Carrello vuoto
Ritratti
15 Settembre

Colin McRae, guida allo stato puro

Giacomo Cunial

41 articoli
25 anni fa l'unico titolo mondiale di un pilota che ha reso pop i motori.

Grazie al suo essere a metà tra il ragazzo di campagna e l’eroe impavido, Colin McRae ha contribuito fortemente ad accrescere il prestigio dello sport motoristico più popolare. Le sue gesta sono diventate epica moderna e rimangono oggi impresse nella memoria di chi l’ha visto derapare nelle strade di tutto il mondo su ogni superficie; rimangono nelle foto, nei libri e nei video i suoi autentici manifesti di bellezza estetica e di catarsi applicata alla guida.

McRae nasce nel 1968 in Scozia in un paesino a mezz’ora da Glasgow, città che in quel periodo ospita la partita di calcio più vista nella storia dei campionati europei: ad Hampden Park 130.000 spettatori si ritrovano per Scozia-Inghilterra, valevole per le qualificazione a Euro’68. Sono gli anni in cui la cultura pop sta esplodendo, in quei mesi vede la luce il White Album dei Beatles mentre i Rolling Stones “simpatizzano per il diavolo”; Londra è ancora legata allo swinging ma sta emergendo la novità del folk rock.

Il concetto di rally invece, in quegli anni, è vago e vive il suo periodo pionieristico: chiunque abbia un’auto può disputare e vincere una di queste corse, basate principalmente sulla resistenza delle vetture. Il livello tecnico delle auto e le condizioni della viabilità sono tali che il solo fatto di completare percorsi di centinaia di chilometri rappresenta un’impresa. Si alternano al vertice le più disparate auto diventate con gli anni “mitiche”, dalla Mini Cooper S alla Porsche 911T, la Alpine-Renault A110, la Lancia Fulvia coupè HF, Saab 96 V4 e la Citroen DS.

Colin McRae è stato un grande ambasciatore per il rallysmo (Photo by Ryan Pierse/Getty Images)

Colin, crescendo negli anni ’70, si innamora della specialità perché è l’hobby del padre Jimmy, il quale conquista in carriera cinque titoli nazionali. Inizia ad esprimere il proprio talento sin dagli esordi, nei primi anni di gare affrontate tra fine ’80 e inizi ’90: il genio scozzese approda nel Mondiale finita l’era folle e sregolata della categoria Gruppo B, quando il rallysmo trova una dimensione più matura con le auto di Gruppo A: ne diventerà il più grande interprete, a bordo della sua Subaru Impreza blu e oro.

Nel 1995 a 27 anni si laurea campione del Mondo, il più giovane della storia, un primato che detiene tuttora. È l’unico record che detiene ancora, assieme al numero delle auto demolite in altrettanti incidenti spettacolari, superato in tutte le statistiche da molti suoi colleghi. Ma “i numeri”, come spesso accade, non definiscono il valore assoluto del talento e in particolare della sua presenza nella storia dello sport.

Colin McRae rappresenta oggi molto di più dell’unico titolo mondiale che ha vinto. Ha ispirato diverse generazioni con il suo stile – di vita prima che di guida – flat out, come lo definiva lui. È stato interprete straordinario in prima persona della condizione tipica del pilota da corsa, al limite tra vivere e morire. Ha fatto emozionare come fa un’artista, ha fatto vivere un sogno a chi semplicemente lo andava a vedere per qualche secondo, sulle strade di Chiusdino o sugli sterrati in Nuova Zelanda, in Kenya o in Grecia all’Acropoli. Mito e modernità, tanto che il videogioco a lui intitolato è cultura pop di tutto il mondo. È stato in grado con il proprio talento di unire arte e tecnica, riuscendo così a dare un’anima a degli oggetti a motore.

Colin McRae e la sua Subaru Impreza: una grande storia d’amore (Photo by Phil Walter/Getty Images)

Nel 2007, a 39 anni, un incidente in elicottero vicino alla sua casa di Lanark l’ha portato via assieme al figlio Johnny e altri due amici. Se n’è andato all’improvviso lasciando ai posteri il suo stesso mito.

“Che cos’è in fondo la pazzia? La gioia di vivere” (Erasmo da Rotterdam)

Perché in fondo Colin McRae è stato questo: un elogio della pazzia vivente, pura gioia di vivere al volante di un’auto da rally.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Ritratti
Luca Cameroni
17 Settembre 2021

Daijiro Kato e l’anima del Giappone

Lo spirito del Sol Levante racchiuso nel corpo del suo più grande pilota.
Motori
Giacomo Cunial
30 Agosto 2021

Formula 1 Horror Show

Il Gran Premio di SPA 2021 ha sancito il punto più basso nella storia della Formula 1.
Altri Sport
Giacomo Cunial
27 Agosto 2021

Chi ha ucciso Top Gear?

