliato, e neanche lontanamente malizioso. C’è chi è convinto che tutto ciò segni un altra tappa nel cammino lineare del progresso, eppure ieri alle 23 italiane, proprio a Londra, il Big Ben ha suonato l’addio della Gran Bretagna all’Unione Europea. Che la storia non sia lineare come dicono, chissà! Di sicuro qualcuno non ha ancora capito che quello degli Inglesi è stato un gigantesco vaffa, anche a gente come i membri della Football Association.

 

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
16 Giugno 2022

Pure Wenger è diventato razzista

Le parole su Mbappé diventate un caso (perso).
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Papelitos
Andrea Antonioli
6 Giugno 2021

Facciamo schifo, ma per davvero

La vicenda di Seid Visin ha tirato fuori il peggio di noi.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo 2021

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Calcio
Marco Gambaudo
12 Dicembre 2020

La Familia Abraham

Gli accordi di Abramo portano gli sceicchi nella squadra più razzista d'Israele.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Dicembre 2020

La banalità del bene

Dal quarto uomo a Vardy, dai tifosi del Millwall alla marcia sessista.
Papelitos
Federico Brasile
1 Luglio 2020

Gli scacchi sono la nuova frontiera del razzismo

Muovere per primo il bianco è un chiaro segno di discriminazione.
Papelitos
Giacomo Cunial
22 Giugno 2020

Lewis Hamilton vuole abbattere le statue

Ma nelle sue posizioni estreme c'è qualcosa che non torna.
Storie
Mattia Di Lorenzo
10 Giugno 2020

Nicolò Carosio e il razzismo inesistente

Un insulto razzista mai pronunciato può costare l'epurazione.
Storie
Mattia Azario
5 Giugno 2020

Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande

L'epica e drammatica rivalità tra due uomini tremendamente diversi.
Papelitos
Lorenzo Santucci
17 Dicembre 2019

Le scimmie siete voi

Avete visto le tre scimmie dipinte all'ingresso della Sala Assemblee della Lega Calcio?
Storie
Stefano Peradotto
11 Settembre 2019

Il calcio in Israele è una questione da adulti

In Israele la scelta della squadra per cui tifare è una questione maledettamente importante, collegata spesso alla politica e all’appartenenza etnica.
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio 2019

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Maggio 2019

Il caso Mkhitaryan e il silenzio della UEFA

Il lato corrotto del politicamente corretto.
Editoriali
Luca Giannelli
28 Dicembre 2018

Il fallimento di un modello che non c’è

Concentrarsi sul singolo fatto per non mettere in discussione un sistema marcio.
Recensioni
Gezim Qadraku
8 Luglio 2017

Forever Pure

La squadra più razzista del mondo.
Altri Sport
Nicola Galati
14 Dicembre 2016

La protesta di Kaepernick

In un'America segnata dai problemi razziali, lo sport spesso può essere da esempio. Il 26 agosto Colin Kaepernick, quarterback dei San Francisco 49ers, decise di non alzarsi durante l'inno nazionale. Un gesto che ha diviso il mondo del football e non solo.