Carrello vuoto
Critica
24 Novembre

Consoliamoci col Mondiale del 2020

Pippo Russo

24 articoli
Alla Gazzetta dello Sport titolisti e direttore fanno a gara a chi ha meno idee. E poi c'è sempre lui, il Vate Fabio Caressa.

L’ultimo bene rifugio? Che domande! La mamma, ovviamente. Perché in Italia cambiano le mode e i costumi, si modificano le strutture sociali, ma in ultima analisi il genitore di sesso femminile (che sia il numero 1, 2 o X) è il pilastro dell’identità di ciascuno di noi. E lo sanno bene in Gazzetta dello Sport, poiché dopo la due giorni di Champions League che lascia in bilico la qualificazione dei tre club italiani hanno sparato in prima pagina il titolo: “MAMMA, SPAREGGI!”. E immaginate tutte le Soccer Mom italiche sguinzagliate a recuperare i figli affranti, spalmati a piangere sulle pagine rosa squadernate sopra i banchi dei gelati al bar (ché il giornale in edicola non lo compra quasi più nessuno, e chissà come mai). Del resto, cosa aspettarsi di diverso da un quotidiano il cui direttore si chiama Andrea Monti, e verga editoriali che per classe e stile farebbero schiattare d’invidia Federico Moccia? Prendete quello pubblicato nell’edizione del 16 novembre, tre giorni dopo l’eliminazione della nazionale azzurra dalla fase finale dei Mondiali di Russia. Dedicato alle mancate dimissioni (fino a quel momento) dei protagonisti del disastro, esso conteneva passaggi di sopraffina classe prosatoria. Per esempio, il seguente:

Eppur non si muovono… sebbene non serva Galileo per comprendere la frequenza su cui oscilla, tra sventure e trionfi, il pendolo della storia pallonara.

Sebbene non serva Galileo. Ma pensa te che trovata. Ma da dove le caverà certe formule così originali, il direttore? E dato che era in vena di citazioni all’ingrosso, eccone piazzata un’altra poco sotto, in un passaggio nel quale si faceva riferimento alla coscienza dei mancati dimissionari:

In attesa che si faccia viva, sfuggente e beffarda come il fantasma di Godot, il palcoscenico resta ingombro e gli attori recitano a soggetto.

Rifacciamo un attimo il punto. Dovendo descrivere una situazione d’immobilismo parafrasa Galileo, Monti ha scritto neppur si muove. E poi, per tratteggiare la prospettiva di un’attesa che si preannunciava molto lunga, ha tirato in ballo Godot. Come farà mai quest’uomo a essere tanto originale? Un’originalità che è stata confermata da altri passaggi dell’articolo, che a seguire vengono riportati:

L’obiettivo è conservare la poltrona a dispetto dei santi.

 

Ovviamente motivi validi ce ne sarebbero in abbondanza, e lo vede anche un bambino (…).

Ma il vero tocco di classe arrivava nel seguente passaggio:

Capisco che possa suonare altisonante e allora lo traduco nel linguaggio degli stadi: se perdi vai a casa. E non sarà – non dev’essere – Ancelotti o il Padreterno in persona a salvarti il lato B.

Il Padreterno in persona che ti salva il lato B. Ma perché mai il prossimo direttore della Gazzetta non dovrebbe essere il senatore Domenico Scilipoti?

resize
Un abbraccio ai titolisti della Gazzetta

Lancio un SOS: bisogna aiutare un uomo. Si chiama Paolo Tomaselli e scrive sul Corriere della Sera. Ma non chiedetemi cosa scriva perché non sono in grado di rispondervi. Nell’edizione di lunedì 20 novembre il nostro eroe ha raccontato (beh, insomma…) Sampdoria-Juventus. L’attacco di pezzo era da sfida fra la capoccia e il muro per stabilire chi dovesse averla vinta:

Il rumore dell’armatura del gigantesco Zapata che va allo scontro coi nemici si sente anche dalla tribuna del vecchio Ferraris. È un clangore che per la Juve diventa subito sinistro col passare dei minuti, fino al colpo che cambia la partita (…).

Non ho idea di quanto Tomaselli possa essere stato frastornato dal rumore dell’armatura del doriano Zapata. So però che quando si è trattato di stilare il giudizio sul tecnico bianconero, Massimiliano Allegri, ha scritto quanto segue:

Il filo conduttore comune delle difficoltà è un’aggravante. Ma così sarà più facile risolverle. O no?

Domanda per domanda, caro Tomaselli, te ne rivolgo una con la massima serenità: ma che minchia volevi dire?

.

