Carrello vuoto
Interviste
29 Marzo

Il Coronavirus sta facendo implodere il calcio

Michelangelo Freda

50 articoli
Abbiamo intervistato Pippo Russo sulle possibili ripercussioni dell'emergenza nel calcio.

Molte cassandre in questi anni hanno profetizzato la fine del calcio europeo per fenomeni endogeni, ma nessuno mai si era immaginato che potesse fermarsi per fenomeni esogeni. Il Coronavirus ha prima messo in ginocchio l’industria calcistica, che ha dovuto interrompere la sua corsa sfrenata o addirittura drogata, e poi ne ha evidenziato i limiti strutturali e il malfermo stato di salute. Le mancate entrate dai diritti televisivi e dai botteghini hanno iniziato a far tremare le casse dei club, mentre gli stipendi dei tesserati, soprattutto per le big europee, rappresentano il capitolo di spesa più difficile da sostenere.

 

D’altronde il contratto collettivo firmato tra Aic (Associazione Italiana Calciatori) e la Figc, in ottemperanza alle disposizioni europee firmate del 2012 dall’Uefa, non ha mai tenuto conto della possibile sospensione dei pagamenti per calamità naturale. Al contrario della NBA, in Europa (Uefa) non esiste la possibilità di una temporanea interruzione degli emolumenti. Al tempo stesso i sindacati dei calciatori – FifPro in primis (Fédération Internationale des Associations de Footballeurs Professionnels) – non sembrano voler percorrere questa strada.

 

Ma il calcio, italiano ed europeo, non è solo quello delle leghe maggiori: moltissimi club delle divisioni minori rischiano di uscire con le ossa rotta da questa tempesta, e bisogna preservare anche questo immenso patrimonio comune. Ecco perché, tra le varie proposte, ha riscosso successo l’idea di istituire una “cassa integrazione” per i calciatori con uno stipendio annuo pari a 50mila euro lordi: una soluzione che andrebbe incontro alle società di Serie B e soprattutto di Serie C, in estrema difficoltà per la mancanza delle entrate derivanti dalle biglietterie.

 

Su tutti questi aspetti, e anche sul dibattito circa la conclusione del campionato, abbiamo intervistato Pippo Russo: tra i più noti giornalisti d’inchiesta sportiva in Italia, “maestro del sospetto” e storico critico dell’attuale e bulimico modello calcistico, ci ha detto la sua sulle possibili ripercussioni sportive dell’emergenza.

 

In un’intervista di alcuni anni fa per la nostra testata, ci parlavi di una bolla speculativa del calcio destinata prima o poi ad esplodere. La pandemia attuale rischia di far emergere le reali condizioni dei club?

Un evento simile come la pandemia è normale che stia sollecitando l’esplosione di questa bolla. Finora il calcio è andato avanti, gonfiando ulteriormente la bolla speculativa. Rispetto a questa profezia i tempi sono andati avanti, la bolla cresceva ma non esplodeva. Sottoposta a questo stress è molto facile scoppi ma aggiungo che a questo stress rischiano di esplodere anche economie sane: il calcio è particolarmente a rischio perché vive basandosi su un’economia fortemente speculativa. Si è già mangiato buona parte del futuro con la dipendenza dai diritti televisivi che è diventata una droga mortale, così come anche la dipendenza da plusvalenze. Ci sono tutte le condizioni per cui questa bolla esploda.

 

Sul Corriere dello Sport hai scritto dell’impatto nelle serie inglesi, dalla Premier a scendere: una situazione che ci riporta anche al calcio italiano. Ma quali saranno i rischi economici per le singole categorie?

Le conseguenze saranno molto pesanti per i campionati di vertice e rischiano di esser mortali per i campionati inferiori, come la Serie B o la Serie C. I campionati di vertice quando ripartiranno, tirando la cinghia, potranno contare sulle risorse televisive che a parer mio verrà decurtata. Penso che un effetto del virus sarà un economia a ribasso. La Serie A può però contare su alcune risorse come tutti i campionati maggiori in Europa.

