Papelitos
31 Ottobre 2019

Ci siamo innamorati del Cagliari

Una squadra forte tecnicamente e ancor più mentalmente.

Se ieri sera la gran parte del mondo calciofilo guardava – perché no, anche sul trespolo, vero Antonio? – con grande interesse alla sfida tra Juventus e Genoa (finita 2-1 tra mille polemiche come al solito), almeno una buona porzione di Penisola scrutava all’Isola che (non) c’è: il Cagliari dei baldi Giulini-Maran. Il primo, presidente avvocato dei diavoli di Curva – quelli “razzisti”, tanto per intenderci, o presunti tali -; il secondo, allenatore esperto e già autore di un miracolo nel recente passato: aver fatto giocare se non bene almeno decentemente il Chievo Verona.

 

Difesa dal mare, staccata dallo Stivale, la Sardegna è Italia fino a un certo punto. Lo sanno i sardi, specie unica, particolarissima, intoccabile, testarda, tosta. Lo sa bene il Cagliari, che tra quelle “di sopra”, visto che ora ci si trova con tutte le scarpe, sarà la meno aiutata. Certo è che, con questa VAR, non ci si capisce più niente. E allora vai a parlare di aiuti e aiutini. Al di là di Juve v Genoa, assolutamente scandaloso l’arbitraggio in Napoli v Atalanta – con Carlo Ancelotti espulso in una scena, a dirla tutta, davvero pietosa – e in Udinese v Roma, con l’espulsione di Fazio che, per merito di Fonseca e i suoi, non è costata alcunché, anzi. E insieme alle romane e al Napoli, c’è il Cagliari.

 

La Sardegna Arena è stata costruita per stagioni come questa. Ne siamo convinti. Già lo scorso anno, al Cagliari, mancava poco per avere una squadra da sesto/settimo posto. Quest’anno, vuoi per i buoni risultati in serie, vuoi per l’innesto di qualità (chiamato, a seconda delle circostanze, Rog, Simeone, Pellegrini), vuoi soprattutto per l’acquisto di alcuni elementi di grande personalità come Nandez e Nainggolan – ma lo stesso ritorno di Castro vale come un acquisto, e aspettiamo Pavoletti per il gran finale – la musica è davvero quella delle arie più belle. E se il presidente giura di non aver ancora visto la classifica, noi giuriamo di volercela gustare finché dura. Abbiamo chiesto per anni un campionato equilibrato. Il tabellone al momento dice: Juve 26, Inter 25, Atalanta 21, Roma 19, Lazio-Napoli-Cagliari 18. Al contrario di Giulini abbiamo visto la classifica. E ci piace da matti.

 

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Prima delle nazionali ci sono le Nazioni
Critica
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2022

Prima delle nazionali ci sono le Nazioni

Il Mondiale vive di (antichissime) leggi proprie.
Anche i tifosi in Qatar sono finti
Tifo
Gianluca Palamidessi
13 Novembre 2022

Anche i tifosi in Qatar sono finti

Dalla derisione dei diritti umani a quella della fede calcistica.
Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)
Tifo
Gianluca Palamidessi
02 Novembre 2022

Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)

Condannare è un obbligo, comprendere lo è altrettanto.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

La Serie A sta diventando una casa di riposo
Papelitos
Sebastiano Caputo
18 Agosto 2020

La Serie A sta diventando una casa di riposo

Da campionato più bello del mondo a resort di lusso.
Matias Almeyda, non mollare mai
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Quando il gioco si fa duro
Papelitos
Luca Rubeo
27 Febbraio 2017

Quando il gioco si fa duro

Ventiseiesima giornata di Serie A (quasi) alle spalle, tra incroci ad alta quota e transizione domenicale.
Impossibile nascondersi
Calcio
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Fabio Liverani, lo scopriremo solo vivendo
Interviste
Annibale Gagliani
14 Febbraio 2020

Fabio Liverani, lo scopriremo solo vivendo

Intervista a Fabio Liverani, l’autore della rinascita salentina.