Un'analisi sulla chiusura del programma televisivo più seguito al mondo.
Motori
Giacomo Cunial
23 Agosto 2021

Le Mans è la corsa del destino

Così è stato anche nel 2021.
Altro
Giacomo Cunial
8 Agosto 2021

Valentino, artista eterno

Valentino Rossi non si è ritirato e non si ritirerà mai, semplicemente perché non ci si può ritirare da sé stessi.
Motori
Luca Pulsoni
21 Luglio 2021

C’è vita in Formula 1

Tra Hamilton e Verstappen volano gli stracci dopo l’incidente di Silverstone
Motori
Antonio Torrisi
22 Giugno 2021

Sebastian Vettel, uno stoico in Formula 1

Un pilota con un preciso centro di gravità permanente.
Ritratti
Luca Pulsoni
16 Giugno 2021

Giacomo Agostini, l’irraggiungibile

Il cannibale delle due ruote.
Altri Sport
Luca Pulsoni
3 Maggio 2021

Ducati è l’Italia vincente

Miller e Bagnaia portano in alto la Rossa.
Motori
Giacomo Cunial
16 Marzo 2021

Cosa significa amare un pilota

L'amore irrazionale delle compagne dei piloti da corsa.
Motori
Luca Pulsoni
24 Gennaio 2021

L’automobilismo ecologico non piace a nessuno

La svolta green rischia di snaturare la Formula 1 (e non solo).
Altri Sport
Giacomo Cunial
2 Gennaio 2021

La NASCAR è un mito a stelle e strisce

Dalla velocità dei contrabbandieri di alcolici al business.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre 2020

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Altri Sport
Luca Pulsoni
14 Novembre 2020

Il doping è diffuso anche nella MotoGP?

Il caso Iannone riaccende i riflettori su un tema delicato.
Ritratti
Giacomo Cunial
10 Ottobre 2020

Giorgio Faletti, un intellettuale al volante

I motori prima di cinema, televisione e scrittura.
Altri Sport
Giacomo Cunial
18 Agosto 2020

In Moto GP è questione di coraggio, non di idiozia

Lezione per Zarco: anche il mondo dei piloti ha i suoi limiti.
Tennis
Giacomo Cunial
25 Luglio 2020

Il pilota è prima di tutto un artista

Animato da un demone irrazionale ed estetico, viene oggi represso dalla tecnica.
Papelitos
Giacomo Cunial
11 Luglio 2020

Alonso alla Renault, un ritorno d’immagine

Un'ottima operazione di marketing per una scuderia in difficoltà.
Altri Sport
Giacomo Cunial
22 Maggio 2020

Il tramonto del Futurismo automobilistico

Sognavamo corse folli e roboanti ma saranno le macchine a guidare le persone.
Altro
Giacomo Cunial
20 Aprile 2020

Il pilota tra eros e morte

Spingersi oltre i propri limiti, conquistando le donne e beffando la morte.
Papelitos
Giacomo Cunial
5 Aprile 2020

Formula Uno 2020, tra eSport e realtà

La proiezione virtuale dell'esistenza alla quale stiamo assistendo ha inevitabilmente investito anche lo sport.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Cultura
Alberto Fabbri
3 Marzo 2020

Lucio Dalla ha cantato lo sport

Aspirante cestista, cuore rossoblù, aedo degli eroi sportivi.
Papelitos
Giacomo Cunial
6 Febbraio 2020

Fernando Alonso, un talento egocentrico

Il pilota spagnolo non si rassegna, e non esclude il ritorno in Formula 1.
Papelitos
Giacomo Cunial
3 Gennaio 2020

Vogliamo sapere come sta Michael Schumacher

Tutti coloro che hanno vissuto con passione le sue cavalcate hanno diritto a sapere di più.
Recensioni
Giacomo Cunial
20 Novembre 2019

Le Mans ’66 – La grande sfida

Il film di James Mangold è pura epica contemporanea.
Ritratti
Giacomo Cunial
17 Ottobre 2019

Il carisma intramontabile di Kimi Raikkonen

Iceman è basso profilo, amore puro per la guida di auto da corsa e passione smodata per gli alcolici.
Altri Sport
Giacomo Cunial
9 Settembre 2019

La furia gentile di Charles Leclerc

È nata una stella.
Storie
Giacomo Cunial
17 Luglio 2019

Il mondo di Kazunori Yamauchi

L'ontologia digitale dell’automobile.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Febbraio 2018

È la Formula 1 a non essere più appropriata

Ci hanno tolto pure le gioie alla griglia di partenza. Ora se lo guardano loro quello scempio di gare.
Altri Sport
Giacomo Cunial
27 Dicembre 2017

Il sogno dell’ingegner Dallara

E venne “la Stradale”.
Altri Sport
Giacomo Cunial
14 Settembre 2017

La lezione di Robert

Il talento non si ferma davanti a nulla.
Motori
Gianmarco Galli Angeli
28 Agosto 2017

Scontro titanico

Hamilton spietato, Vettel magistrale: Il Gran Premio di Spa non lascia mai indifferenti.