Carrello vuoto
Papelitos
27 Marzo

Cronache Nazionali dall’Italia profonda

Federico Brasile

66 articoli
La Nazionale vista da un bar della provincia italiana.

Perdonate la prima persona, ma ci tenevo a riportarvi direttamente una serata a cui ho preso parte (anche perché questo web, alla lunga, è un po’ troppo alienante e impersonale). Insomma stavo vedendo l’Italia in un Bar di paese dell’Italia profonda, un borgo umbro di qualche centinaio di anime. A un certo punto, tra un amaro e l’altro ma soprattutto già durante il primo tempo della partita, i vecchi presenti hanno iniziato a giocare a carte (in effetti come dargli torto, intanto per mantenere le sacre tradizioni, poi perché giocavamo contro una Nazionale imbarazzante di cui non sapevano nemmeno pronunciare il nome): al che uno di loro, voltandosi dal televisore verso il tavolo, ha esclamato:

“Mi piace però questa giovine Italia (…) sono giovani loro mica come noi che siamo mezzi morti… il problema è che quelli che giocavano prima erano più morti di noi!”

E giù risate, che facevano un tutt’uno con le bestemmie di poco dopo per il tressette. Beh sostanzialmente quel signore aveva colto il punto: al di là della Giovine Italia, che se vogliamo è pure un buon paragone con le cospirazioni mazziniane ― quest’Italia è oggi un po’ cospiratrice, e trama nell’ombra per ritagliarsi un ruolo tra le potenze europee, superiori per mezzi e uomini ― l’inconsapevole protagonista di questa storia aveva ragione da vendere. A vedere Italia – Svezia era chiaro che quella squadra, vecchia e stanca, era arrivata alla fine di un ciclo: non c’era più nulla. Adesso invece in questa Nazionale, che piaccia o meno, vediamo almeno un progetto e un’idea di gioco. Ammetto pubblicamente tra l’altro i molti dubbi su Mancini al momento della nomina a Ct, ma ricredersi è sintomo d’intelligenza, così dicono, ed è anche una virtù tra le più basilari.

Rinneghiamo i cattivi pensieri, mai espressi per coesione nazionale, per cui Mancini era l’allenatore dell’establishment – che poi è vero, ma se fa bene che importanza ha! (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Magari non arriveremo da nessuna parte, chi lo sa, potremmo anche fare una figura barbina agli Europei e non qualificarci per i prossimi Mondiali, ma resta il fatto che questa Italia ha qualcosa da raccontare. Dal doppio regista (l’unica cosa che infatti Mancini non ha toccato, perché la più importante a livello di identità di gioco) alla pressione alta, passando per l’entusiasmo dei giovani. C’è solo il “problema” centravanti da sciogliere, con Immobile che onestamente, da contropiedista devastante qual è, sembra un po’ un corpo estraneo in questa squadra così tecnica, e un Quagliarella che se solo avesse avuto qualche anno in meno sarebbe stato il terminale offensivo perfetto per Mancini, capace con quelle qualità tecniche di cucire il gioco e dialogare con i compagni come pochi altri.

 

Ma insomma, al di là di questi aspetti, gli azzurri lanciano segnali incoraggianti; non per la partita di ieri ovviamente su cui c’è poco da dire, tralasciando quello che scrivono i giornali, obbligati come sono a riempire pagine su pagine; diverse le cose interessanti ma la prova non faceva testo. Tuttavia non sempre c’è bisogno di grandi invenzioni tattiche o di nomi altisonanti: a volte per conquistare il cuore e le simpatie dei tifosi, soprattutto della provincia italiana, bastano l’atteggiamento, l’attaccamento alla maglia o anche solo la voglia di dimostrare qualcosa. Questa Nazionale fa ben sperare soprattutto per questo, perché è una squadra giovane, viva, che al di là della qualità individuali ha la voglia e l’energia di reagire. E se l’hanno capito pure degli ottantenni mezzo alcolizzati nell’Italia più profonda, vuol dire che la strada imboccata è decisamente quella giusta.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Jacopo Gozzi
30 Giugno 2022

La guerra, le legioni romane e il Metodo di Vittorio Pozzo

Se la tattica calcistica è specchio delle tattiche belliche.
Estero
Diego Mariottini
26 Giugno 2022

Danimarca 1992, gli “intrusi” capaci di volare alto

Dalle vacanze al tetto d'Europa.
Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Papelitos
Lorenzo Serafinelli
2 Giugno 2022

La nazionale è solo un passatempo estivo

Per il resto dell'anno, un intralcio o poco più.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Maggio 2022

Mancini, ascolta Sabatini: se ci fossero italiani forti, giocherebbero!

Per il ct azzurro il problema della nazionale è lo scarso utilizzo dei giovani.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Luca Pulsoni
30 Marzo 2022

I ragazzi che diventeranno uomini senza l’Italia ai mondiali

Storia di un disamore antico: quello tra i ragazzi italiani e il pallone.
Italia
Valerio Santori
28 Marzo 2022

La disfatta dell’Italia senza un capro espiatorio

Perché la conferma di Mancini è una buona notizia per il movimento.
Papelitos
Andrea Antonioli
25 Marzo 2022

È giusto così

Il male oscuro dell'Italia è tornato.
Italia
Lorenzo Fabiano
23 Marzo 2022

Totonero 1980, una classica storia all’italiana

Alla vigilia dell'Europeo casalingo del 1980, il calcio si scopriva corrotto.
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Italia
Federico Brasile
19 Novembre 2021

Balotelli, Joao Pedro… chi offre di più?

La Nazionale è una cosa seria.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre 2021

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Italia
Diego Mariottini
25 Settembre 2021

Salvatore Bagni, il combattente

Compie 65 anni un giocatore, più che di talento, indispensabile.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.