Papelitos
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.

Sembra ormai una consuetudine. Da hapax siamo ormai alla regola: la (ex) squadra più forte del calcio italiano è uscita dall’Europa prematuramente. Tra le possibili cause della disfatta, il giornalismo sportivo ha scelto il suo bersaglio. La frustrazione e la rabbia si sono vestite con empito livoroso di un abito facile, quasi irrispettoso. Il colpevole per tutti è lui: Cristiano Ronaldo.

 

 

Il fuoriclasse portoghese è tutto a un tratto vecchio, superato. È macchinoso, lento. È un accentratore di gioco, è egoista. È incapace di mettersi al servizio della squadra. È sopravvalutato e sazio. È innamorato della sua immagine, un solipsista della peggior specie. L’analisi più spietata giunge dalle parole del vate Cassano. Uno che – purtroppo – non ha peli sulla lingua, che può e deve dire tutto. Cristiano Ronaldo, per Fantantonio, è dannoso. Prima di ogni altra cosa, per il calcio di Pirlo. Ronaldo è un peso. È un lusso che non ci si può più permettere. Peggio ancora: è parte di un ingranaggio che senza di lui funzionerebbe meglio.

 

Alcuni si sono già dimenticati di questa partita qui, appena due anni fa (foto di Tullio M. Puglia/Getty Images)

 

 

Primo: vorremmo davvero che qualcuno ci spiegasse cos’è il calcio di Pirlo. La Juventus, da due anni a questa parte, è confusa, sbiadita. La dirigenza ha accelerato un processo di trasformazione che era ben lungi dall’essere pronto. Si è voltato pagina in maniera brusca. La squadra è divisa tra il suo passato di bruttezza taumaturgica e il suo presente di bellezza irraggiungibile. L’esigenza frettolosa di una palingenesi verso il moderno ha minato le certezze dei giorni perduti, ormai soltanto un nugolo di ricordi. A tenere in piedi il tutto è stato Cristiano Ronaldo.

 

 

In un anno dilaniato dalle incertezze, il portoghese ha segnato più di chiunque altro. I gol con la Juve sono 92 in 121 presenze. CR7 detiene il 64 per cento delle reti segnate dalla Vecchia Signora nella fase a eliminazione diretta della Champions League (7 su 11, e prima del Porto erano 7 su 7). Ha infranto il record di reti segnate da un singolo giocatore della Juventus in una stagione di Serie A e in questa stagione è già a quota 20 in 22 presenze. Cristiano Ronaldo è un campione, è indiscutibile.

 

Un uomo capace di vincere cinque Champions League (foto di Laurence Griffiths/Getty Images)

 

 

Discutere Ronaldo da un punto di vista tecnico è hybris, pura follia. Affermare che la sua centralità è eccessiva vuol dire fare un errore di memoria, prima ancora che di valutazione. Significa degradare il lavoro di alcuni dei più grandi allenatori della storia del calcio, accomunati dall’aver costruito alcuni dei loro cicli vincenti attorno alle gesta di Cristiano Ronaldo.

 

 

Significa produrre elucubrazioni fallaci su Ferguson, Ancelotti, Zidane, Scolari o Mourinho (per citarne alcuni). Stupirsi della sua mancanza di generosità o altruismo significa non conoscerlo fino a fondo. CR7 non ha mai giocato per i compagni. Il suo obiettivo, contrariamente a ciò che ci dice nelle sue interviste, è lo stesso di Achille. A Ronaldo interessa il suo nome, la sua gloria imperitura. I successi delle sue squadre sono sempre stati conseguenze dei suoi. Davanti al collettivo, ha sempre messo se stesso. È il prezzo da pagare per averlo in squadra.

 

 

Chi gli sta di fianco, deve sapere che significa partire da uno a zero. Ma non solo: serve sacrificio per colmare la sua negligenza atletico-difensiva. E del resto c’è poco da stupirsi. È il meccanismo che sta alla base di qualsiasi squadra di calcio, a partire dalla Terza Categoria. I più forti segnano, i più scarsi corrono. Platini insegna: a lui spettava la gloria, a Bonini la corsa.

 

Due leggende messe alla porta dal chiacchiericcio della stampa (foto di David Ramos/Getty Images)

 

 

Ciò che davvero può essere criticato non è Ronaldo ma il contorno. Il suo acquisto ha comportato un esborso eccessivo, probabilmente non sostenibile e reso ancora più gravoso dalle laceranti conseguenze che la pandemia ha avuto sul mondo del pallone. La Juventus si è dovuta adeguare, costruendo una squadra con evidenti lacune e mettendo sotto contratto giocatori lontani anni luce dal DNA bianconero. Il mercato dirigenziale, vero punto di forza delle passate stagioni, è passato da una maniacale programmazione a un continuo e trafelato rabberciamento.

 

 

L’analisi da fare sarebbe più profonda e analitica. Ciò che si deve evitare, però, è seguire il flusso impetuoso, bieco e inelegante della stampa acchiappa-click degli ultimi giorni. Cristiano Ronaldo ha giocato con il Porto una delle sue peggiori partite di sempre. È apparso assente, avulso e stanco. È mancato in quella che Fabrizio Gabrielli definisce forse come la più grande delle sue qualità: la capacità di essere focalizzato interamente sul presente.

 

 

Ronaldo era altrove. O forse per la prima volta era vicino, qui accanto a noi mortali. Insicuro come noi e come noi vittima talvolta di un destino perdente. Tutto ciò non ci deve far perdere però il senso della misura. Ronaldo è soltanto la punta di un iceberg, l’uomo in grado di coprire le contraddizioni più recenti della Juventus e ora il capro espiatorio di una stampa feroce nei suoi confronti. D’altronde si sa, lo sciocco guarda il dito che indica la luna e non la luna. Basterebbe ampliare lo sguardo.

 

 

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Marco Armocida

27 articoli
Il Napoli di Spalletti è totalizzante
Calcio
Marco Armocida
06 Novembre 2022

Il Napoli di Spalletti è totalizzante

Una nuova bellezza: razionale, efficace, consapevole.
Barak, l’artista silenzioso
Ritratti
Marco Armocida
24 Agosto 2022

Barak, l’artista silenzioso

Il ceco è un giocatore d'altri tempi.
Su Lukaku aveva ragione Di Canio
Calcio
Marco Armocida
22 Giugno 2022

Su Lukaku aveva ragione Di Canio

E forse lo ha capito lo stesso Romelu.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Michel Platini, il re istrione
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Le follie di Massimo Moratti
Ritratti
Lorenzo Santucci
07 Aprile 2017

Le follie di Massimo Moratti

Sbagliare per amore. E vincere.
Sconcerti d’estate
Interviste
Luigi Fattore
26 Luglio 2019

Sconcerti d’estate

Fregarsene del lettore, imparare una cosa nuova al giorno e diventare riconoscibili.
Toni Kroos, il principe
Ritratti
Marco Armocida
05 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Gigi Maifredi
Calcio
Matteo Mancin
04 Giugno 2019

Gigi Maifredi

Il buongustaio dall'inebriante, ed opprimente, bel gioco.