Carrello vuoto
Interviste
15 Marzo

Clemente Russo, una vita sul ring

Gianluca Losito

11 articoli
Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.

L’appuntamento dei Giochi Olimpici Estivi di Tokyo, dopo un’insolita attesa dovuta al rinvio causa pandemia, si sta avvicinando. Siamo riusciti ad avvicinare un alfiere dei colori azzurri, Clemente Russo, pugile per due volte medagliato olimpico (argento a Pechino 2008 e Londra 2012 nella categoria dei pesi massimi), per una riflessione di ampio respiro sul presente e l’immediato futuro, con uno sguardo a 360° sulla sua carriera.

 

Clemente Russo pronto per il combattimento (Ph Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

 

In caso di qualificazione a Tokyo diventeresti il primo pugile della storia a partecipare a cinque Giochi Olimpici. In un’intervista dello scorso anno a Fanpage hai parlato di “passerella”, invece in una dichiarazione più recente hai detto: “L’obiettivo è partecipare, il sogno è l’oro”. Ti senti in condizioni psicofisiche da medaglia?

 

Assolutamente sì! Io mi conosco e so che, come tanti atleti, quando ho la pressione sul collo rischio di fare delle gare brutte, mentre invece andando a Tokyo rilassato, con l’obiettivo della quinta Olimpiade già raggiunto, penso di poter fare una grande manifestazione. È solo un fattore psicologico.

 

Parlando dei tornei di qualificazione, in un’intervista a Ultimo Uomo Irma Testa ha spiegato che “[Con la pandemia, nda] Ogni volta che c’è stato un torneo c’è stata anche l’incertezza sulla partecipazione. […] Psicologicamente mi sono un po’ allontanata. […] Adesso è un anno che non combatto quindi è un po’ come ricominciare da capo”. Hai percepito le stesse difficoltà sul piano mentale o l’esperienza ti ha aiutato ad assorbire questa situazione?

 

No, devo dire che non mi ha aiutato. Ma è un disastro per tutti, siamo sulla stessa barca: così come sono fermo io lo sono i miei avversari. A un certo livello non salire sul ring per un anno non è poco.

 

Arrivato alla fine della tua carriera, è tempo di bilanci. Ti sarebbe piaciuto misurarti con il professionismo o sei soddisfatto di essere rimasto sempre tra i dilettanti?

 

Sono super-soddisfatto e se potessi rinascere rifarei la stessa identica carriera, ma smettere con la boxe senza aver fatto un match di grande prestigio è l’unica cosa che un po’ mi fa mangiare le mani. Nonostante ciò, mi sono divertito comunque disputando match in altre competizioni come l’APB (Aipa Pro Boxing, nda) e la WSB (World Series of Boxing) senza mai perdere il diritto ai Giochi Olimpici.

 

Clemente Russo contro Oleksandr Usyk nella finale dei pesi massimi durante i Giochi Olimpici di Londra 2012 (Ph Scott Heavey/Getty Images)

 

A livello personale, c’è un’esperienza olimpica o mondiale al quale sei particolarmente legato?

 

No, tutte le esperienze importanti come Mondiali e Olimpiadi sono state a modo loro belle, ognuna dal sapore diverso. Se ne devo scegliere una dico Chicago 2007, perché mi ha lanciato tra i giganti del pugilato.

 

Sei stato ad Atene, Pechino, Londra e Rio. Qual è stata la Nazione che più ti ha impressionato per partecipazione e spirito olimpico, sia in generale che nello specifico per la tua disciplina?

 

Pechino. La Cina è dieci anni avanti! [ride] Londra è venuta quattro anni dopo Pechino; loro avrebbero dovuto fare meglio invece hanno fatto peggio.

 

In che stato vedi il movimento pugilistico italiano? L’anno scorso Patrizio Oliva ci aveva detto “[Lo vedo] male, molto male. Mancano le competenze ed una precisa strategia di crescita […] in ogni caso meglio il comparto femminile”. Come commenti queste dichiarazioni?

 

Se devo valutare la nazionale attuale, la squadra c’è. Quest’anno ho anche partecipato ai campionati italiani e ho visto tante giovani leve, tutti ragazzi bravissimi: gli uomini ci sono. Ora bisogno lavorare per arrivare a raccogliere risultati a Parigi, però ci sono atleti su cui si può puntare.

 

Clemente Russo, Mauro Sarmiento, Vincenzo Mangiacapre e Carlo Molfetta: l’Italia combattente che ci ha fatto sognare a Londra 2012 (Ph Claudio Villa/Getty Images)

 

Sei stato uno degli atleti olimpici più esposti mediaticamente e, sempre a Fanpage, hai reclamato la tua volontà di essere riconosciuto per lo sportivo che sei stato e non per le apparizioni televisive. Alla luce di ciò ti sei pentito di questa sovraesposizione mediatica, o pensi ne sia valsa la pena per la vetrina che hai dato al tuo sport?

