Carrello vuoto
Calcio
29 Marzo

Daniele De Rossi Fight Club

De Rossi è così: vive al massimo la sua vita rifiutandosi di rimanere nel mezzo, scegliendo sempre tra il bianco o il nero.

2 ottobre 2016. Roma – Inter. Al quinto minuto del primo tempo Dzeko raccoglie uno splendido pallone di Bruno Peres e lo schiaffa in rete: tutta la squadra esulta, aggrappandosi alla maglia del numero 9. Tra i compagni che festeggiano svetta su tutti il capitano della Roma, Daniele De Rossi. Strattonando la maglia del bosniaco si rivolge ai sostenitori seduti in Tribuna Tevere urlando: “Guardatela, pezzi di m***a!”. Come a dire: ha segnato proprio lui, quello che tutti avete criticato così duramente. Labiale inequivocabile, senza peli sulla lingua. Il codice De rossi prevede questo.

 

Un attaccamento estremo, quasi viscerale, alla squadra e ai compagni. La cosa più importante per un uomo che si è cucito la Roma addosso, spesso senza essere pienamente capito da una piazza che da anni gli punta il dito contro per via dell’ingaggio, dimenticandosi dei sacrifici portati avanti dal mediano di Ostia. Qui nasce Daniele De Rossi, il 23 luglio del 1983. Romanista sin da bambino, muove i primi passi sul campo dell’Ostiamare. A 16 anni accetta la proposta della Roma nella quale il padre, Alberto, allena la primavera.

 

Un giovanissimo Daniele De Rossi con la maglia della squadra del cuore
Un giovanissimo Daniele De Rossi con la maglia della squadra del cuore

Il suo ex allenatore Mauro Bencivega, che per dieci anni aveva allenato nel vivaio della Roma lanciando numerosi talenti in se­rie A – tra cui Amelia, Bovo, Lanzaro, D’Agostino, Pepe e Bonanni -, ha l’intuizione di spostarlo da mezzala offensiva a centrocampista, ruolo che gli permette di affermarsi nella Roma come nella nazionale italiana, diventando in quel ruolo uno dei giocatori più apprezzati nel panorama calcistico europeo degli ultimi 15 anni. De Rossi fa della carica agonistica e della grinta le sue doti migliori. La famosa vena sul collo che s’ingrossa nelle serate importanti è il simbolo del suo modo d’interpretare il gioco del pallone, con passione e tenacia. È una questione di leadership naturale. Giocare una partita sporca ma tenace – da guerriero – conta più della stessa gloria.

 

De Rossi la palla non se la lascia correre alle spalle: se la mangia, la conquista giocando d’anticipo e rischiando il tutto per tutto, prendendo di petto l’avversario e non scansandosi mai perché, per quelli come lui, il tackle non è un vizio ma un valore aggiunto. De Rossi non è solo grinta e polmoni, ma anche intelligenza tattica. Nella seconda era spallettiana della Roma “Danielino”, come anche allora, è il motore portante del centrocampo. Una presenza fondamentale là nel mezzo; forse addirittura più importante dei vari Strootman e Nainggolan, perché funge da collante tra la difesa e il centrocampo. Un vero e proprio scudo a protezione della difesa, che ama abbassarsi quasi sulla linea dei centrali difensivi: da qui fa ripartire l’azione, o con una precisa verticalizzazione o con una breve progressione palla al piede.

“L’appartenenza
è un’esigenza che si avverte a poco a poco
si fa più forte alla presenza di un nemico, di un obiettivo o di uno scopo
è quella forza che prepara al grande salto decisivo
che ferma i fiumi, sposta i monti con lo slancio di quei magici momenti
in cui ti senti ancora vivo” (Giorgio Gaber)

 

Tutta la rabbia nell’esultanza di DDR

 

Lo spirito di appartenenza e l’unione al gruppo – alla maglia – è forse una delle qualità che più caratterizzano De Rossi come calciatore. Il suo rispetto verso i compagni lo pone come punto di riferimento per chi divide con lui lo spogliatoio. De Rossi non parla mai a sproposito. Non guarda in faccia nessuno, ma è il primo a fare mea culpa nei momenti di difficoltà, pagandone spesso il prezzo. Basti pensare alle dichiarazioni sulla Tessera del Tifoso di qualche anno fa:

“Il calcio italiano è ostaggio degli ultrà? No, è ostaggio delle televisioni, degli sponsor, certo anche degli ultrà, però loro sono una parte positiva del calcio. La tessera del tifoso? Non sono favorevole. Non mi piace la schedatura preventiva. Allora bisognerebbe fare anche la tessera del poliziotto”.

Il suo ultimo tatuaggio, una radio, incarna la tendenza passivo-aggressiva adottata nei confronti dei mass media negli ultimi anni, sopratutto verso l’ambiente roma – come viene chiamato in gergo dalla stampa. Una nube tossica che aleggia intorno a giocatori e allenatore.

 

De Rossi e Totti, le due bandiere della Roma

Questo modo di essere De Rossi, questa sua innata “aggressività” – in campo e fuori – gli è costata molto cara nel corso della carriera. Numerosi sono stati i fallimenti causati dalla bestia che vive dentro di lui. Il più noto la gomitata a McBride nella seconda partita dei campionati mondiali in Germania nel 2006. Quattro giornate di squalifica e torneo virtualmente saltato. Ma il calcio, per sua e nostra fortuna, riserva a volte sorprese fiabesche. De Rossi subentra al posto di Totti nel secondo tempo della finale contro la Francia, prendendosi la responsabilità di calciare e segnare uno dei cinque rigori che consegnano la coppa del mondo all’Italia. Dopo dieci anni De Rossi ripete la follia del cartellino rosso, contro il Porto questa volta (lasciando così la Roma in dieci uomini e vedendo sfumare la qualificazione alla Champions League). A cosa serve tirarsi indietro?

