Carrello vuoto
Papelitos
13 Marzo

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Marco Armocida

23 articoli
Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.

Sembra ormai una consuetudine. Da hapax siamo ormai alla regola: la (ex) squadra più forte del calcio italiano è uscita dall’Europa prematuramente. Tra le possibili cause della disfatta, il giornalismo sportivo ha scelto il suo bersaglio. La frustrazione e la rabbia si sono vestite con empito livoroso di un abito facile, quasi irrispettoso. Il colpevole per tutti è lui: Cristiano Ronaldo.

 

 

Il fuoriclasse portoghese è tutto a un tratto vecchio, superato. È macchinoso, lento. È un accentratore di gioco, è egoista. È incapace di mettersi al servizio della squadra. È sopravvalutato e sazio. È innamorato della sua immagine, un solipsista della peggior specie. L’analisi più spietata giunge dalle parole del vate Cassano. Uno che – purtroppo – non ha peli sulla lingua, che può e deve dire tutto. Cristiano Ronaldo, per Fantantonio, è dannoso. Prima di ogni altra cosa, per il calcio di Pirlo. Ronaldo è un peso. È un lusso che non ci si può più permettere. Peggio ancora: è parte di un ingranaggio che senza di lui funzionerebbe meglio.

 

Alcuni si sono già dimenticati di questa partita qui, appena due anni fa (foto di Tullio M. Puglia/Getty Images)

 

 

Primo: vorremmo davvero che qualcuno ci spiegasse cos’è il calcio di Pirlo. La Juventus, da due anni a questa parte, è confusa, sbiadita. La dirigenza ha accelerato un processo di trasformazione che era ben lungi dall’essere pronto. Si è voltato pagina in maniera brusca. La squadra è divisa tra il suo passato di bruttezza taumaturgica e il suo presente di bellezza irraggiungibile. L’esigenza frettolosa di una palingenesi verso il moderno ha minato le certezze dei giorni perduti, ormai soltanto un nugolo di ricordi. A tenere in piedi il tutto è stato Cristiano Ronaldo.

 

 

In un anno dilaniato dalle incertezze, il portoghese ha segnato più di chiunque altro. I gol con la Juve sono 92 in 121 presenze. CR7 detiene il 64 per cento delle reti segnate dalla Vecchia Signora nella fase a eliminazione diretta della Champions League (7 su 11, e prima del Porto erano 7 su 7). Ha infranto il record di reti segnate da un singolo giocatore della Juventus in una stagione di Serie A e in questa stagione è già a quota 20 in 22 presenze. Cristiano Ronaldo è un campione, è indiscutibile.

 

Un uomo capace di vincere cinque Champions League (foto di Laurence Griffiths/Getty Images)

 

 

Discutere Ronaldo da un punto di vista tecnico è hybris, pura follia. Affermare che la sua centralità è eccessiva vuol dire fare un errore di memoria, prima ancora che di valutazione. Significa degradare il lavoro di alcuni dei più grandi allenatori della storia del calcio, accomunati dall’aver costruito alcuni dei loro cicli vincenti attorno alle gesta di Cristiano Ronaldo.

 

 

Significa produrre elucubrazioni fallaci su Ferguson, Ancelotti, Zidane, Scolari o Mourinho (per citarne alcuni). Stupirsi della sua mancanza di generosità o altruismo significa non conoscerlo fino a fondo. CR7 non ha mai giocato per i compagni. Il suo obiettivo, contrariamente a ciò che ci dice nelle sue interviste, è lo stesso di Achille. A Ronaldo interessa il suo nome, la sua gloria imperitura. I successi delle sue squadre sono sempre stati conseguenze dei suoi. Davanti al collettivo, ha sempre messo se stesso. È il prezzo da pagare per averlo in squadra.

 

 

Chi gli sta di fianco, deve sapere che significa partire da uno a zero. Ma non solo: serve sacrificio per colmare la sua negligenza atletico-difensiva. E del resto c’è poco da stupirsi. È il meccanismo che sta alla base di qualsiasi squadra di calcio, a partire dalla Terza Categoria. I più forti segnano, i più scarsi corrono. Platini insegna: a lui spettava la gloria, a Bonini la corsa.

 

Due leggende messe alla porta dal chiacchiericcio della stampa (foto di David Ramos/Getty Images)

 

 

Ciò che davvero può essere criticato non è Ronaldo ma il contorno. Il suo acquisto ha comportato un esborso eccessivo, probabilmente non sostenibile e reso ancora più gravoso dalle laceranti conseguenze che la pandemia ha avuto sul mondo del pallone. La Juventus si è dovuta adeguare, costruendo una squadra con evidenti lacune e mettendo sotto contratto giocatori lontani anni luce dal DNA bianconero. Il mercato dirigenziale, vero punto di forza delle passate stagioni, è passato da una maniacale programmazione a un continuo e trafelato rabberciamento.

 

 

L’analisi da fare sarebbe più profonda e analitica. Ciò che si deve evitare, però, è seguire il flusso impetuoso, bieco e inelegante della stampa acchiappa-click degli ultimi giorni. Cristiano Ronaldo ha giocato con il Porto una delle sue peggiori partite di sempre. È apparso assente, avulso e stanco. È mancato in quella che Fabrizio Gabrielli definisce forse come la più grande delle sue qualità: la capacità di essere focalizzato interamente sul presente.