 

Assolutamente no, tant’è che ancora ci lavoro in televisione. Lo sport tutto (dal calcio al motociclismo e così via) prende una larghissima fetta di popolazione. Io ho cercato di intercettare la fetta restante con la televisione e lo showbiz, provando a far conoscere me e la boxe. Mi dispiace per coloro che mi ricordano solo per “La Talpa” o il “Grande Fratello”, ma è anche merito di quei programmi se in molti hanno cominciato a conoscere me e la mia disciplina.

 

Spesso ci sono scarsi investimenti negli sport cosiddetti minori, sia da parte dello Stato che da parte degli sponsor. Nella maggior parte dei casi il destino di queste discipline è affidato a veri e propri “santi” che dedicano la propria vita alla comunità, come il tuo maestro Mimmo Brillantino. Ritieni che si possa invertire questa tendenza? Se sì, come?

 

Il discorso è fondamentalmente legato al denaro, con le TV e la pubblicità. Quando abbiamo fatto le World Series of Boxing per 5-6 anni con Dolce&Gabbana (con la squadra D&G Milano Thunder, nda) ed eravamo entrati nelle case della gente, le palestre si sono riempite e le cose sembravano girare davvero bene. Quando non hai più la vetrina della televisione ritorni nella tua nicchia, funziona così. Se l’informazione gioca il suo ruolo, tutto è più semplice. Se questo non avviene, rimani nella tua cerchia.

 

Nel 2008 confidandoti con Roberto Saviano avevi detto “Prima di un match non riesco a pensare a niente. Prima di un match non faccio l’amore per una settimana. Niente. Sto concentrato e vedo solo in testa i miei colpi”. Oggi provi gli stessi brividi o sei diventato più zen?

 

No, adesso è tutto diverso. Alla mia età l’approccio va oltre il pugilato e l’allenamento, ma è fatto di tanta esperienza. Nel 2008 avevo 26 anni, oggi ne ho 38 e mezzo: sono passati quasi 13 anni, tante cose sono cambiate. Oggi penso tanto sia prima di entrare sul ring che quando sono sul ring, ovviamente senza distogliere sguardo e cervello dai cazzotti dell’avversario. Le cose cambiano, ma come in tutti gli aspetti della vita. La pressione non è più la stessa di prima.

 

I pugni di Clemente Russo sono nella storia della boxe italiana (Ph Scott Heavey/Getty Images)

 

Se è vero che gli atleti olimpionici ragionano per quadrienni, dove ti vedi a Parigi 2024? Speri di poter essere a bordo ring?

 

Spero di poter essere con le mie bambine a casa per vedere la boxe in TV! [ride] Io ho dato tutta la mia vita a questo sport. Mia moglie e le mie figlie, una di 10 e due gemelle di 8 anni, mi hanno vissuto a spizzichi e bocconi, quindi non vedo l’ora di terminare l’esperienza olimpica e dedicarmi a loro a tempo pieno. Se arriverà qualche proposta a livello lavorativo nel pugilato la valuterò di certo, ma se mi chiedi se mi vedo più a casa o a Parigi, di sicuro ti dirò la prima opzione.

 

Continuerai quindi a dedicarti alla boxe nella formazione di giovani?

 

Assolutamente sì, difatti voglio dedicarmi alle mie bambine anche allenandole. Ora hanno l’età giusta per dedicarsi allo sport. Una è interessata alla boxe, una fa judo mentre un’altra danza. Dovrò fare i kilometri in macchina tra una palestra e l’altra! [ride].

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Italia
Umberto De Marchi
15 Ottobre

Le multiproprietà rischiano di uccidere il calcio

Come se non bastasse tutto il resto, il tema delle multiproprietà si sta imponendo nel calcio in modo sempre più problematico.
Ritratti
Antonio Aloi
1 Febbraio

Giorgio Petrosyan

Il Dottore che ha scelto di vivere.
Altro
Alessandro Autieri
27 Febbraio

Cos’è successo a PyeongChang 2018

Da Ledecka alle Coree unite, dal record di Fourcade alla Russia dimezzata e disobbediente; un lungo viaggio all'interno di ogni disciplina dell'Olimpiade appena terminata.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Italia
Gennaro Malgieri
14 Novembre

Crisi di identità

L'apocalisse dell'Italia calcistica si inscrive in un più generale fallimento culturale, sociale e programmatico.
storie
Maurizio Fierro
15 Giugno

The Rumble in the Jungle

Uno scontro consegnato alla leggenda.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.
storie
Pierfilippo Saviotti
10 Febbraio

Tifosi

Facciamo un viaggio alla scoperta dello spirito che ha animato le origini del nostro calcio, al riparo dalla compostezza e dal conformismo dell’attuale Serie A.
Ritratti
Diego Mariottini
12 Novembre