 

Mea culpa e niente fascia da capitano. Un rosso horror che a 33 anni è inconcepibile per un giocatore della sua caratura, in un momento decisivo per le sorti della stagione giallorossa. Chiari di luna che mettono in discussione la professionalità di questo calciatore. Ma De Rossi è così: vive al massimo la sua vita rifiutandosi di rimanere nel mezzo, scegliendo sempre tra il bianco o il nero, tra la luce e l’oscurità. In questo nuovo millennio in cui oramai denaro regna su bastoni, dovremmo sforzarci di rispettare il suo modo di giocare a pallone. De Rossi può essere compreso o meno, ma di certo non ci impedirà mai di emozionarci, pensando a quanto sangue possa pompare un cuore nelle vene.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Andrea Antonioli
28 Ottobre 2021

José Mourinho il dittatore

A Roma si governa solo con il pugno di ferro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio 2021

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Luglio 2021

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Podcast
La Redazione
30 Maggio 2021

Ago

Una chiacchierata con Antonio Bongi su Agostino Di Bartolomei.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Ritratti
Matteo Mancin
19 Marzo 2021

Carlo Mazzone è vittima della retorica nostalgica

Cosa ha rappresentato il Mazzone allenatore.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Febbraio 2021

Non c’è nessun passaggio di consegne

Mbappé e Haaland sono incredibili, ma Messi e Ronaldo sono un'altra cosa.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Altro
Gianluca Palamidessi
28 Gennaio 2021

Lo Stadio Flaminio è un pezzo di storia

Riuscirà l'impianto a risorgere dalle (proprie) ceneri?
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Settembre 2020

Enrico Montesano, mille maschere una fede: la Lazio

C'era una volta Roma, c'era una volta la Lazio.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
12 Agosto 2020

Pallotta, poche luci e tante ombre

Dopo nove anni di passione termina l'esperienza romana del finanziere di Boston.
Ritratti
Remo Gandolfi
2 Agosto 2020

Francesco Rocca, con la Roma nel cuore

Kawasaki è tuttora nel cuore dei tifosi giallorossi.
Ritratti
Lorenzo Ottone
14 Giugno 2020

Alberto Sordi e la Roma, tra amore e conflitto

Esporre la propria fede, ma solo sul grande schermo.
Calcio
Lorenzo Ottone
25 Maggio 2020

Piero Gratton, il genio artistico del nostro calcio

La passione e la fede al servizio dell'estetica.
Ritratti
Leonardo Catarinelli
18 Maggio 2020

Hidetoshi Nakata erede e innovatore del Giappone

Tradizione significa anche tradimento.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Marzo 2020

Luca Toni, tu sei per me il Numero Uno

L'italiano perfetto era pure un attaccante straordinario.
Editoriali
Andrea Antonioli
22 Marzo 2020

Gli scommettitori moriranno soli

Il gioco online è un genocidio silenzioso che distrugge migliaia di vite.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo 2020

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
Interviste
Niccolò Maria de Vincenti
7 Marzo 2020

Quel mitomane di Giancarlo Dotto

Federer e Nadal, Carmelo Bene e il ping pong, Totti: abbiamo scambiato due chiacchiere con un giornalista extra-ordinario.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
29 Gennaio 2020

Daniele De Rossi come ideale

Daniele De Rossi, il mio io in campo.
Calcio
Remo Gandolfi
12 Dicembre 2019

In ricordo di Pierino Prati

Il calciatore che ha segnato un'intera generazione.
Papelitos
Alberto Maresca
31 Agosto 2019

De Rossi, con la testa a Roma e i piedi al Monumental

Il calcio sa essere ambiguo.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
18 Luglio 2019

De Rossi al Boca è il finale perfetto

L'utopia si sta concretizzando: Daniele De Rossi, nel segno della tradizione, ha scelto il Boca Juniors.
Calcio
Matteo Mancin
21 Giugno 2019

Zdeněk Zeman

Il fumo del bel gioco.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
18 Giugno 2019

Che ci sei stato a fare

Fare i conti con Totti.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre 2018

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile 2018

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Aprile 2018

Grazie Roma

La maledizione che diventa orgoglio dell'essere Romanisti.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Febbraio 2018

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.
Papelitos
Andrea Antonioli
3 Gennaio 2018

Il “caso” Nainggolan

Sgombriamo il campo dalla morale, per favore.
Papelitos
Federico Brasile
2 Novembre 2017

La copertina va alla Roma

Torna la miglior espressione del Bar Sport, in cui raccontiamo a modo nostro le notti europee delle italiane.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Ottobre 2017

Lezioni

Cosa ci ha insegnato l'8a giornata di campionato con il triplice incontro tra le prime (presunte) sei forze del campionato.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
28 Agosto 2017

Moriremo di VAR

La Serie A è ripartita e le polemiche, malgrado la tecnologia in campo, non si sono ridotte (anzi).
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Luglio 2017

Vivi di sogni infranti

Nell'epoca in cui vi offrono unicamente di diventare consumatori, noi vi proponiamo una battaglia senza quartiere al nulla che avanza: unitevi a noi invece di ingrossare le schiere dei fatalisti!
Calcio
Gianluca Palamidessi
12 Luglio 2017

L’importanza del simbolo

Ricordare se stessi.
Interviste
Luigi Fattore
22 Giugno 2017

Un passo indietro al gioco

Intervista a Lele Adani, rivoluzionario della dialettica sportiva contemporanea.