 

Tutte le seconde serie e da lì a scendere, che hanno visto poche entrate provenire dai diritti televisivi, ne risentiranno: queste società hanno bisogno di ripartire con le porte aperte degli stadi, sennò sarà una situazione drammatica. In queste categorie il botteghino è infatti fondamentale per le entrare dei club. Diventa una trappola economica dalla quale non si viene fuori.

 

Juventus e Inter a centrocampo prima del fischio d’inizio del Derby d’Italia (Foto Filippo Alfero – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

 

Quale campionato europeo ne uscirà meglio economicamente?

Non credo che esista un campionato più forte. Credo che ne risentirà un po’ meno la Bundesliga. Proprio oggi, sull’Equipe, c’è un articolo interessante che analizza lo stato economico delle squadre tedesche: anche in Germania, nonostante ci siano società sane, alcune potrebbero portare i libri in tribunale se non dovesse ripartire il campionato. Si nominano il Mainz e il Werder Brema. Quindi come vedi non credo che possa esserci un campionato che ne uscirà integro. Può esserci che ci sarà qualcuno che ne risentirà meno, ma la botta riguarda tutti.

 

In Italia e Spagna si discute molto sulla possibilità della cassa integrazione per i calciatori, abbassando i costi di gestione delle singole società. Il Barcelona sembra determinato ad applicare l’ERTE, mentre in Italia le Leghe di Serie B e C spingono per questa soluzione con la formula dei 50mila euro annui. Pensi che sia una strada percorribile?

Io sono favorevole nel caso dei calciatori delle categorie inferiori. Ci tengo molto a questo argomento. Si parla sempre di professionisti del calcio, come se fossero tutti dei privilegiati, dimenticandosi che in Serie C ci sono calciatori che guadagno bene, altri invece che guadagnano come un impiegato, e non sempre percepiscono lo stipendio. Intanto bisogna sottolineare che questi calciatori hanno anche una carriera molto contratta in termini di durata, e per loro l’impatto sarà maggiore. Bisogna imporre nel dibattito il diritto di questi lavoratori a forme di tutela del salario. Ovvio che man mano che guardiamo in alto, guardando gli stipendi di Serie A, parlare di cassa integrazione comporta qualche problema morale, non di poco conto.

Forse una soluzione a questa disparità potrà essere colmata dal semiprofessionismo?

 

Il tema del semiprofessionismo andava pensato prima, non adesso. C’è un dislivello tale da far risultare difficile la comparazione. Fanno lo stesso lavoro in dimensioni diverse. Talmente diverse da non renderle omogenee. Il semiprofessionismo è un reperto archeologico degli anni ’70 che va studiato per bene. Se dev’esser solo un modo per sgravare le proprietà da alcuni obblighi verso i professionismi, creando maggiori rischi per i calciatori, allora no. Va ripensato il concetto stesso. Ci vuole un tavolo di lavoro in ambito federale. È una soluzione sulla quale bisognava lavorarci tanto in passato, adesso risulta difficile immaginare una rivoluzione simile, soprattutto in questo momento. 

 

Un tifoso del Napoli durante il match di Champions contro il Barcelona (Foto Francesco Pecoraro/Getty Images)

 

In Nba gli stipendi si pagano ogni 15 giorni e adesso le società avranno la possibilità, prevista dal contratto collettivo, di sospendere i pagamenti nei casi di “epidemia/pandemia”. Perché in Europa non sono mai state introdotte tali possibilità contrattuali?

La realtà americana è completamente diversa da quella europea. Proprio come impostazioni societarie. Lì si parla di franchigie e non di club sportivi. Si parla di soggetti di proprietà dell’impresario e non sono espressione del territorio. A partire da questo si capisce che c’è un’altra cultura e tutta un’altra formulazione sugli equilibri contrattuali. È molto difficile guardare ad una simile esperienza.