Nadia Comaneci, Stella dell’Est

La ginnastica della perfezione.
recensioni
Gianni Agostinelli
25 Luglio

La partita

Piero Trellini ne “La partita”, suo ultimo libro dedicato a Italia vs Brasile del 1982, parte dal calcio per parlare di vita e di uomini.
storie
Domenico Rocca
25 Settembre

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
7 Settembre

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Altro
Cristian Lovisetto
26 Febbraio

Sei Nazioni 2019, terzo atto

Come è andata la terza giornata di gioco tra i titani europei della palla ovale.
Ritratti
Alberto Fabbri
4 Agosto

Ondina Valla

Il sole in un sorriso.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
storie
Maurizio Fierro
3 Aprile

Germania 74

Non sempre la copertina è del vincitore.
Italia
Gianluca Palamidessi
13 Novembre

La crisi profonda del calcio nel Sud-Italia

Indagine di un problema storico e culturale.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
storie
Alessandro Imperiali
13 Aprile

Football? No grazie, calcio storico fiorentino

Viva Fiorenza! Viva il calcio, quello vero!
Altro
Cristian Lovisetto
26 Marzo

Cosa ci rimane del 6 Nazioni

Sono state settimane di rugby appassionanti. E' ora di tirare le somme.
Italia
Diego Mariottini
12 Aprile

Cagliari Campione. Lo Scudetto del popolo sardo

Il 12 aprile di cinquant'anni fa il Cagliari si laureava Campione d'Italia.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Tifo
Alberto Fabbri
8 Marzo

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Papelitos
Federico Brasile
13 Giugno

Per non vivere di solo entusiasmo

Il primo anno dell'Italia di Mancini non poteva essere migliore, ma il lavoro da fare è ancora tanto.
Italia
Luigi Fattore
18 Febbraio

Il dono della sintesi

Roma '90, Italia-Cecoslovacchia, l'assolo di Roberto Baggio.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Giugno

Porgere la mano al tifoso. Ma accade in Francia

Il biglietto, in trasferta, avrà un prezzo unico, per tutte le partite di Ligue 1 e Ligue 2.
Ritratti
Nicola Ventura
27 Novembre

Bruce Lee, il piccolo drago

Il 27 novembre del 1940 nasceva un combattente pop.
Altro
Matteo Fontana
22 Gennaio

Ritorno al futuro

Come la tecnologia cambiò il basket. Ed ora può fare lo stesso con il calcio.
Altro
Alessandro Autieri
22 Gennaio

I Fourcade, due pesci combattenti

Il dualismo tra Simon e Martin Fourcade si è risolto in modo inaspettato, facendo la Storia.
Altro
Lorenzo Innocenti
5 Ottobre

Cosa è andato storto?

L'Italia del rugby da tempo ha smesso di crescere. Dove nascono i problemi e quali sono i punti da cui ripartire.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Italia
Luca Giorgi
27 Marzo

Età di passaggio

A che punto è il lavoro di Ventura?
storie
Nicola Ventura
18 Ottobre

Nessuno tocchi Aldo Biscardi

Aldo Biscardi è scomparso senza lasciare eredi sulla scena giornalistica.
Altro
Cristian Lovisetto
1 Novembre

Il cielo sopra Murrayfield

Rovinare la festa agli scozzesi.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Cultura
Lorenzo Ottone
3 Luglio

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
storie
Antonio Aloi
13 Aprile

L’epica della scuola pugilistica italiana

La Nobile Arte scorre nelle vene del Bel Paese.
Ritratti
Maurizio Fierro
7 Maggio

Oronzo Pugliese

L’antimago.
storie
Maurizio Fierro
27 Marzo

Messico 70

Mexico e nuvole.
Italia
Alberto Fabbri
6 Ottobre

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Italia
Annibale Gagliani
20 Novembre

La migliore Nazionale di tutti i tempi

Abbiamo provato a selezionare l'XI azzurro più forte di sempre.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Altro
Leonardo Aresi
17 Marzo

Luna Rossa ci ha fatto sognare

La sconfitta in Coppa America non scalfisce la portata dell'impresa.
Interviste
Domenico Rocca
30 Luglio

Il calcio dai tifosi e per i tifosi

Intervista a Supporters in Campo, il progetto italiano che promuove la partecipazione attiva dei tifosi.
Papelitos
Federico Brasile
27 Marzo

Cronache Nazionali dall’Italia profonda

La Nazionale vista da un bar della provincia italiana.
Ritratti
Patrizio Ruviglioni
31 Maggio

Daniele Massaro

La storia di Daniele Massaro. Giocatore tuttofare, uomo della provvidenza.
storie
Nicola Ventura
3 Luglio

Cuori neri

Le origini del football americano in Italia e gli intrecci con il neofascismo romano.