 

 

Ronaldo era altrove. O forse per la prima volta era vicino, qui accanto a noi mortali. Insicuro come noi e come noi vittima talvolta di un destino perdente. Tutto ciò non ci deve far perdere però il senso della misura. Ronaldo è soltanto la punta di un iceberg, l’uomo in grado di coprire le contraddizioni più recenti della Juventus e ora il capro espiatorio di una stampa feroce nei suoi confronti. D’altronde si sa, lo sciocco guarda il dito che indica la luna e non la luna. Basterebbe ampliare lo sguardo.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
29 Novembre

Buon sangue non mente

Bar Sport, Episodio II. Manifestazioni di giubilo ed entusiasmo della grande narrazione sportiva! Sotto l'albero di Natale potremmo avere ancora un campionato aperto!
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

La superiorità del Gioco

Ajax-Tottenham: la nostra definitiva resa di fronte all'imponderabilità del calcio.
storie
Rudy Galetti
22 Aprile

Il miracolo di Brian Clough

La straordinaria epopea del Nottingham Forest.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
27 Marzo

Moggi è stato premiato al Senato

Il riconoscimento alla carriera conferito a Luciano Moggi, in un'aula del Senato, è l'ennesima prova di un Paese senza memoria.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Papelitos
Emanuele Iorio
3 Ottobre

La nuova dimensione del Barcellona

Da grandissima a piccola squadra.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
28 Agosto

Moriremo di VAR

La Serie A è ripartita e le polemiche, malgrado la tecnologia in campo, non si sono ridotte (anzi).
Papelitos
Giuseppe Gerardi
13 Settembre

Piedi per terra

La Juventus per vincere in Europa deve costruire e lavorare sempre da capo, anno dopo anno, senza presunzioni.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Estero
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
3 Dicembre

Mai più Pallone d’Oro

Un premio divenuto fatiscente, triste, di second'ordine.
Italia
Gianluca Palamidessi
12 Luglio

L’importanza del simbolo

Ricordare se stessi.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Febbraio

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.
Italia
Gianluca Palamidessi
2 Febbraio

Cristiano Ronaldo non è l’uomo che credete di conoscere

Chi si cela dietro alla maschera da egocentrico del fuoriclasse portoghese?
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Interviste
Luigi Fattore
26 Luglio

Sconcerti d’estate

Fregarsene del lettore, imparare una cosa nuova al giorno e diventare riconoscibili.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Italia
Remo Gandolfi
28 Dicembre

Pierluigi Casiraghi aveva due palle così

Contro-storia di Pierluigi Tyson Casiraghi
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Ottobre

Lezioni

Cosa ci ha insegnato l'8a giornata di campionato con il triplice incontro tra le prime (presunte) sei forze del campionato.
Papelitos
Matteo D'Argenio
19 Marzo

Perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League

Il Leicester è l'ultima squadra inglese sopravvissuta in Champions League ed è anche la nostra unica speranza di veder trionfare il vero calcio inglese, quello delle vecchie abitudini, di una classe operaia ormai stuprata da soldi e idealisti del pallone.
Italia
Lorenzo Ottone
30 Gennaio

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Papelitos
Luigi Fattore
18 Maggio

Le dittature sono noiose

La Juventus vince la finale di Coppa Italia senza grandi sforzi.
Italia
Luigi Fattore
27 Settembre

Quel centimetro in più

Il 'Principino' è stato fondamentale per il rilancio della juventinità, qualità indispensabile per ricostruire il ciclo vincente ancora in corso. Apologia di Marchisio, digià dimenticato.
Estero
Michelangelo Freda
27 Settembre

Il Qarabag è la speranza del Nagorno

Alla scoperta del calcio nel Nagorno Karabakh.
Italia
Stefano Peradotto
30 Luglio

Anche l’esultanza è diventata marketing

Nel calcio odierno l'esultanza non è più una gioia collettiva e spontanea, bensì una questione di marketing profondamente individualista.
Italia
Lorenzo Fabiano
19 Giugno

Le rivoluzioni non si fanno a Torino

I bianconeri sono voce di palazzo, non urla di piazza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Novembre

Cristiano Ronaldo non è la Juventus

L'ennesimo brutto episodio di un giocatore viziato e arrogante.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
18 Aprile

Eupalla ha detto Tottenham

La partita di ieri è difficilmente spiegabile perché, ancor prima, è stata irrazionale: alla fine hanno prevalso la forza del Tottenham e la fragilità del City.
Tifo
Michelangelo Freda
16 Dicembre

Lo Shakhtar a Kiev non è di casa

Uno striscione apparso durante il match di Champions League evidenzia la tensione interna allo stato ucraino.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Ritratti
Lorenzo Santucci
7 Aprile

Le follie di Massimo Moratti

Sbagliare per amore. E vincere.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Ritratti
Maurizio Fierro
17 Gennaio

Giovanni Borghi, cuore e testa di Varese

Il Presidentissimo, simbolo di un'altro calcio e di un'altra imprenditoria.
Italia
Matteo Albanese
29 Gennaio

Long live Pellegri

Da Genova al Principato sono solo 180 km.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Agosto

L’avvenire non è bianconero

Vincere sì, ma subito.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.