 

Tutte le volte che il calcio europeo ha provato a scimmiottare la Nba o altre leghe nord americane ha prodotto solo degli ibridi indigeribili, a partire dalla superlega. Una lega dei ricchi che non ha il principio un principio di redistribuzione delle leghe professionistiche americane. Quelle soluzioni le lascerei lì, ai nordamericani. Bisogna trovare delle soluzioni più consone alla nostra cultura europea.

 

Conclusione campionato, qual è la migliore tra le tante proposte per la Serie A?

Su calciomercato.com ho fatto una proposta. Le stagioni vanno portate a termine in qualsiasi momento, anche a costo di portarle a termine a dicembre. Questo comporterebbe una taratura diversa del campionato basata sull’anno solare: non avere più la stagione 2020/21 ma solo la stagione 2021. Il mondiale del Qatar offre questa possibilità, dato che si giocherà in inverno. Già questo avrebbe costretto alla ridiscussione dei calendari.

 

Questa cosa può diventare un’opportunità per riprogrammare il calendario partendo dall’anno solare piuttosto che sul ciclo delle stagioni. Alla fine del 2022 si ritorna alla normalità con i calendari tradizionali. Io sono dell’avviso che le stagioni vadano portate a termine; se è possibile concludere il campionato, anche a porte chiuse, va fatto. Se invece non si può proprio concludere, credo che assegnare lo scudetto a chi è prima ora in classifica, basandosi sull’interruzione del campionato, possa esser antisportivo, preferisco che non venga assegnato.

Ipotizzando una ripresa dei campionati, come possono le società prolungare i contratti oltre il 30 giugno senza altri esborsi economici?

La Fifa pare stia lavorando alla proposta di far durare la degenza dei contratti fino alla fine della stagione, poi dipende dalle possibilità economiche dei club. Al momento è tutto aleatorio.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Interviste
Michelangelo Freda
27 Aprile

Lo strano caso dello Sheriff Tiraspol

Abbiamo intervistato Roberto Bordin, allenatore dello Sheriff Tiraspol, e gli ultras indipendentisti della squadra: così abbiamo scoperto l'autoproclamatasi Repubblica di Transnistria.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Leonardo Boanelli
5 Aprile

L’ultimo primo Ciro Immobile

Ultimo centravanti di sfondamento italiano o primo striker italiota?
Papelitos
Federico Brasile
29 Ottobre

Lunga vita alle bestemmie in campo

Il post-umano ha trionfato fino a punire le bestemmie dei calciatori con la prova tv.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Italia
Ermanno Durantini
7 Settembre

L’essenza della tecnica

Il VAR è ormai entrato nella realtà del nostro calcio. Perché supportarlo, anziché detestarlo.
Interviste
Federico Cenci
12 Maggio

Silvio Baldini, il calcio è identità non soldi

Pochi ori, tanti allori.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Italia
Remo Gandolfi
8 Febbraio

La rivincita di Roberto D’Aversa

Alla faccia del bel gioco, il Parma di D'Aversa stupisce nel segno della tradizione italiana.
Italia
Luca Pulsoni
8 Febbraio

Suning naviga in cattive acque

Nel frattempo l'Inter non può concedersi distrazioni.
Italia
Giuseppe Gerardi
30 Maggio

Ma il cielo è sempre più blu

Il Crotone è salvo. Tragedia e rinascita di una città intera.
Ritratti
Marco Armocida
19 Ottobre

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Papelitos
Andrea Antonioli
8 Marzo

A Roma serve lucidità

L'ambiente Roma è strutturalmente incapace di valutare ed elaborare i fatti: Ranieri, che piaccia o meno, era l'unica scelta possibile.
Italia
Lorenzo Solombrino
14 Marzo

Ivan Gazidis e l’House Of Cards del calcio italiano

La storia di un manager machiavellico, tra luci (finanziarie) e ombre (sportive).
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Ritratti
Lorenzo Santucci
7 Aprile

Le follie di Massimo Moratti

Sbagliare per amore. E vincere.
Papelitos
Michelangelo Freda
27 Novembre

Supercoppa Italiana, un’ipocrisia nazionale

Dai segni rossi sul viso alla finale di Supercoppa in Arabia Saudita la strada è breve.
Italia
Francesco Andreose
9 Maggio

