Tifo
13 Agosto 2023

Il CPS contro la libertà d'espressione dei tifosi inglesi

Alla distopia non c'è mai fine.

La doppietta di Erling Haaland nel match d’esordio del Manchester City in Premier League contro il Burnley ha distolto il dibattito pubblico britannico da una questione leggermente più importante, che pure aveva tenuto banco nei giorni precedenti: i tifosi inglesi e gallesi non potranno più entrare in uno stadio se verranno sorpresi a ironizzare su – o prendersi gioco de – le tragedie ‘calcistiche’ del passato (ad esempio Hillsborough). Il controllo e l’eventuale sanzione cadrà sotto la supervisione dell’organo di giustizia più inquietante che il Regno Unito abbia mai prodotto: il Crown Prosecution Service o CPS, sigla di sventura per i vecchi e cari tifosi inglesi.

Tutto questo è francamente sconvolgente e si collega – vuoi pure per analogia – al divieto di casa nostra sul numero 88. Va detto, noi italiani riusciamo sempre a vincere la battaglia dell’assurdo e dell’insensato, soprattutto a livello penale, ma gli inglesi in questo caso non sono stati da meno. A dire il vero il divieto sui cori, sugli striscioni e sugli stendardi sul genere del black-humor (sintetizziamola così) è un tantino più inquietante di quello sull’ottantotto. In quest’ultimo caso infatti più che di inquietudine sarebbe appropriato parlare di idiozia, ma in quello il discorso è totalmente diverso.



Vietare un coro, uno striscione o uno stendardo, o una qualunque altra forma espressiva è di per sé una roba da regime distopico, da romanzo orwelliano o denuncia pasoliniana. Farlo in un contesto nel quale – parafrasando Massimo Fini – sfogarsi è un potente contraccettivo sociale alla vera violenza (quella della strada, per intenderci, quella che avviene fuori dagli stadi per capirci) è persino paradossale però. Comunque, ormai siamo convinti che in Inghilterra i tifosi di una volta sono scomparsi, nonostante tutti gli sforzi che possiamo fare per ritrovare in un campionato superleghistico le briciole di un movimento (quello hooligan) corroso dal tempo. E da alcune leggi, come questa e peggiori di questa – pensiamo qui ai mirabolanti metodi Thatcher, prodotti tra l’altro proprio dopo Hillsborough –, che hanno prima affossato e poi ammansito i facinorosi degli stadi nel Regno Unito.

Le conseguenze dell’atto promosso e sposato dal capo della Football Association, col pieno sostegno del governo inglese as obvious, sono incredibili: il divieto più grave è quello a cui già accennavamo prima, divieto quindi di entrare allo stadio (i tempi poi li decide il CPS), ma quello più distopico riguarda l’ingresso nei pub «while games are taking place» (mentre si gioca la partita).

per leggere il contenuto integrale, iscriviti alla nostra newsletter

Gruppo MAGOG

Real, mistero senza fine bello
Papelitos
Gianluca Palamidessi
09 Maggio 2024

Real, mistero senza fine bello

Una squadra che ha trasformato lo straordinario in fenomeno ordinario.
Battisti e la Lazio
Ultra
Gianluca Palamidessi
04 Maggio 2024

Battisti e la Lazio

Una storia (mitica) delle origini.
Le sette vite di Don Carlo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
01 Maggio 2024

Le sette vite di Don Carlo

Come è riuscito, il Real Madrid, a farla franca di nuovo?

Ti potrebbe interessare

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese
Calcio
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?
Papelitos
Lorenzo Santucci
22 Gennaio 2020

Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?

Un problema comune, ma evidente in Premier League.
Life on the terraces
Estero
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2023

Life on the terraces

Seguire la Non League per esplorare l'anima di un popolo: il racconto di Stefano Faccendini.
Il miracolo di Gordon Banks, ep. 2
Interviste
Mattia Di Lorenzo
14 Febbraio 2019

Il miracolo di Gordon Banks, ep. 2

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte II.
L’estate del buonismo
Calcio
Domenico Rocca
04 Agosto 2018

L’estate del buonismo

Dopo il codice etico, il daspo digitale. La direzione intrapresa dal calcio in Italia da un lato si allontana sempre di più dai tifosi, dall'altro si avvicina notevolmente ai consumatori.