Carrello vuoto
Calcio
14 Gennaio

Damiano Tommasi

Marco Telluri

4 articoli
Dalla Roma a San Marino, una vita da mediano controcorrente.

A guardarlo bene uno così, si capisce subito che c’è qualcosa in lui che va al di fuori dei binari dell’ordinario, rispetto alla quasi totalità dei suoi colleghi in calzoncini. Ieri come oggi. Si tratta di una serie di piccoli dettagli (perché sono i particolari a trasmettere agli altri ciò che siamo meglio di qualunque altra cosa) che rivelano l’autenticità della figura di Damiano Tommasi. Chioma riccioluta, sguardo sincero e fisico da mediano “con i piedi buoni”, Tommasi è stato il classico calciatore che non conosce limiti spaziali: il suo modo di intendere il futbol è stato senza tempo, spendibile dieci anni fa così come ai tempi di Meazza, cioè quando il calcio avanzava perlopiù a marce ridotte, perché forte di un visione euclidea del rettangolo di gioco. Una caratteristica che – assieme a una dedizione al sacrificio tipica di chi come lui è stato temprato dalle montagne, in Lessinia – gli ha permesso di amministrare le mediane dei club di mezza Europa; non è un segreto, d’altronde, che Tommasi sia stato uno degli uomini di fiducia di “don” Fabio Capello, durante la storica stagione dell’ultimo scudetto giallorosso. Tuttavia, al di là dei meriti prettamente sportivi, l’eccezionalità del personaggio travalica il calcio quale semplice insieme di gesti tecnici: tant’è che Quique Peinado, ottima penna spagnola, ha dedicato un breve ma intenso paragrafo del suo Calciatori di sinistra (Isbn Edizioni, 2013) alla parabola di Tommasi, descrivendola come un connubio, quanto mai atipico, di socialismo, calcio e religione. Già, la religione, quella fede che il Damiano calciatore ha tramutato il più delle volte in italica scaramanzia indossando quella maglia numero diciassette, divenuta ormai un talismano dalle parti di Trigoria. Il Damiano uomo, invece, non si limita ai semplici riti propiziatori: nell’arco della sua carriera, Tommasi non ha mai fatto segreti circa le sue convinzioni; il suo essersi dichiarato obiettore di coscienza, il pacifismo sincero da lui propugnato a più riprese così come la discussa posizione a proposto del tabù dell’omosessualità nel calcio, sono state solamente alcune delle idee tommasiane che, come fossero singole battute di un dattiloscritto, sono andate a comporre i caratteri del suo epiteto da stadio, quell’anima candida che nelle domeniche romane dei primi anni Duemila, veniva scandito con orgoglio dalla torcida giallorossa.

schermata-2017-01-10-alle-08-04-44
Tommasi ha giocato alla Roma per dieci stagioni (1996-2006), con 263 presenze e 14 reti

Accantonata la dimensione “confessionale” di Tommasi, seguendo sempre le linee direttrici della tripartizione offerta da Peinado, vi è poi il lato più attivo dal punto di vista sociale, quello dell’impegno che, appesi gli scarpini al chiodo, è stato sublimato dal ruolo assunto ai vertici dell’AIC. Tale propensione, tuttavia, contraddistinse Tommasi sin dagli anni della giovinezza romanista: celeberrimo ormai l’episodio dei 1500 euro”, quando l’allora ventiquattrenne mediano giallorosso, infortunatosi gravemente al ginocchio destro, decise di sua spontanea volontà di ridursi lo stipendio al minimo sindacale, una cifra che, parafrasando lo stesso Tommasi, gli garantiva una “vita più che dignitosa”. Tale provvedimento, si protrasse per l’intera durata del periodo di recupero indicatogli dall’equipe medica: Tommasi continuò ad allenarsi, senza vedere il campo, per oltre un anno percependo un compenso sì abituale, ma non nel mondo milionario della Serie A. Scelte come queste non possono non essere accompagnate da un pensiero autentico e coriaceo, specie quando ad avanzarle è un parvenu del calcio, per di più nel fior degli anni. Episodi, questi come altri, tipici di chi ha fatto di un semplice gioco una filosofia di vita: un percorso svolto al riparo dalle luci abbacinanti dei riflettori e ben più incline alla schiettezza del calcio di periferia; non a caso, le ultime giocate del Damiano calciatore hanno avuto come cornice i manti, non proprio erbosi, del Sant’Anna d’Alfaedo – club militante nella seconda categoria veneta – là dove il calcio diviene il più della volte un modo per esorcizzare le turbe che la vita ti mette dinanzi, conservando, ad ogni modo, un quid dello sport povero che conquistò mezzo mondo.

“Nella vita c’è di meglio che fare il calciatore” (Damiano Tommasi)

Nel variegato palmerès dell’ex mediano giallorosso, oltre alle peregrinazioni in Spagna, Inghilterra e Cina, spicca anche l’esperienza con la maglia gialloblù de La Fiorita, il team di San Marino, intrapresa a ben quarantun anni e già divenuta storia: già, perché l’unica rete realizzata dalla squadra sammarinese in una competizione europea è stata messa a segno proprio da Tommasi in un Vaduz-La Fiorita, valevole per i preliminari di Europa League, terminato col risultato di 4-1. Appare dunque evidente che, al netto di quanto esperito in carriera, una tale dedizione per questo sport, non può certo esaurirsi seguendo una ventennale parabola d’attività, comune ad ogni altro  calciatore. La seconda vita di Tommasi, difatti, seppure – per ovvi limiti anagrafrici – non prevede più panchine e scarpini, procede oggi sulla falsa riga di quanto dimostrato in campo: dal 9 maggio 2011, infatti, Damiano Tommasi è divenuto il punto di riferimento dei giocatori professionisti per quel che riguarda le spinose querelle sindacali, succedendo a Sergio Campana, storico presidente – nonché fondatore –  dell’Associazione italiana calciatori. Un ruolo, quello di presidente dell’AIC, di certo non privo di responsabilità in un mondo, quello del calcio odierno, ove la mercificazione del gioco, sempre più ebbro di denaro, è ormai fattuale; così come il completo disancoraggio tra valore tecnico e costo del cartellino del giocatore. Damiano però ha sempre nuotato controcorrente, per questo il calcio italiano ha trovato in lui il profilo giusto per ricoprire tale incarico.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno 2020

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno 2020

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Tennis
Alberto Fabbri
25 Giugno 2020

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno 2020

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio 2020

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio 2020

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.
Calcio
Mattia Curmà
10 Maggio 2020

Ode al Dribbling

Il gesto tecnico che riassume la bellezza del calcio.
Calcio
Francesco Andreose
9 Maggio 2020

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio 2020

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio 2020

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
27 Aprile 2020

Il soccer made in USA, un problema culturale

Il gioco del calcio, in America, non è per tutti.
Calcio
Renato Ciccarelli
24 Aprile 2020

Perché sono vecchio

La mia generazione, il calcio, se lo immaginava.
Calcio
Luca Giannelli
24 Aprile 2020

Gli slavi e il senso del calcio

Estrosi, litigiosi, naturalmente perdenti.