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.
Papelitos
Antonio Aloi
17 Febbraio

Vlahovic contro lo stato dei perbenisti

Lezioni di etica non richieste da un sistema che non ha più argomenti.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Novembre

La Serie A morirà in esilio

L'ennesima genialata della Lega Serie A: trasferire almeno una partita all'anno in Asia o Stati Uniti, alla faccia dei tifosi ma a favore dei mercati.
Editoriali
Marco Gambaudo
22 Luglio

Il Genoa di Preziosi, cronaca di una mediocrità annunciata

Il progetto di Preziosi al Genoa sta naufragando: bilanci disastrosi, debiti vertiginosi e tasse non pagate, in una inquietante girandola di giocatori e allenatori.
Italia
Gianluca Palamidessi
6 Febbraio

Meglio di Inzaghi la Lazio non potrebbe chiedere

Ottimo allenatore, grande tifoso.
Italia
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

L’altro Claudio Lotito

Elogio del patron laziale.
Italia
Daniele Dell'Orco
24 Gennaio

De Laurentiis, il silenzio è d’oro

Le scintille tra Aurelio De Laurentiis e Maurizio Stirpe hanno messo a nudo tutta l'ipocrisia del patron napoletano.
recensioni
Gianluca Palamidessi
25 Novembre

Qatar 2022, l’isola che (non) c’è

Inchiesta dal libro di Gianluca Mazzini.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
28 Agosto

Moriremo di VAR

La Serie A è ripartita e le polemiche, malgrado la tecnologia in campo, non si sono ridotte (anzi).
storie
Annibale Gagliani
1 Settembre

Craxi e il Torino, un amore da Prima Repubblica

Il Bettino calciofilo, presidente ombra dei granata.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
Italia
Matteo Mancin
21 Giugno

Zdeněk Zeman

Il fumo del bel gioco.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Marzo

In Serie C tutto tace

Proclami elettorali e propaganda twitteriana. Ma le riforme nel campionato di Serie C dove sono?
Papelitos
Federico Brasile
3 Settembre

Disintossichiamoci dal calciomercato

In un Paese civile il calciomercato si sarebbe dovuto chiudere già da tempo.
Ritratti
Lorenzo Fabiano
17 Giugno

Se Gigi Fresco non ci fosse, bisognerebbe inventarlo

Un unicum in Italia: allenatore e presidente, ma ancor prima idealista e uomo di cuore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Giugno

La fattoria degli animali

Questo calcio mette a rischio la salute dei giocatori.
Italia
Lorenzo Santucci
16 Gennaio

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
Italia
Luigi Fattore
30 Novembre

Delirio da fantacalcio

La deriva fantacalcistica ci porta in un mondo distopico, in cui i numeri dettano la legge della mente e del cuore.
storie
Alberto Maresca
18 Gennaio

Morto un Re Cecconi non se ne fa un altro

44 anni fa un omicidio assurdo, nel pieno degli anni di piombo.
Italia
Matteo Mancin
1 Marzo

Corrado Orrico

L'uomo che è rimasto nella storia per i suoi fallimenti.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Italia
Nicolò Delvecchio
23 Maggio

Altro giro altro flop

Le grandi ambizioni in quel di Bari iniziano a pesare.
Ritratti
Francesco Andreose
19 Ottobre

Ho scelto Mandorlini per amico

Un allenatore tanto bravo quanto controverso.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
17 Gennaio

Salviamo la Coppa Italia dalla sua depressione

Orari improponibili, stadi deserti, formazioni rimaneggiate. La Coppa Italia sta morendo lentamente.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Dicembre

Maledetto campionato

Quarto caffè al Bar Sport, offre Allegri. La Serie A è un campionato serio. Rectius: è tornato alla serietà. Sì, perché in Europa paiono essersi allineati i pianeti.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
8 Ottobre

Alan Shearer, dall’Inghilterra profonda

Simbolo non solo di Newcastle, ma di un'Inghilterra antica.
Italia
Michelangelo Freda
6 Aprile

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.