Circola infine in rete questo meraviglioso video che ha come protagonista Fabio Caressa. Il quale si cimenta in una serie di pronostici e si dice sicuro che l’Italia vincerà i Mondiali del 2020. Che non esistono in nessun calendario noto al genere umano.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Giuseppe Gerardi
13 Settembre

Piedi per terra

La Juventus per vincere in Europa deve costruire e lavorare sempre da capo, anno dopo anno, senza presunzioni.
Critica
Pippo Russo
23 Gennaio

La dimensione ortogonale del fuorigioco

Caressa sale in cattedra, improvvisandosi professore di matematica, geometria e anche filosofia (già che ci siamo).
Interviste
Davide Bernardini
7 Aprile

Così è (se vi pare)

Intervista a Marco Ballestracci, narratore di vita e di sport.
Papelitos
Federico Brasile
2 Novembre

La copertina va alla Roma

Torna la miglior espressione del Bar Sport, in cui raccontiamo a modo nostro le notti europee delle italiane.
Critica
Pippo Russo
21 Febbraio

La filosofia sègheliana di Mario Sconcerti

Da Antonio Giordano a Mario Sconcerti, il giornalismo sportivo italiano sta in gran forma.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Calcio
Maurizio Fierro
6 Febbraio

La promessa di Bobby Charlton

Dalla tragedia alla gloria: gli storici decenni del Manchester United.
Papelitos
Umberto De Marchi
5 Luglio

Buffon e la schiavitù dei record

La triste parabola di un ossessionato Gianluigi Buffon.
Altro
La Redazione
24 Maggio

I misteri del golf

Maestri, Episodio V: Dino Buzzati.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Storie
Rudy Galetti
22 Aprile

Il miracolo di Brian Clough

La straordinaria epopea del Nottingham Forest.
Storie
Marco Gambaudo
23 Settembre

La telecronaca da Martellini a Caressa

L'arte di raccontare una partita è cambiata profondamente, così come il calcio.
Interviste
Davide Bernardini
22 Febbraio

Quando parla Silvio Martinello

Le lunghe telecronache ciclistiche e la responsabilità di dover sempre dire la cosa migliore, se non quella giusta.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Febbraio

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Calcio
Federico Brasile
6 Marzo

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Interviste
Davide Bernardini
5 Febbraio

Di giornalismo, pedali e divorzi

Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.
Calcio
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Aprile

Così parlò Max Allegri

Le dichiarazioni di Allegri nel post-partita accendono una speranza per l'essenza del calcio.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Critica
Pippo Russo
6 Dicembre

Actors studio a Castel Volturno

Benvenuti alla Fiera dell'Est dell'italica narrazione sportiva.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Agosto

L’avvenire non è bianconero

Vincere sì, ma subito.
Critica
Pippo Russo
16 Dicembre

Gaia Piccardi e la teoria del digerire con l’intelletto

Balzano agli onori di Pallonate anche basket e ciclismo!
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.
Ritratti
Lorenzo Santucci
7 Aprile

Le follie di Massimo Moratti

Sbagliare per amore. E vincere.
Critica
Pippo Russo
28 Novembre

Le modestie sessuali di Luciano Moggi

Abbiamo imparato a conoscere per nostra (s)fortuna Antonio Giordano. Oggi parliamo anche di estetica del contemporaneo, tra “presenze femminili su sgabello” e seduttori che non t'aspetti.
Interviste
Michele Di Virgilio
16 Gennaio

Il giornalismo d’antan

Firma nobile del giornalismo italiano (e non solo sportivo), Roberto Beccantini è il giornalista-tifoso più imparziale che conosciamo. Tifoso dai tempi di Sivori, per via dei calzettoni abbassati e del genio fumantino; imparziale, perché – sue parole – sincero col lettore.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Calcio
Gianluigi Sottile
10 Aprile

Sadio Mané come modello di integrazione

Conservare Dio e le radici. Ignorare i media. Vincere.
Interviste
Luigi Fattore
22 Giugno

Un passo indietro al gioco

Intervista a Lele Adani, rivoluzionario della dialettica sportiva contemporanea.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio

Scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Altro
La Redazione
17 Maggio

Il più bel gioco del mondo

Maestri, Episodio IV: Gianni Brera.
Critica
Pippo Russo
13 Gennaio

Scusi Caressa, chi ha fatto palo?

Dalla prosa poetica post-moderna di Tuttosport al solito Fabio Caressa nazionale.
Papelitos
Luca Rubeo
13 Aprile

Ancora tu

Lo scontro tra titani termina con una netta vittoria dei blancos, guidati dal solito CR7.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Altro
La Redazione
5 Luglio

Lo sport

Maestri, Episodio X: Ennio Flaiano.
Papelitos
Matteo D'Argenio
19 Marzo

Perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League

Il Leicester è l'ultima squadra inglese sopravvissuta in Champions League ed è anche la nostra unica speranza di veder trionfare il vero calcio inglese, quello delle vecchie abitudini, di una classe operaia ormai stuprata da soldi e idealisti del pallone.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Luigi Fattore
27 Maggio

Gli anni d’oro

La decimotercera.
Critica
Pippo Russo
27 Dicembre

I panettoni sgonfiati e le supposte di saggezza

Panettoni, veline, amanti e polli: benvenuti alla Fiera dell'Est del giornalismo sportivo italiano.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.